Peugeot RCZ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peugeot RCZ
Peugeot RCZ front 20100508.jpg
Descrizione generale
Costruttore bandiera  Peugeot
Tipo principale coupé
Produzione dal 2010
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.287 mm
Larghezza 1.845 mm
Altezza 1.359 mm
Passo 2.612 mm
Massa 1.200 - 1.295 kg
Altro
Assemblaggio Graz (A)
Stessa famiglia Peugeot 308, 3008 e 5008
Citroen C4 e C4 Picasso
Auto simili Audi TT, Volkswagen Scirocco
Peugeot RCZ rear-1 20100508.jpg

La Peugeot RCZ è un'autovettura sportiva di fascia media prodotta dalla casa francese Peugeot a partire dal 2010.

Genesi[modifica | modifica sorgente]

La RCZ rappresenta uno di quei rari casi in cui la vettura di serie ricalca quasi completamente la concept esposta in precedenza, quando ancora la produzione in serie non era nei programmi della Casa madre.
La RCZ è stata infatti esposta come prototipo al Salone di Francoforte del 2007. La base meccanica era quella della 308. Le linee erano già in pratica identiche a quelle che avrebbero caratterizzato la vettura di serie. Il successo della concept-car presso il pubblico fu tale da convincere i vertici Peugeot a deciderne la produzione in serie. Ben presto venne dato tale annuncio ed il pubblico cominciò a manifestare un grande interesse, nonché impazienza per questo modello che avrebbe di fatto potuto dare del filo da torcere ad una regina del segmento come l'Audi TT, peraltro molto simile nella vista laterale, frontale e negli interni.

Debutto[modifica | modifica sorgente]

La vettura definitiva è stata presentata al Salone di Francoforte del settembre 2009, due anni dopo l'esposizione della concept. Rispetto a quest'ultima, i dettagli modificati erano pochissimi. Per esempio, il terminale di scarico è stato spostato sul lato sinistro della coda anziché al centro. La RCZ è la prima autovettura Peugeot non derivata da mezzi commerciali (escludendo quindi i vari Expert, Ranch, Boxer, ecc.) a non utilizzare una sigla numerica con uno o due zeri al centro. Telaio e scocca derivano infatti dalla Peugeot 308. Già questo rappresenta un concetto di rottura con una tradizione che si perpetuava da oltre 80 anni (la prima Peugeot a seguire il concetto dello zero in mezzo è stata la 201 dell'ormai lontanissimo 1929).

Linee ed interni[modifica | modifica sorgente]

Come già anticipato, le linee della RCZ ricordano molto quelle della TT nella vista laterale, per via degli archi del padiglione. Frontalmente, invece, la RCZ tradisce chiaramente l'appartenenza alla Casa francese, grazie al taglio dei fari anteriori ed alla "bocca", per la verità di dimensioni più ridotte, un fatto che va a prefigurare nuove tendenze stilistiche in cui una grande presa d'aria frontale non è più contemplata. Sempre frontalmente va ricordato anche il nuovo logo della Casa, che debutta proprio sulla RCZ in occasione dei festeggiamenti per i 200 anni dalla nascita della Peugeot (che all'inizio, nel 1810, non si occupava di automobili in quanto non esistevano ancora, ma semplicemente di utensili per la casa).
La vista laterale mostra i grandi passaruota allargati (di 44 mm anteriormente e di 63 mm posteriormente), l'assetto abbassato di 4 cm rispetto al pianale di origine e soprattutto i montanti anteriore e posteriore che si uniscono e si raccordano formando un profilo ad arco che dona una sportività notevole alla linea di fiancata.
La zona posteriore è anch'essa molto originale ed offre la vista ad alcuni aspetti molto interessanti, primo fra tutti il lunotto bombato a doppia gobba, un'idea che si rifà ad alcune realizzazioni del grande atelier di Zagato e che dona un'originalità del tutto particolare alla vettura. Sempre in coda è importante segnalare lo spoiler attivo con due livelli di inclinazione. Superati gli 85 km/h si inclina di 19°, mentre oltre i 155 km/h arriva a sollevarsi di 34°.
L'abitacolo, ovviamente, ha un'impostazione sportiva e sposa elementi classici come il cruscotto a strumenti circolari e la plancia con l'orologio analogico, ad altri più moderni ed hi-tech, come gli inserti in alluminio e la possibilità di avere un sistema multimediale che comprende navigatore, lettore DVD e impianto hi-fi.

Meccanica e motorizzazioni[modifica | modifica sorgente]

Il profilo della Peugeot RCZ

La RCZ sfrutta la base meccanica della 308, che poi è anche la stessa di altre vetture molto più "familiari", come la monovolume 5008 ed il crossover 3008. Nella RCZ, però, sono state aggiornate in chiave più sportiva le sospensioni, che mantengono lo schema pseudo MacPherson per l'avantreno e l'assale torcente per il retrotreno. La versione di punta prevede anche un barra antirollio maggiorata. I grandi pneumatici 235/45 R18 di serie (ma si possono avere a richiesta degli ancor più aggressivi 235/40 R19) rendono la vettura incollata alla strada e per renderli facilmente manovrabili, sono stati anche rivisti i supporti elestici e i cuscinetti. L'impianto frenante prevede dischi anteriori autoventilanti con diametro di 306 mm (che nella versione di punta diventano di ben 340 mm) e dischi posteriori pieni da 290 mm di diametro. Come corredo, è previsto, oltre all'immancabile ABS, anche un sistema elettronico di assistenza alla frenata di emergenza.
La RCZ prevede il dispositivo ESP, come nella stragrande maggioranza delle vetture prodotte nel 2010, ma a differenza di quello adottato nelle altre Peugeot imparentate tecnicamente, nella RCZ è completamente disinseribile e permette una guida più emozionante ai piloti più smaliziati.
Al suo debutto, la RCZ prevede tre motorizzazioni, tutte sovralimentate mediante turbocompressore:

Ovviamente lo schema meccanico è quello classico, con motore anteriore trasversale e trazione anteriore. Il cambio è manuale a 6 marce, che nella versione da 200 CV ha anche i rapporti accorciati e la leva più corta. A richiesta si può avere un cambio robotizzato a 6 rapporti.

Evoluzione[modifica | modifica sorgente]

La RCZ restyling al Salone di Parigi del 2012

Al momento del debutto della gamma era stata inoltre annunciato una futura versione ibrida della RCZ. Tale versione impiegherà un sistema che verrà montato poco tempo prima nella 3008 Hybrid4, vale a dire un motore elettrico da 37 CV montato sul retrotreno. Tale motore, accoppiato al due litri turbodiesel da 163 CV, permetterebbe il raggiungimento di 200 CV totali, nonché il fatto di avere una vettura a trazione integrale durante il funzionamento simultaneo dei due motori. Tuttavia, anche a distanza di anni dal debutto, la Casa francese non ha rilasciato ulteriori notizie su questa variante.

La Casa francese ha cominciato ad accettare le prime ordinazioni già dal 16 novembre 2009, ma le prime consegne non avranno luogo che dal 22 aprile dell'anno successivo. La produzione viene avviata a Graz, in Austria, presso la Magna Steyr, la stessa che assembla anche modelli di altre Case automobilistiche, come la BMW X3 e l'Aston Martin Rapide. Il ritmo previsto è di 70 esemplari al giorno. Nel frattempo, per incrementare la curiosità, l'interesse, ma anche i potenziali ordini, la RCZ, non ancora in listino, era già stata proposta in due edizioni limitate. Una, denominata semplicemente Limited Edition, era in pratica la stessa presentata a Francoforte ed è stata tirata in 200 esemplari (di cui 43 già ordinati nel nostro Paese), mentre la seconda, riservata al solo mercato italiano e denominata Black Yearling, caratterizzata da finiture nere sia esternamente (cerchi, verniciatura, ecc.), sia internamente (consolle centrale, sedili, ecc).

Nel 2011 è stata proposta un'ulteriore edizione speciale, con allestimento Asphalt, particolarmente ricco poiché nella dotazione di serie include anche navigatore satellitare, cerchi in lega da 19 pollici, selleria in pelle e pinze freno color nero. La RCZ Asphalt è motorizzata unicamente con il 1.6 THP da 200 CV.

Una RCZ-R nella sua versione defintiva

Nel settembre 2012, a soli due anni e mezzo dal lancio, la RCZ ha beneficiato del restyling di mezza età: nella cornice del Salone di Parigi, la sportiva francese sfoggia soprattutto un nuovo frontale con calandra e paraurti ridisegnati, forse anche meno aggressivi nel loro insieme, ma più in linea con il nuovo corso stilistico della Peugeot. Meccanicamente nessuna novità di rilievo, neppure la più volte annunciata versione ibrida. La RCZ così rinnovata sarà commercializzata a partire dal febbraio dell'anno seguente: tra i suoi contenuti inediti vanno segnalati i nuovi tessuti per i rivestimenti dei sedili e la nuova gamma di colori, nonché la possibilità di avere gli archi dei montanti anche in altri due colori, beige metallizzato o nero. Sempre alla kermesse parigina del 2012 la zona espositiva riservata alla RCZ era dominata da una versione particolare, la RCZ-R, una concept equipaggiata con un potente 1.6 turbo da 260 CV, il che ne avrebbe fatto una delle vetture stradali con la più alta potenza specifica (160 CV/litro), ma anche la Peugeot più potente di sempre. Questa concept è divenuta ufficialmente un modello di serie nell'estate del 2013, e precisamente il 14 luglio, quando al Festival of Speed di Goodwood è stata presentata la RCZ-R in configurazione definitiva. Lo stesso modello è stato poi presentato al grande pubblico due mesi dopo al Salone di Francoforte. Il suo motore è stato nel frattempo portato a 270 CV di potenza massima. La vettura monta cerchi da 19 pollici dal disegno specifico e sedili anch'essi dal disegno e dal rivestimento specifico. L'impianto di scarico differisce da quello delle altre RCZ per la presenza di due terminali di scarico separati, uno per lato. Tale versione, pronta alla commercializzazione, è divenuta ordinabile in Francia a partire dal novembre 2013, mentre la commercializzazione in Italia è stata avviata a partire dalla seconda metà del gennaio 2014.

Riepilogo versioni[modifica | modifica sorgente]

Versione Anni di
produzione
Motore Cilindrata
cm³
Potenza max
CV/rpm
Coppia max
Nm/rpm
Massa a vuoto (kg) Velocità max Accelerazione
0-100 km/h
Consumo medio
(l/100 km)
Emissioni CO2 (g/km)
RCZ 1.6 16v THP dal 04/2010 EP6CDT 1598 156/5800 240/
1400-5000
1.200 217 8" 6.7 155
RCZ 1.6 16v THP
(200CV)
dal 04/2010 EP6CDTX 200/5800 275/
2500-4000
1.222 237 7"5 6.9 159
RCZ-R dal 11/2013 EP6CTDR 270/6000 330/
1900-5500
1.280 250 5"9 6.3 145
RCZ 2.0 16v HDi dal 04/2010 DW10C 1997 163/3750 340/
2000-3000
1.295 220 8"2 5.3 139

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili