Toyota iQ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Toyota iQ
Toyota iQ.JPG
Toyota iQ
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Toyota
Tipo principale superutilitaria
Produzione dal 2008 al 2014
Euro NCAP (2009[1]) 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 2 985 mm
Larghezza 1 680 mm
Altezza 1 500 mm
Passo 2 000 mm
Massa 845-895 kg
Altro
Stessa famiglia Aston Martin Cygnet
Auto simili Smart Fortwo
Toyota iQ 20090621 rear.JPG

La Toyota iQ è una citycar prodotta dalla casa automobilistica giapponese Toyota. È stata presentata sotto forma di concept car, denominata Toyota iQ Concept, al Salone di Francoforte 2007. La versione di produzione è stata invece svelata nel marzo 2008 al Salone dell'automobile di Ginevra. Nel novembre 2008 è partita la produzione nello stabilimento di Takaoka e contemporaneamente è cominciata la commercializzazione in Giappone. Le vendite in Europa invece sono iniziate nel 2009.

Il contesto[modifica | modifica wikitesto]

La Toyota iQ è caratterizzata da dimensioni esterne molto contenute: è lunga infatti solamente 298 cm. Nonostante ciò possiede un abitacolo in grado di accogliere fino a quattro persone, tre adulti ed un bambino. Per ottenere questo risultato la vettura è stata progettata con soluzioni specifiche volte a massimizzare l'abitabilità interna, tra le quali il posizionamento del differenziale davanti al motore (situato anteriormente), il serbatoio alto 12 cm collocato nel sottoscocca, l'unità di climatizzazione compatta, il disegno sottile dei sedili e la plancia asimmetrica. Quest'ultima permette al passeggero seduto anteriormente di mettersi in una posizione più avanzata rispetto a quella del guidatore, in modo che dietro di lui possa sedersi un adulto, mentre dietro il guidatore ci può stare solamente un bambino a causa del ridotto spazio a disposizione delle gambe. Sfortunatamente i sedili non sono regolabili in altezza e la cintura di sicurezza per i passeggeri meno alti risulta per tale motivo difficoltosa da raggiungere.

All'inizio del 2015 è stata diffusa la notizia dell'interruzione della produzione del modello.[2]

Motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

In Italia la Toyota iQ è disponibile con il motore 1.0 VVT-i a benzina già utilizzato sulla Toyota Aygo, che eroga 68 CV e vanta un'emissione di CO2 di 99 g/km oppure con il motore 1.3 Dual VVT-i sempre a benzina da 99 CV già utilizzato sulla Toyota Yaris. Esso è abbinato al cambio automatico denominato Multidrive oppure ad un cambio manuale a 6 rapporti.

Modello Disponibilità Motore Cilindrata
(cm³)
Potenza Coppia Massima
(N m)
Emissioni CO2
(g/km)
0-100 km/h
(s)
Velocità max
(km/h)
Consumo medio
(km/l)
1.0 dal debutto Benzina 996 50 kW (68 CV) 91 99 14,7 150 22,7
1.3 dal debutto Benzina 1 329 74 kW (99 CV) 123 113 13,4 170 20,4

Difetti non coperti da garanzia e non dichiarati dall'azienda

I motori euro 4 cilindrata 1.0 prodotti prima del 2011 soffrono di un grave difetto di fabbricazione al catalizzatore e filtro egr quando si avvicinano alla soglia dei 50000 km. Il filtro egr si intasa e lascia la macchina ferma sul posto, l'auto infatti non sale di giri e non riesce per tale motivo ad effettuare piccole o grandi salite, un difetto che si accentua in retromarcia. Toyota non ripara il guasto e rincasa la dose consigliando ai suoi sfortunati clienti di recarsi presso una propria officina autorizzata, riparando il guasto fuori garanzia alla modica cifra di 2300/2500 euro per risolvere un difetto di fabbricazione. Il comportamento schizofrenico di Toyota è ormai un dato di fatto, alcune auto hanno ricevuto la sostituzione del catalizzatore a spese dell'azienda, altri possessori di iq hanno ricevuto uno sconto del 40% altri invece sono stati completamente snobbati. I richiami ufficiali dell'azienda sono attuati senza alcuna logica. Le auto prodotte dal 2011 in poi, euro 5 e tutte le 1.3 di qualsiasi anno, non soffrono del problema al catalizzatore, la fabbrica infatti confermando di fatto gli errori commessi nei modelli precedenti, ha installato un catalizzatore diverso sulle nuove autovetture.

I problemi al catalizzatore fanno lievitare i consumi di carburante dichiarati da Toyota dal 20 al 40%.

Un altro difetto un po' meno grave ma ugualmente fastidioso e non dichiarato dall'azienda è quello relativo al galleggiante che misura la quantità di carburante presente nel serbatoio dell'automobile, questo infatti risulta assolutamente impreciso e non permette al guidatore di organizzare al meglio il proprio percorso.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili
  1. ^ Test EuroNCAP del 2009, euroncap.com.
  2. ^ Fine della produzione per la Toyota iQ, Corriere della Sera. URL consultato il 20 luglio 2015.