Cancelli del Morannon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cancelli del Morannon
ISDA Morannon.PNG
I Cancelli del Morannon ne Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re
Altri nomiCancello Nero
  • Morannon
TipoFortificazione
Creazione
IdeatoreJohn Ronald Reuel Tolkien
Appare inIl Signore degli Anelli, Il Silmarillion
Caratteristiche immaginarie
FondatoreSauron
NascitaMetà Seconda Era
Fine25 marzo 3019 Terza Era
PianetaArda
ContinenteTerra di Mezzo
Stato
  • Gondor (Dal 1 TE fino al 1600 TE)
  • Sauron (Seconda Era e Terza Era)
  • RegioneMordor
    Razze
    • Uomini (1 TE fino a 1600 TE)
    • Orchi
    • Troll
    • Goblin
    • Orchi Neri
    LingueLingua Nera di Mordor

    I Cancelli del Morannon (Cancello Nero) sono una fortificazione di Arda, l'universo immaginario fantasy creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. Appare ne Il Signore degli Anelli. Essi bloccavano Cirith Gorgor, l'unico passo attraverso il quale un esercito sarebbe potuto entrare a Mordor, ragion per cui Sauron li vegliava costantemente con il suo Occhio. L'apertura dei cancelli era organizzata tramite un meccanismo guidato da numerosi Orchi, e per un'ulteriore sicurezza affinché i cancelli non fossero violati da estranei, le colline intorno ad essi brulicavano di Orchi, alloggiati in buchi e caverne scavati nelle montagne.

    Luogo[modifica | modifica wikitesto]

    La terra di Mordor, dimora di Sauron, poteva essere raggiunta a piedi solamente tramite due passi, che si aprivano tra le alte montagne che circondavano questa oscura landa: il passo di Cirith Ungol e quello di Cirith Gorgor. Proprio in corrispondenza di quest'ultimo passo, il Signore Oscuro aveva fatto erigere la sua imponente barriera.

    Nome[modifica | modifica wikitesto]

    Morannon, in elfico, significa Cancello Nero.

    Storia[modifica | modifica wikitesto]

    Non sappiamo quando il Morannon venne edificato, poiché non abbiamo documenti certi che lo riguardino prima della fine della Seconda Era, ma solo un'allusione in Akallabêth, in cui si dice che Sauron "...aveva fortificato la terra di Mordor..." attorno al 1500 della Seconda Era. In compenso è certo che alla fine di quest'era fosse già edificato, poiché ne parlano i racconti della Guerra dell'Ultima Alleanza.

    All'inizio della Terza Era, dopo la battaglia che sconfisse Sauron, fu occupato e usato dai gondoriani per un millennio per difendere la terra di Mordor, passata sotto i loro domini, ed impedire che le forze oscure potessero tornare, costruendo anche le due torri laterali per incrementare le difese, ma venne abbandonato intorno al 1600 della Terza Era, dopo che una piaga indebolì Gondor e i loro numeri, così con il tempo il cancello nero e le torri vennero abbandonati, lasciati in rovina finché poco tempo dopo tornò il Re Stregone e la sua legione, che ripresero il controllo di Mordor, non molto tempo dopo caddero anche le fortezze gondoriane di Minas Ithil e Cirith Ungol.

    Tempo della Guerra dell'Anello, e davanti ai suoi cancelli si svolgerà la battaglia che conclude la trilogia del Signore degli Anelli. Con il crollo del potere di Sauron a causa della distruzione dell'Unico Anello, tutte le sue opere crollano, e di conseguenza anche, stavolta definitivamente, il Nero Cancello.

    Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien