Fluoruro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo ione fluoruro (formula chimica F) è l'anione del fluoro con numero di ossidazione -1.

I sali che contengono uno ione di questo tipo vengono detti fluoruri.

I fluoruri si trovano in natura, in genere in minerali come la fluorite oppure disciolti in basse concentrazioni nelle acque ed in alcuni cibi quali ed alghe.

Le acque di sorgente in genere hanno concentrazioni più alte di fluoruri mentre l'acqua marina ha una concentrazione media intorno 1,3 ppm[senza fonte]. Le acque potabili in genere contengono concentrazioni di fluoruri tra 0,01 e 0,3 ppm.

Proprietà[modifica | modifica wikitesto]

I fluoruri sono normalmente incolori e poco solubili in acqua.

Impieghi[modifica | modifica wikitesto]

Composti[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di composti di fluoruri includono:

Fluoruro di solforile[modifica | modifica wikitesto]

Il fluoruro di solforile, SO2F2, viene spesso utilizzato come antiparassitario, per disinfestare gli edifici dagli insetti.

In merito a questo composto alcuni ricercatori della Scripps Istitution of Oceanography di San Diego, in California, hanno scoperto che il suo impatto sul clima è 4.800 volte più dannoso dell'anidride carbonica.[senza fonte]

Le circa 2.000 t liberate ogni anno corrisponderebbero a quasi 10 milioni di t di CO2.

Inoltre hanno verificato che rimane attivo nell'ambiente per molti anni (ben 36).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • N. N. Greenwood, A. Earnshaw. Chimica degli elementi, vol II. Piccin. ISBN 88-299-1121-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia