Jason Priestley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jason Priestley nel 2012

Jason Bradford Priestley (Victoria, 28 agosto 1969) è un attore e regista canadese naturalizzato statunitense.

È conosciuto principalmente per il ruolo di Brandon Walsh nel teen drama degli anni novanta, Beverly Hills 90210.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Debutta nel 1986 nel film Il ragazzo che sapeva volare, in seguito colleziona piccole apparizioni in serie televisive come 21 Jump Street, MacGyver e In viaggio nel tempo. Nel 1990 viene scelto per il ruolo di Brandon Walsh nella serie tv cult Beverly Hills 90210, diventando assieme al collega Luke Perry idolo di milioni di adolescenti.

Interpreta il ruolo di Brandon per ben dieci anni, alternandolo con interpretazioni in Tombstone, Amore e morte a Long Island, The Eye - Lo sguardo. Dopo la fine di Beverly Hills 90210, Priestley ha partecipato a svariati film per la televisione e a serie tv come Tru Calling dove interpreta Jack Harper, Le cose che amo di te, Medium e Side Order of Life.

Appassionato di automobilismo, nel 1999 ha partecipato al primo Gumball 3000 guidando una Lotus Esprit e nel 2002 è stato vittima di uno spaventoso incidente durante le Indy Pro Series, riportando gravi ferite facciali e rischiando di perdere l'uso delle gambe, dopo molti mesi di fisioterapia e una ricostruzione facciale è tornato in salute. È un grande fan della band Barenaked Ladies, tanto da riuscire a collaborare con loro dirigendo alcuni videoclip e un documentario intitolato Barenaked in America.

Il 6 luglio del 2007 ha avuto una bambina, Ava Veronica, dalla moglie Naomi; nello stesso anno ha ottenuto la cittadinanza statunitense. Il 9 giugno 2010 è diventato nuovamente papà di un bimbo di nome Dashiell Orson.

Attualmente è nel cast di due serie televisive: è il protagonista di Call Me Fitz, serie canadese in cui interpreta Richard "Fitz" Fitzpatrick, un donnaiolo che conduce una vita al limite, partecipando contemporaneamente ad Haven, serie di genere soprannaturale co-prodotta da Stati Uniti e Canada, in cui interpreta il ruolo ricorrente di Chris Brody.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Priestley ai Premi Emmy 1992
Priestley assieme alla moglie Naomi Lowde

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Conversations in Limbo, regia di Paul Johansson (1998)
  • Choose Life, regia di Gregory Alosio (1999)
  • Herschel Hopper: New York Rabbit (2000)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Jason Priestley è stato doppiato da:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 30339909 LCCN: n94020541