Regina Berúthiel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Regina Berùthiel)
Berùthiel
Universo Arda
Lingua orig. Inglese
Autore J. R. R. Tolkien
1ª app. in Racconti incompiuti
Specie Uomini
Sesso Femmina
Etnia Numenoreani neri
Parenti

La Regina Berúthiel è un personaggio di Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. Era la perfida e solitaria moglie di Tarannon, dodicesimo Re di Gondor (T.E. 830-913) e primo dei "Re Navigatori".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Berúthiel risiedeva nella casa del Re a Osgiliath in stanze spoglie e vuote, detestava il mare e indossava solo vestiti neri o argento, poiché odiava colori e ornamenti elaborati. Aveva nove gatti neri e uno bianco, suoi schiavi, con i quali era capace di conversare e nelle cui menti riusciva a leggere. Tramite il gatto bianco tormentava i gatti neri e li usava come spie per scoprire i segreti di Gondor. Per questo motivo tutti avevano paura quando li vedevano passare. Alla fine Tarannon caricò Berúthiel su una nave insieme ai suoi gatti e la mandò via. La nave venne vista un'ultima volta passare davanti a Umbar con un gatto sull'albero maestro e un altro a fare da polena.[1]

Il nome di Berùthiel venne cancellato dal Libro dei Re di Gondor, ma il ricordo della regina rimase nei detti popolari,[1] sicché vari secoli dopo venne citata da Aragorn, parlando di Gandalf:

« [Gandalf] è più sicuro a ritrovare la via di casa in una notte cieca, che non i gatti della Regina Berúthiel »
(Il Signore degli Anelli, p. 353)

In un'intervista del 1966, Tolkien diede informazioni su cosa accadde alla regina dopo che fu cacciata da Osgiliath:[2]

(EN)

« Well, Berúthiel went back to live in the inland city, and went to the bad (or returned to it — she was a Black Númenórean in origin, I guess). She was one of these people who loathe cats, but cats will jump on them and follow them about — you know how sometimes they pursue people who hate them? I have a friend like that. I'm afraid she took to torturing them for amusement, but she kept some and used them: trained them to go on evil errands by night, to spy on her enemies or terrify them. »

(IT)

« Berúthiel tornò a vivere nella città dell'entroterra [da cui proveniva] e si dedicò al male (o vi ritornò, penso che in origine fosse una numenoreana nera). Era una di quelle persone che detestano i gatti, ma i gatti saltano su di loro e le seguono. Sapete come a volte si attaccano alle persone che li odiano? Ho un amico così. Temo che lei abbia cominciato a torturarli per divertimento, ma ne tenne alcuni e li utilizzò: li istruì a eseguire commissioni malvagie di notte, per spiare i nemici o terrorizzarli. »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Racconti incompiuti, p. 531.
  2. ^ (EN) The Realms of Tolkien [collegamento interrotto], originariamente pubblicato in New Worlds, novembre 1966, ristampato in Carandaith nel 1969 e in Fantastic Metropolis nel 2001.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien