Glenn Peter Strömberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glenn Peter Strömberg
Glenn Strömberg.png
Dati biografici
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 191[1] cm
Peso 85[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista, difensore
Ritirato 1992
Carriera
Giovanili
Lerkils IF
Squadre di club1
1976-1982 IFK Goteborg IFK Göteborg 97 (9)
1983-1984 Benfica Benfica 32 (10)
1984-1992 Atalanta Atalanta 219 (18)
Nazionale
1982-1990 Svezia Svezia 52 (7)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Glenn Peter Strömberg (Göteborg, 5 gennaio 1960) è un ex calciatore svedese, di ruolo centrocampista o libero, attualmente commentatore sportivo televisivo per la tv svedese.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Strömberg all'Atalanta nel campionato 1984-1985, in contrasto su Michel Platini.

Cresciuto nelle giovanili del Lerkils IF, ha giocato dal 1976 al 1982 nella massima serie svedese nelle file dell'IFK Göteborg, totalizzando 97 presenze e 9 gol in campionato e vincendo la Coppa UEFA nella stagione 1981-1982 e il campionato svedese nel 1982.

Nel gennaio 1983 è passato al club portoghese del Benfica, con cui ha disputato due campionati, per un totale di 32 presenze e 10 gol, disputando anche un'altra finale di Coppa UEFA e vincendo un campionato.

Nel 1984 si è trasferito in Italia, all'Atalanta, dove ha chiuso la carriera nel 1992, dopo aver annunciato il suo ritiro a febbraio dello stesso anno[2] e dopo otto stagioni (tutte in Serie A, tranne una in Serie B). Ha preso parte alle partite dell'Atalanta in Coppa delle Coppe nella stagione 1987-1988, fermatasi in semifinale contro i belgi del K.V. Mechelen. Con l'Atalanta ha totalizzato 185 presenze e 15 gol in Serie A e 34 presenze e 3 gol in Serie B.

Conta anche diverse presenze nella Nazionale svedese, con cui ha partecipato ai Mondiali del 1990 in Italia. Nel 1985 è stato nominato calciatore svedese dell'anno, vincendo il Guldbollen.

Al termine della carriera agonistica è rimasto in Italia e, da grande appassionato di cucina italiana, ha lanciato nel suo paese d'origine un marchio di prodotti italiani, chiamati proprio come lui.[3]

Viene considerato da tutti i tifosi neroazzurri il capitano storico e simbolo dell'atalantinità, ciò è stato testimoniato dalla spettacolare coreografia della curva nord dell'Atalanta in occasione dell'ultimo match di campionato 2011-2012 in cui sono state esibite sette bandiere con impresso il nome dei sette storici capitani della squadra bergamasca. Da notare come proprio la bandiera di Strömberg sia al centro della curva per ribadire un'ulteriore volta che è proprio lui il più amato di sempre della ultracentenaria storia dell'Atalanta Bergamasca Calcio.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

IFK Göteborg: 1978-1979, 1981-1982
IFK Göteborg: 1982
Benfica: 1982-1983
Benfica: 1983-1984

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

IFK Göteborg: 1981-1982

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1985

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 7 (1990-1991), Panini, 18 giugno 2012, p. 28.
  2. ^ Stromberg a giugno smetterà in Il Corriere della Sera, 7 febbraio 1992. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  3. ^ Stromberg tra microfoni e cibi italiani, Eco di Bergamo.it.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]