Citroën C4 Picasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Citroën C4 Picasso
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Citroën
Tipo principale monovolume
Produzione dal 2006
Sostituisce la Citroën Xsara Picasso
Serie Prima serie: dal 2006
Seconda serie:dal 2013

La C4 Picasso è un'autovettura prodotta a partire dal 2006 in due varianti di carrozzeria monovolume dalla Casa francese Citroën.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A metà degli anni 2000, quello delle monovolume di taglia media era un segmento di mercato relativamente giovane: è pur vero che i primissimi germi di questa particolare categoria di autovetture hanno cominciato ad attecchire già oltre dieci anni prima, ed in particolare nel 1991, quando la giapponese Mitsubishi lanciò sul mercato la Space Runner, prima monovolume giapponese di taglia media. Ma il vero boom di queste autovetture si ebbe solo a partire dal 1996, con il lancio di una Renault, ossia la Mégane Scénic, prima esponente europea di quel segmento di mercato che avrebbe conosciuto di lì a poco un successo enorme, talmente grande da non poter più permettere alla Case concorrenti di stare a guardare. Così, nel 2000, la Citroën introdusse in listino la Xsara Picasso, monovolume dalla linea ad uovo che grazie alla sua personalità marcata riuscì a sottrarre una consistente fetta di clientela alla Mégane Scénic. Ma già nel 2004, con il lancio della C4, i progettisti Citroën si resero conto che della necessità di un nuovo modello che andasse a sostituire la Xsara Picasso e che aggiungesse ancora maggior personalità e fosse ancor più particolare. La concorrenza si era fatta pressante, la Mégane Scénic era stata sostituita dalla Scénic seconda serie già nel 2002 e nuovi modelli di altre marche resero la lotta commerciale ancor più difficile. Per questo motivo, e per rendere più varia la scelta di modelli nella sua gamma, la Casa del "double chevron" decise alla fine di non cancellare affatto la Xsara Picasso dal listino, ma di affiancarle non uno ma ben due modelli che completassero una sottogamma di monovolume costituita fino a quel momento dalla Xsara Picasso stessa e dalla ben più grande C8.
Per questo, nei cassetti dei progettisti Citroën finì un progetto destinato a sfociare in due vetture strettamente imparentate tra loro ma differenti come spirito: uno a sette posti ed uno a cinque.

Prima serie[modifica | modifica wikitesto]

Citroën C4 Picasso Mk1
2007-2010 Citroën C4 Picasso wagon (2011-03-08) 01.jpg
Descrizione generale
Versioni monovolume a 5 e a 7 posti
Anni di produzione dal 2006 al 2013
Euro NCAP (2006) 5 stelle
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4.470-4.590 mm
Larghezza 1.830 mm
Altezza 1.660-1.710 mm
Passo 2.728 mm
Massa 1.340-1.650 kg
Altro
Stile Jean-Pierre Ploué
Stessa famiglia Citroën C4 prima e seconda serie
DS4
Peugeot 307 e 308
Peugeot 3008 e 5008
Peugeot RCZ
Auto simili Ford C-Max
Opel Zafira
Renault Scénic II e III
Mercedes-Benz Classe B W245 e W246
Peugeot 5008
Toyota Verso
Esemplari prodotti circa un milione
2007-2010 Citroën C4 Picasso wagon (2011-03-08) 02.jpg

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

Il primo dei nuovi modelli a debuttare fu quello a sette posti: denominato C4 Picasso. Il debutto avvenne nella cornice del Salone di Parigi del 2006. Questa versione, come già detto, non è andata a sostituire la Xsara Picasso, ma a porsi semplicemente un gradino più in alto di quest'ultima, che è rimasta così in listino (addirittura fino al 2010) per chi preferiva una monovolume a 5 posti dalla linea tutt'altro che scontata anche a distanza di anni dal suo esordio.

