Trifluoruro di bismuto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trifluoruro di bismuto
Struttura cristallina
Nome IUPAC
Trifluoruro di bismuto
Nomi alternativi
Fluoruro bismutoso
Fluoruro di bismuto(III)
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare BiF3
Massa molecolare (u) 265,98
Aspetto solido bianco
Numero CAS [7787-61-3]
Numero EINECS 232-124-8
PubChem 82233
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 5,23 g cm-3
Solubilità in acqua insolubile
Temperatura di fusione 649 °C (922 K)
Temperatura di ebollizione 900 °C (1173 K)
Proprietà termochimiche
ΔfH0 (kJ·mol−1) -900
S0m(J·K−1mol−1) 123
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo
Frasi H 314
Consigli P 280, 305+351+338, 310

Il trifluoruro di bismuto è il composto binario tra fluoro e bismuto con formula BiF3. Viene utilizzato per la sintesi del pentafluoruro di bismuto, BiF5.

Struttura e proprietà[modifica | modifica sorgente]

α-BiF3 ha una struttura cristallina cubica (simbolo di Pearson cF16, gruppo spaziale Fm-3m, No. 225). Il β-BiF3 ha una struttura tipo YF3 dove l'atomo di bismuto ha una coordinazione 9 distorta, prisma trigonale tricappata.[1] In genere questa struttura è considerata ionica, in contrasto con i fluoruri dei membri più leggeri del gruppo 15 trifluoruro di fosforo, PF3, trifluoruro di arsenico, AsF3 e trifluoruro di antimonio, SbF3, che nel solido contengono unità molecolari MF3.[1]

Sintesi[modifica | modifica sorgente]

Il trifluoruro di bismuto si prepara normalmente facendo reagire l'ossido di bismuto con fluoruro di idrogeno:[2]

Bi2O3 + 6HF → 2BiF3 + 3H2O

Reattività[modifica | modifica sorgente]

BiF3 non reagisce con l'acqua ed è pressoché insolubile in essa. Presenta scarsa tendenza a formare complessi, ma sono noti BiF3·3HF e BiF4- in NH4BiF4. Il composto di addizione H3BiF6 idrolizza in acqua formando BiOF.[3]

Precauzioni[modifica | modifica sorgente]

Il trifluoruro di bismuto è disponibile in commercio. Il composto per contatto provoca gravi ustioni cutanee e gravi lesioni oculari. Se inalato o ingerito provoca ustioni alle mucose. Non ci sono dati che indichino proprietà cancerogene. Non ci sono dati sulla pericolosità ambientale, ma si raccomanda di non disperderlo nell'ambiente.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Wells 1984
  2. ^ Greenwood e Earnshaw 1997, p. 559-560
  3. ^ Norman 1998
  4. ^ Sigma-Aldrich, scheda dei dati di sicurezza di BiF3.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia