Canzonissima 1970

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Canzonissima.

Canzonissima 1970
EdizioneXV
Periodo10 ottobre 1970-6 gennaio 1971
SedeTeatro delle Vittorie di Roma
PresentatoreCorrado e Raffaella Carrà
Trasmissione TVTV
Partecipanti48
VincitoreMassimo Ranieri con Vent'anni
Cronologia
19691971
Canzonissima 1970
PaeseItalia
Anno1970 - 1971
Generemusicale
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreCorrado e Raffaella Carrà
RegiaRomolo Siena
Rete televisivaRai 1

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

Per il terzo anno consecutivo la trasmissione abbinata alla lotteria Italia riprende il nome delle origini, Canzonissima. I conduttori di questa edizione saranno Corrado e la giovanissima Raffaella Carrà, forte del successo di Io, Agata e tu. Autori della trasmissione sono Sergio Paolini e Stelio Silvestri, la regia è di Romolo Siena, l'orchestra è diretta dal Maestro Franco Pisano, i costumi sono curati da Enrico Rufini, le scene sono di Tullio Zitkowsky, le coreografie di Gisa Geert.

Dopo un iniziale rifiuto dovuto alla convinzione di un eccesso di esposizione, Gianni Morandi accetterà di partecipare per la terza volta consecutiva anche a quest'edizione di Canzonissima. Dovrà vedersela con gli altri favoriti della gara Massimo Ranieri e Dalida.

Il regolamento cambia rispetto alle passate edizioni. I cantanti divisi in due terne separate, uomini e donne, saranno successivamente abbinati in coppie cumulando i punti ricevuti da ciascuno.

In questa edizione parteciperanno diversi ospiti noti che presentavano i loro film, tra cui: Franco e Ciccio, Vittorio De Sica, Alberto Sordi, Paolo Villaggio e Vittorio Gassman.

In un primo momento si decise di ammettere alle puntate successive, dopo aver raccolto anche i voti del pubblico, la prima coppia classificata nonché le tre migliori seconde classificate. Per evitare che cantanti di calibro potessero risultare penalizzati da accoppiamenti svantaggiosi con artisti meno popolari, fu stabilito di variare in corso d'opera il regolamento e di ammettere alle semifinali tutte le coppie seconde classificate. Si decide, per ridurre i costi di produzione, di limitare a tredici le puntate complessive contro le quindici tradizionali.

La sigla iniziale, Ma che musica maestro (testo di Paolini e Silvestri, musica di Pisano) viene cantata da Raffaella Carrà che si afferma così anche sul mercato discografico con un successo vivo ancora oggi; quella finale, Dove vai, è invece presentata dai Dik Dik.

Prima fase - Le eliminatorie[modifica | modifica wikitesto]

Sono evidenziati in grassetto i finalisti.

Prima puntata (10 ottobre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Seconda puntata (17 ottobre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Terza puntata (24 ottobre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Quarta puntata (31 ottobre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Quinta puntata (7 novembre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Sesta puntata (14 novembre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Seconda fase - Le semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Sono evidenziati in grassetto i finalisti.

Settima puntata (21 novembre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Ottava puntata (28 novembre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Nona puntata (5 dicembre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Terza fase - Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Sono evidenziati in grassetto i finalisti.

Decima puntata (12 dicembre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Undicesima puntata (19 dicembre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Finalissime[modifica | modifica wikitesto]

Nelle ultime due puntate vengono presentate le canzoni arrivate in finale, e la scaletta è la stessa per le due puntate.

Dodicesima puntata (26 dicembre 1970)[modifica | modifica wikitesto]

Tredicesima puntata (6 gennaio 1971)[modifica | modifica wikitesto]

  • Orietta Berti - Ah, l'amore che cos'è
  • Mino Reitano - Una ferita in fondo al cuore
  • Iva Zanicchi - Una storia di mezzanotte
  • Massimo Ranieri - Vent'anni
  • Caterina Caselli - Viale kennedy
  • Claudio Villa - Non è la pioggia
  • Marisa Sannia - La primavera
  • Gianni Morandi - Capriccio

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

  1. Massimo Ranieri - Vent'anni (Cartoline: 1.328.255/ Punti cartoline: 161,40/ Voti giurie: 213/ TOTALE: 374.40)
  2. Gianni Morandi - Capriccio (Cartoline: 917.353/ Punti cartoline: 111.47/ Voti giurie: 62/ TOTALE: 173.47)
  3. Mino Reitano - Una ferita in fondo al cuore (Cartoline: 530.969/ Punti cartoline: 64,52/ Voti giurie: 83/ TOTALE: 147.52)
  4. Claudio Villa - Non è la pioggia (Cartoline: 599.453/ Punti cartoline: 72.84/ Voti giurie: 42/ TOTALE: 114.48)
  5. Orietta Berti - Ah, l'amore che cos'è (Cartoline: 393.603/ Punti cartoline: 47.83/ Voti giurie: 35/ TOTALE: 82.83)
  6. Iva Zanicchi - Una storia di mezzanotte (Cartoline: 170.013/ Punti cartoline: 20,66/ Voti giurie: 25/ TOTALE: 45.66)
  7. Marisa Sannia - La primavera (Cartoline: 101.501/ Punti cartoline: 12.33/ Voti giurie: 28/ TOTALE: 40.33)
  8. Caterina Caselli - Viale Kennedy (Cartoline: 73.695/ Punti cartoline: 8.95/ Voti giurie: 12/ TOTALE: 20.95)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]