Design ed interni[modifica | modifica wikitesto]

La C4 Picasso si presenta come una monovolume di taglia medio-grande, ma dal tono sportiveggiante grazie ai parafanghi bombati ed al design aggressivo. In generale si può dire che la monovolume francese vanta al suo debutto una spiccata personalità data dal frontale dal disegno "corrucciato", che la fa apparire piuttosto aggressiva. Qui trova posto l'ampia calandra con il logo Citroën integrato, ai lati della quale si trovano i grossi fari trapezoidali dal grintoso disegno. Grintosa è anche la bocca che si apre nel paraurti. Ma una delle più grandi particolarità esteriori della C4 Picasso sta nell'ampio parabrezza panoramico che si estende fino a sopra la testa del conducente e del passeggero anteriore e che permette quindi di raddoppiare il raggio della visuale da 35° a ben 70°. Inoltre, gran parte del tetto è costituita da un pannello in cristallo che permette di avere una grande luminosità nell'abitacolo. Anche la vista laterale permette di apprezzare la grande superficie vetrata, costituita da ben quattro "luci" laterali. Posteriormente, sono presenti gruppi ottici a sviluppo verticale e persino un accenno di spoiler sul tetto.
Internamente, spiccano subito le tre file di sedili, una caratteristica introdotta sei anni prima in questo segmento con l'arrivo della prima generazione della Opel Zafira e che nella seconda metà degli anni 2000 era oramai abbastanza diffusa. Qui, però, si raggiungono livelli di abitabilità quasi da record, grazie anche al lavoro dei designer, finalizzato a liberare quanto più spazio possibile nell'abitacolo. A questo scopo, è stata disegnata anche la plancia, caratterizzata da un disegno semplice, ma nello stesso tempo non convenzionale. Spicca quindi il cruscotto spostato al centro della plancia e dominato da uno schermo digitale regolabile in luminosità, ma anche i comandi del climatizzatore spostati sui due lati. Quest'ultima caratteristica si ritrova anche nelle file di sedili posteriori. Agevole anche l'accesso alla terza fila. Vale la pena inoltre di citare il notevole numero di scomparti e tavolini a scomparsa che si ritrovano un po' dovunque nell'abitacolo, e che rendono la C4 Picasso una delle vetture di riferimento in tal senso. Da record anche la capacità del bagagliaio, ai vertici della categoria in qualunque configurazione si utilizzi la vettura.

Meccanica e motori[modifica | modifica wikitesto]

Il pianale utilizzato per la C4 Picasso è derivato da quello della C4 berlina e coupé: ritroviamo quindi l'avantreno di tipo MacPherson con molle elicoidali ed il retrotreno a ruote interconnesse. Qui però, si può incontrare una delle più significative differenze, poiché le versioni più ricche montano le molle pneumatiche autolivellanti.
Quanto all'impianto frenante, la C4 Picasso monta freni a disco sulle quattro ruote, autoventilanti all'avantreno e pieni al retrotreno. Presenti anche ABS ed ESP. Lo sterzo è invece a cremagliera, con servocomando di tipo elettroidraulico.
Al suo esordio, la C4 Picasso era prevista in quattro motorizzazioni, due a benzina e due turbodiesel common rail:

  • 1.8 16v: motorizzazione di base, della cilindrata di 1749 cm³ e con potenza massima di 125 CV;
  • 2.0 16v: motore della famiglia EW (come peraltro anche il 1.8), della cilindrata di 1997 cm³ e della potenza massima di 140 CV;
  • 1.6 HDi 16v: motore turbodiesel common rail da 1560 cm³ e da 109 CV di potenza massima;
  • 2.0 HDi 16v: motore turbodiesel common rail da 1997 cm³ e da 136 CV di potenza massima.

Ben quattro le possibili varianti di trasmissione: il 1.8 16v ed il 1.6 HDi sono accoppiate di serie ad un cambio manuale a 5 marce, mentre il 2 litri a benzina a seconda degli allestimenti può montare di serie un tradizionale cambio automatico con convertitore di coppia a 4 rapporti oppure un robotizzato a 6 rapporti. La versione 2 litri HDi, invece, prevede anch'essa due possibili varianti di cambio a seconda del livello di allestimento, ma stavolta si poteva scegliere tra un robotizzato a 6 rapporti ed un automatico (anch'esso con convertitore di coppia) sempre a 6 rapporti.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Vista anteriore...
Vista anteriore...
 
... e posteriore di una C4 Picasso 5 posti
... e posteriore di una C4 Picasso 5 posti

Il 5 gennaio del 2007 venne ufficialmente svelata la seconda variante della C4 Picasso, vale a dire quella a 5 posti, differente soprattutto nella zona posteriore, con nuovi gruppi ottici ed un nuovo taglio del padiglione che ne rende la linea più grintosa e sportiveggiante. La gamma motori era identica a quella della versione a 7 posti, che per l'occasione è stata ribattezzata come Grand C4 Picasso, in modo da differenziarla anche nella denominazione dalla versione a 5 posti.

Durante la prima metà del 2008, il cambio robotizzato CMP-6 a 6 rapporti diventò disponibile anche per la versione 1.6 HDi, mentre il motore 1.8 16v venne pensionato a favore del più moderno 1.6 Prince da 120 CV. In realtà il 1.8 16v sopravvisse ancora per un paio d'anni, ma solo nella Grand Picasso in versione bi-fuel benzina/metano, introdotta proprio nell'autunno del 2008 e denominata C4 Grand Picasso BiEnergy. Anche il 2 litri a benzina venne cancellato dai listini per far posto ad una versione depotenziata del 1.6 THP, che anche in questo caso erogava 140 CV. Il cambio era automatico a 4 rapporti, con convertitore di coppia.

Alla fine del 2009, il 2 litri HDi da 136 CV viene affiancato da una sua variante più potente, in grado di erogare fino a 150 CV di potenza massima. Tale motore è accoppiato ad un cambio manuale a 6 marce.

Nel 2010, al Salone di Parigi, la C4 Picasso è stata presentata in veste aggiornata, per il consueto restyling di mezza età: esternamente gli aggiornamenti si limitano a pochi dettagli, tra cui l'introduzione di fari diurni a led incastonati nel paraurti anteriore di nuovo disegno, gli indicatori di direzione con plastiche bianche e soprattutto il nuovo logo della Casa introdotto all'inizio dello stesso anno con la DS3. Meccanicamente, una delle novità più importanti sta nell'introduzione del motore e-HDi da 1.6 litri, basato sul normale 1.6 turbodiesel common rail, ma con tecnologia micro-ibrida consistente nell'evoluzione del concetto di dispositivo Start&Stop. In tale configurazione, questo motore è disponibile unicamente in abbinamento al cambio robotizzato a 6 rapporti, ed eroga una potenza leggermente superiore e pari a 112 CV. Rimane però in listino anche il 1.6 HDi normale, ed inoltre la versione automatica con motore 1.6 THP da 140 CV viene sostituita dal 1.6 THP da 156 CV, questa volta equipaggiato con il robotizzato a 6 rapporti. Ed ancora il 2 litri HDi da 136 CV viene tolto dai listini, mentre alla restante motorizzazione 2 litri turbodiesel da 150 CV viene affiancata la versione top di gamma, un nuovo 2 litri turbodiesel, questa volta da 163 CV. Questa nuova versione monta un automatico a 6 rapporti. Infine, cambiano anche i livelli di allestimento, sempre quattro, ma denominati: Attraction, Seduction, Business ed Exclusive.

All'inizio del 2013 la produzione della versione a 5 posti termina: nei mesi che seguono vengono smaltite le scorte a stock di questo modello, fino alla tarda primavera, quando la vettura scompare dai listini Citroën per far spazio alla seconda generazione della C4 Picasso a 5 posti.

Rimane, pur se per pochissimo tempo in più, fino a giugno, invece a listino la Grand Picasso, prima vettura ad esordire ed ultima ad essere pensionata.

A giugno 2013, dopo la presentazione delle immagini ufficiali della nuova C4 Picasso a 7 posti, anche questa versione esce di produzione.

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riepilogate le caratteristiche delle varie versioni previste per la gamma C4 Picasso nel mercato italiano. I prezzi riportati si riferiscono al livello di allestimento meno costoso ed al momento del debutto in Italia.

Modello Carrozzeria Motore Cilindrata
cm3
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
N°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2
(g/km)
Anni di
produzione
Prezzo al debutto
(in )
Versioni a benzina
1.6 VTi 5 posti EP6 1598 120/6000 160/4250 M/5 1340 186 12"1 7.6 174 2008-13 22.201
7 posti 1.411 12"4 159 2008-13 23.201
1.6 THP
automatica
5 posti EP6DT 140/5800 240/1400 A/4 1.444 192 11"5 8.5 200 2008-10 27.901
7 posti 1.493 11.7 2008-10 28.901
1.6 THP CMP-6 5 posti 156/5800 240/
1400-5000
AS/6 1.355 204 9"4 6.9 159 2010-13 26.650
7 posti 1.442 162 2010-13 28.050
1.8 16v 5 posti EW7J4 1749 125/6000 170/3750 M/5 1.395 185 11"7 8 190 2007-08 20.401
7 posti 1.510 11"9 2006-08 21.401
1.8 16v
BiEnergy
7 posti 170 17" 9.2 163 2008-10 25.941
2.0 16v
automatica
5 posti EW10A 1997 140/6000 200/4000 A/4 1.477 190 12" 8.9 211 2007-08 27.201
7 posti 1.600 12"2 2006-08 27.801
2.0 16v
CMP-6
5 posti AS/6 1.434 195 11"3 8 190 2007-08 24.801
7 posti 1.560 11"5 2006-08 25.401
Versioni a gasolio
1.6 HDi 16v 5 posti DV6TED4 1560 109/4000 240/1750 M/5 1.414 180 12"5 5.9 155 2007-10 21.951
112/3600 270/1750 1.430 181 12"8 5.2 135 2010-13 23.150
7 posti 109/4000 240/1750 1.530 180 12"7 5.9 155 2006-10 22.551
112/3600 270/1750 1.530 5.5 140 2010-13 24.550
1.6 e-HDi 16v
CMP-6
5 posti DV6TED4 con
Start&Stop
112/4000 AS/6 1.345 182 13"3 4.9 125 2010-13 25.350
7 posti 1.445 13"5 130 2010-13 26.750
2.0 HDi 16v
CMP-6
5 posti DW10B 1997 136/4000 270/2000 AS/6 1.506 195 12"4 6.1 159 2007-10 26.651
7 posti 1.620 12"5 2006-10 27.251
2.0 HDi 16v
Automatica
5 posti 320/2000 A/6 1.565 190 12"1 7.4 195 2007-10 29.351
7 posti 1.650 12" 2006-10 29.951
2.0 HDi 16v
(150CV)
5 posti DW10D 150/3750 340/2000 M/6 1.535 195 9"9 6 145 12/2009-06/2013 25.850
7 posti 1.613 10"2 2009-2013 27.250
2.0 HDi 16v
(163CV)
5 posti DW10C 163/3750 340/
2000-3000
A/6 1.539 205 10"6 6.9 177 2010-13 29.550
7 posti 1.615 10"7 2010-13 30.950

Seconda serie[modifica | modifica wikitesto]

Citroën C4 Picasso Mk2
Una C4 Picasso nella versione a 5 posti
Una C4 Picasso nella versione a 5 posti
Descrizione generale
Versioni monovolume
Anni di produzione dal 2013
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4.430 mm
Larghezza 1.830 mm
Altezza 1.610 mm
Passo 2.785 mm
Massa 1.252-1.298 kg
Altro
Stile Jean-Pierre Ploué
Stessa famiglia Peugeot 308 II
Auto simili Ford C-Max
Opel Zafira Tourer
Renault Scénic III
Mercedes-Benz Classe B W246
Peugeot 5008
Toyota Verso
Vista posteriore di una versione a 5 posti
Vista posteriore di una versione a 5 posti

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

Mentre cessa la produzione della prima generazione della Picasso a 5 posti, la Casa del "double chevron" diffonde in rete le prime immagini della concept car Technospace, che prefigura quasi del tutto la nuova generazione della monovolume compatta Citroën. La Technospace è stata poi presentata dal vivo al Salone di Ginevra che ha aperto i battenti il 7 marzo 2013. Trattandosi di un prototipo che prefigura il modello praticamente definitivo, da qui alla versione di serie il passo è stato breve. E difatti, già a fine aprile è stato dato il via libera agli ordini della seconda generazione della C4 Picasso a 5 posti.

Design ed interni[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo insieme, la C4 Picasso del 2013 propone un corpo vettura compatto, simile al precedente modello nell'impostazione generale dei volumi e delle proporzioni, ma con un'impronta stilistica più sportiva. Il design futuristico che caratterizza la nuova generazione della C4 Picasso è visibile principalmente nel frontale, tagliato orizzontalmente in due dalla calandra che incorpora il marchio della casa. La calandra viene ulteriormente prolungata dai fari diurni a led, sotto i quali trovano posto invece i fari di tipo tradizionale e dalla forma trapezoidale. Questi ultimi, di piccole dimensioni, vanno a costituire lo "sguardo" della vettura assieme a quelli a led, pur essendo distaccati gli uni dagli altri. Un'ampia "bocca" centrale ed i fendinebbia circolari posti sui due lati caratterizzano il paraurti frontale. La disposizione dei gruppi ottici anteriori su tre livelli, con quelli superiori a LED per le luci di posizione e il faro principale inglobato nel paraurti, è del tutto simile ad un altro veicolo: La Jeep Cherokee KL; la quale, pur non avendo nulla in comune con il monovolume Citroën, entra nel mercato contemporaneamente alla Picasso. Un'altra caratteristica della zona anteriore della vettura è il parabrezza panoramico caratterizzato da una superficie vetrata pari a 5.3 m2. La vista laterale è quella che invece maggiormente collega la seconda generazione della C4 Picasso alla prima (parlando sempre di versione a 5 posti): ecco quindi che si ritrovano il muso leggermente sporgente rispetto alla tradizionale idea di monovolume, la superficie vetrata a quattro luci per lato, con il montante anteriore inclinato e seguito da un montante più discreto che incorpora l'alloggiamento dello specchietto retrovisore. La base del finestrino compreso tra questi due montanti è più lineare rispetto a prima, ma termina con uno scalino che abbassa leggermente la linea di cintura nel prosieguo della fiancata, in modo da dare più spazio alle superfici vetrate e rendere così più luminoso l'interno. La fiancata è piuttosto liscia e lineare, anche se solcata da una nervatura a metà delle portiere. I due finestrini delle portiere sono racchiusi in una cornice cromata. I due montanti posteriori che racchiudono la quarta luce sovrastante la zona del bagagliaio sono praticamente paralleli tra loro e piuttosto inclinati per la tipologia di vettura, in modo da dare un tocco di sportività alla vista d'insieme. Tutte queste caratteristiche della vista laterale finora descritte erano presenti anche nella precedente generazione della C4 Picasso, ma nel nuovo modello sono state riviste in chiave più moderna, con linee più tese che danno alla vettura un aspetto più contemporaneo. La parte posteriore del tetto monta anche un piccolo spoiler.
L'abitacolo è studiato per aumentare l'abitabilità, i sedili sono stati progettati in funzione del confort e la plancia è caratterizzata da un disegno asimmetrico: in pratica una palpebra parte dal lato guida alzandosi fino ad arrivare al centro dove campeggiano due display che racchiudono tutte le funzioni della vettura, comprese quelle del cruscotto. Quest'ultimo non è quindi presente di fronte al conducente. La palpebra che sovrasta la plancia di fronte al lato guida e nella zona centrale termina subito dopo aver racchiuso i due display multifunzione. Nell'abitacolo emerge la mancanza di una vera e propria consolle centrale: i comandi del climatizzatore, per esempio, sono situati sempre al centro, sotto i due display. La capacità massima del bagagliaio raggiunge i 1.709 litri con il divanetto posteriore abbattuto, mentre in configurazione standard si ferma a 630 litri.

Struttura, meccanica e motori[modifica | modifica wikitesto]

Pur portando il nome di C4 che dovrebbe accomunarla tecnicamente alla C4 berlina, la seconda generazione della C4 Picasso inaugura invece una struttura del tutto nuova, perciò non presenta molti aspetti in comune con la normale C4 in listino dalla fine del 2010. Questa nuova struttura introdotta dalla C4 Picasso seconda serie prende il nome di EMP2, acronimo di Efficient Modular Platform, una piattaforma di tipo modulare. La scocca della vettura è stata realizzata incrementando l'utilizzo di materiali leggeri, come la lega di alluminio e gli acciai ad alta resistenza, questi ultimi caratterizzati anche da notevoli doti di resistenza alle sollecitazioni meccaniche. Mentre il solo nuovo pianale ha permesso un risparmio medio di circa 70 kg sulla versione precedente, nella totalità della vettura è stato possibile risparmiare circa 120 kg.
Al suo debutto la seconda serie della C4 Picasso è stata proposta in quattro motorizzazioni, due a benzina e due a gasolio:

  • 1.6 VTi: si tratta del motore Prince da 1598 cm3 con iniezione indiretta, variatore di fase e potenza massima di 120 CV;
  • 1.6 THP: non previsto per il mercato italiano, questo motore è una delle varianti turbocompresse del 1.6 Prince di cui sopra, ma senza la fasatura variabile e con in più l'alimentazione ad iniezione diretta. La potenza massima sale a 156 CV;
  • 1.6 e-HDi 90: è l'unità DV6 turbodiesel common rail con cilindrata di 1560 cm3 e potenza massima di 92 CV;
  • 1.6 e-HDi 115: stesso motore della versione HDi 90, ma con potenza portata a 114 CV.

In generale il cambio è del tipo manuale a 6 marce. Le versioni e-HDi, però, possono essere ordinate con un cambio robotizzato ETG-6 a 6 rapporti.

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Una Grand C4 Picasso, versione a 7 posti

Nel mese di maggio la nuova C4 Picasso 5 posti è comparsa nei listini Citroën, ma l'avvio della sua commercializzazione è stata avviata il 15 giugno.
Poco tempo dopo, durante l'estate, hanno cominciato ad essere diffuse le prime immagini della versione a 7 posti, destinata a sostituire la prima serie della Grand Picasso. Mantenendone la denominazione, questa seconda variante entrerà ufficialmente in listino alla fine del mese di agosto. Lunga 17 cm in più rispetto alla "sorella" a 5 posti, la Grand Picasso ne riprende per intero la gamma motori, salvo un'unica particolarità, e cioè che in questo caso il motore 1.6 e-HDi da 92 CV è previsto unicamente in abbinamento con il cambio robotizzato a 6 rapporti. Con l'avvento della versione 7 posti, la 5 posti viene proposta in versione THP da 156 anche per il mercato italiano (durante i primi due mesi di commercializzazione non era prevista per tale mercato). Esternamente la carrozzeria della versione a 7 posti si differenzia dalla 5 posti per il ridisegnamento della parte posteriore, con i montanti posteriori meno inclinati, e di parte delle superfici vetrate laterali, dove in corrispondenza delle portiere posteriori sono ora presenti finestrini divisi in due da un sottilissimo finto montante che funge da cornice si divisione tra le due sezioni vetrate della portiera stessa. A livello di capienza del bagagliaio la Grand Picasso è ovviamente più generosa e vanta una capacità di 1.817 litri con entrambe le file posteriori di sedili abbattute.
A partire dal novembre 2013, sia la C4 Picasso che la C4 GrandPicasso sono state proposte con la nuova tecnologia BlueHDi abbinata ad un 2 litri turbodiesel da 150 CV.

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riepilogate le caratteristiche relative alle varie versioni previste per la gamma della C4 Picasso seconda serie:

Modello Carrozzeria Motore Cilindrata
cm3
Alimentazione Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
N°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0-100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2/
(g/km)
Anni di
produzione
Versioni a benzina
C4 Picasso
1.6 VTi
5 posti EP6 1598 Iniezione elettronica 120/6000 160/4250 M/6 1.252 187 12"3 6.3 145 dal 06/2013
7 posti 1.278 12"6 dal 08/2013
C4 Picasso
1.6 THP
1
5 posti EP6CDT Iniez. elettr. +
turbocompressore
twin-scroll
156/6000 240/
1400-5000
1.296 209 9" 6 139 dal 06/20131
7 posti 1.313 9"2 6 dal 08/2013
Versioni a gasolio
C4 Picasso
1.6 e-HDi 90
5 posti DV6ATED4 1560 Iniezione diretta
common rail
92/4000 230/1750 M/6 1.279 173 12"9 4.2 110 dal 06/2013
C4 Picasso
1.6 e-HDi 90 ETG-6
5 posti ETG-6 1.289 175 13"7 3.8 98 dal 06/2013
7 posti 1.447 14" dal 08/2013
C4 Picasso 1.6
e-HDi 115
5 posti DV6TED4 114/3600 270/1750 M/6 1.298 189 11"8 4 105 dal 06/2013
7 posti 1.375 12"1 dal 08/2013
C4 Picasso 1.6
e-HDi 115 ETG-6
5 posti ETG-6 1.295 12"3 104 dal 06/2013
7 posti 1.320 12"6 dal 08/2013
C4 Picasso 2.0
BlueHDi
5 posti DW10 BlueHDi 1997 150/4000 370/2000 M/6 1.415 210 9"7 4.2 110 dal 11/2013
7 posti 1.476 207 10"2 4.5 117 dal 11/2013
Note:
1Per il mercato italiano a partire dal mese di agosto 2013

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili