Motore Toyota KR

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il motore Toyota KR è un motore endotermico prodotto a partire dal 2005 dalla casa automobilistica giapponese Daihatsu, di proprietà della Toyota.

Caratteristiche ed applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Vista del motore 1KR-FE

Si tratta di un motore tricilindrico proposto in due varianti, con o senza fasatura variabile. Quello con fasatura variabile, che è anche il più conosciuto, prende la sigla di 1KR-FE, mentre l'altro è noto con la sigla 1KR-DE.

Tra le due varianti sono molte le caratteristiche in comune, che vengono così riepilogate:

Tra le altre caratteristiche va ricordato il sistema di fissaggio del motore nel vano motore mediante un sofisticato sistema a sospensione baricentrica, che permette di eliminare le vibrazioni trasmesse dal motore stesso alla scocca.

Motore 1KR-FE[modifica | modifica wikitesto]

La Toyota Aygo è stata dotata dell'unità tricilindrica 1KR-FE

Il motore 1KR-FE è stato progettato e realizzato dalla Toyota per equipaggiare le sue nuove citycar che avrebbe prodotto a partire dalla metà degli anni 2000. Si tratta della variante dotata di fasatura variabile del tipo VVt-i, cioè quella di progettazione Toyota. Questo motore è in grado di erogare una potenza massima di 50 kW (68 CV) a 6500 giri/min, con una coppia massima di 9.48 kgm (93 Nm a 3600 giri/min.

Le applicazioni di questo motore includono:

Questo motore viene costruito sia in Giappone, sia in Polonia, da dove poi viene inviato agli stabilimenti cechi della TPCA per essere montati sulle Aygo e sulle Peugeot 107 e Citroën C1.

Motore 1KR-DE[modifica | modifica wikitesto]

La Toyota Wigo è tra le applicazioni del motore 1KR-DE.

Questa sigla identifica la variante sprovvista di fasatura variabile: si tratta di un motore progettato appositamente per i mercati indonesiano e filippino e per alcuni modelli specifici per tali mercati. Le doti prestazionali di questo motore sono leggermente inferiori a quelle dell'altra variante, pertanto la potenza massima si ferma a 67 CV a 6000 giri/min, mentre la coppia massima è di 85 Nm a 3600 giri/min. Questo motore è stato montato sui seguenti modelli:

Motore 1KR-DE2[modifica | modifica wikitesto]

Una Perodua Axia, unica applicazione del motore 1KR-DE2

Questa terza variante è destinata ad essere montata unicamente sotto il cofano della Perodua Axia, un modello prodotto fra il 2014 ed il 2017 in Indonesia e destinato solo ad alcuni mercati della zona. Si tratta di una versione leggermente più performante della motorizzazione precedente, e la cui potenza massima è di 66 CV a 6000 giri/min, con un picco di coppia pari a 90 Nm a 3600 giri/min. Le caratteristiche di cilindrata, alesaggio e corsa sono identiche a quelle del motore 1KR-DE, e come in quest'ultimo motore è assente il sistema di fasatura variabile. Fra le altre caratteristiche di questo motore vanno menzionati il rapporto di compressione pari a 11:1 e la sua conformità teorica con le normative europee Euro 4.

Motore 1KR-VE[modifica | modifica wikitesto]

Questa è un'ulteriore variante sul tema KR e consiste in un'unità prodotta in Malesia per essere montata sotto il cofano del solo modello prodotto nello stabilimento Perodua, ossia la Perodua Bezza, in produzione dal 2016. Si tratta in pratica di un motore tecnicamente più vicino a quello utilizzato in Europa, in quanto anch'esso monta la fasatura variabile. Le prestazioni sono pure molto simili a quelle dei motori 1KR-FE, in quanto si arriva ad erogare una potenza massima di 67 CV ed una coppia massima di 91 Nm, rispettivamente a 6000 e a 4400 giri/min. Inoltre, sono state introdotte anche alcune modifiche specifiche, come un condotto di aspirazione ridisegnato, un collettore di aspirazione più lungo ed il rapporto di compressione portato ad 11,5:1. Oltre che sotto il cofano della Perodua Bezza, però, questo motore trova applicazione anche in altri due modelli, sempre previsti per i mercati del sud-est asiatico, ossia la Perodua Axia dal 2017 e la Daihatsu Sigra dal 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Auto Tecnica nº377, dicembre 2012, Editoriale C&C

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]