Governatore di Pontelagolungo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Governatore di Pontelagolungo
Governatore di Pontelagolungo.png
Stephen Fry interpreta il Governatore nell'adattamento cinematografico di Peter Jackson
UniversoArda
Lingua orig.Inglese
AutoreJohn Ronald Reuel Tolkien
1ª app. inLo Hobbit
Ultima app. inLo Hobbit
Interpretato daStephen Fry
Voce italianaMassimo Lopez
SpecieUmano
SessoMaschio
ProfessioneGovernatore di Pontelagolungo

Il Governatore di Pontelagolungo (Master of Lake-town in lingua originale), è un personaggio di Arda, l'universo immaginario creato dallo scrittore inglese J.R.R. Tolkien. Compare solo nel romanzo Lo Hobbit.

All'interno del corpus dello scrittore, il Governatore è il capo della città di Pontelagolungo, uno dei luoghi in cui si svolge Lo Hobbit. Il suo nome è sconosciuto.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto evidentemente abbozzata, la descrizione di Tolkien del Governatore ritrae una persona avida, falsa, egocentrica, interessata esclusivamente al commercio, ai pedaggi, ai carichi e all'oro, e proprio a questo deve la sua posizione[1]. Nel progredire de Lo Hobbit, si nota come il personaggio sia incline ai trabocchetti e a mettere sempre i propri interessi e la propria sicurezza davanti a quelli di chi lo ha eletto. Infatti non esita a fuggire da Pontelagolungo durante l'attacco di Smaug, abbandonando tutti i cittadini della città[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lo Hobbit.

Il Governatore di Pontelagolungo appare per la prima volta nel capitolo X Un'accoglienza calorosa, quando riceve Thorin Scudodiquercia e la sua compagnia. Thorin rivela di essere il legittimo Re Sotto la Montagna e promette al popolo grandi ricchezze, nel caso lui e la sua compagnia uccidessero Smaug. Il Governatore considera Thorin un impostore, ma decide di far finta di credere nelle sue parole per assecondare l'entusiasmo della folla[1]. Dopo quindici giorni, quando Thorin e la sua compagnia partono per Erebor, il Governatore riconosce di aver avuto torto sul conto di Thorin. La partenza dei nani, tuttavia, non dispiace al Governatore, poiché il loro arrivo aveva creato un'atmosfera da lunga vacanza in cui gli affari ristagnavano[3].

Quando Smaug attacca Pontelagolungo, il Governatore tenta di mettersi in salvo imbarcandosi sulla sua gran barca dorata[2]. Dopo la morte di Smaug per mano di Bard l'Arciere, il popolo si scaglia contro il Governatore e loda Bard come nuovo signore. Il Governatore, per salvarsi dalle accuse della folla, dirotta quella rabbia verso i nani che hanno risvegliato il drago[4].

Il Governatore non combatte nella Battaglia dei Cinque Eserciti, ma rimane a Pontelagolungo per dirigere la ricostruzione della città con l'aiuto di artigiani e molti elfi ingegnosi[5]. Alla fine del romanzo, il Governatore contrae "la malattia del drago" e, colto da una bramosia insaziabile, fugge con la maggior parte dell'oro che Bard gli aveva donato per aiutare la gente del lago, morendo solo e affamato nel deserto[6].

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Il Governatore di Esgaroth è apparso in molti adattamenti cinematografici e radiofonici dello Hobbitt. John Bryning ha doppiato il personaggio nell'adattamento radio della BBC The Hobbit (1968).

Nella trilogia de Lo Hobbit diretta da Peter Jackson, il ruolo del Governatore è interpretato da Stephen Fry[7], con la voce italiana di Massimo Lopez. Compare nel secondo e terzo film della trilogia. Nei film vengono esaltate l'avarizia, la goffaggine e la crudeltà del Governatore già presenti nel libro, facendone un ritratto parodistico degli uomini di potere egoisti e corrotti. Il Governatore ha riunito attorno a sé il poco oro rimasto alla Città del Lago che tiene in scacco con le sue guardie ed è assistito fedelmente dal suo consigliere Alfrid. Come nel libro, il Governatore accoglie con gioia i nani e li aiuta a raggiungere la Montagna ma in realtà li disprezza e spera che vengano mangiati da Smaug. Rispetto al romanzo, il Governatore rimane schiacciato da Smaug durante l'attacco alla città ed è Alfrid a fare la sua parte dopo il disastro di Pontelagolungo[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b J.R.R. Tolkien, p. 225
  2. ^ a b J.R.R. Tolkien, p. 282
  3. ^ J.R.R. Tolkien, p. 229
  4. ^ J.R.R. Tolkien, pp. 285-286
  5. ^ J.R.R. Tolkien, pp. 288-289
  6. ^ J.R.R. Tolkien, p. 342
  7. ^ Stephen Fry nello Hobbit, BadTaste.it, 19 maggio 2011. URL consultato il 31 dicembre 2014.
  8. ^ Le differenze tra Lo Hobbit di Peter Jackson e quello di Tolkien, canalecinema.it, 21 dicembre 2014. URL consultato il 30 dicembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Tolkien Portale Tolkien: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Tolkien