La battaglia di Mary Kay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La battaglia di Mary Kay
Titolo originale Hell on Heels: The Battle of Mary Kay
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2002
Formato film TV
Genere drammatico
Durata 90 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore colore
Audio Stereo
Crediti
Regia Ed Gernon
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Steve Danyluk
Montaggio Harvey Rosenstock
Musiche Jonathan Goldsmith
Scenografia Dean A. O'Dell, Deanne Rohde
Costumi Martha Mann
Produttore Ian McDougall
Produttore esecutivo Ed Gernon, Howard Meltzer, Peter Sussman
Casa di produzione Alliance Atlantis Communications, TurtleBack Productions, CBS
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Data 7 ottobre 2002
Rete televisiva CBS
Prima TV in italiano (gratuita)
Data 6 ottobre 2004
Rete televisiva Sky Cinema 1

La battaglia di Mary Kay (Hell on Heels: The Battle of Mary Kay) è un film per la televisione del 2002 che tratta un momento cruciale nella vita di Mary Kay Ash, interpretata da Shirley MacLaine, imprenditrice e fondatrice della Mary Kay, Inc., azienda leader negli Stati Uniti dal 1963 nel campo dei cosmetici. La sua interpretazione valse a Shirley MacLaine una nomination ai Golden Globe come miglior attrice in un film televisivo.

Andato in onda negli Stati Uniti sulla rete CBS il 7 ottobre 2002, in Italia è stato trasmesso in prima serata su Sky Cinema 1 il 6 ottobre 2004.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La non più giovane Mary Kay Ash, a capo della più redditizia ditta di cosmetici degli Stati Uniti, si vede sorpassata in vendite e successo dalla concorrente Beauty Control, lanciata dall'intraprendente moglie del proprietario, Jinger Heath. Ma Mary Kay non si arrende, e grazie al suo intuito e alla sua incredibile esperienza, saprà fronteggiare l'avversario, all'inizio lanciatissimo, fino a sconfiggerlo definitivamente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "I programmi di oggi - 6 ottobre 2004", La Stampa, 6 ottobre 2004. URL consultato il 16 marzo 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione