Peugeot 308 (2013)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Peugeot 308
Peugeot 308 82 VTi Active (II) – Frontansicht, 4. Januar 2014, Düsseldorf.jpg
Descrizione generale
Costruttore Francia  Peugeot
Tipo principale Berlina 2 volumi
Altre versioni Station wagon
Produzione dal 2013
Sostituisce la Peugeot 308 (2007)
Premio Auto dell'anno nel 2014
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza da 4253 a 4585 mm
Larghezza da 1800 a 1804 mm
Altezza da 1451 a 1471 mm
Passo da 2620 a 2730 mm
Massa da 1075 a 1315 kg
Altro
Assemblaggio Sochaux e Mulhouse (F)
Stile Gilles Vidal
Stessa famiglia Citroën C4 Picasso II
Auto simili Citroën C4
Fiat Bravo
Ford Focus
Opel Astra
Renault Mégane
SEAT León
Toyota Auris
Volkswagen Golf
Peugeot 308 82 VTi Active (II) – Heckansicht, 4. Januar 2014, Düsseldorf.jpg

La Peugeot 308 (nome in codice T9)[1] del 2013 è la seconda serie della 308, un'autovettura prodotta a partire dal 2013 dalla casa automobilistica francese Peugeot. Nel marzo 2014 si aggiudica il riconoscimento europeo di Auto dell'anno.[2]

Profilo e storia[modifica | modifica wikitesto]

Debutto[modifica | modifica wikitesto]

La 308 seconda serie fu svelata al pubblico durante l'estate del 2013 ma è settembre del 2013 il mese del debutto vero e proprio della vettura, che avviene il 12 settembre al Salone di Francoforte; il 21 settembre entra ufficialmente in commercio nel mercato europeo.

La 308 seconda serie è la prima Peugeot a conservare la stessa denominazione da una generazione all'altra: la logica fino a quel momento adottata dalla casa di Sochaux per i suoi modelli vorrebbe che questo nuovo modello si chiamasse 309. Ma in realtà, con la crescita e lo sviluppo di nuovi mercati emergenti (Cina, India, ecc), venne stabilito un nuovo criterio per la nomenclatura dei modelli Peugeot. Dal 2012 i modelli commercializzati in Europa ed in altri mercati già affermati manterranno il suffisso 08 anche nel passaggio da una serie all'altra. Lo stesso criterio viene adottato per i mercati emergenti, ma i modelli, oltre ad essere differenti (anche strutturalmente) e ripensati per le esigenze di tali mercati, avranno una denominazione terminante in 01. Il primo modello ad adottare tale criterio è stata la 301 del 2012 (da non confondere con la 301 di ottant'anni prima), che a dispetto della sigla viene prodotta sulla base della 208 europea, ma viene commercializzata in alcuni Paesi in via di sviluppo. La 308 è stata la seconda vettura della casa del leone ad seguire tale criterio e, come già detto, la prima a mantenere invariata la propria denominazione rispetto al modello che l'ha preceduta. In realtà, un altro motivo per cui non si è seguito il vecchio criterio di denominazione dei modelli Peugeot sta nel fatto che in passato è esistito un altro modello denominato 309.

Design esterno ed interno[modifica | modifica wikitesto]

La seconda generazione della 308 si presenta con uno stile meno di rottura rispetto a quello della precedente. I designer Peugeot e il designer francese Bertrand Rapatel (interiore) sotto la direzione di Gilles Vidal, hanno disegnato un corpo vettura sempre a due volumi, di stile meno audace e più sobrio. Tra le caratteristiche generali del corpo vettura della 308, va segnalato come sia rimasta pressappoco agli stessi livelli di ingombro della precedente generazione, mentre la maggior parte della concorrenza, invece, tende a crescere di dimensioni. Ad essere precisi, la nuova generazione della 308 è leggermente più corta, più stretta e più bassa della precedente. Nonostante ciò, la vettura presenta un passo allungato di 1.2 cm.

