Angelo bianco (Streghe)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'angelo bianco (in originale Whitelighter) è una creatura fittizia della serie televisiva Streghe.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

L'angelo bianco è l'angelo protettore delle streghe. Diventa angelo bianco, dopo la sua morte, una persona che in vita è stata particolarmente retta, generosa ed altruista (medico, poliziotto). Gli angeli bianchi, sebbene possiedano un aspetto umano come i loro protetti, rimangono dei fantasmi e quindi mantengono i poteri di fantasma (possibilità di non invecchiare, levitazione ecc.). Ai poteri di fantasma si sommano i poteri di angelo bianco che traggono forza da sentimenti positivi come l'amore. Un angelo bianco possiede quasi subito i propri poteri, ma prima di diventare un effettivo angelo bianco deve seguire alcune lezioni presso la Scuola di Magia (anche se non per tutti è così), temporaneamente distrutta durante l'ottava serie, durante le quali gli viene data la possibilità di rivedere gli errori fatti durante le vite passate. Esiste anche un Libro chiamato "Manuale dell'Angelo bianco" menzionato da Leo, ma non si hanno molte informazioni al riguardo.

È anche possibile, però, che una persona nasca angelo bianco se uno dei suoi genitori è un angelo bianco, anche se, secondo le regole che gli vengono imposte, questo non sarebbe permesso. Dopo la 3ª serie del telefilm, però, dopo l'unione di Piper (strega del trio) e Leo (angelo bianco protettore del Trio), questa regola viene eliminata, permettendo così il loro matrimonio e la nascita di due figli. A giudicare da quanto detto nella serie TV, mezzi angeli bianchi, come le streghe, hanno un DNA diverso da quello dei normali esseri umani, formato da tre eliche, invece di due. In realtà il figlio di un angelo bianco è detto più propriamente "mezzo angelo bianco", in quanto uno dei genitori è un mortale o una strega. Gli unici angeli bianchi comparsi nel telefilm sono tutti figli di un angelo bianco e di una strega (tranne Leo, divenuto Angelo Bianco per le buone azioni fatte nel corso della sua vita), quindi hanno sia i poteri delle streghe che quelli degli angeli bianchi, nonché dei poteri "ibridi". I mezzi angeli bianchi possono ricevere incarichi tipici di un angelo bianco e quindi avere protetti da assistere. A differenza degli angeli bianchi puri, però, essi sono vivi e quindi oltre ad essere particolarmente soggetti al veleno degli angeli neri, possono essere uccisi anche in altri modi.

I poteri propri agli angeli bianchi sono molteplici: Orbitazione (potersi teletrasportare in un turbinio di scintille bianche e azzurre), Levitazione (poter volare a non più di tre metri da terra), empatia (poter percepire emozioni come il dolore dei protetti o l'odio degli angeli neri), mutaformismo (poter modificare il proprio aspetto), percezione del richiamo dei protetti, capacità di parlare, leggere e scrivere in qualsiasi lingua (per poter comunicare con i propri protetti, qualsiasi nazionalità siano...) rigenesi (capacità di guarire gli innocenti feriti). C'è tuttavia da aggiungere, riguardo alla rigenesi, che questa fiamma guaritrice ha come "scintilla" l'insieme di sentimenti positivi, tra i quali spicca per importanza e forza l'amore. Ciò determina che un angelo bianco, quando cura una persona, riesce a farlo perché prova amore nei suoi confronti. Questo spiega a sua volta la ragione per cui un angelo bianco non sia in grado di curare un demone o se stesso o anche perché spesso ci siano difficoltà, da parte di un Angelo Bianco, nel guarire un innocente qualsiasi e non un proprio protetto.

I nemici "naturali" degli angeli bianchi sono gli angeli neri, le uniche creature in grado di provocare una seconda morte ad un angelo bianco (ad ogni altra forma di aggressione gli angeli bianchi sono immuni come qualunque altro fantasma). Gli angeli neri possono materializzare istantaneamente nelle loro mani una balestra e con essa scagliare delle speciali frecce intrise di un potentissimo veleno (a cui fortunatamente sono immuni tutte le creature che non abbiano il sangue di angelo bianco). Questo veleno si diffonde nel corpo con il tempo: conduce dunque inesorabilmente ad una morte lenta e dolorosa. La ferita provocata da un angelo nero può essere guarita unicamente dal potere di rigenesi, di cui sono dotati solo angeli bianchi ed Anziani.

