Max Pisu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Max Pisu nel 2010

Max Pisu, all'anagrafe Massimo Pisu (Legnano, 23 gennaio 1965), è un comico, cabarettista e attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Comincia fin da adolescente ad esibirsi da dilettante nelle attività di oratorio. Grazie a Gianni Cajafa arriva alla recitazione comica professionale,

Debutta nel 1991 nel locale milanese La corte dei miracoli.

Nel 1998 porta per la prima volta il personaggio di «Tarcisio», un ragazzo dell'oratorio, a Zelig, dove rimane fino al 2003.

Nel 2000-2002 e nel 2004 partecipa alla trasmissione Guida al campionato.

Nel 2003 presenta su Rai 2 con Valeria Marini lo show BravoGrazie e successivamente Un disco per l'estate, Fabbrica del sorriso (2003), Notte mediterranea (2003-2006), Due sul divano (2005) e altri.

Debutta al cinema nel 1999 nei panni di Tarcisio in La grande prugna di Claudio Malaponti, insieme a Enzo Iacchetti, Sandro Ciotti, Natasha Stefanenko e a molti altri protagonisti di Zelig.

Partecipa a pellicole di Aldo, Giovanni e Giacomo in ruoli minori e recita accanto a Rupert Everett nel film South Kensington (2001). Nel 2004 interpreta Walter nel film In questo mondo di ladri e partecipa a Box Office 3D - Il film dei film (2011) con Ezio Greggio e Gigi Proietti.

Nel 2013 ha pubblicato il libro "Max quanto basta. Avventure e ricette per scoprire che il cibo è anche buonumore[1]", edito da Gribaudo, scritto con Carlo Casti. Attualmente ha una società produttrice di vino con Lorenzo Minotti, ex calciatore del Parma[2].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nessun legame di parentela lo lega con l'attore Raffaele Pisu, col quale ha solo in comune il cognome.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 - Premio Città di Milano-Gianni Magni
  • 1996 - Premio Petrolini – Bravograzie
  • 1997 - Premio Ugo Tognazzi
  • 2000 - XXVIII Premio satira politica per il cabaret
  • 2003 - Premio Walter Chiari
  • 2007 - Premio Sportilia
  • 2017 - Premio al merito civico città di Legnano[3]

Spettacoli televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Trasmissioni radiofoniche[modifica | modifica wikitesto]

  • Anche la domenica (1996)
  • Da dove chiama (1997)
  • Amichevolmente vostra (Radio Italia) (1997)
  • Testimonial spot Lega Anti-abbandono animali (1999)
  • Bar Stadio alla radio (2006)
  • Fair Play (2006)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999/2000 - Tarcisio
  • 2000-2002 - Tarcisioscopia
  • 2002-2003 - Anche alle balene piacciono le carezze
  • 2003-2005 - Certe cose ti segnano
  • 2006-2007 - Autogrill
  • 2012 - Amnesie
  • 2016 - Forbici e follia
  • 2017 - Sabbie mobili

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Max Pisu, Max quanto basta. Avventure e ricette per scoprire che il cibo è anche buonumore, ISBN 978-8858009833.
  2. ^ Biografia di Max Pisu, su cinquantamila.it.
  3. ^ Max Pisu cittadino benemerito di Legnano, su varesenews.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9222733 · SBN IT\ICCU\TO0V\388143 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003057266