Citroën C2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Citroën C2
Citroen C2 blau vl.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Citroën
Tipo principale berlina
Produzione dal 2003 al 2010
Sostituisce la Citroën Saxo
Sostituita da Citroën DS3
Esemplari prodotti circa 602 mila
Euro NCAP 4 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 3.666 mm
Larghezza 1.659 mm
Altezza 1.477 mm
Passo 2.315 mm
Massa da 932 a 1.045 kg
Altro
Assemblaggio Aulnay-sous-Bois (F)
Stile Donato Coco
Stessa famiglia Citroën C3
Peugeot 1007
Auto simili Daewoo Kalos
Fiat Punto
Ford Ka
Lancia Y
Peugeot 206
Volkswagen Fox
Citroen C2 rear 20071109.jpg

La Citroën C2 è stata una piccola autovettura prodotta dal 2003 al 2010 dalla Casa francese Citroën.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Genesi[modifica | modifica sorgente]

Con la nascita della Citroën C3, nel 2002, si era riusciti a trovare una sostituta alla Citroën Saxo a 5 porte, modello di grande successo nella seconda metà degli anni novanta, ma che cominciava a far sentire il peso degli anni, specie per quanto riguardava le normative di sicurezza ed antinquinamento, le quali nel frattempo erano via via divenute sempre più severe, senza contare che il suo look, seppur ancora accattivante, cominciava a mostrare anch'esso i segni degli anni. Ma la Saxo rimase comunque in listino, almeno nella versione a 3 porte, per sostituire la quale, invece, si decise di realizzare un modello a se', sempre sulla base della C3.

Già nel 2002 erano filtrate le prime indiscrezioni riguardanti una versione a 3 porte della C3, una versione meno elegante e più grintosa che non facesse rimpiangere le versioni più brillanti della Saxo. Fra l'altro, tra i programmi della Casa francese per la futura piccola a 3 porte, ve ne erano alcuni dedicati proprio all'attività sportiva. Per questi motivi, nel marzo del 2003, al Salone di Ginevra fu presentata la concept C2 Sport, praticamente una C2 già in versione definitiva, ma con carrozzeria bombata oltre misura, per mostrare al pubblico quali fossero i programmi sportivi della Casa del "double chevron" per gli anni seguenti.

Debutto[modifica | modifica sorgente]

La presentazione vera e propria della C2 avvenne nel maggio del 2003, a Malaga, in concomitanza con la presentazione di un'altra Citroën, la C3 Pluriel.

La produzione della piccola Citroën cominciò nello stabilimento di Aulnay-sous-Bois, dove fino a pochissimo tempo prima venivano assemblate la Saxo e la "cugina" 106.

La commercializzazione venne invece avviata nel novembre del 2003.

Design[modifica | modifica sorgente]

Sulle prime, la C2 appare più goffa nelle linee, ma è solo un'apparenza, dal momento che è stata in grado invece di dimostrarsi una degna erede di Saxo e AX, anche dal punto di vista stilistico. Le motivazioni che potrebbero far storcere inizialmente il naso stanno nella sua linea, più monovolume che non quella della Saxo, con corpo vettura più alto. In realtà, le forme così particolari della C2 sono state accuratamente studiate per sposare più stili diversi in una sola vettura e accontentare quindi più tipologie di clientela. Alla linea quasi da monovolume si mescolano infatti anche quelle caratteristiche da vettura "cattiva" e votata alla sportività che sono per esempio i passaruota sporgenti, anche nelle versioni di cilindrata più bassa, i paraurti molto compatti che danno un'aria di robustezza all'insieme. Tipico è il frontale massiccio, dal deciso taglio curvilineo, se visto lateralmente, e dotato di grandi fari quadrangolari. Altra caratteristica si ritrova nella vista laterale, dove è molto particolare la discontinuità tra la profilatura dei finestrini anteriori e quella dei finestrini posteriori, ma anche il disegno dei passaruota dal disegno bombato. Queste ultime caratteristiche vanno a conferire maggior sportività alla linea. I modelli di maggior cilindrata sono dotati di piccole appendici aerodinamiche supplementari e di cerchi maggiorati, che tendono a conferire ancor maggiore sportività alla vettura. A proposito di cerchi, si parte dalla misura da 14 pollici per le versioni di base, fino alla misura da 16 pollici per le versioni più spinte. La coda, quasi verticale, è caratterizzata invece da fari posteriori, appuntiti e sviluppati verso l'alto, donano un look inconfondibile alla parte posteriore.

L'abitabilità interna della C2 era forse il punto più debole della vettura, ma era già noto che non si trattava di un aspetto a cui si era dato particolare peso in fase di progettazione, poiché nella C2 era prevalente l'aspetto emozionale piuttosto che quello pratico. In ogni caso, plancia e sedili erano caratterizzati da un design giovanile ed allegro, con inserti in colori vivaci e numerosi vani portaoggetti.

Meccanica e motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

La C2 condivide la base meccanica con la C3, della quale, come si è già detto, costituisce la variante a 3 porte. Lo schema delle sospensioni prevede la classica soluzione MacPherson con montante telescopico all'avantreno, mentre il retrotreno è a ruote interconnesse, con braccio longitudinale. L'impianto frenante è di tipo misto, vale a dire con dischi all'avantreno e tamburi al retrotreno. Le versioni più ricche montavano però quattro dischi, di cui quelli anteriori autoventilanti, più l'ABS.

La gamma motori al debutto era composta da:

Per quanto riguarda la trasmissione, quasi tutta la gamma era prevista con un cambio manuale a 5 marce. La 1.6 era prevista però inizialmente solo con un cambio automatico SensoDrive, una sorta di commutatore di modalità cambio, da manuale a robotizzato, dotato di 5 rapporti. La 1.4 era disponibile a scelta con un cambio o con l'altro.

Allestimenti[modifica | modifica sorgente]

Al suo esordio, la C2 era disponibile in diversi allestimenti:

  • Entry: allestimento di base riservato unicamente al motore da 1.1 litri;
  • Evolution, Elegance e Exclusive: allestimenti intermedi, previsti per i motori 1.1, 1.4 e 1.4 HDi;
  • Energy VTR: allestimento top tra quelli previsti al debutto, previsto per i motori 1.4 e 1.6.

La dotazione di serie non era molto ricca, ma comprendeva comunque il doppio airbag frontale e gli airbag laterali. Inoltre, tutte le versioni previste al debutto offrivano di serie: chiusura centralizzata, correttore assetto fari, divano posteriore sdoppiabile, volante regolabile e cinture di sicurezza con pretensionatore. L'ABS era di serie su tutta la gamma tranne che per le versioni con motore 1.1, mentre il climatizzatore era di serie solo per gli allestimenti Elegance ed Exclusive.

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004 venne introdotta la versione sportiva, ossia la C2 VTS, con motore 1.6 16v portato a 122 CV. Nello stesso anno fu proposta la C2 GT, versione a tiratura limitata di 2.500 pezzi, con motore benzina 1600 16v 110 CV, caratterizzata da un look molto corsaiolo, grazie ai cerchi verniciati in bianco, che spiccano sulla carrozzeria, disponibile nelle tinte rosso, blu, grigio-argento e nero. Ed ancora nel 2004, il cambio robotizzato SensoDrive fu proposto a richiesta anche in abbinamento con il motore 1.4 HDi.

C2 facelift

Nel mese di ottobre 2005 la C2 fu sottoposta ad un lievissimo restyling, con pochissime modifiche di dettaglio, esteticamente e negli interni. In occasione del salone di Ginevra, la casa francese presentò al pubblico una versione ad alte prestazioni della C2 realizzata in collaborazione con la Espera. Denominata C2 V6, era dotata di un propulsore centrale V6 dalla potenza di 220 cv gestito da un cambio manuale a cinque rapporti. L'aerodinamica fu migliorata con un nuovo body kit aerodinamico e la sezione posteriore venne costruita in blocco unico in modo tale che potess essere completamente aperta per accedere più facilmente all'unità propulsiva. Gli interni sono stati resi più sportivi e sono stati introdotti nuovi cerchi sportivi in lega da 18 e 19 pollici. L'impianto frenante era costituito da due freni a disco posti anteriormente. Per contenere il peso l'intero corpo vettura era stato realizzato in fibra di vetro.[1]

Nel 2006 con la vittoria del mondiale WRC per il terzo anno consecutivo con la Xsara WRC è stata presentata con tiratura limitata la C2 VTS by LOEB edition. Il motore è sempre il 1600 16v 125 CV carrozzeria disponibile in colore rosso ufficiale di Citroen Sport e in nero. Per identificare questo modello è stata fissata una targhetta sotto lo specchietto retrovisore del lato conducente su cui è impresso il numero progressivo di questa serie speciale. Gli interni hanno subito un leggero restyling in chiave hi-tech, con particolari cromati, come la leva del cambio e le bocchette d'aerazione, e nuovi rivestimenti per la selleria, realizzata in alcantara con inserti e ricami in rosso. Il volante è stato rivestito in pelle mentre non poteva mancare, come nella VTS di serie, una pedaliera racing in alluminio. Sempre nel 2006, viene lanciata la versione con motore 1.4 16v da 88 CV, con cambio robotizzato a 5 rapporti e dispositivo Stop&Start.

Il 2007 ha visto l'ingresso in listino della C2 1.6 HDi, con motore 1.6 turbodiesel common rail da 109 CV.

Un secondo e più marcato restyling, evidente soprattutto nello scudo paraurti anteriore ridisegnato e più aggressivo, si è avuto nel novembre del 2008, quando la carriera della piccola Citroën era oramai in piena fase calante. Per l'occasione, la gamma fu rivista con l'introduzione delle versioni Airdream, non previste per i motori 1.4 monoalbero e 1.6 bialbero VTS. le versioni Airdream erano dotate di leggeri affinamenti ai motori, in modo da migliorare leggermente consumi ed emissioni nocive. Inoltre, il 1.6 SensoDrive fu tolto dal listino. Nello stesso anno fu presentata la C2 VTS Supersprint, creata in collaborazione con l'omonimo produttore di scarichi sportivi. In questa versione è stato installato uno specifico impianto di scarico sportivo a doppia uscita distanziata. Particolari estetici come fari posteriori trasparenti, cerchi in lega bianchi con “Chevron” rosso e strisce adesive bianche lungo tutta la carrozzeria che può essere richiesta solo in tre colori, Rosso Aden, Nero Onyx e Blue Grand Pavois. Questa versione rispetto alla VTS base è stata venduta a un sovrapprezzo di 850 EURO.

Nel 2009 fu presentata la C2 VTS by Sparco vettura con accessori livree e materiali forniti da Sparco, mentre i cerchi in lega leggera da OZ. La particolarità di questa C2 è data appunto dall'allestimento personalizzato interamente a partire dai suggerimenti dei lettori della rivista EVO. Infine al My Special Car Show 2008 la casa francese presenta due C2: la C2 Dragon, con un'eccentrica livrea lilla metallizzata su base motorizzazione diesel C2 VTS 1.6 HDi FAP da 110 CV e la C2 1587 Brutale affiancata dall'omonima moto MV Agusta. Quest'ultima esteticamente è caratterizzata dalla livrea sportiva bianco perla-rosso-nero, per gli interni, ha i sedili in alcantara nera con dettagli di cuciture rosse, schienali con il logo Brutale e particolari del cruscotto battitacco ad effetto fibra di carbonio. Rispetto alla C2 Dragon La C2 1587 Brutale è stata realizzata solamente con motorizzazione benzina 1.6 VTS 16 v da 125 CV con scarico a doppia uscita.