Gli angeli bianchi fanno capo ad una comunità di persone chiamate Anziani. Un angelo bianco può diventare "Anziano".

Gli Anziani[modifica | modifica sorgente]

Gli Anziani (Elders in originale[1] ) sono i fondatori e i direttori degli angeli bianchi e sono essi stessi degli angeli bianchi di alto livello, dotati di grande saggezza ed esperienza. Risiedono nei cieli, luogo in cui nessuno può accedere tranne gli angeli bianchi ed hanno il compito di vigilare sull'umanità, facendo il possibile per scongiurare i pericoli che possono minacciare la sua incolumità e farla prosperare in pace, oltre ovviamente a dirigere la comunità magica, mantenendola nell'ordine e nel più assoluto incognito.

Gli Anziani, come si apprende dalla serie, sono stati i primi angeli bianchi che, dopo aver svolto un eccellente servizio per il bene supremo, sono saliti di grado ed hanno ammesso altre anime pure nell'ordine degli angeli bianchi divenendone così i direttori; essi sono in contrapposizione alla sorgente del male che governa gli inferi. Gli Anziani fermano le anime delle persone che in vita sono state particolarmente buone e connesse in qualche modo con il mondo magico, offrendo loro la possibilità di divenire angeli bianchi e collaborare al disegno del bene, senza imposizioni. Quando un'anima accetta questo compito, essi la investono di una nuova vita magica e dei poteri propri degli angeli bianchi (principalmente l'orbitazione, la rigenesi e la levitazione); dopo di che preparano il/la neofita a svolgere il suo compito, insegnandogli le regole da seguire e il rispetto per ogni creatura magica e non. Inoltre fanno rivedere ai novizi le loro vite passate, facendo loro notare i progressi da cui trarre ispirazione e gli errori da cui possono trarre insegnamento per evitare ciò che è sbagliato. Dopo averli preparati a dovere gli anziani mandano gli angeli bianchi a ispirare, proteggere e consigliare le streghe, i maghi e le creature magiche buone, vegliare sui futuri angeli bianchi, tenendoli al sicuro e aiutandoli nel compimento del loro destino, oltre a beneficare e dirigere gli uomini comuni, generalmente non visti. Dimostrano amore nel compiere la loro missione e nella cura delle vite umane, ma anche severità e distaccamento.

Possono divenire Anziani primi fra tutti gli angeli bianchi che si sono distinti nel compimento del loro dovere ed hanno guidato i futuri angeli bianchi verso il loro destino, le streghe e i maghi buoni che hanno più volte salvato gli angeli bianchi e scongiurato grandi pericoli e infine gli esseri umani che hanno portato un gran bene al mondo. Gli Anziani dispongono di una versione più elevata del potere degli angeli bianchi e oltre a poter orbitare, guarire, sentire telepaticamente gli altri, possono rendersi invisibili agli altri esseri magici, lanciare fulmini e creare portali verso altre dimensioni, inoltre tramite incantesimi possono innalzare barriere, proteggere e rendere inaccessibili al male luoghi e persone, togliere o ridare i poteri soprannaturali a qualcuno e anche rendere umani i demoni (se loro lo desiderano, altrimenti no).

Gli Anziani non sono invulnerabili, e lontani dai cieli (loro sede naturale) divengono esposti agli attacchi dei demoni e degli angeli neri, hanno perciò sempre bisogno della protezione delle streghe e degli stregoni buoni e di altre creature loro alleate. Hanno beneficiato varie volte dell'aiuto delle tre prescelte.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Per questioni di doppiaggio in un episodio viene detto che "gli Anziani sono anche chiamati Eletti" per giustificare l' "El" che appare sul biglietto sull'unicrono che gli Anziani spediscono a Wyatt il giorno della sua nascita

Angeli bianchi apparsi nella serie[modifica | modifica sorgente]