Max Pisu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Max Pisu nel 2010

Max Pisu, all'anagrafe Massimo Pisu (Legnano, 23 gennaio 1965), è un attore, cabarettista e personaggio televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Comincia fin da adolescente ad esibirsi da dilettante nelle attività di oratorio. Grazie a Gianni Cajafa arriva alla recitazione comica professionale,

Debutta nel 1991 nel locale milanese La corte dei miracoli.

Nel 1998 porta per la prima volta il personaggio di «Tarcisio» a Zelig, dove rimane fino al 2003.

Nel 2000-2002 e nel 2004 partecipa alla trasmissione Guida al campionato.

Nel 2003 presenta su Rai 2 con Valeria Marini lo show BravoGrazie e successivamente Un disco per l'estate, Fabbrica del sorriso (2003), Notte mediterranea (2003-2006), Due sul divano (2005) e altri.

Debutta al cinema nel 1999 nei panni di Tarcisio in La grande prugna di Claudio Malaponti, insieme a Enzo Iacchetti, Sandro Ciotti, Natasha Stefanenko e a molti altri protagonisti di Zelig.

Partecipa a pellicole di Aldo, Giovanni e Giacomo in ruoli minori e recita accanto a Rupert Everett nel film South Kensington (2001). Nel 2004 interpreta Walter nel film In questo mondo di ladri e partecipa a Box Office 3D - Il film dei film (2011) con Ezio Greggio e Gigi Proietti.

Nel 2013 ha pubblicato il libro "Max quanto basta. Avventure e ricette per scoprire che il cibo è anche buonumore[1]", edito da Gribaudo, scritto con Carlo Casti. Attualmente ha una società produttrice di vino con Lorenzo Minotti, ex calciatore del Parma[2].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nessun legame di parentela lo lega con l'attore Raffaele Pisu, del quale hanno solo in comune il cognome.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 - Premio Città di Milano-Gianni Magni
  • 1996 - Premio Petrolini – Bravograzie
  • 1997 - Premio Ugo Tognazzi
  • 2000 - XXVIII Premio satira politica per il cabaret
  • 2003 - Premio Walter Chiari
  • 2007 - Premio Sportilia
  • 2017 - Premio al merito civico città di Legnano[3]

Spettacoli televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Trasmissioni radiofoniche[modifica | modifica wikitesto]

  • 1996 - Anche la domenica
  • 1997 - Da dove chiama
  • 1997 - Amichevolmente vostra (Radio Italia)
  • 1999 - Testimonial spot Lega Anti-abbandono animali
  • 2006 - Bar Stadio alla radio
  • 2006 - Fair Play

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999/2000 - Tarcisio
  • 2000-2002 - Tarcisioscopia
  • 2002-2003 - Anche alle balene piacciono le carezze
  • 2003-2005 - Certe cose ti segnano
  • 2006-2007 - Autogrill
  • 2012 - Amnesie
  • 2016 - Forbici e follia
  • 2017 - Sabbie mobili

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Max Pisu, Max quanto basta. Avventure e ricette per scoprire che il cibo è anche buonumore, ISBN 978-8858009833.
  2. ^ Biografia di Max Pisu, su cinquantamila.it.
  3. ^ Max Pisu cittadino benemerito di Legnano, su varesenews.it.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàSBN IT\ICCU\TO0V\388143