Macchemù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Macchemù
PaeseItalia
Anno2000
Generemusicale
Edizioni1
Puntate5
Durata120 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
Conduttore
RegiaTiziana Martinengo
Autori
  • Fabrizio Gasparetto, Max Novaresi, Chicco Sfondrini, Filippo Casaccia e Stefano Sansarella (fissi)
  • Lorenzo Campagnari (solo edizione)
  • MusicheFabio Frizzi
    ScenografiaFabrizio Anselmi
    CostumiFrancesca Schiavon
    FotografiaRiccardo Barbaglio
    Produttore
  • Oreste Sabatino (fisso)
  • Mary Scotti (solo puntata pilota)
  • Giorgio Omodei (solo edizione)
  • Casa di produzioneRTI
    Rete televisivaItalia 1

    Macchemù è stato un programma televisivo italiano di prima serata, trasmesso nel 2000 su Italia 1. Andato in onda con una puntata pilota l'11 giugno, venne confermato in autunno per un'unica edizione, composta da quattro puntate in diretta al martedì, dal 3 al 24 ottobre, dallo Studio 76 di Via Mecenate a Milano. Il nome deriva dall'abbreviazione delle prime parole del titolo Ma che musica maestro, singolo d'esordio di Raffaella Carrà (che fu anche la sigla di Canzonissima 1970).

    La puntata pilota fu condotta da Paola Barale e Alessia Marcuzzi che non venne poi riconfermata alla conduzione autunnale, lasciando come conduttrice unica del programma la sola Barale. La trasmissione vedeva anche la partecipazione fissa del comico Max Pisu nella puntata pilota mentre di Fabrizio Fontana nelle quattro autunnali.

    Il programma[modifica | modifica wikitesto]

    Struttura[modifica | modifica wikitesto]

    Macchemù consisteva in una gara tra le più famose sigle TV italiane, eseguite dal vivo in studio. La maggior parte è stata eseguita dagli interpreti originali, accompagnati dall'orchestra diretta da Fabio Frizzi. Alcune, invece, sono state cantate come cover da attori e presentatori appartenenti al mondo Mediaset, mentre la sigla di Jeeg robot d'acciaio venne cantata da Douglas "Dougie" Meakin (già cantante e autore di numerose sigle) in quanto Fogus era scomparso nel 1995.

    Il pubblico da casa (e in studio solo nella puntata pilota, in quanto tale era registrata), tramite il televoto, poteva decidere per ogni categoria quale delle sigle fosse la vincitrice di puntata, fino alla proclamazione della sigla vincitrice in assoluto (che fu quella dei Pokémon, cantata da Giorgio Vanni)[1].

    I partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

    Esibizioni degli ospiti[modifica | modifica wikitesto]

    Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

    Puntata pilota[modifica | modifica wikitesto]

    Data Telespettatori Share Ospite
    13 giugno 2000 3.283.000 14,54%[5] Renzo Arbore

    L'edizione[modifica | modifica wikitesto]

    Puntata Data Telespettatori Share Ospiti
    1
    3 ottobre 2000[6] 2.869.000 10,98% Paolo Bonolis
    2
    10 ottobre 2000[7] 2.583.000 10,11% Marco Columbro e Sandra Mondaini
    3
    17 ottobre 2000[8] 3.355.000 12,74% Pippo Baudo
    4
    24 ottobre 2000[9] 3.553.000 13,45% Lorella Cuccarini
    Media
    3.100.000 12,00%

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

    Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione