Yellow Red Koninklijke Voetbalclub Mechelen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da K.V. Mechelen)
Jump to navigation Jump to search
K.V. Mechelen
Calcio Football pictogram.svg
KVMechelen.png
Malinwa
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Giallo e Rosso Strisce-Flag.svg giallo-rosso
Dati societari
Città Malines
Nazione Belgio Belgio
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Belgium (civil).svg URBSFA/KBVB
Fondazione 1904
Presidente Belgio Johan Timmermans
Allenatore Belgio Wouter Vrancken
Stadio Argosstadion Achter de Kazerne
(14.145 posti)
Sito web www.kvmechelen.be
Palmarès
Coppa delle Coppe Supercoppa europea
Titoli nazionali 4 Campionati belgi
Trofei nazionali 1 Coppa del Belgio
Trofei internazionali 1 Coppe delle Coppe
1 Supercoppe UEFA
Si invita a seguire il modello di voce

Il Yellow Red Koninklijke Voetbalclub Mechelen, noto anche come KV Mechelen, chiamato comunemente Mechelen o a volte anche con il nome francese Malines, è una società calcistica belga con sede nella città di Mechelen. Gioca nella Tweede klasse, la seconda serie del calcio belga.

Fondato nel 1904, ebbe il suo periodo migliore verso la fine degli anni ottanta, quando riuscì ad affermarsi anche a livello internazionale con la vittoria della Coppa delle Coppe 1987-1988 e della Supercoppa europea 1988.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Mechelen viene fondato nel 1904, pochi mesi dopo la nascita dei rivali del Racing Mechelen. Disputa per la prima volta il massimo campionato belga nella stagione 1921-22 classificandosi ultimo e venendo subito retrocesso. In generale gli anni venti sono caratterizzati da continui passaggi dalla prima alla seconda categoria e viceversa. Dalla fine del decennio, però, riesce a rimanere in prima divisione con continuità, e conquista anche un secondo posto nella stagione 1930-31, finendo alle spalle dell'Anversa.

Durante la Seconda guerra mondiale il campionato non si disputa con regolarità, ma il Mechelen conquista il suo primo titolo nazionale nel campionato 1942-43. Dopo la fine della guerra arrivano altri due titoli, nella stagione 1945-1946 e in quella 1947-1948. Dopo qualche buon piazzamento negli anni a seguire, il Mechelen disputa per la prima volta la finale della Coppa nazionale nel 1954. La partita, disputata contro lo Standard Liegi, viene però persa 3-1.

Dopo due sole stagioni, al termine del campionato 1955-56, la squadra retrocede in seconda divisione, tornando a disputare il massimo campionato nella stagione 1963-1964. Questa si conclude però con un'altra retrocessione, ma il Mechelen torna immediatamente al livello superiore, e nel 1967 disputa un'altra finale di Coppa, venendo però nuovamente sconfitto dallo Standard. Due anni dopo si assiste ad una nuova caduta in seconda divisione, e anche negli anni settanta la squadra non riesce ad esprimersi ad alti livelli, così come nella prima parte degli anni ottanta, tornando stabilmente in prima divisione nel 1983.

Rutjes ed Emmers, fra i protagonisti del competitivo Mechelen di fine anni 1980, sorridenti al termine della vittoriosa semifinale di Coppa delle Coppe 1987-1988.

Le cose cambiano decisamente verso la fine del decennio: il Mechelen ottiene un secondo posto nel campionato 1986-1987, e nella stessa stagione conquista anche la Coppa nazionale per la prima volta, battendo 1-0 il Liegi in finale. Grazie a questo trofeo il club disputa la Coppa delle Coppe 1987-88: grazie anche ai gol di Eli Ohana e Piet den Boer, e all'apporto, tra gli altri, di giocatori come Michel Preud'homme e Erwin Koeman la squadra centra al primo tentativo la vittoria del prestigioso trofeo. I belgi incontrano in semifinale una sorprendente Atalanta, squadra disputante in quella stagione il campionato di Serie B, e vincono entrambe le partite per 2-1. Il Mechelen accede così alla finale di Strasburgo, dove incontra l'Ajax, e conquista la coppa vincendo la partita 1-0 con un gol dell'olandese den Boer al 53'.

La stagione successiva si apre con la conquista della Supercoppa europea, che il Mechelen conquista sconfiggendo nel doppio confronto un'altra squadra olandese, il PSV, in cui milita Ronald Koeman, fratello di Erwin. I belgi partecipano nuovamente alla Coppa delle Coppe da campioni in carica, eliminando tra gli altri i connazionali dell'Anderlecht, ma si devono arrendere in semifinale alla Sampdoria, che riesce a rimontare con un 3-0 a Genova il 2-1 subito in Belgio. Ad ogni modo la stagione si conclude con la conquista del quarto titolo nazionale. La squadra può così partecipare alla Coppa dei Campioni 1989-1990, dove viene però eliminato nei quarti dal Milan: nella partita di andata in casa il Mechelen ottiene uno 0-0 contro i campioni in carica, ma nella partita di ritorno al Meazza gli italiani riescono a vincere la partita 2-0 ai tempi supplementari.

Negli anni immediatamente successivi la squadra disputa altre due finali di Coppa del Belgio, mentre in campionato riesce in un primo tempo a classificarsi nella parte alta della classifica, riuscendo anche a disputare nella prima metà degli anni novanta quattro edizioni della Coppa UEFA; tra queste quella in cui riesce ad avanzare maggiormente è l'edizione 1993-94, l'ultima, dove viene eliminato negli ottavi dal Cagliari, che esce vincitore in entrambe le gare.

La squadra retrocede però al termine del campionato 1996-1997. Gli anni seguenti sono caratterizzati da continui cambi di categoria tra la prima e la seconda divisione, fino al 2003 quando, retrocesso in seconda divisione non riesce ad iscriversi al campionato, ed è costretto a ripartire dalla terza divisione. Il 10 giugno 2007 la squadra viene promossa nella Jupiler League, mentre nel 2009 torna in finale nella coppa nazionale, ma viene sconfitto 2-0 dal Genk.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del KV Mechelen
  • 1904: fondazione del club
  • 1904-1905 ·
  • 1905-1906 ·
  • 1906-1907 ·
  • 1907-1908 ·
  • 1908-1909 ·
  • 1909-1910 ·

  • 1910-1911 · 4º in Promotion.
  • 1911-1912 · 4º in Promotion.
  • 1912-1913 ·
  • 1913-1914 · 3º in Promotion.
  • 1914-1915 · Non disputato
  • 1915-1916 · Non disputato
  • 1916-1917 · Non disputato
  • 1917-1918 · Non disputato
  • 1918-1919 · Non disputato
  • 1919-1920 · 7º in Promotion.

  • 1920-1921 1uparrow green.svg 2º in Promotion.. Promosso in Division 1
  • 1921-1922 1downarrow red.svg 14º in Division 1. Retrocesso in Promotion
  • 1922-1923 · 4º in Promotion.
  • 1923-1924 1uparrow green.svg 2º in Promotion.. Promosso in Division 1
  • 1924-1925 1downarrow red.svg 13º in Division 1. Retrocesso in Promotion
  • 1925-1926 1uparrow green.svg 1º in Promotion.. Promosso in Division 1
  • 1926-1927 1downarrow red.svg 13º in Division 1. Retrocesso in Division 1
  • 1927-1928 1uparrow green.svg 1º in Division 1.. Promosso in Division d'Honneur.
  • 1928-1929 · 6º in Division d'Honneur.
  • 1929-1930 · 11º in Division d'Honneur.


  • 1940-1941 · Non disputato
  • 1941-1942 · 10º in Division d'Honneur.
  • 1942-1943 Belgio Campione del Belgio (1º titolo).
  • 1943-1944 · 5º in Division d'Honneur.
  • 1944-1945 · Non disputato
  • 1945-1946 Belgio Campione del Belgio (2º titolo).
  • 1946-1947 · 3º in Division d'Honneur.
  • 1947-1948 Belgio Campione del Belgio (3º titolo).

Finalista nella Coppa del Belgio.
  • 1954-1955 · 9º in Division I.
  • 1955-1956 1downarrow red.svg 14º in Division I. Retrocesso in Division 2
  • 1956-1957 · 8º in Division 2.
  • 1957-1958 · 3º in Division 2.
  • 1958-1959 · 5º in Division 2.
  • 1959-1960 · 5º in Division 2.

  • 1960-1961 · 4º in Division 2.
  • 1961-1962 · 3º in Division 2.
  • 1962-1963 1uparrow green.svg 1º in Division 2.. Promosso in Division I.
  • 1963-1964 1downarrow red.svg 16º in Division I. Retrocesso in Division 2
  • 1964-1965 1uparrow green.svg 2º in Division 2.. Promosso in Division I.
  • 1965-1966 · 6º in Division I.
  • 1966-1967 · 12º in Division I.
Finalista nella Coppa del Belgio.

  • 1970-1971 1uparrow green.svg 2º in Division 2.. Promosso in Division I.
  • 1971-1972 · 6º in Division I.
  • 1972-1973 · 5º in Division I.
  • 1973-1974 · 7º in Division I.
  • 1974-1975 · 17º in Division I.
  • 1975-1976 · 15º in Division I.
  • 1976-1977 1downarrow red.svg 17º in Division I. Retrocesso in Division 2
  • 1977-1978 · 7º in Division 2.
  • 1978-1979 · 10º in Division 2.
  • 1979-1980 · 11º in Division 2.

Primo nei play-off; 1uparrow green.svg Promosso in Division I.
Vince la Coppa del Belgio (1º titolo).
Vince la Coppacoppe.png Coppa delle Coppe.
Vince la Supercoppaeuropea2.png Supercoppa UEFA.
Semifinalista in Coppa delle Coppe
Eliminato nei quarti di finale della Coppa dei Campioni.

Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Eliminato nel primo turno della Coppa UEFA.
Finalista nella Coppa del Belgio.
Eliminato nel secondo turno della Coppa UEFA.
Eliminato negli ottavi della Coppa UEFA.
Terzo ai playoff
  • 1998-1999 1uparrow green.svg 1º in Division 2.. Promosso in Division I.
  • 1999-2000 · 13º in Division I.

Non iscritto in D2; riparte dal terzo livello.
  • 2003-2004 ·
  • 2004-2005 1uparrow green.svg 1º in Division 3.. Promosso in Division 2.
  • 2005-2006 · 13º in Division 2.
  • 2006-2007 · 2º in Division 2.
Primo nei play-off; 1uparrow green.svg Promosso in Division I.
Finalista nella Coppa del Belgio.

Cronologia dei nomi[modifica | modifica wikitesto]

  • 1904: Football Club Malinois
  • 1929: Royal Football Club Malinois
  • 1952: Koninklijke Football Club Malinois
  • 1970: Koninklijke Voetbalclub Mechelen
  • 2003: Yellow-Red KV Mechelen
  • 2003-: KV Mechelen

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1942-1943, 1945-1946, 1947-1948, 1988-1989
1986-1987
1925-1926, 1927-1928, 1962-1963 1982-1983, 1998-1999, 2001-2002
  • Terza Divisione belga: 1
2004-2005

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

1987-1988
1988

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1930-1931, 1953-1954, 1986-1987, 1987-1988, 1990-1991
Terzo posto: 1946-1947, 1989-1990, 1992-1993
Finalista: 1953-1954, 1966-1967 1990-1991, 1991-1992, 2008-2009
Finalista: 1987
Secondo posto: 1980-1981, 1986-1987
Semifinalista: 1988-1989

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del K.V. Mechelen

Vincitori di titoli[modifica | modifica wikitesto]

Calciatori campioni continentali[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del K.V. Mechelen

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni alle coppe europee[modifica | modifica wikitesto]

Tabella aggiornata al termine della stagione 2016-2017.

Competizione Partecipazioni G V N P RF RS
Champions League 1 6 2 3 1 9 3
Coppa delle Coppe 2 17 13 3 1 26 8
Coppa UEFA/UEFA Europa League 4 14 3 5 6 14 15
Supercoppa UEFA 1 1 1 0 0 3 0

Rosa 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 2 febbraio 2018.

N. Ruolo Giocatore
2 Belgio D Laurens Paulussen
3 Marocco D Ahmed El Messaoudi
4 Belgio D Seth de Witte
5 Serbia D Uroš Vitas
6 Colombia D Germán Mera
7 Belgio C Tim Matthys
8 Costa Rica C Randall Leal
9 Danimarca A Nicklas Pedersen
10 Grecia C Dīmītrīs Kolovos
11 Belgio C Mats Rits
14 Belgio C Denzel Jubitana
15 Bosnia ed Erzegovina D Edin Cocalić
16 Belgio C Rob Schoofs
17 Burkina Faso C Trova Boni
19 Montenegro A Fatos Bećiraj
21 Francia C Clément Tainmont
22 Belgio D Elias Cobbaut
N. Ruolo Giocatore
26 Belgio P Colin Coosemans
27 Burkina Faso A Hassane Bandé
28 Tunisia C Fabien Camus
29 Belgio D Jules Van Cleemput
30 Belgio D Hannes Smolders
32 Belgio P Jelle De Schoenmaeker
34 Marocco C Mohamed Zeroual
40 Mali C Yacouba Sylla
41 Burkina Faso A Abou Ouattara
44 Belgio D Maxime De Bie
47 Belgio C Andy Kawaya
49 Lussemburgo P Anthony Moris
77 Belgio C Glenn Claes
99 Francia A Nicolas Verdier
Costa d'Avorio D Mamadou Bagayoko
Croazia C Ljuban Crepulja

Stagioni precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]