Bradisismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bradisismo flegreo)

Il bradisismo (dal greco βραδύς bradýs, "lento" e σεισμός seismós, "scossa") è un fenomeno legato al vulcanismo consistente in un periodico abbassamento (bradisismo positivo) o innalzamento (bradisismo negativo) del livello del suolo[1], relativamente lento sulla scala dei tempi umani (normalmente è nell'ordine di 1 cm per anno) ma molto veloce rispetto ai tempi geologici. Esso non è avvertibile in se stesso, ma riconoscibile visivamente lungo la riva del mare, mostrando la progressiva emersione o sommersione di edifici, coste, territori.


Cause del fenomeno[modifica | modifica wikitesto]

Le cause del fenomeno non sono del tutto chiare, e le spiegazioni che vengono date non sono univoche.

  • Una vecchia teoria parlava di onde magmatiche che al loro passaggio porterebbero prima ad un innalzamento e poi ad un abbassamento della crosta terrestre nei punti dove questa risultasse più sottile.
  • Più recentemente si sosteneva che tale fenomeno fosse dovuto a variazioni di volume di una camera magmatica vicina alla superficie, la quale si riempirebbe e si svuoterebbe; ma questa teoria oggi viene fortemente messa in discussione per il fatto stesso che, mentre si può immaginare che una risalita di magma porti ad un sollevamento della crosta, è invece impensabile ipotizzare una ridiscesa del magma: una risalita di magma o si solidifica, o porta ad un'eruzione vulcanica.
  • La teoria più recente attualmente sostenuta ravvisa invece nelle variazioni di riscaldamento delle falde freatiche interposte alla crosta superficiale la causa del fenomeno, là dove aumenti o diminuzioni della temperatura causerebbero una maggiore o una minore pressione del vapore acqueo imprigionato nel sottosuolo con conseguenti deformazioni della crosta superficiale[2].

Il bradisismo nei Campi Flegrei[modifica | modifica wikitesto]

Nei Campi Flegrei il fenomeno - legato al vulcanismo secondario - è presente soprattutto nel golfo di Pozzuoli, dove interessa la zona che va da Capo Miseno e Baia fino a Posillipo. Qui i movimenti bradisismici possono ripetersi in maniera ciclica su un periodo di secoli. Grazie ad uno studio approfondito di Antonio Parascandola, per il golfo di Pozzuoli è stato possibile ricostruire la curva del bradisismo dal II secolo a.C. fino ai giorni nostri[3]: esso è stato discendente dal II secolo a.C. (età repubblicana) fino al IX secolo (pieno medioevo)[4]; ascendente dal X fino al XVI secolo; di nuovo discendente dal XVII secolo fino al 1970; ascendente fino al 1985, anno in cui il suolo ha ripreso ad abbassarsi sebbene con brevi periodi di sollevamenti di minore entità avvenuti rispettivamente nel 1989, nel 1994 e nel 2000 (andamento "a sega"). Intorno al 2005 la tendenza si è invertita, e da allora ad oggi è in corso una nuova fase di sollevamento[5].

Talora vi sono momenti di parossismo in cui il fenomeno si intensifica ed accelera. Quello più macroscopico in assoluto è avvenuto il 28 settembre 1538 sulla costa di Pozzuoli, nell'imminenza dell'eruzione del Monte Nuovo: intorno alle ore 12.00 infatti il mare si ritirò improvvisamente di circa 370 m, lasciando sulla riva moltissimi pesci agonizzanti; è stato calcolato che questo ritiro repentino corrispondesse ad un moto bradisismico ascendente di almeno 7,40 m.

Le tre colonne del cd. Tempio di Serapide, antico mercato (macellum) di Pozzuoli, sono state fino al 1983 il principale strumento di misurazione del fenomeno del bradisismo nei Campi Flegrei.

In tempi più recenti si sono verificate due crisi:

  • la "prima crisi di Pozzuoli" nel 1970 - 1972 durante la quale il fenomeno si è invertito da bradisismo negativo in positivo portando durante gli anni della crisi ad una emersione complessiva di 150-170 cm;
  • la "seconda crisi di Pozzuoli" del 1983 - 1984 durante la quale il bradisismo montava ad un ritmo di 3 mm al giorno, portando ad un sollevamento complessivo misurato in 180 cm, il tutto accompagnato da numerose scosse telluriche (registrate fino a 500 al giorno, per un totale di più di 10.000 sismi) di diverse intensità.

Strumenti utilizzati per la sua rilevazione sono stati, per il passato, le colonne del cosiddetto Tempio di Serapide (in realtà l'antico Macellum) a Pozzuoli, che fino al 1983 si trovavano parzialmente sommerse dal mare, ed oggi si ritrovano al di sopra del livello del mare. Le tre colonne marmoree più alte mostrano fori di litodomi fino ad un'altezza di 6,30 m dal piano pavimentale dell'edificio, livello che attesta la massima sommersione bradisismica subìta dai Campi Flegrei in epoca medievale.

Oggi misurazioni estremamente precise vengono rilevate dai satelliti rispetto a punti fissi dislocati nelle varie zone interessate in tutto il Golfo di Pozzuoli; ben visibili sono a Pozzuoli i punti fissi (in forma di piramidi metalliche riverse) dislocati all'interno del vulcano Solfatara, vulcano peraltro responsabile del bradisismo flegreo.

Il bradisismo nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

A Rabaul nel 2010, prima di una importante eruzione, la caldera aveva riportato un sollevamento di circa 4cm nei 3-4 mesi precedenti.

La caldera della Long Valley nella Sierra Nevada, in California, ha subito un innalzamento della crosta terrestre di circa 80cm tra il 1979 ed il 2000 in seguito ad attività vulcaniche sotterranee. In questo caso l'innalzamento viene correlato alla fase terminale dell'attività della camera magmatica[6].

Altri fenomeni[modifica | modifica wikitesto]

Sovente si parla in modo improprio di bradisismo, chiamando con questo termine fenomeni che sono del tutto diversi quali:

  • l'eustatismo, ovvero l'innalzamento generale del livello del mare, solitamente dovuto al progressivo scioglimento dei ghiacci durante una fase interglaciale, come l'odierna, che porta ad un aumento di volume dell'acqua liquida distribuita sulla superficie terrestre. Nel corso delle ere geologiche innalzamenti del livello del mare sono stati anche attribuiti come cause dell'aumento del volume conseguente innalzamento di dorsali oceaniche in formazione.
  • la subsidenza, ovvero l'inabissamento di antichi piani sommersi (p. es. sottomarini) a livelli ancora inferiori; è un fenomeno dovuto semplicemente al riequilibrio isostatico a livello di litosfera (cioè alla pressione esercitata dall'acqua su fondali non del tutto stabili). Nei delta fluviali e altre aree ad elevata sedimentazione è causata invece dalla compattazione dei sedimenti sotto l'azione del loro carico litostatico. A volte anche l'azione umana può avere la sua influenza, ad esempio nel caso di estrazione dal sottosuolo di fluidi come acqua, petrolio o gas, che se non controbilanciati favoriscono l'accentuazione della compattazione naturale durante la diagenesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bradisismo su Enciclopedia Treccani.
  2. ^ conferenza sullo stato attuale del bradisismo flegreo tenuta dal prof. Giuseppe De Natale dell'Osservatorio Vesuviano a Città della Scienza il 3.3.2013.
  3. ^ Antonio Parascandola 1947, pag. 30-75
  4. ^ Indagini effettuate nel 1993 dall'Osservatorio Vesuviano" (estrazione ad altezze diverse dalle colonne del Macellum di Pozzuoli di gusci di litodomi per sottoporli ad analisi radiometriche), hanno precisato la cronologia del fenomeno in epoca medievale, determinando che la sommersione dell'edificio è cominciata prima dell'anno 370, con la massima sommersione avvenuta nella prima metà del IX secolo, mentre intorno all'anno 950 l'emersione aveva già raggiunto l'altezza di 136 cm.
  5. ^ Campi Flegrei, pagina dal sito dell'INGV.
  6. ^ W. Hildreth, Journal of Volcanology and Geothermal Research. 136 (2004) 169-198.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Parascandola "I fenomeni bradisismici del Serapeo di Pozzuoli", Napoli 1947

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri prpogettim[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

scienze della Terra Portale Scienze della Terra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scienze della Terra