La C2 esce dai listini della Casa francese nel marzo del 2010 non più sostituita da alcun modello (ma la Citroën DS3 può essere considerata la sua erede illegittima).

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Di seguito vengono mostrate le caratteristiche delle varie versioni previste per la gamma della C2. I prezzi riportati si riferiscono al livello di allestimento più basso ed al momento del debutto nel mercato italiano.

Modello Motore Cilindrata
cm3
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
N°rapporti
Freni
ant./post.
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2
(g/km)
Anni di
produzione
Prezzo al
debutto
Versioni a benzina
C2 1.1 TU1JP 1124 60/5500 90/3400 M/5 D/T 857 158 14"4 5.9 141 2003-08 9.151
5.8 138 2008-10 10.601
C2 1.4 TU3JP 1360 73/5400 118/3300 916 169 12"2 6.1 143 2003-09 10.651
C2 1.4
SensoDrive
AS/5 14"1 5.9 - 2003-08 11.651
C2 1.4 16v
Sensodrive
ET3 88/5250 133/3250 938 181 13" 5.6 133 2006-09 14.301
C2 1.6 16v
SensoDrive
TU5JP4 1587 109/5750 147/4000 DA/D 980 195 10"9 6.3 151 2003-07 12.651
C2 1.6 16v VTS TU5JP4S 122/6500 143/3750 M/5 970 202 8"3 6.9 163 2003-09 13.600
Versioni diesel
C2 1.4 HDi DV4TD 1398 68/4000 150/1750 M/5 D/T 921 172 13"5 4.1 108 2003-10 11.651
C2 1.4 HDi
SensoDrive
AS/5 169 14"1 4.5 - 2004-09 13.151
C2 1.6 HDi 16v DV6TED4 1560 109/4000 240/1750 M/5 DA/D 1.047 193 9"4 4.4 119 2007-09 16.701

La Citroën C2 in Cina[modifica | modifica sorgente]

La Citroën C2 prevista per il mercato cinese

Per il solo mercato cinese, è stata riservata una C2 molto particolare, poiché si tratta in pratica di una Peugeot 206, ma con il frontale completamente rivisto in chiave Citroën, e simile per esempio a quello utilizzato per la Citroën C4, con il logo del "double chevron" che si estende per tutta la larghezza del muso, in modo da formare una vera e propria calandra. Anche la parte posteriore è stata sensibilmente ristilizzata. Tale modello è stato introdotto nel settembre 2006: tale stretta derivazione da una Peugeot di grandissima diffusione riporta alla mente la stretta parentela, negli anni settanta, tra la Peugeot 104 a 3 porte e la Citroën LN. Nel caso della C2, si tratta però di un modello destinato al solo mercato locale e costruito a Wuhan, nello stabilimento della Dongfeng Peugeot-Citroën Automobiles, dove già vengono assemblati altri modelli derivati dalla normale produzione due marchi PSA.

Si è scelto di basarsi sul corpo vettura della 206 perché la C2 europea non è stata giudicata adatta, nelle linee, ad un mercato come quello cinese, ed inoltre perché sarebbe stato più facile e meno oneroso basarsi su una scocca già impiegata nello stabilimento di Wuhan per la produzione di altri modelli. Due sono i motori disponibili per la C2 cinese, entrambi a benzina ed entrambi della famiglia TU: il 1.4 da 75 CV ed il 1.6 16v dalla potenza leggermente ribassata (da 109 a 106 CV). Il cambio è normalmente a 5 marce, ma in alternativa è disponibile una cambio automatico a 4 rapporti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Espera Sbarro C2 V6 2005. URL consultato il 01 marzo 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Quattroruote n°577, Novembre 2003, Editoriale Domus
  • Passione Auto - Citroën, Editoriale Domus

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili