Guido Bagatta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Guido Bagatta (Milano, 24 maggio 1960) è un giornalista, conduttore televisivo e conduttore radiofonico italiano, nel luglio 2017 diventa presidente della Mens Sana Basket 1871 [1].

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Grande tifoso della Sampdoria, dopo aver studiato inglese e lettere negli Stati Uniti d'America presso l'Università di Santa Barbara, nel 1980, a soli 20 anni, diventa il più giovane telecronista della storia della televisione italiana, commentando la prima partita di football americano NFL per la neonata Canale 5.

Da allora, ha realizzato oltre 1000 telecronache, per Canale 5, Italia 1, Telemontecarlo, commentando in diretta 10 Superbowl e 4 finali di basket NBA. È stato inviato a nove Olimpiadi. Nel 1986 ha esordito in un programma non sportivo, partecipando a Studio 5, programma preserale di Canale 5, per poi condurre su Italia 1 Americanball, per poi passare alla neonata pay-tv Tele+, per la quale ha condotto per tre stagioni il telegiornale sportivo Sportime.

Successivamente, è passato ad Odeon TV e quindi a Telemontecarlo dove commenta il programma NBA Action prima di ritornare a Mediaset nel 1999 con la conduzione su Italia 1 di Real TV, durata per sei stagioni. Nel 2004 ha co-condotto per la Rai la prima edizione de La talpa in qualità di inviato sul posto.

Inviato di Quelli che il calcio, è stato collaboratore del canale tematico Nuvolari. Cura inoltre una rubrica fissa di televisione all'interno del settimanale Vanity fair. Dall'ottobre 2008 è tornato a commentare le partite del basket NBA, per Sportitalia, dove faceva anche coppia fissa con Dan Peterson. Inoltre gli era stata affidata anche la conduzione quotidiana di NBA News. Dal 2009, ha commentato anche l'Eurolega, in virtù dell'acquisizione dei diritti da parte del canale sportivo.

Nel 2006 ha partecipato come concorrente a Notti sul ghiaccio su Rai Uno. Nel 2009/2010, su AXN ha condotto "Real Bagatta", un programma che ricorda molto Real TV.

Nella stagione 2013/2014/2015/2016/2017 ha commentato le partite trasmesse su Italia 1 ,Italia 2 e Premium del campionato americano NFL, compreso il ProBowl e il Superbowl.

Nel 2015/2016/2017 ha condotto il gala "Capodanno on ice" trasmesso da Italia Uno in prima serata.

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Per dodici anni trasmette su Radio Deejay, dal 2007 conduce su Radio Capital il Daily bag, quotidiano di informazione alla rovescia. Dal 2009, sempre su Capital,conduce "Guido al cinema", programma dedicato al grande schermo. Dal 26 marzo 2011 conduce su R101 "Ti Guido al cinema", programma dedicato al grande schermo, con anticipazioni e novità sui trailer e sui migliori film in sala. Dal 19 gennaio 2014 torna a Radio Deejay con Guido Al Cinema, programma settimanale in onda ogni domenica dalle 13 alle 14 dedicato alle novità del "grande schermo". Dal 2015 conduce "la notte degli Oscar" in diretta su Radio Deejay,la notte dell'assegnazione delle statuette.

Opere di narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 ha pubblicato il libro Mi voleva Riley - e ho toccato Jordan, romanzo che narra la storia di un cestista italiano che approda ai Miami Heat.

Nel 2005 ha pubblicato per Baldini e Castoldi, La mia vita bassa, un libro per teenager che, in pochi mesi, ha superato le 100.000 copie di vendita.

Nell'aprile 2006 è poi arrivato Little Luca e la maschera meravigliosa, un libro di avventure per ragazzi.

Nell'ottobre 2007 è invece uscito, per Sonzogno editore, La mia nuova vita bassa, il prosieguo della vita di Carolina, nell'anno della maturità.

Per il Natale 2008, per Rizzoli, ha pubblicato "In viaggio con i Jonas Brothers", biografia del gruppo teen americano, raccontata da una ragazzina italiana durante un viaggio con l'ex fidanzato della mamma.

Nel novembre 2013 ha pubblicato,per Fabbri Editori,"L'amore è servito" romanzo che prende spunto da una serie di incontri "col carrello" in un supermercato milanese.

Nel settembre 2015 pubblica,per Cairo Editore, "72 ore" ,romanzo che racconta la storia di una sedicenne ,in fuga dal suo mondo quotidiano , per gioco e per scommessa.

Ruoli societari[modifica | modifica wikitesto]

Bagatta è anche socio fondatore di Riptide, società di produzione, sponsorizzazione, creazione di contenuti personalizzati e realizzazione di eventi, leader in Italia dei galà sul ghiaccio, con i brand "Capodanno on Ice" e "Golden skate awards". Riptide ha ideato ed organizzato tre edizioni del "Gran Gala di Scherma", manifestazione con in pedana i migliori schermitori e schermitrici mondiali, tra cui Valentina Vezzali e Margherita Granbassi. Sempre Riptide ha coorganizzato quattro edizioni della "Grande sfida", torneo di tennis che ha visto in campo, negli anni, le sorelle Williams, Maria Sharapova, John McEnroe, Ivan Lendl e moltissimi altri.

Bagatta è anche fondatore e presidente di "Taschino", società leader nella produzione di contenuti video compressi per i social, che annovera tra i suoi clienti Lamborghini, Tecnogym, Domino's Pizza, Lega basket Serie A, Peugeot e molti altri.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Bagatta ha anche calcato il parquet del Forum di Assago. Nel 1999 entra all'ultimo minuto della sfida Roosters Varese-San Antonio Spurs con il N°39. Per lui una palla persa ma tanti applausi.

  1. ^ (IT) La Nazione, Mens Sana, Guido Bagatta è il nuovo presidente - La Nazione, in La Nazione, 17 luglio 2017. URL consultato il 25 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]