Interni di una Peugeot 308 con guida a destra

Il frontale della 308 è caratterizzato dalla presenza di tutti quegli stilemi che dal 2010 sono entrati a far parte del nuovo corso stilistico Peugeot, ma rivisitati in chiave più moderna e per certi versi inedita. Sul cofano motore è presente il logo del leone (come sulle vetture contemporanee del marchio di Sochaux), mentre la calandra trapezoidale è di dimensioni più contenute rispetto a quella, per esempio, proposta dalla 508, ma alla quale fa eco una presa d'aria di maggior dimensioni situata al centro del paraurti. Quest'ultima presa d'aria è fiancheggiata da una coppia di alloggiamenti per i fendinebbia dove trovano posto anche le luci diurne a led. La vettura è la prima in casa Peugeot ad adottare, in alcuni allestimenti, la soluzione full-led. La vista laterale evidenzia le due nervature che alleggeriscono la fiancata, ma anche l'adozione della tecnologia a led per gli indicatori di direzione posti sulle calotte degli specchietti retrovisori esterni. Un'altra caratteristica è il disegno della linea di cintura, piuttosto alta e pronunciata rispetto al resto della fiancata. Questa, assieme alla nervatura superiore che unisce le maniglie porta, arriva ai fari posteriori dal disegno a "forma di C" e dalla trama interna a LED dal caratteristico stile ad "artiglio di leone"[3], come nella "sorella minore" 208, divenuto stilema peculiare di tutte le vetture dell'azienda francese.

Posteriore di una 308 R Concept; notare i caratteristici fari ad "artiglio di leone"

Sempre dalla sorella minore 208, la nuova 308 riprende l'impostazione del cruscotto, sistemato in posizione rialzata, sopra la linea del volante, e di forma esagonale allungata con i due strumenti principali posti alle sue estremità. Il posto guida propone una delle principali novità, vale a dire la console centrale spoglia, dotata di pochi pulsanti poiché sono tutti contenuti nell'unità i-Cockpit, praticamente un sistema multifunzione gestibile attraverso il display touch screen. Il volume del bagagliaio, pari a 420 litri a filo del lunotto, è incrementabile fino a 1.228 litri con l'abbattimento dello schienale posteriore.[4]

Struttura e motori[modifica | modifica wikitesto]

La vettura è basata sul pianale modulare EMP2, primo modello a marchio Peugeot ad utilizzarlo, debuttato nella seconda serie della Citroën C4 Picasso. Con quest'ultima, dunque, la 308 condivide la struttura di base, ma le novità stanno anche nella ricerca nel contenimento del peso, ricerca che si è tradotta nell'utilizzo di materiali più leggeri e che sta alla base del contenimento degli ingombri esterni. Uno degli esempi in tal senso è dato dal portellone posteriore realizzato in materiale termoplastico. Un altro esempio è dato proprio dalla piattaforma EMP2 che permette un risparmio di peso di 140 kg sulla precedente piattaforma.
Al suo debutto la 308 viene proposta in cinque motorizzazioni, tre a benzina e due a gasolio:

Due sono le varianti di cambio previste di serie: la 1.2 e la 1.6 HDi da 92 CV montano un cambio manuale a 5 marce, mentre le altre motorizzazioni sono abbinate ad un cambio a 6 marce, sempre manuale.[5]

Evoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Peugeot 308 R Concept

Al Salone di Francoforte, in occasione della presentazione, la 308 è stata proposta anche in veste di concept sportiva con carrozzeria bicolore. Tale concept, denominata 308-R, è equipaggiata con il 1.6 turbo da 270 CV previsto per la RCZ-R.

308 SW[modifica | modifica wikitesto]

Vista laterale di una 308 SW

Al Salone di Ginevra del 2014 è stata invece presentata la 308 SW, nuova interpretazione in chiave giardinetta della seconda generazione della 308. In questa nuova station wagon, il passo è stato allungato di 11 cm, a tutto vantaggio dell'abitabilità per i passeggeri posteriori. Ma anche la zona posteriore è stata ovviamente ridisegnata per ottenere un più ampio bagagliaio, la cui capacità nella SW passa a 610 litri (contro i 420 della berlina), ma che abbattendo il divanetto posteriore raggiunge 1.660 litri. Ciò ha comportato un aumento negli ingombri della nuova giardinetta rispetto alla vecchia: la nuova 308 SW supera in lunghezza la vecchia di 8.5 cm, e questo nonostante come già detto la nuova versione berlina sia 2 cm più corta rispetto alla vecchia. La gamma motori della SW ricalca quasi per intero quella della berlina, se si eccettua il 1.2 VTi di base, assente nella giardinetta. Questo motore, in occasione dell'ampliamento della gamma, è stato eliminato da alcuni mercati, tra cui quello italiano, ma ha continuato ad essere disponibile ad esempio in madrepatria. Analoga sorte è toccata anche al più potente 1.6 THP da 156 CV.

Il lancio della SW è stato anche l'occasione per introdurre alcuni nuovi motori: in conformità con la tendenza al downsizing, il 1.6 THP da 125 CV è stato sostituito da due motorizzazioni, vale a dire il tre cilindri 1.2 nei due livelli di potenza di 110 e 130 CV. Contemporaneamente, il 1.6 HDi da 115 CV è stato affiancato dal 1.6 BlueHDi con potenza massima innalzata a 120 CV. Al top della gamma va ad inserirsi il 2 litri BlueHDi da 150 CV, motore già montato sulla seconda generazione della C4 Picasso, che con la 308 seconda serie condivide tra l'altro anche la base meccanica ed il pianale modulare.

