Fluoruro di mercurio(I)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fluoruro di mercurio(I)
Fluoruro di mercurio(I)
Modello della struttura cristallina del fluoruro di mercurio(I)
Nomi alternativi
fluoruro mercuroso
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare Hg2F2
Massa molecolare (u) 439,177
Aspetto solido cristallino giallo
Numero CAS [13967-25-4]
Numero EINECS 237-747-9
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 8,73
Solubilità in acqua idrolizza
Temperatura di fusione >570 °C (>843 K) dec
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) −485
ΔfG0 (kJ·mol−1) −469
S0m(J·K−1mol−1) 161
C0p,m(J·K−1mol−1) 100,4
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta tossico a lungo termine pericoloso per l'ambiente
Frasi H 300, 310, 330, 373, 410
Consigli P 260, 264, 273, 280, 284, 310+310

Il fluoruro di mercurio(I) è il composto inorganico di formula Hg2F2. In condizioni normali è un solido cristallino giallo, che diventa nero per esposizione alla luce.[1] In questo composto il mercurio è nello stato di ossidazione +1.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti gli altri alogenuri di Hg(I), anche Hg2F2 contiene lo ione Hg22+ ed è composto da unità lineari F–Hg–Hg–F. La distanza di legame Hg–Hg risulta di 251 pm, più corta della distanza Hg–Hg di 300 pm che si riscontra nel mercurio metallico. La distanza F–Hg è di 214 pm.[2]

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

Hg2F2 si prepara facendo reagire il carbonato di mercurio(I), Hg2CO3 con acido fluoridrico acquoso:[3]

Hg2CO3 + 2HF → Hg2F2 + CO2 + H2O

Reattività[modifica | modifica wikitesto]

In acqua Hg2F2 è solubile, ma idrolizza rapidamente e disproporziona formando mercurio elementare, HgO e HF. Gli altri alogenuri di mercurio(I) sono invece insolubili in acqua. Per riscaldamento Hg2F2 disproporziona formando mercurio metallico e HgF2.[4]

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Hg2F2 non ha applicazioni significative. Si può usare nella reazione di Swarts per convertire gli alogenuri alchilici in fluoruri alchilici:[5]

2R-X + Hg2F2 → 2 R-F + Hg2X2
dove X = Cl, Br, I

Indicazioni di sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

Hg2F2 è disponibile in commercio. Il composto è fortemente tossico per inalazione, per ingestione e per contatto con la pelle. È fortemente tossico anche per gli organismi acquatici, con effetti negativi a lungo termine per l'ambiente acquatico.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Perry e Sidney 1995
  2. ^ Wells 1984
  3. ^ Brauer 1965 , p. 243
  4. ^ Greenwood e Earnshaw (1997) , p. 1212
  5. ^ Beyer et al. 1997
  6. ^ Scheda di dati di sicurezza Sigma-Aldrich

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • H. Beyer, W. Walter e D. Lloyd, Organic Chemistry, Horwood Publishing, 1997, ISBN 1-898563-37-3.
  • G. Brauer (a cura di), Handbook of Preparative Inorganic Chemistry, vol. 1, New York, Academic Press, 1965.
  • N. N. Greenwood e A. Earnshaw, Chemistry of the elements, 2ª ed., Oxford, Butterworth-Heinemann, 1997, ISBN 0-7506-3365-4.
  • D. L. Perry e L. Sidney, Handbook of Inorganic Compounds, CRC Press, 1995, ISBN 0-8493-8671-3.
  • A.F. Wells, Structural Inorganic Chemistry, 5ª ed., Oxford Science Publications, 1984, ISBN 0-19-855370-6.
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia