Golfo di Pozzuoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
Immagine satellitare del golfo.

Il golfo di Pozzuoli è un golfo della Campania e prende il nome dalla città di Pozzuoli. Il golfo è completamente ricompreso all'interno del golfo di Napoli.

Si snoda tra capo Miseno e capo Posillipo. La distanza tra le due punte è di circa 6 chilometri.

Fenomeno principale che interessa il golfo è il bradisismo che rese necessario negli anni ottanta lo spostamento del porto di 50 metri più avanti rispetto alla sua ubicazione originale e che è la causa per cui si ritrovano resti archeologici di epoca romana di parti della città oggi sott' acqua.

Dal 2008 è presente al centro del golfo, su un fondale di cento metri di profondità, un sistema per il monitoraggio vulcanico marino denominato "Cumas"(Cabled Underwater Module for Acquisition of Seismological data), il quale risulta connesso in tempo reale alla sala monitoraggio dell'Osservatorio Vesuviano[1].

Veduta al tramonto del golfo di Pozzuoli

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il sistema per il monitoraggio vulcanico marino Cumas