308 GT[modifica | modifica wikitesto]

308 SW GT del 2015

Nell'autunno del 2014 fa il suo debutto la 308 GT che, a differenza delle precedenti GT Peugeot di segmento C, è stata resa disponibile sia con motore a benzina che con motore a gasolio. Nel primo caso la vettura monta un 1.6 HP da 205 CV, mentre nel secondo è equipaggiata con un 2 litri turbodiesel da 180 CV, con tecnologia analoga all'unità da 150 CV. La 308 GT di seconda generazione è stata proposta inoltre sia con carrozzeria berlina che con carrozzeria SW. Le GT a benzina monta un cambio manuale a 6 marce, mentre quella a gasolio monta un automatico sequenziale a 6 rapporti. La primavera del 2015 ha portato con sé un'ulteriore novità, rappresentata dalla 308 BlueHDi 100, versione depotenziata della già presente BlueHDi 120. Il suo propulsore è stato appunto depotenziato da 120 a 100 CV.

308 GTi[modifica | modifica wikitesto]

Peugeot 308 GTi

Alla fine dell'estate dello stesso anno, invece, all'estremità opposta della gamma esordisce la 308 GTi: il nuovo modello, stavolta, è stato proposto in due livelli di potenza, ossia 250 e 270 CV. Quest'ultima è la motorizzazione che fino a quel momento era stata montata sulla RCZ-R e che con l'uscita di produzione della coupé francese è stata trasferita sotto il cofano della 308.[6]

La versione GTi 250 di distingue dalle altre versioni della media del leone per i fari Full LED, un differenziale elettronico autobloccante, cerchi in lega da 18 pollici a 5 razze sdoppiate, sistema di apertura senza chiavi "keyless",tecnologia start e stop,assetto ribassato di 11 millimetri, telecamera di retromarcia a colori e doppio scarico cromato, minigonne laterali, spoiler e finto estrattore d'aria posteriore, frontale con paraurti dotato di prese d'aria maggiorate e calandra con al centro il logo del leone anziché presente sul cofano come sulle versioni normali. La versione da 270 CV aggiunge rispetto a quella da 250 CV freni maggiorati Alcon con diametro da 380 millimetri all'anteriore, sedili avvolgenti in pelle alcantara, un differenziale a slittamento limitato Torsen e cerchi in lega leggera da 19 pollici.

Restyling 2017[modifica | modifica wikitesto]

A maggio 2017 viene annunciato un restyling della media francese. Meccanicamente vi sono novità motoristiche, con introduzione di una nuova unità diesel da 1.5 BlueHDi disponibili con potenza di 130 CV, che va ad affiancare ed in seguito a sostituire il 1.6 BlueHDi da 120 CV, dotato del catalizzatore SCR. Sempre presente in gamma anhe l'altro 1.6 BlueHDi, quello da 99 CV. La versione 1.5 BlueHDi da 130 CV può essere equipaggiata con il cambio automatico EAT8 a 8 rapporti della Aisin, che ora è di serie sulle motorizzazioni 2.0; sul fronte benzina sono disponibili il 1.2 PureTech da 110 e 130 dotato ora di un filtro antiparticolato, per rientrare nelle normative antiquinamento Euro 6c. Esteticamente vi sono variazioni estetiche all'anteriore con nuovo cofano motore, nuova calandra e paraurti con le luci diurne a LED che ora sono di serie su tutte le versioni. All'interno vi è un nuovo sistema di infotelematica nella console centrale con nuove funzionalità. Inoltre la vettura viene dotata di inediti dispositivi per l'assistenza e la sicurezza alla guida come il cruise control adattivo.[7]

Riepilogo caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono riepilogate le caratteristiche relative alle varie versioni previste per la gamma della seconda serie della 308.

Modello Carrozzeria Motore Cilindrata
cm³
Alimentazione Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
N°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo
(l/100 km)
Emissioni CO2/
(g/km)
Anni di
produzione
Versioni a benzina
308 1.2 VTi1 berlina a 2 volumi EB2 1199 Iniezione indiretta
multipoint
82/5750 118/2750 Manuale
5 marce
1.075 171 15"2 5 114 dal 09/20132
308 1.2 e-THP1
(110cv)
berlina a 2 volumi EB2DT Iniezione diretta +
turbocompressore
110/5500 205/1750 1.080 188 12"4 4.3 105 dal 05/2014
station wagon 1.165 13" 4.7 109 dal 05/2014
308 1.2 e-THP1
(130cv)
berlina a 2 volumi EB2DTS 130/5500 230/1750 Manuale
6 marce
1.075 206 11"6 4.3 107 dal 05/2014
station wagon 1.175 205 12"1 4.7 115 dal 05/2014
308 1.6 THP
(125cv)
berlina a 2 volumi EP6CDTD 1598 Iniezione diretta +
turbocompressore
125/6000 200/1400 1.165 203 10"4 5.6 129 09/2013-06/2014
308 1.6 THP
(156cv)
berlina a 2 volumi EP6CDT 156/6000 240/
1400-5000
218 9"1 5.9 134 09/2013-05/20152
308 1.6 THP GT berlina a 2 volumi EP6FDTX 205/6000 285/1750 1.200 235 7"5 5.6 130 dall'11/2014
station wagon 1.315 7"6 5.9 134 dall'11/2014
308 1.6 THP GTI
(250CV)
berlina a 2 volumi EP6CDTR 250/6000 330/1900-5500 1.205 250 6"2 6 139 dal 09/2015
308 1.6 THP GTI
(270CV)
berlina a 2 volumi 270/6000 1.205 6" 6 139 dal 09/2015
Versioni a gasolio
308 1.5 HDi berlina 2 volumi DV5RC 1499 Turbodiesel
common rail
130/3750 300/1750 Manuale
6 marce
1.180 204 9"8 - - dal 11/2017
station wagon 1.295 209 10" - 100 dal 11/2017
308 1.6 HDi berlina 2 volumi DV6D 1560 92/4000 230/1750 Manuale
5 marce
1.090 183 12"8 3.6 95 09/2013-03/2015
station wagon 1.180 182 11"9 4.6 102 05/2014-03/2015
308 1.6 BlueHDi 100 berlina 2 volumi DV6FD 99/3500 254/1750 1.160 186 11"3 3.6 94 dal 03/2015
station wagon 1.200 184 11"9 94 dal 05/2015
308 1.6 e-HDi berlina 2 volumi DV6C 115/3600 270/1750 Manuale
6 marce
1.160 196 11"4 3.8 100 09/2013-03/2015
station wagon 1.200 194 10"6 4.2 95 05/2014-03/2015
308 1.6 BlueHDi 120 berlina 2 volumi DV6FC 120/3500 300/1750 Manuale
6 marce3
1.185 196 9"7 3.8 98 dal 05/2014
station wagon 1.175 194 10"1 99 dal 05/20142
308 2.0 BlueHDi
(150 CV)
berlina a 2 volumi DW10FD 1997 150/3750 370/2000 Manuale
6 marce
1.315 212 8"9 4.7 105 dal 05/2014
station wagon 1.315 211 9"2 dal 05/2014
308 GT 2.0 BlueHDi
(180 CV)
berlina a 2 volumi DW10FC 180/3750 400/2000 AS/6 1.320 220 8"4 4.1 107 dall'11/2014
station wagon 1.425 218 8"9 4.2 111 dall'11/2014
Note:
1A partire dalla metà del 2014 le sigle VTi ed e-THP relative ai tricilindrici cambiano e diventano PureTech 82, 110 o 130 a seconda della potenza
2Non più disponibile per il mercato italiano a partire dal maggio 2014
3A partire dal gennaio 2015 anche con cambio automatico sequenziale a 6 rapporti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pattino alluminio per pedale dell'acceleratore Peugeot - Nuova 308 (T9), Nuova 3008 (P84) | ESHOP PEUGEOT, su ESHOP PEUGEOT. URL consultato il 07 marzo 2017.
  2. ^ da La Stampa
  3. ^ SPECIALE PEUGEOT 308: creare lo stile [VIDEO PUNTATA 1 di 3], su Motorionline.com, 15 dicembre 2016. URL consultato il 07 marzo 2017.
  4. ^ La 308 seconda serie su automobilismo.it automobilismo.it nuova 308, su automobilismo.it. URL consultato il 21 settembre 2013.
  5. ^ La 308 su omniauto.it omniauto.it nuova 308, su omniauto.it. URL consultato il 21 settembre 2013.
  6. ^ Peugeot 308 GTi, l’anima RCZ R rinasce per la famiglia [PROVA SU STRADA], su Motorionline.com, 27 giugno 2016. URL consultato il 07 marzo 2017.
  7. ^ Foto - Peugeot 308: arriva il restyling, su www.alvolante.it. URL consultato il 06 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili