Shannen Doherty

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Shannen Maria Doherty

Shannen Maria Doherty (Memphis, 12 aprile 1971) è un'attrice statunitense.

È famosa per aver interpretato i ruoli di Brenda Walsh in Beverly Hills 90210 e di Prue Halliwell nella serie televisiva Streghe.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Shannen Doherty con Jason Priestley

Figlia di un bancario, John Thomas, e di una proprietaria di un salone di bellezza, Rose, Shannen ha un fratello più grande di quattro anni, Tom. Il primo ruolo importante lo ottiene nel 1982, quando viene ingaggiata per interpretare Jenny Wilder nello sceneggiato La casa nella prateria. Dopo essere apparsa come guest star in molte fiction anni ottanta, tra le quali Magnum P.I., 21 Jump Street e Airwolf, dal 1986 al 1988 interpreta il ruolo di Kris Witherspoon nella serie Our house.

Nel 1982 il cinema si accorge di Shannen, e dopo essere apparsa nel film di Ron Howard Night Shift - Turno di notte, e dopo aver prestato la voce a Teresa nel cartone animato Brisby e il segreto di NIMH, otterrà un ruolo secondario nella commedia con Sarah Jessica Parker Girls Just Want to Have Fun. Nel 1989 partecipa al film Schegge di follia, con Winona Ryder. I suoi maggiori successi li deve al produttore Aaron Spelling.

Dopo avere interpretato Brenda Walsh, nel famoso serial Beverly Hills 90210, Shannen impersonerà Prue Halliwell nella serie tv Streghe. Shannen si presentò al provino del serial, assieme all'amica Holly Marie Combs, sperando di ottenere il ruolo di Piper, ma alla fine l'esito fu inverso. Nel 2001 lascerà la serie, dopo tre stagioni. Nel 1994 esce il film Sesso bendato, film che riceverà critiche amare. Il regista Kevin Smith la rilancia l'anno successivo nel film Generazione X.

Nel 2001 girerà insieme a Julian McMahon il film tv Another Day, mentre nel 2002 sarà ancora il regista Kevin Smith a rilanciarla nel cinema con il film Jay & Silent Bob... Fermate Hollywood!. Dal gennaio 2003 al 2004 presenta il reality show Scare Tactics sulla rete statunitense Sci Fi Channel. È stata una dei protagonisti della serie TV North Shore, un ritorno alle sue radici di attrice da soap opera. Nel 2005, partecipa alla serie comica per la tv Love, Inc., ma lascia lo show pochi mesi prima del debutto.

Shannen Doherty è citata nella puntata de I Simpson Homer alla berlina, nel film Shriek - Hai impegni per venerdì 17?, in due episodi della serie televisiva So NoTORIous e in una puntata di Will & Grace.

Nel 2006, è stata la conduttrice del reality show Breaking Up with Shannen Doherty - Un'amica come Shannen. Il reality, durato 13 puntate, vedeva fidanzati in crisi decidere del loro futuro sentimentale. È tornata a vestire i panni di Brenda Walsh nella prima stagione del telefilm 90210, seguito del vecchio telefilm Beverly Hills 90210 che l'ha condotta al successo, in onda sul canale statunitense The CW dal 2 settembre 2008. Nel 2010, in coppia col ballerino Mark Ballas, è stata una delle concorrenti della decima edizione di Dancing with the Stars, avendo dichiarato di parteciparvi per accontentare il padre, malato di cuore. Si è classificata ultima, eliminata dal televoto dopo appena due puntate.

L'autobiografia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'autunno 2010 pubblica la sua autobiografia Badass: A Hard-Earned Guide to Living Life With Style and (the Right) Attitude. L'opera, disponibile in inglese, si presenta come una sorta di composito "zibaldone" dal carattere alquanto irriverente: i contenuti sono infatti estremamente vari. Lo stesso aspetto grafico dell'impaginazione trasmette un senso di grande varietà, essendo caratterizzato dalla presenza di numerosissime immagini della Doherty ripresa in un gran numero di differenti situazioni della sua vita e della sua carriera artistica, poste quasi a commento delle diverse tematiche esposte di volta in volta; sono inoltre presenti numerose tavole in cui vengono riassunti i principali concetti, spesso sotto forma di classifiche di oggetti, situazioni o tratti caratteriali più “giusti” per potersi definire secondo l'autrice una perfetta “badass”.

È in ogni caso presente un tema dominante, che come suggerisce il titolo è appunto il modo di essere una “badass”, termine che in inglese indica una persona assertiva e persino prepotente, che è proprio lo stile di vita che l'autrice si sarebbe imposta di raggiungere e che con questo libro si propone di mostrare ai lettori. In quest'opera pertanto il termine viene inteso in senso positivo, come un ideale da raggiungere.

Pur nel suo apparente disordine, l'opera appare strutturata con un certo criterio, e si presenta suddivisa in alcune sezioni secondo un ordine tematico. In apertura viene presentato il concetto di “badass” secondo l'autrice, caratterizzandolo come un percorso di vita che avverrebbe in varie fasi; pertanto in questa sezione si ripercorrono le tappe principali della vita della Doherty a partire dall'infanzia. Segue quindi una parte in cui vengono riproposte alcune figure storiche e altre legate alla contemporanea cultura pop, le quali secondo l'autrice esemplificherebbero lo stile di vita “badass”: troviamo quindi tra le altre Cleopatra, Giovanna d'Arco, Elisabetta I, Margaret Mead e Lady Diana, o ancora Madonna, Angelina Jolie, Reese Witherspoon, Drew Barrymore, Sandra Bullock, Oprah Winfrey, Katherine Hepburn.

In particolare su quest'ultima la Doherty si sofferma presentandola quasi come un prototipo del genere. L'ampia sezione centrale del libro è dedicata al comportamento che una “badass” dovrebbe tenere con la famiglia, gli amici, nelle relazioni sentimentali e in quelle professionali; l'ultima sezione infine è dedicata al lifestyle e qui si spazia dai consigli di vita ai suggerimenti per la cura della casa e della persona, proponendo esempi di cibi e bevande, cosmetici, abiti e accessori preferiti e più “giusti”, alcune ricette e anche alcune mete di viaggio internazionali più indicate, tra cui troviamo Barcellona, San Paolo del Brasile, Buenos Aires, Città del Capo, ma anche una meta apparentemente insolita come Hanoi. L'opera si conclude con un breve ma significativo capitolo in cui l'autrice ricorda ai lettori l'importanza dello studio, presentato da lei come caratteristica essenziale nello stile di vita “badass”: si tratterebbe infatti di un requisito fondamentale per differenziarsi da quelle che l'autrice presenta negativamente come persone superficiali, le quali, per vantare una cultura in realtà inesistente allo scopo di apparire, rischiano continue figuracce.

L'opera si presenta pertanto come una sorta di “manuale”, in cui la Doherty si propone di accompagnare il lettore verso l'obiettivo da raggiungere, e specialmente nella sezione conclusiva ha l'aspetto di un compendio di lifestyle. In questa struttura si intreccia in effetti il racconto della storia personale dell'autrice, attraverso la presentazione di una serie di episodi dal periodo di maggior fortuna professionale negli anni novanta fino alla crisi personale che l'ha allontanata dalle scene per un certo tempo; tali aneddoti però non assumono un rilievo preminente nell'insieme dell'opera, proprio a causa del suo carattere assai vario e composito: l'autrice sembra anzi piuttosto reticente riguardo alcuni momenti più critici della sua vita, apparentemente per una scelta deliberata.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Alla presentazione dell'opera non sono mancate critiche e controversie. Nell'opera tra le varie esemplificazioni del concetto di "essere tosti" e di cosa una persona debba fare per esserlo e cosa debba evitare, non mancano infatti allusioni critiche più o meno esplicite verso altre starlette dell'ambiente hollywoodiano, i cui atteggiamenti a volte assai negativi esemplificherebbero secondo la Doherty in modo puntuale la differenza tra “badass” e “bitch”, ovvero il modo di essere giudicato indesiderabile. L'opera ha suscitato inoltre alcune critiche anche a causa della particolare irriverenza di alcuni contenuti, in particolare un'ampia sezione in cui la Doherty tratta dello stalking da lei presentato non come una pratica spiacevole ma come una sorta di "arte" da coltivare, in particolare nei confronti dei partner sospettati di tradimento.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

La sua vita privata è stata turbolenta. Nel 1993, in pigiama e con pochissimi invitati, l'attrice nella propria abitazione si è sposata con Ashley Hamilton, che dopo solo sei mesi lascerà. Non è andato molto meglio neanche il secondo matrimonio. Infatti nel 2002, Shannen si è sposata con Rick Salomon, ma dopo soltanto un anno le nozze sono fallite. Shannen, è stata legata sentimentalmente anche a Dean Factor, all'impresario Chris Foufas e all'attore Rob Weiss.

Shannen è definita un tipo ribelle e inquieto anche per certi atteggiamenti non sempre meritevoli. Nel 1994, appena uscita da Beverly Hills 90210 la banca le sequestra gran parte dello stipendio per riparare agli assegni non coperti che aveva firmato nei mesi precedenti, per una somma pari a 32mila dollari. Nel 1996, in un periodo professionale non proprio eccellente, fu costretta a tenere un corso di autocontrollo perché, con una lattina di birra, aveva rotto il finestrino dell'auto ad un ragazzo.[senza fonte] Nel 1999, dopo essere stata fermata in stato di ebbrezza, venne obbligata a tenere un corso nelle scuole, spiegando ai giovani di Los Angeles il pericolo dell'alcol.

Nel dicembre del 2003 è apparsa in nove pagine del noto giornale Playboy. È al 5º posto della classifica Americana 100 Greatest Teen Stars, classifica che ha eletto i migliori personaggi (cantanti, attori, presentatori) arrivati al successo in età adolescenziale. È amica di Sarah Michelle Gellar e Holly Marie Combs.

Il 16 ottobre 2011 si sposa con il fidanzato Kurt Iswarienko, fotografo, convolando a giuste nozze durante una cerimonia sulle colline di Malibu, a Los Angeles. I circa centotrenta invitati avevano l'obbligo - damigelle comprese - di indossare abiti neri, mentre lei indossava un abito da sposa bianco. L'intera cerimonia è stata ripresa dalle telecamere di WEtv che annunciò di dover produrre un reality che avrebbe raccontato, passo dopo passo, tutti i preparativi del matrimonio.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produttrice esecutiva[modifica | modifica wikitesto]

Programmi TV[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua carriera si è aggiudicata numerose nomination:

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Shannen Doherty è stata doppiata da:

  • Barbara Berengo Gardin in Jay & Silent Bob... Fermate Hollywood!, Streghe, Scuola diabolica per ragazze, Another Day, La battaglia di Mary Kay, Qualcuno nella notte, North Shore, 90210, Scare Tactics, Breaking Up with Shannen Doherty - Un'amica come Shannen
  • Georgia Lepore in Morte apparente, Scatti pericolosi, Vita col nonno, Beverly Hills 90210, Ossessione d'amore, Miss video, un'inviata al College, Sospettati di omicidio, L'amica del cuore, L'uomo sbagliato
  • Susanna Fassetta in La casa nella prateria, La casa nella prateria - Ricordando il passato, La casa nella prateria - L'ultimo addio, La casa nella prateria - La scomparsa di Rose, Robert Kennedy, la sua storia e il suo tempo
  • Emanuela Amato in Un Natale a sorpresa, The Delphi Effect
  • Monica Bertolotti in Voglia di ballare
  • Claudia Razzi in Schegge di follia
  • Laura Lenghi in Generazione X
  • Francesca Guadagno in Sesso bendato - In balia dell'assassino
  • Laura Latini in L'amore travolgente di Margaret Mitchell
  • Irene Di Valmo in S.O.S. - La natura si scatena
  • Jasmine Laurenti in Ossessione d'amore (ridoppiaggio)

Da doppiatrice è sostituita da:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Shannen Doherty, A Hard-Earned Guide to Living Life with Style and (the Right) Attitude, Clarkson Potter, 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 18026060 LCCN: no2001017023