Toyota C-HR

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Toyota C-HR
2016-03-01 Geneva Motor Show 1275.JPG
Descrizione generale
Costruttore Giappone  Toyota
Tipo principale Crossover SUV
Produzione dal 2016
Sostituisce la Toyota Urban Cruiser
Euro NCAP (2017[1]) 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4360 mm
Larghezza 1795 mm
Altezza 1565 mm
Passo 2640 mm
Massa da 1375 a 1460 kg
Altro
Assemblaggio Sakarya (Turchia)
Stessa famiglia Toyota Prius
Auto simili Nissan Juke
Fiat 500X
Mazda CX-3
2016-03-01 Geneva Motor Show 1280.JPG

La Toyota C-HR è un crossover SUV prodotto dalla casa automobilistica Toyota dal 2016, che è stato presentato a Parigi nel 2014 all'omonimo salone come prototipo di uno studio di design, denominata Toyota C-HR Concept. Al salone di Francoforte 2015, una versione riveduta dello stesso concept è stato presentata, mentre la versione di serie per la messa in produzione di massa è stata presentata al Salone di Ginevra 2016.[2]

Profilo[modifica | modifica wikitesto]

Il modello si basa sulla nuova piattaforma TNGA della Toyota; il nome, che è un acronimo, sta per Coupé High Rider.[3]

Oltre a un motore a benzina turbo a iniezione diretta da 116 CV da 1.2 litri con 85 kW (116 CV), la C-HR è dotata di una versione ibrida con un 1.8 litri termico a benzina, che unito a un altro elettrico eroga complessivamente 90 kW (122 CV).[4] La 1.8 Hybrid è accreditata di una percorrenza media di 26,3 km/l e di emissioni nell'ordine degli 86 g/km di CO2.

La pianificazione originale prevedeva che il modello fosse venduto col marchio Scion di Toyota in Nord America. Poi i vertici della casa nipponica hanno deciso di distribuire la C-HR direttamente attraverso il marchio Toyota in tutto il mondo.

In Italia, la C-HR che sarà ordinabile dal 1º ottobre 2016, con prime consegne entro dicembre. Tuttavia, in seguito al grande interesse suscitato dall'auto, Toyota ha lanciato già prima dell'inizio ufficiale della vendita la C-HR "First Edition": edizione limitata (e numerata) che è andata quasi esaurita in appena 10 giorni[5]. La First Edition si presenta con un look molto ricco grazie alla verniciatura bicolore argentata con tetto nero, ai vetri posteriori oscurati e ai cerchi bicolore in lega da 18". L'abitacolo è realizzato con pelle nera con finiture blu ed è dotata inoltre di volante e sedili riscaldabili con climatizzatore bizona. Il sistema multimediale Toyota Touch 2 può contare sul sistema di navigazione dotato di impianto audio JBL (quello premium in optional con 9 altoparlanti). La Toyota C-HR "First Edition" è disponibile con la sola motorizzazione ibrida.

L'auto, inizialmente sarà proposta unicamente con cambio automatico (denominato CVT per il 1.2 ed E-CVT per la 1.8), poi arriverà il manuale, soltanto per la motorizzazione 1.2. Anche la trazione integrale (AWD) è possibile averla soltanto con il 1.2 turbobenzina. La C-HR non prevede motorizzazioni diesel. Ad aprile 2017 la C-HR è disponibile anche con il cambio manuale a 6 rapporti, riservato però ad una sola versione: il 1.2 con allestimento Active.[6]

La gamma è composta da tre allestimenti: Active, Style e Lounge. L'Active offre di serie i cerchi in lega da 17”, fendinebbia, retrovisori esterni ripiegabili elettricamente e riscaldabili, specchietto retrovisore interno elettrocromatico, freno di stazionamento elettronico, Smart Entry & Push Start, Toyota Touch con telecamera posteriore e schermo da 8”, DAB, clima automatico bizona, sensore pioggia e crepuscolare e Toyota Safety Sense Plus[7], che include: Pre-Collision System (PCS) con rilevamento pedoni, Road Sign Assist (RSA), Riconoscimento segnaletica stradale, Lane Departure Alert (LDA), Auto High Beam (AHB) e Cruise Control Adattivo. La versione Style aggiunge i cerchi di lega da 18”, vetri posteriori oscurati, una livrea bicolore con tetto nero metallizzato (soltanto per questo allestimento), sedili anteriori riscaldabili, sedile guidatore con supporto lombare regolabile elettricamente, interni in tessuto Electric Blue, mentre la Lounge si caratterizza per i cerchi di lega bruniti da 18”, sensori di parcheggio anteriori e posteriori sistema di assistenza al parcheggio (parcheggio semiautomatico), i sedili in misto pelle/tessuto e finiture interne Fashion Brown. Il pacchetto Teck Pack include (solo per Style e Lounge): sistema di assistenza al mantenimento della corsia, sistema di avviso ostacoli posteriori, sistema di controllo angoli ciechi, fari posteriori oscurato, fari fendinebbia a LED, fari a LED anteriori e posteriori, frecce anteriori animate a LED. Il sistema audio Premium JBL (9 altoparlanti) e il navigatore satellitare Toyota Touch 2 with Go Plus sono optional non compresi nel Teck Pack. A fine 2017 viene introdotto l'allestimento Tred, disponibile sia per la versione 1.2 benzina, sia per la ibrida. Il nuovo allestimento offre cerchi in lega da 18”, vetri posteriori oscurati, vernice metallizzata e interni in tessuto grigio con finiture in Piano Black e sedili anteriori riscaldabili.[8]

Al di là delle maniglie delle porte posteriori (situate molto in alto e scomode da azionare per un bambino), l'auto è adatta alla famiglia. L'accessibilità e lo spazio sono abbastanza buoni, sia nel bagagliaio sia nell'abitacolo, ma chi siede dietro non apprezzerà la scarsa visuale verso l'esterno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Test Euro NCAP del 2017, su euroncap.com. URL consultato il 2 marzo 2017.
  2. ^ Toyota C-HR: dimensioni, motori e uscita del crossover compatto, su allaguida.it, 28 giugno 2016. URL consultato il 26 ottobre 2016.
  3. ^ (EN) Toyota C-HR - Car and Driver, su caranddriver.com, marzo 2016. URL consultato il 6 novembre 2016.
  4. ^ C-HR, il nuovo suv sportivo di Toyota, su motori.corriere.it, 28 giugno 2016. URL consultato il 6 novembre 2016.
  5. ^ Ticinonline - Grande richiesta per la Toyota C-HR "First Edition". URL consultato il 26 dicembre 2016.
  6. ^ Toyota C-HR: arriva il cambio manuale sul 1.2. URL consultato il 23 novembre 2017.
  7. ^ Toyota Safety Sense Plus: le dotazioni di serie C-HR | Gruppo Emme3, in Gruppo Emme3, 3 dicembre 2016. URL consultato il 3 dicembre 2016.
  8. ^ Toyota C-HR, arriva il nuovo allestimento Trend, in OmniAuto.it. URL consultato il 23 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili