Palazzo Diotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Diotti
2801MilanoPrefettura.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
Indirizzocorso Monforte, 31
Coordinate45°28′02.7″N 9°12′02.04″E / 45.467418°N 9.200566°E45.467418; 9.200566Coordinate: 45°28′02.7″N 9°12′02.04″E / 45.467418°N 9.200566°E45.467418; 9.200566
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXVIII secolo
Realizzazione
ArchitettoGiuseppe Piermarini, Giovan Battista Diotti, Pietro Gilardoni

Palazzo Diotti, noto anche come palazzo della Prefettura, è un edificio storico di Milano situato in corso Monforte n. 31.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso su cui sorse il palazzo risale fu fino alla seconda metà del XVIII secolo sede del Collegio dei Padri Somaschi, quando fu comprato da Giovan Battista Diotti, appartenente ad una famiglia di recente ricchezza che mirava mediante la commissione di un importante palazzo ad elevare il proprio status di parvenu. La costruzione iniziò nel 1782 su progetto dello stesso Diotti, architetto dilettante, per essere aiutato in seguito da Giuseppe Piermarini, che tuttavia non concluse il progetto lasciandone la conclusione a Pietro Gilardoni[1]. La fortuna della famiglia Diotti non durò tuttavia a lungo e nel 1803 fu costretta a cedere il palazzo al Regno d'Italia[2].

L'imponente fronte del palazzo è composto da due avancorpi laterali ed un corpo centrale arretrato: centrato sulla facciata è il portale a pronao tetrastilo di ordine dorico che regge un balcone, mentre il resto del pian terreno è decorato in bugnato liscio. Al piano nobile vi sono finestre decorate con architravi sovrastati da timpani triangolari, mentre al secondo piano le finestre sono decorate da semplici cornici in pietra. Degni di nota all'interno del palazzo si segnalano gli affreschi di Andrea Appiani[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lanza, p. 52
  2. ^ Lanza, p. 53
  3. ^ Mezzanotte, p. 59

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Attilia Lanza, Milano e i suoi palazzi: Porta Orientale, Romana e Ticinese, Libreria Meravigli Editrice, 1993.
  • Paolo Mezzanotte, Giacomo Bascapè, Milano nell'arte e nella storia, Milano, Bestetti 1198, 1968.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]