Babilonia (regione storica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dingir120.jpg Dove non diversamente specificato, le date menzionate in questa voce seguono la cronologia media.
La Babilonia ai tempi di Hammurabi

La Babilonia (talvolta Babilonide; in accadico, Mât Akkadî[1]; in greco antico, Βαβυλωνία) è una regione storica del Vicino Oriente antico, che prende il nome dal suo centro più prestigioso, Babilonia.[2] I signori della città riuscirono, agli inizi del XIX secolo a.C., a istituire un regno: inizialmente la città-stato controllava solo i propri dintorni, ma nel tempo riuscì a diventare la più importante delle città amorree, fino a superare il sistema della città-stato sumere, che finiranno per rappresentare solo sedi provinciali di un potere unitario, centrato su Babilonia. Fu in quella fase che si formò l'idea di un "Paese di Babilonia" (o "la Babilonia"), che comprendeva in sé le antiche regioni di Sumer e Akkad.[3][4] L'uso di chiamare la regione con il nome della città si affermò però solo nelle età achemenide e poi ellenistica, e comunque come esonimo.[5] Dall'epoca del più importante re amorreo, Hammurabi (1792-1750 a.C.), l'area veniva infatti indicata in accadico come mât Akkadî, 'il paese degli Accadi', con un deliberato arcaismo, che si riferiva al glorioso precedente dell'Impero di Akkad[1], mentre "re di Sumer e Akkad" fu il titolo normalmente vantato dai re babilonesi, con riferimento ai due paesi il cui confine era all'altezza della città di Nippur. Erano detti "Babilonesi" (běnē bābœl, 'figli di Babilonia'[6]) solo gli abitanti della capitale.[7] In epoca cassita (XVI-XII sec. a.C.), i re del Vicino Oriente si riferivano ai re babilonesi come "re di Karduniash", un termine forse cassita in origine.[8]

Allo scopo di definire una propria cronologia, l'elenco dei sovrani babilonesi fu tramandato fin dai tempi antichi da scribi assiri e babilonesi in manoscritti (cuneiforme su tavoletta), giuntici in forma frammentaria; tali testi hanno preservato per secoli la memoria di quella straordinaria storia e oggi formano la Lista reale babilonese.[9]

Confini[modifica | modifica wikitesto]

La Babilonia era situata in Mesopotamia, nella vasta e fertile pianura alluvionale tra i fiumi Tigri ed Eufrate.[2] L'area originariamente era, come tutta la Mesopotamia, sotto il controllo di diverse città-stato sumere (e sumera fu la prima civiltà storica della Mesopotamia). Le origini del potere della città di Babilonia vanno individuate nel formarsi nell'area di un'unità etnico-linguistica amorrea (quindi semita-occidentale): la definizione della regione avvenne innanzitutto con l'opera unificatrice del sesto re della sua prima dinastia (detta Prima dinastia babilonese o "dinastia amorrea"), Hammurabi.[10][11]

Originariamente centrata soprattutto sull'Eufrate (come del resto la sua storica capitale), con le conquiste di Hammurabi la Babilonia estese i suoi confini ai domini di Eshnunna e Larsa, e fino al Mare Inferiore (Golfo Persico).[5] A sud-est confinava con l'Elam. Il suo confine a nord era poco al di sopra dell'odierna Baghdad,[2] anche se per qualche tempo le città del futuro Regno di Hana sul medio Eufrate (Mari e Terqa) ne fecero parte.[5][2] L'unificazione operata da Hammurabi riguarderà concretamente solo il territorio già oggetto di unificazione con la III dinastia di Ur, il cosiddetto "paese interno" (cioè Sumer e Akkad).[3]

La Mesopotamia prebabilonese[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Protodinastico[modifica | modifica wikitesto]

La Stele di Ushumgal, proveniente forse da Umma, che ritrae il sacerdote Ushumgal (𒀭𒃲𒁔, Dushumgal), 2900-2700 a.C.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Periodo Protodinastico (Mesopotamia).

Le prime notizie propriamente storiche dell'area della futura regione babilonese risalgono al Periodo Protodinastico (2900-2350 a.C.).[12]

Per lungo tempo, la produzione scribale si limitò a liste lessicali e alla registrazione di transazioni. Le prime iscrizioni reali rimontano al 2600, così come le prime forme di testo letterario (da Shuruppak e da Abu Salabikh, città il cui nome antico è ignoto). È solo a partire dall'ultimo secolo del Protodinastico (2450-2350) che in Mesopotamia si producono testi che rappresentino fonti utili per la storiografia moderna e comunque quasi solo in relazione alla città di Lagash.[13] La letteratura mesopotamica posteriore, in particolare quella di Ur III e quella paleo-babilonese, produrrà testi centrati su questa fase protodinastica, come la Lista reale sumerica, la Cronaca del Tummal e i cicli epici sui mitici re sumeri degli inizi, quelli su Enmerkar (Enmerkar e il signore di Aratta e Enmerkar e Enshuhgirana), quelli sul suo successore Lugalbanda (Lugalbanda nella grotta della montagna e Lugalbanda e l'uccello Anzu) e sul figlio di questi, Gilgamesh (l'Epopea di Gilgamesh). Tali testi diverranno oggetto di studio ed esercitazione nelle scuole scribali. Si tratta comunque di testi avari di reali informazioni storiche.[14]

Il Protodinastico IIIb viene anche indicato come "fase proto-imperiale", perché tra i re dell'epoca tende ad affermarsi una propensione universalistica: re la cui egemonia si presenta assai più significativa che in passato sono Lugalannemundu, re di Adab,[15] e Lugalkiginedudu, un re di Uruk che dichiara di essersi impossessato della città di Ur[16]. Il culmine di questo processo di unificazione (o regionalizzazione) del potere nell'area è rappresentato dall'operato di Lugalzaggesi, re di Uruk, che avrebbe sottomesso tutta la Bassa Mesopotamia[17] e che si attribuì il titolo di lugal kamala ('re del paese')[18], tanto da poter essere considerato il primo fondatore di un "impero".[19]

Di norma, la ricerca storica sul Periodo Protodinastico ignora il ruolo che ebbe in quella fase la città di Babilonia. Esiste però una possibile traccia della sua esistenza nel Protodinastico. Si tratta di una iscrizione in lingua paleo-accadica su pietra calcarea conservata nella Babylonian Collection dell'Università di Yale, che si suppone della fase IIIa (2600-2450 ca.). Si parla di un re di "Babbir", il cui nome non ci è pervenuto, figlio di Ahu-ilum e costruttore del tempio di Marduk (dAMAR.UTU).[20] Questo re di Babbir (ENSI BAR.KI.BAR) può agevolmente essere interpretato come "re di Babilonia" se si sposta il determinativo per toponimi KI alla fine (BAR.BAR.KI), cosa possibile se si tiene in conto la relativa libertà nell'ordine dei logogrammi che ci si riservava durante il Protodinastico nei testi delle iscrizioni monumentali. La duplicazione dei logogrammi normalmente veicolava una sottile differenza fonetica, di modo che letture come Babbar, Babra o Babbara sono possibili. Babbar (o Babbir) potrebbero essere stati antichi nomi della città e Babbil è un esito probabile (con scambio delle consonanti liquide /r/ e /l/).[20]

L'Impero di Akkad[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Impero di Akkad.
Testa in bronzo di sovrano accadico (forse Sargon o Naram-Sin)

Le imprese di Lugalzaggesi segnano la fine del Periodo Protodinastico. Egli si trova però presto ad affrontare un altro dinasta, Sargon (Šarru-kīn, 'il re è legittimo'), un homo novus che la tradizione posteriore indicherà come coppiere del re di Kish Ur-Zababa.[18][21] Sargon era un semita, membro di una popolazione nomade, proveniente, secondo la tradizione, dal deserto siro-arabico,[22] che dal nome della capitale da lui fondata, Akkad (Agade), verrà ricordata con il nome di "Accadi".[23] Genti accadiche erano presenti in Mesopotamia fin dal Proto-Dinastico II e III (2750-2350 a.C.).[22] Gli Accadi rappresentano la vistosa manifestazione storica di un fenomeno di lungo periodo, cioè la "coabitazione", in ambito mesopotamico, di popolazioni semite e sumere, coabitazione che risale almeno al IV millennio a.C.[24]

La storia della dinastia di Akkad si impresse con molta forza nell'immaginario collettivo dell'epoca e la figura di Sargon, così come quella del nipote Naram-Sin, fu oggetto di numerosissime composizioni letterarie mesopotamiche:[25][26] Sargon diventerà un modello per i successivi re mesopotamici.[27]

Fondamentale per la storia babilonese e mesopotamica futura risulta la diffusione della lingua accadica, una lingua semitica orientale, che si affermò nel tempo come lingua dell'amministrazione e delle iscrizioni reali.[26]

La Stele di Naram-Sin conservata al Museo del Louvre, Parigi (dimensioni 2x1m ca.), in pietra calcarea, celebra la vittoria del re accadico sui Lullubiti, una popolazione montana degli Zagros: il re indossa la tiara cornuta degli dèi; l'iscrizione posta sulla montagna fu poi aggiunta dal re elamita Shutruk-Nakhunte quando recò la stele a Susa.[28]

Dopo Sargon, il re più importante della dinastia accadica è suo nipote Naram-Sin.[7] Il suo regno fu caratterizzato da una scelta fondamentale, quella di farsi dio[29] e poi l'inserimento nelle iscrizione del dingir (il determinativo per le divinità) in capo al suo nome.[7]

In un suo nome di anno (RTC 118 rev., ricostruito sulla base di nomi di anno dello stesso re, RTC 86, 87 e 124[30]), Shar-kali-sharri, figlio di Naram-Sin, celebra una vittoria su una popolazione dei Monti Zagros, i Gutei, e sul loro re, Sharlak (Sarlag). Nello stesso testo, il re accadico dichiara di aver promosso la costruzione di due templi nella città di Babilonia. Il nome di anno recita così: "L'anno in cui Shar-kali-sharri pose [le fondamenta] [del] tempio di Anunitum [e del] tempio di Ilaba a Babilonia, e in cui sconfisse Sharlak, re di Gutium".[31]

«[i]n 1 šanat (mu)
šar-kà-lí-šàr-ri
[uš-šì bī]t an-nu-ni-tim
[ù bī]t ìl-a-ba4
in KÁ.DINGIRki
iš-ku-nu
ù mšar-la-ak
šarri gu5-ti-imki
ik-mi-ù»

(Traslitterazione di I. J. Gelb, citata in Lambert, p. 71.)

Questo nome di anno è la più antica menzione pervenutaci della città di Babilonia, nel testo indicata come KÁ.DINGIRki, che sarà poi una delle forme più comuni di scrittura del nome della città.[31] Poiché babu in accadico significa 'porta' (KÁ in sumero) e ilu significa 'dio' (DINGIR in sumero), l'antico nome della città (Babilu o Babili) diede occasione per uno di quei giochi di parole di cui gli antichi erano soliti godere. Un dotto gioco di parole, poiché l'interpretazione del nome della città come "porta degli dèi" era giudicata una paretimologia.[32] La forma originale del nome della città (Babbar o Babbir) avrà invece significato 'bianca', 'luminosa'.[33] Il testo parla della costruzione di due templi, anche se spesso i re sumeri e babilonesi per 'costruzione' intendevano piuttosto 'restauro' o, al più, 'ricostruzione'. In ogni caso, il testo implica che in quel tempo ci fosse già un terzo tempio, dedicato alla divinità poliade di Babilonia, cioè Marduk.[30]

Al regno di Shar-kali-sharri segue un periodo di caos, che la Lista reale sumerica dipinge con emblematiche parole ("chi era re? chi non era re?"). È il tramonto della dinastia accadica, che la tradizione attribuirà alle sortite dei Gutei.[31]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si sa molto poco della città di Babilonia nel III millennio; essa appare invece con una buona frequenza nei documenti amministrativi della Terza dinastia di Ur (2112-2004 a.C.).[30]

L'età neo-sumerica e la Terza dinastia di Ur[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Età neo-sumerica e Terza dinastia di Ur.

Dopo Shar-kali-sharri (2217-2193 a.C.), l'ultimo importante re accadico, seguì un periodo di frammentazione politica.[34]

Conclusasi l'esperienza accadica e con l'emergere del dominio guteo, le città del paese di Sumer ottennero un nuovo spazio di manovra. Particolarmente rilevanti sono i testi letterari e le statue votive relativi a Gudea, che risulta il re sumerico più noto.[35]

Bastò un singolo scontro militare perché le città-stato sumere si liberassero del giogo guteo: fu l'unico re della Quinta dinastia di Uruk, Utu-hegal (2120-2112), a sconfiggere i Gutei di Tirigan. Utu-hegal poté così ritagliarsi un potere egemonico su Sumer. Venne poi scalzato da Ur-Nammu (2112-2095), ensi di Ur (inizialmente per conto dello stesso Utu-hegal), che la Lista reale sumerica colloca in testa alla potente Terza dinastia di Ur (Ur III).[36]

Il re Shulgi raffigurato in un chiodo di fondazione

A Ur-Nammu succedette il figlio Shulgi (2094-2047). Il suo fu un lungo regno (47 anni), caratterizzato da un'intensa attività militare. Ebbe rapporti pacifici con Mari.[37] Obbiettivo delle sue iniziative militari era essenzialmente la difesa dell'Impero di Ur dai "barbari" montanari di lingua hurrita e la difesa delle vie commerciali classiche: verso Susa e l'altopiano iranico, verso l'Assiria e l'Anatolia a nord, e verso Mari e la Siria.[38]

Intorno alla metà del suo regno, Shulgi sviluppò una profonda riforma amministrativa, che peraltro già Ur-Nammu aveva avviato. Shulgi divise il paese di Sumer e Akkad (o "paese interno"[39]) in diverse province (poco più di venti) e in ciascuna pose un ensi (questo titolo significava ormai nulla più che 'governatore', anche se all'incarico venivano di norma destinati maggiorenti locali).

L'ultimo re della dinastia, Ibbi-Sin, ricevette il regno (o "impero") ancora intatto: un cinquantennio di pace interna e di omogeneizzazione amministrativa aveva reso il "paese interno" (Sumer e Akkad) un'entità etnicamente e culturalmente compatta, in cui Sumeri e Semiti coabitavano e gli unici nemici erano i barbari.[39]

Babilonia al tempo della Terza dinastia di Ur[modifica | modifica wikitesto]

È nei testi amministrativi di Ur III che la città di Babilonia appare compiutamente.[40][41][42] Sappiamo che a quei tempi la città di Babilonia era governata da un ensi e partecipava cospicuamente al sistema del bala. Più di 40 testi risalenti a questo periodo e provenienti soprattutto da Puzrish-Dagan, ma anche da Umma e da Uru-sagrig, menzionano la città. La carica di ensi veniva talvolta trasmessa ai figli, com'è il caso degli ensi Issur-ilum e Abba, figli dell'ensi Itur-ilum.[43]

Ensi di Babilonia ai tempi della Terza dinastia di Ur[44]
Ensi Re
Itur-ilum Shulgi
Issur-ilum Shulgi
Abba Shulgi
Arshi-ah Shulgi e Amar-Sin
Shiteli Amar-Sin
Puzur-Tutu Ibbi-Sin

Nei testi, la città di Babilonia è indicata come KÁ.DINGIRki (come nel nome di anno di Shar-kali-sharri), KÁ.DINGIR.RAki (dove RA indica il caso genitivo) o KÁ-DINGIR-maki[45]

Età paleo-babilonese[modifica | modifica wikitesto]

Raffigurazione paleo-babilonese della dea semitica Ishtar (Pergamon Museum, Berlino)
Bassorilievo paleo-babilonese da Ur, raffigurante una donna e un uomo (Sulaymaniyah Museum)
Il cosiddetto Adoratore di Larsa, statuetta dedicata al dio Martu da un cittadino di Larsa per la salvezza del re Hammurabi (Museo del Louvre, Parigi)

Dopo il crollo della Terza dinastia di Ur, la città di Babilonia poté instaurare una dinastia autonoma, centrata sull'elemento amorreo e per questo indicata come dinastia amorrea (o I dinastia babilonese). Gli Amorrei erano una popolazione semita seminomade che si era affacciata nella piana alluvionale già nel III millennio a.C. e che nel II millennio riuscì, dopo aver fatto propria la cultura accadica, ad imporre sui troni delle città-stato mesopotamiche alcuni suoi capi-tribù.[10] I primi re amorrei di Babilonia (Sumu-abum, 1894-1881, e Sumu-la-El, 1880-1845) riuscirono ad istituire un regno che, seppur limitato agli immediati dintorni della città, pose le basi per il futuro dominio.[5]

Il Periodo di Isin-Larsa[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo che va dal crollo della Terza dinastia di Ur alla fine della I dinastia babilonese, della durata di circa 400 anni (2004-1595), è generalmente indicato come età paleo-babilonese. La prima parte di questo periodo prende il nome di "Prima età paleo-babilonese" o di Periodo di Isin-Larsa, dal nome dei due centri (Isin, con la sua Prima dinastia, e Larsa) che nel "paese interno" ereditarono la centralità che era stata di Ur. È indicato invece come "Tarda età paleo-babilonese" il periodo che va dal 1711 al 1595, cioè il periodo successivo ai regni di Hammurabi e del figlio di questi, Samsu-iluna.[46] L'espressione "periodo intermedio babilonese" (con cui anche ci si riferisce al Periodo di Isin-Larsa) riprende la terminologia egittologica ed evidenzia una fase posta a metà tra le due unificazioni di Ur III e di Hammurabi.[47]

La caduta di Ur non determinò una immediata frammentazione politica. Nonostante la reciproca conflittualità tra città-stato, esse riconoscevano di far parte di un sistema in qualche modo comune, centrato intorno a Nippur, sorta di capitale religiosa, il cui controllo permetteva ad un sovrano di fregiarsi del titolo di Re di Sumer e Akkad (a prescindere dalla reale portata del suo potere[48]). In gran parte della Mesopotamia era in uso un calendario di Nippur, cui si riconosceva una certa ufficialità. Un altro elemento di generale coesione era la carica di alta sacerdotessa a Ur, che di norma (e fin dai tempi di Sargon), era riservata alla figlia del re. All'inizio del II millennio a.C., anche quando cambiava la dinastia dominante, la principessa-sacerdotessa in carica non veniva sostituita. È in questa fase che si consolida l'idea di una regalità che passa di città in città e si sviluppa la Lista reale sumerica[49] (o la si rimaneggia, se essa risale a Ur III).

I re della Prima dinastia di Isin cercarono di assorbire il trauma della caduta di Ur (ma anche altri elementi di discontinuità, come il passaggio dal sumerico all'accadico e il processo di amorreizzazione) attraverso un'ideologia della continuità con i re di Ur III (divinizzazione del re, titolatura, liste reali tese ad evidenziare la diretta successione). Su un piano più profondo, però, il periodo di Ur III e quello di Isin-Larsa sono effettivamente caratterizzati dalla continuità, in particolare sul piano demografico, tecnologico ed economico, proprio in una fase in cui intorno alla futura Babilonia si produssero mutamenti radicali.[47] Già con Ibbi-Sin il sistema imperiale di Ur III non poté che lasciare maggiore autonomia a vari centri, tra cui Isin, Larsa, Uruk, al nord Babilonia (i cui livelli stratigrafici paleo-babilonesi non sono accessibili), Eshnunna sulla Diyala e Der al confine con l'Elam. Al contempo, si consolidarono come formazioni statali poi di grossa portata tre centri che avevano rappresentato con Ur III importanti città di frontiera (Mari, Assur e Susa).[50]

A Larsa, dopo una serie di brevi regni, si affermò una dinastia che rimonta a Kudur-Mabuk, forse un elamita con base a Mashkan-shapir, la più orientale delle città della Babilonia centrale. Kudur-Mabuk riuscì ad installare il figlio, Warad-Sin sul trono di Larsa. Alla morte di Warad-Sin, il trono fu occupato dal fratello di questi, Rim-Sin, cui spetta il primato del regno più lungo tra quelli attestati nella storia della Mesopotamia (1822-1763).[48] Nel suo tredicesimo anno di regno, Rim-Sin sconfisse una coalizione di città (tra cui Uruk, Isin e Babilonia). Riconquistò poi Nippur, che aveva perso in favore di Isin nel suo ottavo anno di regno, e distrusse Uruk nel 1800. Nel 1793, l'unica città-stato rivale rimasta era Babilonia. Nel 1792, Hammurabi salì al trono di Babilonia.[48]

Con il periodo di Isin-Larsa emerge accanto alla tradizionale documentazione delle grandi organizzazioni palatine e templari una documentazione (soprattutto di carattere giuridico) relativa a iniziative "private" nel campo dell'agricoltura. Anche in ambito commerciale (come nel caso delle tratte che collegavano Ur e Dilmun) si viene formando un'iniziativa privata (in particolare nella fase di Larsa), analoga al commercio paleo-assiro dei karum anatolici.[51]

Dinastia amorrea: le fonti[modifica | modifica wikitesto]

Hammurabi, figura chiave per l'affermarsi della città nell'area, fu il sesto re della dinastia. Prima di lui, Babilonia era un centro come altri, che controllava direttamente un territorio prossimo alle sue mura e forse influenzava qualche centro limitrofo, in un periodo in cui protagonisti della storia mesopotamica erano il cosiddetto "Impero dell'Alta Mesopotamia" (un effimero organismo statale messo in piedi da un capo tribale amorreo, Samsi-Addu), le città-stato amorree di Eshnunna e Mari, la città-stato di Larsa, con il suo re Rim-Sin, e l'Elam.[52][11] Gli anni dal 1775 al 1760, cioè dal diciottesimo al trentaduesimo anno di regno di Hammurabi, sono il periodo meglio documentato dell'età paleo-babilonese, principalmente grazie al gran numero di lettere trovate negli archivi di Mari.[53] La cronologia della Prima dinastia di Babilonia (o Dinastia amorrea) ci è comunque nota attraverso i dati forniti dalla Lista reale B (di epoca neobabilonese), che indica i nomi dei re, la durata dei loro regni e il rapporto di parentela con i predecessori. Ci sono pervenute anche diverse liste di date relative alla Dinastia amorrea: si tratta di raccolte di nomi di anno, talvolta complete per un dato re, talvolta relative solo ad un certo periodo di regno di un dato re, talaltra a più re.[54] Il più completo testo di questo genere è la Lista di date A: prodotta durante il 16º anno di regno di Ammi-saduqa, essa giunge alla fine del regno di Samsu-iluna, settimo re della dinastia e figlio di Hammurabi. La Lista di date F è più breve (va da Hammurabi al 17º anno di regno di Ammi-saduqa) e la Lista di date B ancora più breve (da Hammurabi al 10º anno di regno di Ammi-saduqa).[54]

Re della Dinastia amorrea[modifica | modifica wikitesto]

Segue l'elenco dei re della I dinastia di Babilonia secondo la cronologia media.[55] I nomi di questi re sono amorrei, tranne quelli in corsivo, che sono accadici. Diverse etimologie dei nomi di questi re appaiono chiare. Ad esempio, il nome Sumu-la-El significherebbe 'prole certa del dio', mentre il nome Ammi-saduqa starebbe per 'il mio zio paterno è retto'. Più incerta è l'etimologia di Hammurabi: ammu dovrebbe stare per 'zio paterno' (come per Ammi-ditana o Ammi-saduqa), mentre la seconda parte è interpretabile sia come -rabi ('grande') sia come -rapi ('guaritore'). Gli studi più recenti tendono verso la forma Ammu-rapi ('il mio zio paterno è un guaritore'), ma per praticità ci si attiene poi alla forma tradizionale 'Hammurabi'. Sia come sia, è certamente notevole che l'onomastica dei re della I dinastia sia rimasta legata alle origini amorree fino alla fine.[56]

Re accadico Inizio regno Fine regno Successione
Sumu-abum Sumu-abum in Akkadian.png
Šumu-abum
1894 1881 Primo re di Babilonia secondo le liste reali A e B
Sumu-la-El Sumu-la-El in Akkadian.png
Šumu-la-el
1880 1845 Successione non chiara
Sabium Sabium in Akkadian.png
Sabūm
1844 1831 Figlio di Sumu-la-el[57]
Apil-Sin Apil-Sin in Akkadian.png
Apil-Sîn
1830 1813 Figlio di Sabium[57]
Sin-muballit Sin-Muballit in Akkadian.png
Sîn-muballit
1812 1793 Figlio di Apil-Sin[57]
Hammurabi Hammurabi in Akkadian.png
Ḫammu-rāpi
1792 1750 Figlio di Sin-muballit[57]
Samsu-iluna Samsu-Iluna in Akkadian.png
Šamšu-iluna
1749 1712 Figlio di Hammurabi[57]
Abi-esukh
(Abishi)[57]
Abi-Eshuh in Akkadian.png
Abī-ešuḫ
1711 1684 Figlio di Samsu-iluna[57]
Ammi-ditana Ammi-Ditana in Akkadian.png
Ammi-ditāna
1683 1647 Figlio di Abi-esukh[57]
Ammi-saduqa Ammi-Saduqa in Akkadian.png
Ammi-saduqa
1646 1626 Figlio di Ammi-ditana[57]
Samsu-ditana Samsu-Ditana in Akkadian.png
Šamšu-ditāna
1625 1595 Figlio di Ammi-saduqa[57]

I primi re della Dinastia amorrea[modifica | modifica wikitesto]

La Lista reale babilonese indica in Sumu-abum il primo re della dinastia. Questi controllava già la città di Babilonia e Dilbat, e sconfisse Kazallu. Il figlio e successore Sumu-la-El conquistò definitivamente Kazallu, ma anche Kish, unificando il paese di Akkad. Si formò così il regno di Babilonia e centri come Sippar, Dilbat, Marad, oltre a Kish e Kazallu, divennero centri provinciali e tali resteranno.[58] Babilonia divenne la nuova Akkad. Sumu-la-El riesumò le tradizioni sargoniche anche in direzione dell'annullamento dei debiti ("ruppe le tavolette", secondo l'espressione dell'epoca), volendo così figurare come liberatore delle città conquistate.[59]

Secondo altre interpretazioni (segnatamente quelle di Anne Goddeeris e Dominique Charpin), Sumu-abum era un importante capo amorreo, contemporaneo di Sumu-la-El, che mai avrebbe avuto Babilonia come propria capitale e che più tardi sarebbe stato posto artificialmente a capo della dinastia. Infatti, i vari re della I dinastia babilonese fanno riferimento a Sumu-la-El come proprio capostipite, mai a Sumu-abum; la Lista sincronica comincia con Sumu-la-El e non con Sumu-abum; una lettera del tardo periodo paleo-babilonese si riferisce al palazzo reale di Babilonia come al "palazzo di Sumu-la-El"; i nomi di anno che le liste attribuiscono a Sumu-abum non sono che doppioni di quelli di Sumu-la-El e di altri re dell'epoca. È solo ai tempi di Ammi-ṣaduqa che Sumu-abum viene collocato in testa alla dinastia, anche se non sono chiare le ragioni di tale manipolazione.[60]

Non ci sono pervenute iscrizioni dei predecessori di Hammurabi.[61]

Hammurabi[modifica | modifica wikitesto]

Parte superiore della stele che riporta il Codice di Hammurabi
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Hammurabi.

Gran parte del regno di Hammurabi fu caratterizzato da un'acuta conflittualità nell'area, che vide il re muoversi in una rete assai mobile di alleanze. I suoi primi nomi di anno menzionano vari scontri con i potenti vicini dell'epoca (Rim-Sin di Larsa, l'amorreo Shamshi-Adad I in Alta Mesopotamia, Eshnunna), anche se il fulcro della sua attività consisté nello sviluppo architettonico interno (canali, fortificazioni ecc.).[62] Fu solo nella parte finale del suo regno, cioè a partire dal suo trentunesimo anno, che Hammurabi mise a frutto la propria strategia diplomatica e il paziente lavoro di consolidamento, annettendo Larsa ed Eshnunna, sconfiggendo Mari (di cui aveva sfruttato le truppe quando Mari era sua alleata[63]) e ingaggiando scontri con l'Assiria.[64][65] Attesa la scomparsa di Shamshi-Adad e il tempo in cui Rim-Sin era ormai vecchio, in soli cinque anni, dal 1766 al 1761, Hammurabi unificò tutta la Mesopotamia meridionale. Gli sfuggì solo la Mesopotamia settentrionale, contro cui, nei successivi anni, organizzò due campagne, ma senza riuscire a stabilire un fermo controllo. A conclusione delle proprie imprese, Hammurabi poté fregiarsi del titolo di "Re che ha reso obbedienti le quattro parti del mondo".[63]

Da un punto di vista ideologico, Hammurabi si proponeva come "buon pastore". Nel cosiddetto Codice di Hammurabi, egli si presenta così: "Io sono il pastore che porta la pace, il cui scettro è giusto. La mia ombra benevola si spande sulla mia città. Tengo la gente delle terre di Sumer e Akkad al sicuro sul mio grembo".[66] Questa immagine del re pastore è una costante della retorica della I dinastia babilonese. Nell'iscrizione n. 7 di Hammurabi, che celebra l'edificazione di una fortezza, il re dichiara: "Ho raccolto le popolazioni disperse del paese di Sumer e Akkad. Ho installato per loro pascoli e specchi d'acqua. Li ho fatti pascolare nell'abbondanza e nella prosperità. Li ho collocati in luoghi tranquilli".[67] Non si tratta di metafore bucoliche: la figura del "re pastore" va messa in relazione agli editti di mîšarum, cioè di remissione dei debiti. L'annullamento delle pretese dei creditori permetteva ai debitori in fuga di rientrare ai propri paesi d'origine.[68]

Il Codice di Hammurabi non è di fatto esattamente un codice di leggi, quanto un'esaltazione del re come re di giustizia, che protegge le proprie genti. Del resto, nessuno dei molteplici documenti legali dell'epoca, tra cui in particolare le registrazioni di cause civili, fa riferimento alcuno al Codice di Hammurabi.[66]

Il Codice di Hammurabi offre uno spaccato della popolazione dell'epoca (XVIII secolo a.C.):[66]

  • awilum (uomini liberi, per lo più proprietari terrieri, ma anche contadini, che potevano essere asserviti per debiti senza per questo perdere il proprio status);
  • mushkenum (dipendenti regi che offrivano i loro servigi al palazzo in cambio di protezione e non detenevano mezzi di produzione);
  • wardum (schiavi che non potevano essere liberati).

Questa gerarchia sociale, da mettere in rapporto con il processo di "privatizzazione" della società mesopotamica sviluppatosi nel Periodo di Isin-Larsa, non è facilmente definibile. I mushkenum sono la categoria più oscura, dato che non è possibile chiarire quale fosse il grado effettivo di dipendenza. In generale, queste categorie non identificavano in maniera assoluta, dato che, ad esempio, un alto ufficiale era comunque uno schiavo in rapporto al re.[66]

Fine della Dinastia amorrea[modifica | modifica wikitesto]

Statua paleo-babilonese in terracotta (British Museum)

Il processo di unificazione operato da Hammurabi mostrò segni di debolezza già con il successore, il figlio Samsu-iluna, costretto a contenere rivolte che finiranno per restringere l'area effettivamente controllata da Babilonia. In particolare, al nord la presa babilonese sui centri del medio Eufrate (Terqa e Mari) non fu sufficientemente forte da evitare la disgregazione.[69] Terqa e Mari, nell'area del futuro Regno di Khana (o Hana) si resero indipendenti[70], mentre nel "paese interno" cominciava la penetrazione di una popolazione montanara proveniente dagli Zagros, i Cassiti.[5] Al sud, una rivolta di grandi proporzioni fu condotta da un uomo che si fece chiamare Rim-Sin, come il vecchio re di Larsa, e che riuscì a farsi nominare re di Larsa, Ur e Nippur. Un Rim-Anum si fece re a Uruk, ma poi passò dalla parte di Babilonia.[71] Nel Paese del Mare, vari centri si spopolarono (tra problemi economici e forse ambientali).[72] Nel decimo o undicesimo anno di regno di Samsu-iluna le città meridionali smisero di usare i suoi nomi di anno per datare i documenti. Nel suo trentesimo anno, Nippur e altre città della Babilonia centrale si liberarono del suo controllo.[71]

È comunque in questo periodo che Babilonia si confermò unico centro politico dell'area, mentre il dio cittadino Marduk veniva elevato al colmo del pantheon babilonese.[72] La I dinastia di Babilonia, nell'arco dei 150 anni successivi alla morte di Hammurabi, riuscirà a difendere il nucleo del regno, perdendo in particolare il sud, dove, intorno al 1720 a.C.[73], si impose una poco conosciuta dinastia, individuata dalla Lista reale babilonese come I dinastia del Paese del Mare.[70] Questa dinastia s'impadronì di alcune città meridionali, ma l'area piombò in breve in un'età oscura. Proprio lo spopolamento della Babilonia centrale e meridionale ha contribuito in modo decisivo alla preservazione di moltissimi manoscritti contenenti copie dei testi letterari sumeri a noi pervenuti.[71]

In ultima analisi, dunque, l'unificazione operata da Hammurabi riguarderà concretamente solo il territorio già oggetto di unificazione con la III dinastia di Ur, il cosiddetto "paese interno", ma al contempo metterà fine in quell'area a qualsiasi velleità delle precedenti città-stato di rappresentare un potere autonomo: esse finirono per rappresentare solo sedi provinciali di un potere unitario, centrato su Babilonia. Fu in questa fase che si formò l'idea di un "Paese di Babilonia", che comprendeva in sé le antiche regioni di Sumer e Akkad.[3]

La fine della I dinastia babilonese (e del cosiddetto periodo paleo-babilonese) non sopraggiunse come risultato della crisi interna, ma da un fattore esterno: gli Ittiti, un popolo indoeuropeo, presente in Anatolia almeno dal XVII secolo, si spinse sulla Siria e fino alle coste palestinesi; il re ittita Muršili I abbatté il Regno di Yamkhad e nel 1595 a.C. conquistò Babilonia, distruggendola e sottraendo la statua del dio Marduk, essenziale per le funzioni di culto. In un primo tempo, forse, la I dinastia del Paese del Mare prese il controllo di Babilonia, ma poi si impose una Dinastia cassita. Le fonti per questa fase sono scarse e quando riappaiono, nel XV secolo, il panorama è cambiato del tutto.[74] Si apre dunque una età oscura, che per A. Leo Oppenheim durerà anche più a lungo, fino a Burna-Buriaš II, diciannovesimo re della successiva dinastia, la Dinastia cassita.[75]

L'età oscura: Cassiti e Hurriti[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del XVI secolo a.C., tutto il Vicino Oriente piombò in una fase oscura, caratterizzata dall'arretramento delle aree urbanizzate fino a livelli che non si vedevano dal 3000 a.C. Ciò determinò anche il dissolversi del potere centrale e delle corti, e un assottigliarsi delle fonti documentali. Gli studiosi non sono in grado di attribuire una durata univoca a questa età oscura. Coloro che ravvisano maggiore continuità tra la prima e la seconda metà del II millennio a.C. tendono ad attribuirle una durata inferiore. Lo studioso belga Marc Van De Mieroop, ad esempio, stima un centinaio di anni.[76]

Sia come sia, in questo iato si produssero modificazioni di grande momento per i secoli successivi, in particolare l'ascesa di due nuovi gruppi etnici, i Cassiti al sud e i Hurriti al nord. Di queste popolazioni si ha traccia già in precedenza, ma solo durante questa età oscura esse riuscirono ad ottenere preminenza politica.[76]

Onomastica cassita è rintracciabile nel Vicino Oriente antico almeno dal XVIII secolo a.C. I Cassiti avevano un'organizzazione tribale e abitavano soprattutto l'area di confine tra le steppe e i terreni agricoli. Come già altre popolazioni seminomadi del passato (Gutei e Amorrei), quando i Cassiti vengono registrati dalle fonti appaiono già ben integrati nel paesaggio agricolo e urbano della Mesopotamia meridionale, ma la regione in cui potrebbero essersi inizialmente imposti è quella del medio Eufrate (un re dal nome cassita fu sovrano di Khana).[76]

È possibile che Samsu-ditana abbia regnato ancora qualche anno dopo l'incursione di Murshili I: i Cassiti si affermarono in questa fase di estrema debolezza e frammentazione del regno babilonese, ma si erano già inseriti fin dai tempi di Samsu-iluna.[77]

Onomastica hurrita era invece presente in Siria e in Palestina fin dalla metà del III millennio a.C. e sovrani hurriti sono noti fin dal periodo paleo-accadico. Rimane traccia di un Regno di Urkesh e Nawar, così chiamato dal nome di due città sul Grande Khabur, con a capo Atal-shen. Sono poi noti molti re con nomi hurriti per l'inizio del II millennio e l'onomastica hurrita sembra espandersi anche per la popolazione comune, dagli Zagros al Mediterraneo. Le spinte hurrite verso sud potrebbero avere prodotto movimenti di popoli verso l'Egitto (Hyksos).[78]

Questa penetrazione hurrita potrebbe essersi prodotta in corrispondenza del crollo del Regno dell'Alta Mesopotamia di Shamshi-Adad I, portando forse con sé innovazioni tecnologiche che sono di norma associate agli Indoeuropei (anche avendo in mente il successivo regno hurrita di Mitanni, sorto all'inizio del XV secolo a.C.), anche se la lingua hurrita non è di per sé indoeuropea. Tra queste innovazioni, la più importante è l'uso in guerra del carro e del cavallo.[79]

Età medio-babilonese[modifica | modifica wikitesto]

La Babilonia cassita[modifica | modifica wikitesto]

Lettera del re cassita Burna-Buriash II al re egizio Amenofi III (dalle Lettere di Amarna), XIV secolo a.C., conservata al British Museum
Stele cassita dedicata alla dea babilonese Lama. Un'iscrizione in sumero indica nel dedicante un ufficiale dal nome cassita, mentre il dedicatario è il re Nazi-Maruttash (1307-1282).[80]

Con la Dinastia cassita si apre il cosiddetto periodo medio-babilonese.[81] Nel complesso, il popolo cassita influenzò assai poco la Babilonia dal punto di vista culturale. Della lingua cassita rimangono poche tracce: ci sono pervenute due liste di vocaboli cassiti con traduzione in accadico, il che dimostra un certo interesse accademico verso questa lingua, ma nessuna opera scritta completamente in cassita.[8] Assai più significativo fu l'impatto sociale. I Cassiti erano organizzati in famiglie e tribù, e si riferivano alle tribù e ai popoli chiamandoli 'casa di (nome di persona)' (in accadico, Bit e il nome del capostipite reale o fittizio). Queste "case" incorporavano villaggi e terreni, fino ad assumere le funzioni di entità amministrative che manterranno la loro identità anche dopo la fine del controllo cassita sulla Babilonia.[8]

In epoca cassita, i re del Vicino Oriente indicavano i re babilonesi come "re di Karduniash", un termine forse cassita in origine. In alcune fonti assire, invece, il re babilonese era indicato come "re dei Cassiti". È possibile che questa terminologia rinviasse al fatto che, benché i Cassiti fossero i padroni della Babilonia, venissero comunque percepiti dai Babilonesi come un'etnia ben separata. Inoltre, il fatto che non avessero un rapporto speciale con alcuna delle città babilonesi avrà forse contribuito, sul piano ideologico, alla formazione, nella coscienza di popolo, della Babilonia come stato territoriale. Ed in effetti è proprio con i Cassiti che si forma definitivamente l'idea della Babilonide come regione culturalmente compatta.[82]

Non ci è noto il nome del re cassita che conquistò Babilonia né come i Cassiti si impossessarono del trono babilonese. I primi re cassiti individuati dalla tradizione (Gandash, Agum I, Kashtiliash I) vanno forse considerati contemporanei agli ultimi re della I dinastia di Babilonia. Questi re cassiti avranno forse costituito sì una dinastia, ma regnante nella loro probabile area d'origine, i Monti Zagros, e non direttamente a Babilonia.[77][83] In ogni caso, l'epoca formativa dello stato cassita si colloca nel XVI e nel XV secolo a.C., periodo assai poco conosciuto.[80]

Sappiamo però da fonte posteriore che, 24 anni dopo che la statua di Marduk fu sottratta e portata a Khana, un re cassita, Agum II, la riportò a Babilonia. La lista dei re di Khana e la documentazione epigrafica ed archeologica di Terqa cessa all'inizio del XVI secolo a.C., per cui è possibile ipotizzare che Terqa sia stata distrutta proprio da Agum II e che questi sia stato uno dei primi re della dinastia cassita.[77] Nello stesso periodo, i re Ulam-Buriash e Agum III (ma è ragionevole pensare che Agum II e Agum III non vadano distinti) assoggettarono il Paese del Mare. A questo punto, il regno babilonese si estendeva dalle zone di origine dei Cassiti fino a Babilonia e al Paese del Mare e si imponeva come grande regno, tanto da relazionarsi con i re assiri[84], con cui i Cassiti logorarono il regno in interminabili contese di confine[5]. Vi è traccia di trattati tra Burna-Buriash I (forse il padre di Ulam-Buriash) e Puzur-Ashur III, e tra Kara-indash e Ashur-bel-nisheshu, anche se non disponiamo dei testi, per cui non sappiamo se tali rapporti fossero paritetici[85]. Nel XIV secolo, i re cassiti si erano ormai impossessati dell'area intorno alla Diyala; a Dilmun erano in grado di collocare un loro governatore che gestiva i traffici sul Golfo Persico. Essi si presentavano, dunque, e a buon diritto, come Grandi Re.[86] Già all'inizio del secolo, peraltro, l'altrimenti poco noto Kurigalzu I aveva edificato una nuova fondazione, Dur-Kurigalzu ('fortezza di Kurigalzu').[87]

Kara-indash è il primo re cassita che conosciamo anche dalle sue stesse iscrizioni, databili alla fine del XV secolo a.C.[88] Egli ebbe anche occasione di entrare in rapporti amichevoli con il faraone egizio, come riporta una delle Lettere di Amarna: si ebbero scambi di ambasciatori, matrimoni incrociati e scambi di doni (una forma educata di commercio tra regnanti).[89] Il faraone Amenofi II, in effetti, attesta che, in occasione di sue vittorie in Siria, anche il re di Shankhara (che è come gli Egizi chiamavano Babilonia) gli inviò dei doni (ed è in questo stesso periodo che anche gli Assiri avviano relazioni con gli Egizi[85]).[84] Nel complesso, sono quattordici le lettere del corpus di Amarna dirette o provenienti da Babilonia. Corrispondenti babilonesi erano i re Kadashman-Enlil I (1374-1360) e Burna-Buriash II (1359-1333), e le loro lettere si concentrano sul tema dei matrimoni dinastici e sulle doti.[86] Sul piano politico, gli approcci diplomatici dei Cassiti nei confronti degli Egizi e degli Ittiti erano tesi ad estromettere gli Assiri dal novero dei Grandi Re (metà XV secolo-metà XIV secolo a.C.): soprattutto Burna-Buriash II mostrava disappunto nel constatare che il faraone era propenso a trattare il re assiro Ashur-uballit I (1363-1328) come un Gran Re, mentre il re babilonese non lo considerava che un vassallo.[86] Questa politica non poté impedire che la montante potenza assira prendesse il sopravvento e che Ashur-uballit riuscisse ad acquisire il controllo di Babilonia, imponendo sul trono babilonese Kurigalzu II (1332-1308). Negli anni seguenti, Babilonia cercò di sfuggire tanto alla pressione assira quanto a quella elamita. Kurigalzu II riuscì a sconfiggere gli Elamiti e nel XIII secolo Karduniash era ancora uno stato potente e i vari re vicino-orientali non mancavano di ingraziarsi il re cassita quando avevano bisogno di legittimare il proprio potere, com'è il caso del re ittita Hattušili III, che contattò Kadashman-Enlil II (1263-1255) quando questi ascese al trono, pregandolo di mantenere buone relazioni.[86]

Fine della Dinastia cassita[modifica | modifica wikitesto]

Dettaglio da un basamento dal tempio di Ishtar ad Assur (XIII secolo a.C.), con iscrizione di Tukulti-Ninurta I, raffigurante due uomini armati di mazza, probabilmente lo stesso re assiro in due posizioni diverse (Pergamon Museum, Berlino)
Kudurru del re cassita Meli-Shipak (1186-1172 a.C.)

Tutto il periodo dalla metà del XIV secolo alla metà del XIII fu piuttosto stabile: il regno babilonese continuò a confrontarsi con l'Assiria e con l'Elam, mantenendo buoni rapporti (commerciali e matrimoniali) con gli Ittiti. Soprattutto la lettera di Hattušili III illustra questi rapporti, che si sviluppavano, ostacolati da popolazioni nomadi, sul medio Eufrate e si concentravano nella Siria settentrionale, dove i mercanti babilonesi accedevano, non senza difficoltà, ai prodotti occidentali.[90]

Il confronto con gli Assiri si concentrava invece sulla riva sinistra del Tigri. Adad-nirari I (1305-1274) sconfisse Nazi-Marutash (1307-1282), ma lo scontro non fu risolutivo[90] e si decise solo nella seconda metà del XIII secolo: il re cassita Kashtiliash IV provò ad approfittare della recente intronizzazione del re assiro Tukulti-Ninurta I, presumendone una debolezza che in realtà non sussisteva. Tukulti-Ninurta, come attesta un poema assiro chiamato Epica di Tukulti-Ninurta, affrontò il re cassita in battaglia campale e lo sconfisse, conducendolo prigioniero ad Assur, dove probabilmente morì. Il re assiro giunse fino a Babilonia e la conquistò (1225), distruggendone le mura, saccheggiandone l'Esagila e "deportando" la statua del dio Marduk.[5][91][92]

L'importazione in Assiria di letteratura babilonese ebbe l'effetto di accelerare la babilonizzazione della cultura assira[93].

A quanto pare, Tukulti-Ninurta regnò direttamente in Babilonia per qualche tempo, per poi intronizzare figure a lui gradite. Babilonia restò sotto il giogo assiro per sette anni, fino a quando il figlio di Kashtiliash IV, Adad-shuma-usur (1216-1187), non riconquistò l'indipendenza[94], approfittando di una rivolta interna contro Tukulti-Ninurta. Ma la debolezza cassita spinse l'Elam ad intervenire. La Dinastia cassita riuscì a resistere ancora per qualche anno con i successori di Adad-shuma-usur, soprattutto grazie alla debolezza dell'Elam e dei successori di Tukulti-Ninurta.[91] Dopo un'ulteriore incursione del re assiro Ashur-dan I (1178-1133), fatale e definitivo fu invece l'attacco del re elamita Shutruk-Nakhunte I (1158):[91] questi poté avanzare le proprie pretese sul trono babilonese anche in virtù del suo matrimonio con la figlia maggiore del re cassita Meli-Shipak (1186-1172).[95] Sconfitto il re cassita Zababa-shuma-iddina, Shutruk-Nakhunte lasciò il figlio, Kutir-Nakhunte, a Babilonia, nel difficile ruolo di governatore. La Babilonia, infatti, rimase fortemente ostile alla presenza elamica. L'ultimo re cassita, Enlil-nadin-akhi, si confrontò con gli Elamiti per tre anni, mentre a Isin si costituì un nuovo regno indipendente.[95][96] Alla morte di Shutruk-Nakhunte (forse fatto assassinare dal figlio), Kutir-Nakhunte pretese di ascendere al trono di Babilonia; la resistenza babilonese scatenò la sua feroce reazione: a Kutir-Nakhunte è attribuito un ulteriore furto della statua di Marduk (1155)[93] e di quella di Inanna da Uruk.[96][97] Il re elamita tornò a Susa per rilevare il trono, portando con sé lo sconfitto Enlil-nadin-akhi[95] e lasciando a Babilonia un governatore.[96] A Babilonia, a quel punto, si consolidò la II dinastia di Isin (1154-1026), il cui re più importante fu Nabucodonosor I (1125-1104); la sua maggiore impresa fu appunto la cacciata degli Elamiti dall'area mesopotamica.[5][98] Nabucodonosor fu anzi capace di recuperare la statua di Marduk a Susa. Dopo questo episodio, l'Elam entrò in un'età oscura lunga tre secoli.[99]

Cronologia della Babilonia cassita[modifica | modifica wikitesto]

Le datazioni che seguono sono quelle proposte da Brinkman[100] e da Liverani,[101] tranne dove indicato. I nomi di re in corsivo indicano l'adozione di un nome accadico (segno della progressiva assimilazione dell'elemento dirigente cassita da parte della base popolare accadica), mentre gli altri nomi sono cassiti.[102]

La Lista reale A (di età caldea) attribuisce ai Cassiti il periodo di regno più lungo di tutta la Lista reale babilonese (576 anni e nove mesi). Se dal 1155 (anno dell'attacco di Shutruk-Nakhunte I, che pose fine al dominio cassita) rimontiamo indietro di 576 anni, giungiamo al 1731, anno in cui il re Samsu-iluna era saldamente al potere. Ne risulta che la Lista reale babilonese include capi tribali cassiti, antenati dei dinasti che effettivamente regnarono a Babilonia.[8]

Re accadico Inizio regno Fine regno Successione
Gandash Gandash in Akkadian.png
Gandaš
[1729] [1704] Successione non chiara
Agum I Agum in Akkadian.png
Agum
[1703] [1682] Forse figlio di Gandash[103][104][105]
Kashtiliash I Kashtiliash Synchronistic King List.png
Kaštiliašu
[1681] [1660] Figlio di Agum I[106][105]
...[107] ... [1659] ?? Successione non chiara
Abi-Rattash Abi-Rattash in Akkadian.png
Abi-Rattaš
?? Figlio di Kashtiliash I[108][105]
Kashtiliash II Kashtiliash Synchronistic King List.png
Kaštiliašu
?? Successione non chiara
Urzigurumash Urzigurumash in Akkadian.png
Ur-zigurumaš
?? Discendente di Abi-Rattash (?)[109]
Agum II[110] Agum-Kakrime in Akkadian.png
Agum-Kakrime
1550 ca.[101] Figlio di Urzigurumash[111]
(Harba-Shipak?)
(Hurbazum?[112])
Harba-Shipak Synchronistic King List.png
Ḫarba-Šipak
?? Successione non chiara
(Shipta-Ulzi?) Shipta'ulzi Synchronistic King List.png
Šipta’ulzi
?? Successione non chiara
...[113] ... ?? Successione non chiara
Burnaburiash I Burnaburiash in Akkadian.png
Burna-Buriaš
?? Successione non chiara; è il primo governante cassita di cui possiamo dire con un margine di certezza che regnasse su Babilonia[103]; sincronismo attestato con Ekurduanna della I dinastia del Paese del Mare e con Puzur-Ashur III di Assiria[101]
(Ulamburiash?) Ulamburiash in Akkadian (chronicle of early kings).png
Ulam-Buriaš
[ 1475 ] Forse figlio di Burnaburiash I;[114][111] riunificò la Babilonia, sconfiggendo l'ultimo re della I dinastia del Paese del Mare, Ea-gamil[115]
(Kashtiliash III?) Kashtiliash Synchronistic King List.png
Kaštiliašu
?? Forse figlio di Burnaburiash I[114][111]
(Agum III?) Agum in Akkadian.png
Agum
?? Figlio di Kashtiliash III[114][111]
Kadashman-Sah Kadashman-Sah in Akkadian.png
Kadašman-Šaḥ
?? Successione non chiara; non appare nelle liste reali, ma solo in tavolette che sono datate al regno di "Agum e Kadshman-Sah", suggerendo che egli fosse re o che vi fosse una forma di co-reggenza con Agum III[116]
Karaindash Karaindash in Akkadian.png
Karaindaš
1413 ca.? Successione non chiara; sincronismo attestato con Ashur-bel-nisheshu di Assiria (1417-1409)[101]
Kadashman-Harbe I Kadashman-Harbe in Akkadian.png
Kadašman-Ḫarbe
1400 ca.[117] Figlio di Karaindash[117]
Kurigalzu I Kurigalzu in Akkadian.png
Kuri-Galzu
?? Figlio di Kadashman-harbe I;[117][111] una figlia di Kurigalzu I sposa il faraone Amenofi III[118]
Kadashman-Enlil I Kadashman-Enlil in Akkadian.png
Kadašman-Enlil
1374 1360 Figlio di Kurigalzu I (?); non abbiamo fonti che attestino direttamente una parentela tra Kadashman-Enlil I e Kurigalzu I, ma Burnaburiash II, presunto figlio di Kadashman-Enlil I, in una lettera parla di Kurigalzu I come di un proprio antenato;[119] sono attestate trattative tra Kadashman-Enlil I e il faraone Amenofi III[120]
Burna-Buriash II Burnaburiash in Akkadian.png
Burna-Buriaš
1359 1333 Forse figlio di Kadashman-Enlil I;[119][111] sono attestate trattative tra Burna-Buriash II e il faraone Amenofi IV (Akhenaton)[120]; sono inoltre attestati sincronismi tra Burna-Buriash e il re mitannico Tushratta e il re ittita Shuppiluliuma[121]
Kara-khardash Karahardash in Akkadian.png
Kara-ḫardaš
1333 1333 Figlio di Burnaburiash II;[122][111] sincronismo attestato con Ashur-uballit I di Assiria (1363-1328)[101], che sarà stato nonno[123] o suocero[122] di Kara-khardash
Nazi-Bugash Nazibugash in Akkadian.png
Nazi-Bugaš
1333 1333 Usurpatore, senza relazioni con gli altri re ("figlio di nessuno")[123]; sincronismo attestato con Ashur-uballit I di Assiria (1363-1328)[101]
Kurigalzu II Kurigalzu in Akkadian.png
Kuri-Galzu
1332 1308 Figlio di Burnaburiash II[111] o di Kara-khardash[124][90]; sincronismo attestato con Ashur-uballit I (1363-1328) di Assiria e con Khurbatilla del Paese del Mare[101]; Kurigalzu II fu imposto dal re assiro dopo che una rivolta di palazzo aveva eliminato il figlio di Muballitat-Sherua, nuora di Burnaburiash II; Kurigalzu stesso era figlio o nipote di Muballitat-Sherua[90][125]
Nazi-Maruttash Nazimaruttash in Akkadian.png
Nazi-Maruttaš
1307 1282 Figlio di Kurigalzu II;[126][111] sincronismo attestato con Adad-nirari I di Assiria[101], con cui si scontra e che lo sconfigge[90]
Kadashman-Turgu Kadashman-Turgu in Akkadian.png
Kadašman-Turgu
1281 1264 Figlio di Nazi-Maruttash;[126][111] sincronismo attestato con Adad-nirari I di Assiria[101]
Kadashman-Enlil II Kadashman-Enlil in Akkadian.png
Kadašman-Enlil
1263 1255 Figlio di Kadashman-Turgu[126]; ricevé una lettera dal re ittita Khattushili III[90]
Kudur-Enlil Kudur-Enlil in Akkadian.png
Kudur-Enlil
1254 1246 Figlio di Kadashman-Enlil II?[126][111]
Shagarakti-Shuriash Shagarakti-Shuriash in Akkadian.png
Šagarakti-Šuriaš
1245 1233 Figlio di Kudur-Enlil[126][111]
Kashtiliash IV Kashtiliash Synchronistic King List.png
Kaštiliašu
1232 1225 Figlio di Shagarakti-Shuriash;[126][111] sincronismo attestato con Tukulti-Ninurta I di Assiria (1243-1207)[101]
Tukulti-Ninurta I 1225 1225 re assiro; appena intronizzato in Assiria, subisce un attacco da Kashtiliash IV, ma reagisce energicamente e giunge a conquistare Babilonia, aprendo una fase di interregno assiro della durata di sette anni (la statua del dio Marduk viene "deportata")[91]
Enlil-nadin-shumi Enlil-nadin-shumi in Akkadian.png
Enlil-nādin-šumi
1224 1224 Successione non chiara; sincronismo attestato con Tukulti-Ninurta I di Assiria e con Kidin-khutran del Paese del Mare (1230 ca.)[101]
Kadashman-Harbe II Kadashman-Harbe in Akkadian.png
Kadašman-Ḫarbe
1223 1223 Successione non chiara; sincronismo attestato con Tukulti-Ninurta I di Assiria e con Kidin-khutran del Paese del Mare (1230 ca.)[101]
Adad-shuma-iddina Adad-shuma-iddina in Akkadian.png
Adad-šuma-iddina
1222 1217 Successione non chiara; sincronismo attestato con Tukulti-Ninurta I di Assiria e con Kidin-khutran del Paese del Mare (1230 ca.)[101]
Adad-shuma-usur Adad-shuma-usur in Akkadian.png
Adad-šuma-uṣur
1216 1187 Forse figlio di Kashtiliash IV;[91][111] sincronismo attestato con Tukulti-Ninurta I, ma anche con altri re assiri: Ashur-nirari III (1202-1197), Enlil-kudur-usur (1196-1193) e Ninurta-apil-Ekur (1192-1180)[101]
Meli-Shipak Meli-Shipak in Akkadian.png
Meli-Šipak
1186 1172 Figlio di Adad-shuma-usur[111]
Marduk-apla-iddina I Marduk-apla-iddina in Akkadian.png
Marduk-apla-iddina
1171 1159 Figlio di Meli-Shipak[111]
Zababa-shuma-iddina Zababa-shuma-iddin in Akkadian.png
Zababa-šuma-iddina
1158 1158 Successione non chiara
Enlil-nadin-ahi Enlil-nadin-ahi in Akkadian.png
Enlil-nādin-aḫe
1157 1155 Successione non chiara

La Seconda dinastia di Isin[modifica | modifica wikitesto]

Kudurru di Nabucodonosor I, in cui il re attesta una donazione a Šitti-Marduk, capo dei suoi carristi (da Sippar, BM 90858)
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Seconda dinastia di Isin.

Mentre la parte più occidentale del Vicino Oriente antico (Siria e Anatolia) era sconvolta dall'arrivo dei Popoli del Mare (1200), ad oriente continuava lo strenuo conflitto tra Babilonia e Assiria, con l'Elam intento ad approfittare del reciproco indebolirsi delle due potenze mesopotamiche. Alla Dinastia cassita succedette la Seconda dinastia di Isin (o Isin II), in un periodo in cui notevole era la progressiva infiltrazione di genti aramee.[127]

Il re più importante della dinastia è Nabucodonosor I (1125-1104 a.C.). È forse al suo regno che risale il collocamento ufficiale di Marduk al vertice del pantheon mesopotamico, con la scrittura (o riscrittura) del poema Enūma eliš;[128] analogamente, la città di Babilonia viene posta al centro dell'universo.[129]

Come già accadeva nella Babilonia cassita, i re della Seconda dinastia di Isin erano soliti cedere in perpetuo, in cambio di servizi o come appoggio alle funzioni cultuali, consistenti appezzamenti di terra ai membri della propria famiglia, ai funzionari, ai sacerdoti, ai capi militari. Queste concessioni venivano registrate in stele, dette con termine accadico kudurru, nelle quali il re specificava l'ubicazione del terreno concesso e il beneficiario. Tali iscrizioni sui kudurru erano decorate con simboli divini. In alcuni casi, queste donazioni includevano il lavoro dei contadini che abitavano i terreni in questione o esenzioni fiscali.[130]

La portata internazionale di Babilonia con Isin II appare inferiore rispetto ai tempi della Dinastia cassita.[131] Dopo Nabucodonosor, la dinastia continuò stancamente per quasi tutto l'XI secolo, in un periodo di grande instabilità politica e declino generale, in cui l'incipiente penetrazione di popolazioni nomadiche semite (gli Aramei) rendeva sempre più difficile al potere centrale il controllo delle campagne.[132][133]

Con il crollo delle relazioni diplomatiche mesopotamiche, determinato dall'avvento dei Popoli del Mare, il babilonese si avviò a perdere il proprio statuto di lingua veicolare internazionale.[133] In Occidente si andava nel frattempo sviluppando la scrittura alfabetica e quando, solo diversi secoli dopo, con il regno neo-assiro, si renderà nuovamente necessaria una lingua veicolare per la diplomazia internazionale, questo ruolo sarà coperto dall'aramaico.[134]

Lista dei re di Isin II[modifica | modifica wikitesto]

Re accadico Inizio regno Fine regno Successione
Marduk-kabit-ahheshu Marduk-kabit-ahheshu in Akkadian.png
Marduk-kabit-aḫḫēšu
1154 1140 Successione non chiara; nome e durata del regno di questo re sono stati tratti dalla Lista reale C[135]
Itti-Marduk-balatu Itti-Marduk-balatu in Akkadian.png
Itti-Marduk-balāṭu
1139 1132 Figlio di Marduk-kabit-ahheshu;[136] nome e durata del regno di questo re sono stati tratti dalla Lista reale C[137]
Ninurta-nadin-shumi Ninurta-nadin-shumi in Akkadian.png
Ninurta-nādin-šumi
1131 1126 il nome è riportato nella Lista reale C;[137] sincronismo attestato con il re assiro Assur-resh-ishi I[138]
Nabucodonosor I Nebuchadnezzar in Akkadian.png
Nabû-kudurri-uṣur
1125 1104 Figlio di Ninurta-nadin-shumi;[136] sincronismo attestato con il re assiro Assur-resh-ishi I[138] e con il re elamita Khuteludush-In-Shushinak (1120-1100 ca.)[139]
Enlil-nadin-apli Enlil-nadin-apli in Akkadian.png
Enlil-nādin-apli
1103 1100 Figlio di Nabucodonosor I[136]
Marduk-nadin-ahhe Marduk-nadin-ahhe in Akkadian.png
Marduk-nādin-aḫḫē
1099 1082 Figlio di Ninurta-nadin-shumi e fratello di Nabucodonosor I[136], usurpò forse il trono di Enlil-nadin-apli, di cui era zio e che all'epoca era forse minore[140]; la Lista reale C lo indica, forse per un errore scribale, Marduk-nadin-shumi;[141] sincronismo attestato con il re assiro Tiglatpileser I[138]
Marduk-shapik-zeri Marduk-shapik-zeri in Akkadian var. 2.png
Marduk-šāpik-zēri
1081 1069 Successione non chiara;[140] la lettura del nome è stata stabilita in base alla Lista reale C e alla Cronaca di Tiglatpileser I; la Storia sincronica lo indica come Marduk-shapik-zer-mati, ma si tratta probabilmente di un errore dello scriba (che avrà scambiato il titolo MAN=šar, 're', per una parte del nome);[142] sincronismo attestato con il re assiro Assur-bel-kala[138] (o con Asharid-apil-Ekur[139])
Adad-apla-iddina Adad-apla-iddina in Akkadian.jpg
Adad-apla-iddina
1068 1047 Usurpatore, senza relazioni con gli altri re; la Storia sincronica riporta che Marduk-shapik-zer-«mati» fu messo sul trono di Karduniash dal re assiro Assur-bel-kala (ma la lettura è sintatticamente incerta) e che era figlio di Esagil-shaduni e quindi "figlio di nessuno"; la Nuova cronaca babilonese pone Adad-apla-iddina tra i re numero 7 e 12 della II dinastia di Isin, ma i nomi di tutti gli altri re cominciano con Marduk- o Nabu-; peraltro, la Lista sincronica ci informa che il settimo re della II dinastia di Isin si chiamava Adad-; la durata del regno di questo re (22 anni) è invece nota dalla Lista reale A, in cui però il nome del re è praticamente illeggibile;[143] sincronismo attestato con il re assiro Assur-bel-kala[138] (o con Asharid-apil-Ekur[139])
Marduk-ahhe-eriba Marduk-ahhe-eriba in Akkadian.png
Marduk-aḫḫē-erība
1046 1046 Successione non chiara; la lettura del nome di questo re è incerta ed è stata stabilita, senza grandi certezze, sulla base di un kudurru, datato a quest'epoca sulla base di considerazioni paleografiche, che lo indica come Marduk-ahhe-eriba[143]
Marduk-zer-X Marduk-zer-X (Bertin).png
Marduk-zēra-[—]
1045 1034 Successione non chiara
Nabu-shumlibur Nabu-shum-libur in Akkadian.png
Nabû-šumu-libūr
1033 1026 Successione non chiara; il nome è recuperato dalla Cronaca religiosa, in cui è presente un [Na]bû-šumu-lībur[144]

Penetrazione semita in Babilonia: Caldei, Aramei e Arabi[modifica | modifica wikitesto]

La cosiddetta Tavoletta del Dio-Sole (Shamash), un kudurru dei tempi di Nabu-apla-iddina (855 ca.)

Alla Seconda dinastia di Isin seguirono varie dinastie di cui sono noti quasi solo i nomi dei re e le durate dei loro regni: la II dinastia del Paese del Mare, la Dinastia di Bazi, una dinastia elamita e infine la Dinastia di E (dove E starebbe per la città di Babilonia, quindi forse una dinastia locale[145]), che insieme coprono il primo quarto del I millennio a.C.[146] L'unico re notevole di questa fase è Nabonassar (Nabû-nāṣir, 747-734 a.C.), non a caso il solo che sia riuscito a trasmettere il trono al figlio.[147] Tutto il periodo dall'anno 1000 al 626 a.C. fu assai complesso per Babilonia, sia per la frammentarietà politica, sia per il collasso delle infrastrutture agricole e la difficoltà di accesso alle rotte commerciali.[148] Si tratta di una crisi che era già cominciata ai tempi di Isin II e che sarebbe durata fino ai tempi della conquista assira di Babilonia, verso la fine dell'VIII secolo a.C.[149]

Caratteristica di questa fase è il continuo afflusso di tribù semitiche nell'area, con le difficoltà connesse alla questione della loro integrazione. Se, in generale, queste popolazioni furono interessate da fenomeni di acculturazione, essa fu diseguale e comunque non paragonabile a quella amorrea di mille anni prima.[150]

Il gruppo più rilevante tra le tribù semitiche in ingresso in Mesopotamia era quello dei Caldei, stanziatisi nella Babilonia occidentale e meridionale (soprattutto lungo l'Eufrate e sul delta) a partire dal IX secolo.[150] Erano organizzati in tre tribù principali: Bit-Amukani, Bit-Dakkuri e Bit-Jakin, una tripartizione che sarebbe rimasta importante anche nella loro storia più tarda.[148] La più antica menzione dei Caldei (mat Kaldu) è del IX secolo e sta negli annali del re assiro Assurnasirpal II, che si vanta di averli sconfitti in battaglia.[151] I loro antenati erano seminomadi o nomadi, ma i Caldei attuali si erano nel tempo urbanizzati e vivevano quanto meno in villaggi se non nelle stesse città babilonesi. Sul delta, controllavano il commercio verso il Golfo Persico. La loro lingua ci è poco nota. Forse erano semiti occidentali e si suppone parlassero aramaico, anche se le fonti antiche tendono a distinguerli sempre dagli Aramei.[150][152] È stata ipotizzata una loro origine araba. Sia come sia, fino al VII secolo, i Caldei si integrarono assai poco nel tessuto statale babilonese, anche quando loro capi-tribù giunsero a sedersi sul trono babilonese.[150]

Altri gruppi semiti importanti in questo periodo sono gli Aramei e gli Arabi.[146]

Gli Aramei erano stanziati lungo il Tigri, nella Babilonia sud-orientale. Il loro peso politico era inferiore a quello dei Caldei perché tendevano meno ad abbracciare la vita di città.[146] Le iscrizioni del re assiro Tiglath-pileser III (745-727) elencano trentasei diverse tribù aramee che egli avrebbe vinto nelle sue campagne babilonesi. Tra queste, le due più importanti, stanziate sul Tigri, erano i Puqudu, che abitavano soprattutto le rive del fiume Uqnu (da taluni identificato con il fiume Karkheh, un affluente del Tigri) e le zone paludose tra Elam e Babilonia, e i Gambulu, che invece erano stanziati nei pressi di Ur, sull'Uqnu e al confine elamita. Queste tribù ebbero un ruolo significativo nella storia babilonese anche nel VI secolo e un condottiero puqudu, Neriglissar, giunse a sedere sul trono di Babilonia nel 560 a.C. (o 559[153]).[154]

L'impatto più significativo degli Aramei fu sul piano linguistico.[155] L'aramaico nelle sue varie forme divenne nel tempo la lingua materna di una fetta sempre maggiore della popolazione. Nel frattempo, la scrittura alfabetica andava soppiantando la cuneiforme, che restava relegata ad usi cultuali, giuridici e amministrativi.[150] L'aramaico era infatti scritto in un alfabeto derivato da quello fenicio.[155]

Gli Arabi acquisirono un peso sempre maggiore in Babilonia lungo il corso del I millennio, soprattutto dopo la domesticazione del dromedario.[146]

Di fronte a questa complessità etnica, il potere centrale spesso non era in grado di mantenere la continuità e l'integrità territoriale e amministrativa dello Stato, con alcune zone che erano de facto indipendenti. I rapporti tra abitanti di stirpe babilonese e nuovi arrivati semiti era per lo più conflittuale, così come quello tra le diverse città. Il Regno di Babilonia era insomma piuttosto debole in questa fase e di lì a poco avrebbe perso l'indipendenza per mano dei re assiri.[156][148]

La dinastia di E[modifica | modifica wikitesto]

Kudurru dell'epoca di Nabu-mukin-apli (978-943), primo re della Dinastia di E
Kudurru in diorite di Nabu-apla-iddina (sesto re della Dinastia di E); la stele, a forma di tavoletta, è datata al ventesimo anno del re e conservata al British Museum (BM 90922).
Kudurru di Adad-etir, dell'epoca del re Marduk-balassu-iqbi, ottavo re della Dinastia di E

Dopo tre brevi dinastie (la II dinastia del Paese del Mare, la Dinastia di Bazi e una dinastia elamita), la Lista reale A registra sul trono di Babilonia una Dinastia di E (probabilmente una dinastia locale). Solo la Lista reale A raccoglie i diversi re in questo unico palû (o 'gruppo dinastico'), mentre la Cronaca dinastica fa riferimento per lo stesso periodo a dinastie più brevi. Lo stato frammentario delle fonti non permette di capire meglio la natura di questo palû, in particolare quanto alle relazioni familiari tra i diversi re in successione e alla durata dei diversi regni. Tra i nomi dei re della Dinastia di E prevalgono teofori relativi a Nabu (sette casi) e a Marduk (cinque casi), il che contrasta con gli usi delle precedenti dinastie.[157]

La Dinastia di E comincia nel 978 (così Liverani[158]) o nel 974 a.C. (così Beaulieu[157]).

La Cronaca 51[159] attesta una condizione difficile per la capitale, con la festa di Capodanno (Akītu) che fu più volte annullata, soprattutto per la costante minaccia aramea. Nei suoi annali, il re assiro Adad-nirari II (911-891) afferma di aver sconfitto il re di Karduniash Shamash-mudammiq (quarto re della Dinastia di E).[160] La Storia sincronica riporta la morte di Shamash-mudammiq e l'accesso al trono del successore, Nabu-shuma-ukin I (chiamato erroneamente Nabu-shuma-ushkin). Questa fonte sostiene poi che il conflitto tra Assiria e Babilonia proseguì anche sotto Nabu-shuma-ukin e che, successivamente, le due parti giunsero ad un accordo di pace, suggellato da matrimoni incrociati, che riportarono i confini allo stato precedente.[161]

Con i successori di Nabu-shuma-ukin, il regno di Babilonia godette di una qualche stabilità. Salirono infatti al trono il figlio Nabu-apla-iddina, il nipote Marduk-zakir-shumi I e il pronipote Marduk-balassu-iqbi.[161]

Non sappiamo quando precisamente salì al trono Nabu-apla-iddina. Le sue relazioni con l'Assiria sembra siano state piuttosto pacifiche, anche se gli annali del re assiro Assurnasirpal II riportano di una campagna in Babilonia, racconto interessante anche perché conserva la prima menzione conosciuta della Caldea (mat Kaldu).[161]

Sappiamo poi che nell'851 il re assiro Salmanassar III marciò su Babilonia per aiutare il re babilonese Marduk-zakir-shumi I a sedare una rivolta condotta dal fratello, Marduk-bel-usate. Salmanassar ebbe bisogno di due distinte campagne per sconfiggere i ribelli.[161][162] A Kalhu è stato rintracciato un basamento di trono con un rilievo che ritrae Salmanassar e Marduk-zakir-shumi nell'atto di stringersi la mano. Si tratta di un unicum nell'arte assira, che mai riconosceva iconograficamente ad altri re lo stesso status del re assiro. L'intervento di Salmanassar non risultò però benefico per Babilonia e anzi contribuì alla sua frammentazione politica.[163] La Caldea, agli occhi di Salmanassar, rappresentava sempre più un territorio indipendente dal trono babilonese, ancorché ad esso formalmente soggetto. Salmanassar aveva infatti finito per rapportarsi direttamente a piccoli re caldei indipendenti, che egli vedeva come tributari, tanto da organizzare un viaggio religioso per visitare i templi dell'area. Nonostante i rapporti tra l'Assiria e Marduk-zakir-shumi rimanessero cordiali fino alla fine del regno di quest'ultimo, è in questa fase che vanno individuate le premesse della successiva presa del potere assira a Babilonia.[163] Del resto, il continuato impegno assiro in Babilonia lungo il IX secolo a.C. determinò un intensificarsi dell'influsso babilonese sulla religiosità assira. Il dio Nabu, ai tempi anche più popolare di Marduk, divenne popolare anche in Assiria, tanto che Adad-nirari III gli costruì un tempio ad Assur.[164]

Gli ultimi anni di regno di Salmanassar III furono offuscati da una ribellione guidata dal figlio Ashr-da'in-aplu e durata dall'827 all'820. Solo nel terzo anno di regno di Shamshi-Adad V (altro figlio di Salmanassar) la ribellione fu sedata.[163][164] A Ninive è stato rintracciato un trattato tra Shamshi-Adad e Marduk-zakir-shumi. È mal conservato, ma dovrebbe risalire ai primi anni della ribellione, dato che non attribuisce a Shamshi-Adad il titolo regale.[165] Sia come sia, il trattato non deve aver soddisfatto le parti e sembra, in particolare, che i suoi termini pendessero a favore dei Babilonesi (anche in ragione della minore forza del regno assiro in questa fase).[166] Quando Shamshi-Adad fu padrone della situazione in patria, attaccò la Babilonia e catturò Marduk-balassu-iqbi (succeduto nel frattempo al padre Marduk-zakir-shumi), deportandolo a Ninive insieme alle statue degli dèi. Stessa sorte toccò poi a Baba‐aha‐iddina, successore di Marduk-balassu-iqbi. Il trono di Babilonia rimase probabilmente vacante per almeno quattro anni: la Cronaca 47 riferisce che "non c'era re nel Paese".[165]

In questo periodo di interregno, i principi caldei affermarono sempre più la propria indipendenza.[165] Quanto agli Assiri, Adad-Nirari III, in un'iscrizione trovata a Kalhu, dichiara che i re di Caldea erano divenuti suoi vassalli e che gli pagavano tasse e tributi. Nella stessa iscrizione riferisce anche di aver ricevuto i resti del cibo rituale offerto agli dèi Bel, Nabu e Nergal; questa era prerogativa di re, per cui, almeno nominalmente, Adad-Nirari III doveva considerarsi re anche a Babilonia.[167] L'Assiria non poté però approfittare interamente della situazione, essendo entrata in un periodo di crisi. La Storia sincronica, redatta proprio in quel periodo, si conclude riportando la notizia secondo cui Adad-Nirari III concesse ai cittadini babilonesi deportati di ritornare in patria, garantendo loro anche razioni di cibo e vari privilegi.[167]

Il regno babilonese riuscì a risollevarsi, ponendo fine all'interregno, sempre più nel segno delle tribù caldee. La Lista reale 14 menziona per questa fase tre re, di cui l'ultimo, Marduk‐apla‐usur, è indicato dalla Cronaca dinastica come l'unico rappresentante di un palê Kaldi. Ciò fa supporre che Marduk‐apla‐usur possa essere stato il primo re caldeo sul trono di Babilonia.[167]

Dopo Marduk‐apla‐usur, la Cronaca dinastica colloca Eriba-Marduk come solo rappresentante di un palê Tamti ('Dinastia del Paese del Mare', la terza nella storia di Babilonia). Sul Paese del Mare gravitava la tribù caldea di Bit-Yakin. La Cronaca 47 riporta le vittorie di Eriba-Marduk sugli Aramei: il re babilonese avrebbe restituito ai cittadini di Babilonia e di Borsippa i campi agricoli intorno alle due città. Da un recente iscrizione del re sappiamo che Eriba-Marduk recava i titoli di "re di Babilonia" e di "re giusto". Stando al re assiro Esarhaddon, Eriba-Marduk avrebbe anche restaurato l'E-hili-anna, santuario della dea Nanaya a Uruk.[168]

Il clima fortemente conflittuale tra le varie popolazioni cittadine e tra queste e Aramei e Caldei che infestavano le campagne prosegue con Nabu‐shuma‐ishkun, successore di Eriba-Marduk e unico rappresentante, stando alla Cronaca dinastica, di un mat Kaldi ('Dinastia caldea'). I disordini coinvolgevano anche la città di Borsippa: essendo questa assai vicina alla capitale, va presunta una incapacità del potere centrale di mantenere l'ordine nel regno. La Cronaca 19 riporta che nel quinto e nel sesto anno di regno di Nabu‐shuma‐ishkun la statua del dio Nabu non poté partecipare ai festeggiamenti dell'Akītu a Babilonia. Nabu‐shuma‐ishkun fu poi oggetto di una vera e propria damnatio memoriae, caso pressoché unico in tutta la storia babilonese: gli si attribuivano gravissime scorrettezze rituali, perpetrate in particolare a Borsippa.[169]

Nabonassar[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Nabonassar.

Nabonassar (Nabu-nasir) è il re più importante della Dinastia di E. Regnò tra il 747 e il 734 a.C.[170] Con lui inizia il Canone tolemaico. Non sembrano esserci collegamenti tra lui e i Caldei, e in genere si presume fosse un re locale, anche se non sono note le circostanze che lo condussero al potere. La Cronaca dinastica è spezzata in questo punto e non ne conserva il nome, ma rinvia ad un cambio dinastico dopo Nabu‐shuma‐ishkun.[171]

La fonte principale per Nabonassar e i suoi due successori è rappresentata dalla Cronaca 16, che, in particolare, registra l'accesso al trono assiro di Tiglath-pileser III (745-727) nel terzo anno del re babilonese. Di lì a breve, il re assiro avrebbe invaso la Mesopotamia settentrionale. Gli annali di Tiglath-pileser III, iscritti nelle mura del palazzo di Kalhu, descrivono la campagna come un'operazione orientata a soggiogare gli Aramei più che Babilonia. Il re assiro lasciò che Nabonassar regnasse sul basso Eufrate, area che sembra peraltro poco incline a riconoscere l'autorità del re babilonese. La Cronaca 16 dice anzi che Borsippa si ribellò al re (ma la data di questo evento è sconosciuta). In qualche modo, Nabonassar fu in grado di passare il trono al figlio, indicato dalla Cronaca 16 come Nadin.[171] La Lista reale A fornisce il nome completo del figlio di Nabu-nasir, Nabu-nadin-zeri (Nadios nel Canone tolemaico).[172]

Già le fonti antiche riconoscevano nel regno di Nabonassar un momento cardinale nella storia babilonese, soprattutto in relazione alla scienza astronomica. A partire dal suo regno, infatti, le osservazioni astronomiche furono registrate sistematicamente. Tolomeo ebbe accesso a registrazioni di eclissi in Babilonia effettuate a partire dal primo anno di Nabonassar, che comprendevano l'identificazione dei cicli di saros.[173]

Dominazione assira[modifica | modifica wikitesto]

Con il regno di Tiglath-pileser III si apre la fase imperiale neo-assira, le cui basi erano state poste dai re Assurnasirpal II e Salmanassar III.[174][175] Uno dei problemi più rilevanti per l'Assiria era quello relativo al regno di Babilonia. L'esistenza di un regno indipendente era certamente un pericolo, posto com'era al confine meridionale. D'altra parte, per varie ragioni gli Assiri sentivano di non poter regolare la Babilonia al pari di altri regni nemici, come l'Elam, Urartu o l'Egitto. Ciò forse in ragione della profonda influenza che la Babilonia aveva sempre avuto sull'Assiria sul piano culturale e religioso. A rendere ancora più complessa la materia, la Babilonia era in quel periodo caratterizzata da una forte frammentazione politica, con le città come isole di cultura urbana attorniate da campagne dominate dall'elemento tribale, mentre l'estremo sud, coperto com'era dalle paludi, sfuggiva alle consuete tattiche militari e forniva rifugio ai ribelli caldei, che ambivano quanto gli Assiri al trono babilonese.[175]

Tiglath-pileser III re di Babilonia[modifica | modifica wikitesto]

Tiglath-pileser III (744-727) fu il primo re assiro riconosciuto re di Babilonia (dal 728 al 727) dalla tradizione cronografica

La Lista reale A pone in un unico gruppo (privo di nome) i re che regnarono a Babilonia tra il 731 e il 626. Gli storiografi moderni indicano questo gruppo come IX dinastia di Babilonia. La disomogeneità di questo gruppo è evidenziata dalla stessa Lista reale A, che accompagna il proprio testo con annotazioni integrative per tutti i re fino al sacco di Babilonia operato dal re assiro Sennacherib nel 689. Queste annotazioni sono introdotte dal termine palû ('dinastia') o dal termine sabu ('esercito') oppure ancora dall'espressione "figlio di". Tra i palû, appaiono anche dinastie già presenti nel canone babilonese, come il palû di E e il palû del Paese del Mare.[176]

Anche il Canone tolemaico dà informazioni su questo periodo: esso, infatti, comincia la propria cronografia con il primo anno di Nabonassar e si conclude con la conquista persiana di Babilonia. I dati offerti dal Canone tolemaico sono leggermente differenti rispetto a quelli offerti dalla Lista reale A.[177]

Nabu-nadin-zeri, forse figlio di Nabonassar, era stato spodestato da una rivolta.[171] Suo successore fu Nabu-shuma-ukin II, ma il suo regno fu assai breve.[172] Un Nabu-mukin-zeri (Mukin-zeri nella Lista reale A; Chinzeros, nel Canone tolemaico) si impossessò del trono. In quegli anni, il re assiro Tiglath-pileser III (Tukulti-apil-Esharra) era impegnato in una campagna in Siria. Tiglath-pileser spese i successivi tre anni per combattere Chinzeros. Fonti epistolari e gli annali di Tiglath-pileser consentono di leggere i fatti con un certo dettaglio, anche se la cronologia rimane incerta. Sembra che all'inizio gli Assiri si siano assicurati il fianco est, escludendo la possibilità che l'Elam intervenisse in favore dei ribelli. Successivamente, il re assiro avrebbe sconfitto e deportato diverse tribù aramee e caldee.[178] Nel 729, Nabu-mukin-zeri fu posto sotto assedio a Shapiya e sconfitto insieme al figlio. È anche possibile che Nabu-mukin-zeri resistesse fino al 728: ciò spiegherebbe perché il Canone tolemaico attribuisca a Chinzeros un regno di cinque anni congiuntamente a Tiglath-pileser (Poros).[178] Gli annali di Tiglath-pileser affermano che, dopo aver sconfitto il principe caldeo Mukin-zeri di Bit-Amukani, il re ottenne il tributo di Bit-Dakkuri e del principe di Bit-Yakin Marduk‐apla‐iddina; quest'ultimo conservò sostanzialmente la propria indipendenza[179] e sarebbe successivamente diventato uno dei maggiori oppositori degli Assiri.[180]

Con la vittoria su Mukin-zeri, Tiglath-pileser assunse il titolo di "re di Babilonia": è il primo re assiro riconosciuto come tale dalla tradizione cronografica. L'evento è registrato anche dalla Cronaca 16. La Lista reale A include Tiglath-pileser e il figlio Salmanassar V in una dinastia di Baltil (cioè la città di Assur). Tiglath-pileser III è indicato come Pulu nella Lista reale A, come Poros nel Canone tolemaico e come Pul nella Bibbia (2Re, 15.19[181]).[180]

Tiglath-pileser avviò la trasformazione dello Stato assiro in impero. Non poteva, però, ridurre la Babilonia, con il suo prestigio e il suo particolarismo, ad una semplice provincia. Per questo, preferì unire nella propria persona le due corone.[182] Questa soluzione puramente nominale non era, com'è ovvio, sufficiente a risolvere la questione babilonese, dato che Tiglath-pileser fu comunque costretto a ritornare in patria. Molto più concreta della sua regalità nominale era l'attività sobillatrice di Marduk‐apla‐iddina.[179] Al Tiglath-pileser succedette il figlio, Salmanassar V (Ululayu, nella Lista reale A; Ilulayos nel Canone tolemaico), ma non abbiamo molte informazioni sui suoi cinque anni di regno a Babilonia (726-722).[182]

Marduk-apla-iddina II e la resistenza caldea[modifica | modifica wikitesto]

Kudurru di Marduk-apla-iddina II: il re è raffigurato assai più grande del concessionario di terre e indicato da una legenda che recita: "Immagine di Marduk-apla-iddina, re di Babilonia" (Museo dell'Asia Anteriore, Berlino, VA 2663)
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Marduk-apla-iddina II.

Marduk-apla-iddina era il figlio o il nipote del re caldeo Eriba-Marduk di Bit-Yakin. Dalle fonti dei tempi di Tiglath-pileser III è chiamato "re del Paese del Mare", informazione corroborata dalla Lista reale A, che indica il suo regno come appartenente ad un palê tamti).[182] Divenuto capo egemone delle tribù caldee, poté contare sull'appoggio di due re elamiti, Khumbanigash I (742-717) prima e Shutruk-Nakhunte II (717-699) poi.[183]

Marduk-apla-iddina poté approfittare della controversa successione a Salmanassar V (il successore, Sargon II, fu forse un usurpatore) e attribuirsi il titolo di "re di Babilonia" meno di tre mesi dopo l'ascesa al trono del nuovo re assiro (così la Cronaca 16). La Cronaca 16 riporta anche che, nel secondo anno di regno di Marduk-apla-iddina (720), Sargon si scontrò con gli Elamiti a Der. Nonostante Marduk-apla-iddina non giungesse in tempo in aiuto degli alleati, la battaglia si risolse con una sconfitta per gli Assiri, che pure riuscirono a mantenere il possesso della città. A questo punto, gli Assiri spostarono le loro mire espansionistiche verso il Levante e contro Urartu, lasciando la Babilonia e l'Elam ai loro destini per circa dieci anni.[184]

Sargon II poté infine dichiarare guerra a Marduk-apla-iddina (nel dodicesimo anno di regno di quest'ultimo). Due passaggi biblici menzionano l'ambasciata di "Merodach‐Baladan, figlio di Baladan, re di Babilonia" al re di Giuda Ezechia (Isaia, 39.1[185]; Berodach‐Baladan in 2Re, 20.12[186]). È probabile che questa ambasciata avvenisse poco prima dello scoppio della guerra e che vada inquadrata nel tentativo del re babilonese di dare corpo ad una coalizione anti-assira.[187] Nel 710, Sargon sconfisse le tribù aramee della Babilonia orientale, evitando così che i Caldei ricevessero il supporto elamico. Il re assiro si abbatté poi su Bit-Dakkuri, a sud di Babilonia. Marduk-apla-iddina abbandonò la capitale: Babilonia e Borsippa si arresero.[188]

Il Canone degli eponimi assiro indica il 709 come l'anno in cui "Sargon prese la mano del dio Bel", con ciò intendendo che Sargon era divenuto re legittimo di Babilonia e aveva quindi titolo per accompagnare la statua del dio Marduk durante la processione di Capodanno (Akītu).[188]

Nel frattempo, Marduk-apla-iddina si era rifugiato in patria, nel proprio centro di Dur-Yakin (territorio di Bit-Yakin). La città fu cinta d'assedio da Sargon tra il 709 e il 707, quando fu conquistata. Marduk-apla-iddina riuscì a fuggire in Elam. Sargon confermò i privilegi tradizionali di Babilonia e Borsippa, estendendoli anche a Ur, Uruk ed Eridu; deportò, a suo dire, più di centomila tra Caldei e Aramei in varie parti dell'impero, installando popolazioni di Kummuhu nel Paese del Mare; a quel punto fu riconosciuto legittimo re di Babilonia e in questa carica permase fino alla sua morte in battaglia (705). Sargon è il primo re assiro di cui siano sopravvissute iscrizioni a Babilonia.[189]

Sennacherib[modifica | modifica wikitesto]

Campagna militare di Sennacherib nelle paludi del Paese del Mare (lastra dal Palazzo di Sud-Ovest a Ninive, British Museum)
Altra lastra dal Palazzo di Sud-Ovest a Ninive, raffigurante gli Assiri impegnati contro i Caldei nel Paese del Mare

Intorno al successore di Sargon, Sennacherib (Sin-akhe-eriba; 704-681), la tradizione cronografica non è uniforme. Per i periodi 704-703 e 688-681, la Lista reale A lo indica sul trono di Babilonia, mentre il Canone tolemaico riporta che furono periodi "senza re". Nel 703, un usurpatore, Marduk-zakir-shumi (II), assurse al trono babilonese per un mese (stando alla Lista reale A).[189] Nello stesso anno, Marduk-apla-iddina tornò dall'Elam in Babilonia. Nella Lista reale A è indicato come "soldato di Habi", termine che è forse abbreviazione di habiru, e gli è riconosciuto un periodo di regno di nove mesi.[189] La prima campagna narrata dagli annali di Sennacherib è relativa alla definitiva estromissione di Marduk-apla-iddina (indicato come "re di Karduniash"). Il re assiro saccheggiò numerose fortezze caldee e deportò, a suo dire, più di duecentomila ribelli, tra membri di tribù aramee e cittadini loro complici. Marduk-apla-iddina riparò nel Paese del Mare ancora per diversi anni. Sennacherib si impegnò allora in una quarta campagna (700 a.C.) contro Bit-Yakin e il vecchio re babilonese morì forse in Elam da rifugiato.[190]

Sennacherib decise di porre sul trono di Babilonia un re-fantoccio, Bel-ibni, che egli indica come "discendente di un Rab-bani e rampollo di Shuanna [Babilonia], che era cresciuto nel mio palazzo come un cucciolo". Queste parole lasciano ben intendere il ruolo del tutto subordinato che aveva Bel-ibni agli occhi di Sennacherib. Di questo re-fantoccio si sa poco: regnò dal 702 al 700 a.C., per poi essere esiliato dal re assiro insieme alla sua corte (così la Cronaca 16).[190] Sul trono di Babilonia fu posto Ashur-nadin-shumi, figlio maggiore del re assiro: anche del suo regno, che durò dal 699 al 694, si sa poco, ma sembra sia stato pacifico.[191]

Nel 694, la Babilonia era di nuovo in rivolta. Sennacherib condusse una campagna (la sesta) contro i Caldei, che mirava a catturare i ribelli in esilio in Elam e che quindi era rivolta all'Elam stesso. Il re elamita Hallushu-Inshushinak, stando alla Cronaca 16, contrattaccò e massacrò gli abitanti di Sippar, mentre Ashur-nadin-shumi fu deportato in Elam. Hallushu-Inshushinak pose, a questo punto, Nergal-ushezib (un babilonese della famiglia Gahal) sul trono di Babilonia. Gli annali di Sennacherib raccontano che, di ritorno dalla sesta campagna, Sennacherib si scontrò con uno "Shuzubu (=Nergal-ushezib) il Babilonese" e i suoi alleati elamiti.[191] Sennacherib avrebbe voluto attaccare direttamente l'Elam, ma l'inverno lo fermò.[192] Nella Babilonia settentrionale, un Mushezib‐Marduk, caldeo di Bit-Dakkuri, si erse a capo dei ribelli nel 693. Le fonti assire indicano questo personaggio come "Shuzubu il Caldeo". Questi fu in grado di assurgere al trono di Babilonia e di mettere in campo una forte coalizione anti-assira, affrontata da Sennacherib in una battaglia, svoltasi a Khalulê (691). La battaglia di Khalulê, presentata dal re assiro come una grande vittoria, aprì in realtà ad una situazione di stallo. I ribelli continuarono a mettere in difficoltà gli Assiri fino alla definitiva conquista di Babilonia nel 689 (dopo un assedio di più di un anno: vedi Assedio di Babilonia (689 a.C.)).[193][192] Sennacherib, a suo dire, demolì le mura, i templi e la ziggurat di Babilonia, e anzi giunse a deviare il canale Arahtu, inondando la città. Questa narrazione è forse esagerata, anche se l'archeologia attesta in parte questo clima di devastazione, pur non confermando il completo annichilimento dichiarato dalle fonti assire. Sia come sia, la profanazione di Babilonia verrà ricordata per molto tempo.[194]

La distruzione di Babilonia coincise (forse non involontariamente) con la costruzione di Ninive capitale. La città, già da tempo, era il centro abitato più cospicuo d'Assiria: da capitale, dové ospitare circa 100 000 abitanti.[192]

Sennacherib, per dare un fondamento teologico a quella che era di fatto l'abolizione della regalità babilonese, si rese anche protagonista di una riforma religiosa tesa a sostituire il dio Marduk con il dio assiro Assur, identificando quest'ultimo con la divinità primordiale Anshar. Fu persino commissionata una versione riveduta dell'Enūma eliš. Il re assiro fu però assassinato (681) da una congiura di palazzo ordita dal figlio Arad-Mullissu. La corte assira fu sconvolta da una lotta per il trono, da cui uscì vincitore un altro figlio di Sennacherib, Esarhaddon (Ashur-ahu-iddin).[195]

Esarhaddon[modifica | modifica wikitesto]

Prisma con iscrizione che descrive il restauro di Babilonia operato da Esarhaddon
Porzione superiore della stele della vittoria di Esarhaddon sul faraone Taharqa in un disegno dell'illustratore francese Henri Faucher-Gudin (1905 ca.). Ai lati della stele sono raffigurati Assurbanipal in costumi assiri e Shamash-shumu-ukin in costumi babilonesi.
Dettaglio della porzione inferiore della stele della vittoria di Esarhaddon sul faraone Taharqa. La stele, in basalto, ritrae il re assiro in adorazione. La mano sinistra regge una mazza e due corde: queste ultime attraversano le labbra delle due figure poste in basso. Il prigioniero inginocchiato potrebbe essere il principe ereditario Ushankhuru o, più probabilmente, il faraone Taharqa; la figura in piedi è il governatore di una città-stato siriana, forse Baal II, re di Tiro, oppure Abdi-Milkutti, re di Sidone. Il reperto, conservato al Pergamon Museum di Berlino, è stato ritrovato nella cittadella di Samʼal (Zincirli), nell'odierna Turchia, e risale al 671 a.C.

Esarhaddon (Ashur-akh-iddina; re dell'Assiria dal 680 al 669) ricostruì la città di Babilonia: nei suoi annali, si premurò di esonerare il padre Sennacherib dalla responsabilità di averla distrutta, attribuendo il misfatto alla volontà divina. Il re assiro pose al comando di Babilonia un governatore, Ubaru, sulla cui eponimia si prese a organizzare per Babilonia un sistema di datazione tipicamente assiro.[196]

Esarhaddon, in ciò imitando Sargon, suo nonno, finanziò la ricostruzione di vari edifici della città, decorati con sue iscrizioni commemorative. Tra gli edifici restaurati figurano l'Esagila, l'Etemenanki, la via processionale verso l'Esagila e il tempio di Nabu-sha-hare (l'E-niggidri-kalamma-summa). Stando al re assiro, furono anche ricostruite le mura, rimessi i debiti dei cittadini, confermate le esenzioni fiscali e liberati gli schiavi. Anche il vasto bottino fu restituito. Furono costruite case, piantati orti, scavati canali. L'attività di Esarhaddon si estese anche a Borsippa (tempio della dea Gula), Nippur (l'Ekur, cioè il tempio di Enlil, e l'E-bara-durgarra, cioè il tempio di Ishtar come regina di Nippur) e soprattutto Uruk, in cui sono state rintracciate molte iscrizioni che commemorano il restauro dell'Eanna (tempio di Ishtar), della cappella di Ishtar (Enirgalanna) e della cappella di Nanaya (Ehilianna).[197]

Nel frattempo, Esarhaddon continuò ad attaccare le tribù aramee e caldee (soprattutto Bit-Dakkuri e Gambulu), che non smettevano di esprimere potenziali pretendenti ribelli.[198]

Nella seconda metà del suo regno, i rapporti tra Esarhaddon e l'Elam migliorarono via via. Stando alla Cronaca 16, nel 675, il re elamita Khumban-Khaltash II aveva invaso Babilonia e massacrato la popolazione di Sippar. Egli era però morto poco dopo e il suo successore, il fratello Urtaki (674-664), si preoccupò di inviare ad Agade le divine immagini trafugate.[199] Una lettera dagli archivi di Ninive fa riferimento ad un trattato di pace tra l'Assiria e l'Elam in quel periodo. Tale trattato va letto anche alla luce del fatto che gli sforzi bellici dell'Assiria, a partire dal 673, erano diretti soprattutto contro l'Egitto; dev'essere stato siglato negli ultimi anni di regno di Esarhaddon, dato che il mittente è "il principe ereditario di Babilonia", un appellativo che si attaglia solo a Shamash-shumu-ukin. Esarhaddon aveva infatti destinato quest'ultimo al trono babilonese, affidando il trono assiro al secondogenito, Assurbanipal (Ashur-ban-apli).[199]

Nel 672, Esarhaddon impose sul territorio dell'Impero assiro dei trattati di successione relativi alla sua incongrua scelta dinastica; tutta la famiglia reale e i membri della corte dovettero offrire il proprio giuramento di fedeltà (adê) alle decisioni del re. Di questo giuramento, che consiste in una serie di obblighi verso Assurbanipal e verso Shamash-shumu-ukin una volta che questi sarebbe ascesi ciascuno al proprio trono, abbiamo traccia nel racconto che ne farà Assurbanipal, ma anche in lettere di funzionari e nel testo inviato dal capo della nazione dei Medi (non si trattò però, forse, di un trattato di vassallaggio, ma di un giuramento offerto dai Medi impiegati come guardia reale alla corte assira). La scelta di destinare al primogenito un trono politicamente secondario, anche se rilevante sul piano culturale e religioso, si rivelerà disastrosa per il mantenimento dell'unità dell'impero.[200][201]

Nell'autunno del 669, Esarhaddon morì in battaglia, nel tentativo di conquistare l'Egitto. Mentre Assurbanipal assunse immediatamente il titolo di re di Assiria, Shamash-shumu-ukin, stando alla Cronaca 16 e alla Cronaca 18, ascese al trono babilonese solo nella primavera successiva. Questo ritardo si riflette nel Canone tolemaico, che attribuisce a Esarhaddon un anno in più di regno (postumo) a Babilonia. Nello stesso periodo, alcune transazioni effettuate a Uruk furono datate contando dall'anno di ascesa al trono di Assurbanipal.[200]

Solo con Shamash-shumu-ukin, appena salito al trono, l'opera di riconciliazione del padre giunse al culmine, con la restituzione a Babilonia della statua di Marduk. L'evento è riportato con parole pressoché identiche dalla Cronaca 18 e dalla Cronaca 20. Stando a queste fonti, l'Akītu non si era tenuto per vent'anni, essendo Bel (=Marduk) prigioniero ad Assur per otto anni sotto Sennacherib e per dodici anni sotto Esarhaddon.[202] Assurbanipal, però, stando alla Cronaca 19, fece attendere il fratello ben quindici anni prima di restituire altri elementi di corredo alla statua (il letto cultuale e il carro sacro).[203]

Non è noto se Esarhaddon avesse stabilito in dettaglio le rispettive responsabilità dei due figli. Sappiamo però che la regina madre Zakutu impose a Shamash-shumu-ukin un giuramento di fedeltà verso il fratello minore, che lo rendeva in sostanza un vassallo.[204]

Assurbanipal[modifica | modifica wikitesto]

Assurbanipal in uno dei pannelli della Caccia al leone (dal Palazzo Nord di Ninive)
Un'altra immagine di Assurbanipal dalla Caccia al leone
Distruzione della città elamita di Hamanu

Al centro del regno di Assurbanipal (Ashur-ban-apli; re dell'Assiria dal 668 al 629) stava il problema dei rapporti con la Babilonia e con Shamash-shumu-ukin (il "fratello infedele", come a più riprese lo chiama il re assiro nelle sue iscrizioni), nonché l'ingerenza elamica nell'area.[205]

Se, ai tempi di Esarhaddon, in Elam predominava un orientamento filo-assiro, con Assurbanipal si assisté al coagulo di forze contrarie, speranzose di spezzare l'egemonia assira. Inizialmente, Shamash-shumu-ukin apparve fedele al fratello, mentre l'Elam sosteneva forze ribelli nel sud mesopotamico. Tra il 665 e il 663, i generali di Assurbanipal (il quale non comandava le proprie truppe personalmente) sconfissero una coalizione formata dal re elamita Urtaku, da Nippur e dai Gambulu.[205]

Un decennio più tardi, il re elamita Teumman avanzò un più significativo tentativo di resistenza, che scatenò la reazione assira. La Cronaca 19 narra che nel quarto anno di Shamash-shumu-ukin (autunno del 664), il figlio del re dell'Elam fuggì in Assiria. È probabile che si tratti di Humban-nikash II, figlio di Urtak: insieme al fratello Tammaritu fu accolto da Assurbanipal a corte. Quando Teumann fu sconfitto, il re assiro pose i due fratelli sul trono elamita, come propri vassalli. Questa signoria assira, di fatto, forzava una realtà politica tradizionalmente frammentaria.[205][203]

Le campagne dei generali di Assurbanipal finirono per comprimere anche il regno babilonese di Shamash-shumu-ukin, che a sud fu costretto a riconoscere il potere di fatto del caldeo Nabu-bel-shumate.[205]

Il re babilonese, che da tempo cercava in tutti i modi di sganciare il proprio regno dalla tutela assira, giunse a formare una coalizione anti-assira composta da tutti i maggiori nemici di Assurbanipal: l'Elam soprattutto (con i due fratelli Humban-nikash II e Tammaritu, che erano passati ad opporsi al re assiro[206]), ma anche l'Egitto e popolazioni arabe e iraniche.[205] La guerra civile tra i due fratelli durò dal 652 al 648.[207] La coalizione sembrava imponente, ma era di fatto troppo composita e frammentaria.[205] Già nella prima battaglia (a Hiritu, nel 651), i Babilonesi furono duramente sconfitti.[207][208] L'azione del generale assiro Bel-ibni (inviato da Assurbanipal nel 650[206]) fu risoluta e portò all'assedio di Babilonia, un assedio durato due anni, che fonti di entrambe le parti descrivono come raccapricciante, con episodi di cannibalismo a danno dei figli ("a quel tempo [...] una madre non avrebbe aperto la porta alla [propria] figlia").[209] Infine, Shamash-shumu-ukin morì tra le fiamme del proprio palazzo[205]: così almeno riportano gli annali del re assiro[210]. Documenti amministrativi datati al gennaio e al marzo del 647 riportano di un pingue bottino da Babilonia per la cosiddetta "Biblioteca di Assurbanipal".[211] Un Kandalanu, fedele ad Assurbanipal, venne posto nel 647 sul trono babilonese (ma, essendo morto lo stesso anno di Assurbanipal, alcuni studiosi ritengono che Kandalanu non sia che un nome alternativo per Assurbanipal come re di Babilonia[212]).[213]

La conquista di Babilonia non pose fino alla guerra. Alla guerriglia elamita si erano aggiunte tribù arabe. Tra il 647 e il 645, gli Assiri lanciarono due campagne contro l'Elam. Susa fu attaccata, presa e saccheggiata.[213][214]

Gli annali di Assurbanipal giungono fino al 643. Dopo questa data, non sappiamo pressoché nulla delle vicende politiche babilonesi, almeno fino al 627, quando si concluse il regno di Kandalanu.[215]

Non è noto con certezza l'anno di morte di Assurbanipal. I testi cronografici babilonesi e il Canone tolemaico non offrono indicazioni, dato che lo riconoscono re di Babilonia solo nell'anno della sua ascesa al trono assiro (668). La data più probabile è il 630, dato che il regno del successore, Ashur-etel-ilani, dev'essersi concluso nel 625.[215]

La scomparsa dell'Elam dal novero delle potenze politiche del Vicino Oriente produrrà, in progresso di tempo, una svolta. Se è vero che i Caldei furono privati del loro polo di rifugio, l'Impero assiro produsse un vuoto politico. Ciò, con ogni probabilità, consentì ai Medi (una popolazione montanara) di espandere il proprio controllo sui Monti Zagros[214] ed espose l'Impero assiro al contatto con l'Anshan, il polo orientale della potenza elamita. È emblematico che, dopo la distruzione di Susa, Assurbanipal ricevesse l'omaggio di un Ciro del paese di Parsumash (=Parside), antenato di Ciro il Grande.[216]

Età neo-babilonese[modifica | modifica wikitesto]

Cilindro di Nabopolassar (British Museum)
La Lista reale di Uruk, oggi conservata all'Iraq Museum (IM 65066). La parte iniziale e quella finale della tavoletta è perduta. La lista include re da Kandalanu (647-627) a Dario I di Persia (522-486); segue poi uno iato e la lista prosegue con Dario III (335-331), giù fino a Seleuco II Callinico (246-226). È una delle fonti usate per ricavare la cronologia del regno di Nabopolassar.
Mappa politica del Vicino Oriente antico nell'VIII (sopra) e nel VII secolo a.C.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Impero neo-babilonese.

La fine dell'Impero assiro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Conquista medo-babilonese dell'Impero assiro.

La fine dell'Impero assiro fu determinata dall'azione congiunta di Medi e Caldei. I Medi erano una popolazione dei Monti Zagros centrali, a vocazione pastorale: non ci è nota una loro tradizione letteraria.[217] Gli Assiri già da tempo erano entrati in contatto con varie popolazioni degli Zagros, posti a est del "triangolo assiro". Conosciamo tali popolazioni solo da fonti assire, neobabilonesi e greche (in particolare Erodoto).[218] Le informazioni fornite dagli Assiri sono piuttosto confuse, con etnonimi usati in modo assai impreciso.[219] Gli Assiri fanno riferimento ai "potenti Medi" o ai "lontani Medi" di Ecbatana (l'odierna Hamadan[220]) già nell'836 a.C., ai tempi di Salmanassar III e poi ininterrottamente fino ad Assurbanipal.[218] Le fonti disponibili suggeriscono che i Medi abitassero ad est delle sorgenti della Diyala, lungo la strada del Khorasan, che collegava la Babilonia al Khorasan, passando per Ecbatana, la capitale meda. Il rapporto con i Medi era quindi imprescindibile per chi volesse fare commercio con l'altopiano iranico, in particolare di metalli o di gemme. L'interesse assiro per questo commercio sembra provato dal fatto che, mentre gli Assiri avevano in generale posto in rapporto di vassallaggio le popolazioni degli Zagros, per quest'area avevano invece scelto di creare tre province. Gran parte delle imposte ricavate da quest'area consisteva di cavalli.[221]

Stando a Erodoto, la Media fu conquistata dagli Sciti, che la dominarono per 28 anni, fino a quando il condottiero medo Ciassare, la liberò (ca. 625 a.C.).[218] Nel 626 (o 625), il caldeo Nabopolassar (Nabu-aplu-usur), della casata di Bit-Yakin, dopo aver contribuito al coagulo delle forze anti-assire nella Bassa Mesopotamia e approfittando della debolezza assira prodottasi con la morte di Assurbanipal, si era fatto incoronare re di Babilonia. Nelle proprie iscrizioni, si qualificava come "figlio di nessuno", ma è probabile che il padre (e forse lo stesso Nabopolassar) lavorasse ad Uruk come alto ufficiale al soldo degli Assiri.[222][223]

L'alleanza tra Ciassare e Nabopolassar rappresentò un momento di svolta nella storia meda e di tutto il Vicino Oriente antico. Negli anni 626-623, diverse incursioni assire non erano riuscite a contenere la ribellione di Uruk, Nippur, Der e della stessa Babilonia. Per il periodo successivo all'intronizzazione di Nabopolassar le fonti sono gravemente lacunose e riprendono a offrire informazioni per l'anno 616 a.C. (è la Cronaca 22 che copre il periodo 616-209[224]), quando Nabopolassar, ottenuto pieno controllo della Bassa Mesopotamia, decise di dirigere le proprie forze contro il cuore stesso dell'Impero assiro lungo due direttrici: l'Eufrate, per tagliare i collegamenti tra l'Assiria e l'Egitto (che, in cambio dell'egemonia sulla Siria-Palestina, aveva concesso agli Assiri un aiuto militare), e il Tigri. È su questa seconda direttrice che si inserì il decisivo contributo militare dei Medi (mentre i Mannei, una popolazione iranica, segnarono il proprio destino alleandosi con gli Assiri).[223] Stando a Berosso, Nabopolassar e il re medo Ciassare conclusero un'alleanza matrimoniale, che prevedeva l'unione del principe ereditario babilonese Nabucodonosor con la nipote di Ciassare. Non sappiamo però quanto questa informazione sia attendibile.[224]

Sempre seguendo la Cronaca 22, l'esercito di Nabopolassar avanzò verso il medio Eufrate, scontrandosi con gli Assiri nei pressi di Balihu. Qualche mese dopo, la guerra si spostò ad est del Tigri, con in particolare uno scontro ad Arrapha, un'altra sconfitta assira. Già nel 615, Assur era sotto assedio. Gli Assiri reagirono e spinsero i Babilonesi più a sud, nella zona di Tikrit. Fu in questa fase che il potente esercito messo in piedi da Ciassare si mosse dall'altopiano iranico, muovendo su Arrapha e poi su Tarbisu, che fu conquistata, e poi ad Assur, anch'essa catturata e saccheggiata, a quanto sembra, nel 614. Ad Assur, Nabopolassar si incontrò con Ciassare e siglò un'alleanza formale.[224] Nell'estate del 612, le forze mede e babilonesi conquistarono Kalhu e Ninive, la capitale assira, nel 612. Il re assiro Assur-uballit II, aiutato dagli Egizi, concentrò la resistenza assira a Carran, nella Siria settentrionale, ma anche questa città, nel 610, cadde e vana fu la campagna assiro-egizia del 609 per riconquistarla. L'Impero assiro era crollato.[218][225]

Il tramonto dell'Impero assiro è narrato dalle Cronache babilonesi (ABC 3 o Cronaca della caduta di Ninive[226]). Il seguente passo è relativo alla caduta di Assur:

«Dodicesimo anno [di Nabopolassar]: Nel mese di Ab i Medi contro Ninive ... si affrettarono e presero Tarbisu, una città nel distretto di Ninive. Scesero lungo il Tigri e si accamparono di fronte ad Assur. Portarono la battaglia all'interno della città e ... distrussero. Inflissero una terribile sconfitta a un grande popolo, razziarono e saccheggiarono. Il re di Akkad [ossia Babilonia] con il suo esercito era andato in aiuto dei Medi, ma non arrivò [in tempo] per la battaglia. La città ... Il re di Akkad e Umakishtar [ossia Ciassare] si incontrarono presso la città e insieme stabilirono pace e amicizia. Umakishtar tornò in patria col suo esercito; il re di Akkad tornò in patria col suo esercito.[227]»

Due anni dopo lo stesso destino tocca a Ninive:

«Quattordicesimo anno [di Nabopolassar]: Il re di Akkad radunò il suo esercito e marciò verso ... Il re degli Umman-Manda [ossia i Medi] marciò verso il re di Akkad ... si incontrarono. Il re di Akkad fece attraversare [l'esercito] di Umakishtar, e [poi] marciarono lungo la riva del Tigri, e si accamparono davanti a Ninive. Dal mese di Siwan al mese di Ab, per tre mesi essi sottoposero la città ad un pesante assalto. Nel giorno x del mese di Ab ... essi inflissero una grave sconfitta ad un grande popolo. In quel tempo Sin-shar-ishkun, re di Assiria, [morì(?)] ... Essi portarono via il pesante bottino della città e del tempio, e ridussero la città ad un cumulo di rovine. [...] Il giorno 20 del mese di Elul Umakishtar e il suo esercito tornarono al loro paese.[227]»

La cronaca prosegue e menziona la presa di Carran, nel sedicesimo anno di regno di Nabopolassar.[228]

Anche il profeta biblico Nahum, contemporaneo agli eventi, ricorda la caduta di Ninive: "Ninive è distrutta. Chi la compiangerà?" (Libro di Nahum, 3.7[229]). Nahum saluta poi la caduta del re assiro:[230]

«O re d'Assiria, i tuoi pastori dormono, i tuoi nobili riposano; il tuo popolo è disperso sui monti e nessuno li raduna. Non c'è rimedio per la tua ferita, la tua piaga è mortale; tutti quelli che udranno parlare di te, batteranno le mani sulla tua sorte. Su chi infatti non è passata continuamente la tua malvagità? (Nahum, 3.18-19[231]

Echi della caduta di Ninive sono anche nel Libro di Sofonia e nel Libro di Giona (quest'ultimo, comunque, assai più tardo). Simili accenti sulla brutalità assira punita dagli dèi appaiono anche nelle iscrizioni di Nabopolassar.[230]

Un altro importante regno che crollò verso la fine del VII secolo a.C. fu quello di Urartu. Nel 608, Nabopolassar (secondo la testimonianza della Cronaca 23[232]) si scontrò con gli Urartei per coprirsi il fianco nella sua discesa verso la Siria. Manca documentazione testuale sul crollo di Urartu, che deve essere avvenuto intorno al 590 ad opera di genti iraniche.[233]

Dopo il crollo di Assiria e Urartu, i Medi riuscirono a contenere l'espansionismo persiano, sottomettendo intorno al 600 Cambise I, figlio di Ciro I.[234] I Medi vennero a confronto anche con i Lidi di Aliatte II. Dopo vari scontri non risolutivi, Cilici e Caldei offrirono una mediazione che portò ad una pace, sancita da matrimoni dinastici: si individuò nel fiume Halys un confine[220]. L'ultimo scontro prima di questa pace si produsse nel 585 (la datazione si basa su un'eclissi solare, quella prevista da Talete nel racconto erodoteo[235]).[236]

La morte di Ciassare segnerà la fine dell'espansionismo medo e il costituirsi di una convivenza pacifica tra i regni rimasti (Media, Babilonia, Lidia, Cilicia, Egitto) che durerà circa trent'anni. Al centro di questo sistema di alleanze stava Astiage, figlio di Ciassare. L'egemonia meda verrà abbattuta da Ciro II il Grande.[234]

Nabucodonosor II[modifica | modifica wikitesto]

La via processionale a Babilonia, fatta costruire da Nabucodonosor II
Bassorilievo sulla via processionale di Babilonia
Decorazione della Porta di Ishtar

Nabucodonosor, figlio di Nabopolassar, combatté prima come principe ereditario e poi, alla morte del padre, come re di Babilonia. Nel 605, subito prima di accedere al trono, Nabucodonosor sgominò gli Egizi nella battaglia di Carchemish. Nel 601, Babilonesi ed Egizi tornarono a confrontarsi, infliggendosi ingenti perdite, ma senza che lo scontro risultasse decisivo.[237]

La Cronaca 25 narra i primi undici anni di regno di Nabucodonosor. Tra il 605 e il 601, il re babilonese guerreggiò vittoriosamente nel Levante. Nel 604, sempre secondo la Cronaca 25 (e l'archeologia sembra confermarlo con ragionevole certezza), i Babilonesi conquistarono e distrussero Ashkelon.[238]

Ioiakim, re di Giuda, che si trovava nell'area di scontro tra Egizi e Babilonesi, decise, sperando nel supporto dei primi, di sfidare Nabucodonosor. Nel 598, Gerusalemme fu assediata (l'assedio di Gerusalemme è narrato nella Bibbia, ma anche nella Cronaca 24). Ioiakim morì durante l'assedio e sostituito con il figlio Ioiachin, che finì deportato a Babilonia.[238] Sul trono di Giuda fu posto Sedecia, il quale rispettò per qualche anno l'alleanza con i Babilonesi, per poi ribellarsi, sobillato dalla fazione filo-egizia della sua corte e contro il parere del profeta Geremia.[239] L'esito ci è noto dalla Bibbia, ma non dalla Cronaca 24, che si interrompe al 594. Nabucodonosor tornò ad assediare Gerusalemme: l'assedio durò dal nono all'undicesimo anno di regno di Sedecia (2Re, 25.1-2[240]). La città fu presa probabilmente nell'estate del 586. Si produsse una seconda deportazione, passata alla storia come Cattività babilonese.[238] L'ex capitale giudea e i suoi dintorni furono spopolati, così come la Shefela. È possibile che intento di Nabucodonosor fosse impedire agli Egizi di sfruttare il vuoto di potere prodottosi installandosi nell'area.[241]

Il destino di Tiro fu diverso. La città era vassalla dell'Impero neo-babilonese già dal 598-597: il cosiddetto Calendario reale di Nabucodonosor menziona infatti il suo contributo alla ricostruzione del Palazzo Sud di Babilonia. Dopo il secondo assedio di Gerusalemme, il re babilonese, in chiave anti-egizia, decise di assediare Tiro.[241] Lo storico Giuseppe Flavio, rifacendosi ad uno storico greco, riporta che l'esilio durò ben 13 anni. Anche un passo del Libro di Ezechiele (29.18[242]) sembra confermare la lunghezza dell'assedio.[239] L'esito, a quanto pare, fu un nuovo accordo di vassallaggio, più pesante per Tiro, che però poté mantenere una dinastia locale. Sembra anche che Tiro divenisse a partire da quel momento la base militare babilonese per le operazioni nel Levante.[241]

Sembra comunque che, dopo il 594, le spedizioni militari babilonesi in Levante avessero come unico obbiettivo la raccolta del tributo. In generale, del rapporto tra il nuovo impero e gli stati confinanti sappiamo poco. Sembra che Nabucodonosor intendesse attaccare direttamente l'Egitto, ma nulla sappiamo dell'esito. Anche il rapporto con i vecchi alleati del padre, i Medi, appare oscuro. Sembra che questi ultimi si attestassero sulle colline e gli altopiani a nord-est dell'alluvio mesopotamico. Abbiamo comunque notizia di alcuni proscritti babilonesi che si rifugiarono tra i Medi, per cui è probabile che la vecchia alleanza non sussistesse più. Abbiamo poi vaghe informazioni intorno ad una campagna contro l'Elam, che si sarebbe conclusa con la conquista di Susa.[239]

Gli scavi condotti dall'archeologo tedesco Robert Koldewey tra il 1899 e il 1914 rivelarono i fasti della capitale di Nabucodonosor. Dalle sue iscrizioni ricaviamo che il re intervenne sull'E-niggidri-kalamma-summa, l'Emah (il tempio della dea Ninmah, l'Esagila (il tempio di Marduk), nonché l'Etemenanki (lo ziggurat di Marduk). La consistentissima serie di attività architettoniche di Nabucodonosor si appoggiò certamente su una dura imposizione di tributi a tutto l'impero e, anzi, pare che il restauro dell'Etemenanki fu organizzato come corvée generalizzata.[243] Nabucodonosor si impegnò anche sul fronte dell'architettura civile e militare: notevolissimo fu l'ampliamento della Porta di Ishtar, la porta nord della città, oggi conservata al Pergamon Museum di Berlino. La via processionale che portava dalla Porta di Ishtar al complesso templare del dio Marduk fu abbellita di mattoni smaltati e bassorilievi di leoni (il leone era simbolo di Ishtar). La città di Babilonia divenne famosa per le sue bellezze: di tali fasti resterà eco tra i Greci, che ne annoveravano i Giardini pensili (costruiti intorno al palazzo reale) e le mura tra le Meraviglie del mondo antico. Di tali giardini, però, non c'è traccia nelle fonti coeve né alcuna evidenza archeologica.[244]

Ultimi re neo-babilonesi[modifica | modifica wikitesto]

Nabucodonosor II morì dopo 43 anni di regno, nel 562 a.C. Il figlio e successore, Amel-Marduk (Evil-Merodach nel Secondo libro dei re[245]), fu detronizzato dopo soli due anni in seguito ad un colpo di stato operato da Neriglissar (Nergal-sharru-usur), assai probabilmente lo stesso generale (simmagir) babilonese presente nel Calendario reale di Nabucodonosor e all'assedio di Gerusalemme (vedi anche il Libro di Geremia, 39.3[246], dov'è chiamato Nergalsharetser) e, secondo l'attendibile testimonianza di Berosso, cognato del re. Neriglissar era certamente conscio di essere un usurpatore, dato che nelle proprie iscrizioni insiste sulla propria elezione divina, come già Nabopolassar prima di lui. Dichiara altresì di essere figlio di un "principe saggio", Bel-shumu-ishkun, probabilmente lo stesso Bel-shumu-ishkun che appare nel Calendario reale come capotribù dei Puqudu.[247] La Cronaca 25 riporta che Neriglissar effettuò campagne militari in Cilicia, attaccò il regno di Pirindu (senza però riuscire a catturare il re Appuashu) e giunse ad oltrepassare il confine della Lidia.[248]

Nabonedo e la fine dell'Impero neo-babilonese[modifica | modifica wikitesto]

Il cosiddetto Racconto in versi di Nabonedo, conservato al British Museum (BM 38299)
Stele H2A di Nabonedo, scoperta da D. S. Rice nel 1956; era posta all'entrata est della Grande moschea di Harran, come parte del pavimento. È un monolito di basalto, alto 190 centimetri e largo 97, e contiene un'iscrizione in cui Nabonedo celebra la ricostruzione dell'Ehulhul, tempio di Sin, allude al conflitto con i sacerdoti di Marduk e dà importanti dettagli sul trasferimento della corte a Tayma, in Arabia.

Neriglissar restò in carica dal 559 al 556, quando morì. Il trono passò al figlio Labashi-Marduk, ucciso dopo pochi mesi in seguito ad un altro colpo di stato, che portò al trono l'ultimo imperatore caldeo, Nabû-naʾid (Nabonedo o Nabonide).[239]

A quanto sembra, Nabonedo partecipò attivamente al colpo di stato per abbattere Labashi-Marduk. Nelle proprie iscrizioni, Nabonedo insiste sul fatto di non aver mai desiderato di divenire re. Questa affermazione può ben essere vista con sospetto, ma potrebbe anche rinviare alla personalità che davvero stava dietro al colpo di stato, cioè Bel-sharru-usur (Belshazzar nella Bibbia), figlio di Nabonedo. Bel-sharru-usur appare in qualità di ufficiale di corte in alcuni documenti di Neriglissar.[248]

Nabonedo si presenta come figlio di Nabu-balassu-iqbi, un "principe saggio", come già Neriglissar prima di lui. Abbiamo anche qualche informazione su Adad-guppi, madre di Nabonedo. La Cronaca 26 riporta che la regina madre morì nel nono anno del regno del figlio nei pressi di Sippar. Stando ad un'iscrizione eretta dal figlio a Harran qualche anno dopo la sua morte, Adad-guppi era originaria di Harran, si trasferì a Babilonia dopo il crollo dell'Impero assiro e servì alla corte di Nabopolassar, Nabucodonosor e Neriglissar. Agli ultimi due imperatori ebbe modo di presentare il figlio.[248]

È caratteristica di Nabonedo la sua devozione al dio della luna Sin. Del resto, Harran era uno dei maggiori centri di culto di Sin. Il tempio principale di Sin si trovava però a Ur. Nel suo secondo anno di regno, Nabonedo riistituì la figura dell'alta sacerdotessa del dio Sin a Ur, figura che era caduta nell'oblio, a quanto sembra, fin dai tempi della Seconda dinastia di Isin. In base ad un presagio tratto dall'Enuma Anu Enlil, un compendio astrologico, un'eclissi nel mese di Ululu avrebbe significato che il dio Sin richiedeva una nuova sacerdotessa. Nabonedo fece in modo che a ricoprire la carica fosse la figlia, ribattezzata per l'occasione En-nigaldi-Nanna, nome che in lingua sumerica significa 'l'alta sacerdotessa richiesta da Nanna' (Nanna è il nome sumerico di Sin). La consacrazione di En-nigaldi-Nanna è ricordata dalla Cronaca 53.[249]

All'inizio del suo terzo anno di regno, Nabonedo operò delle campagne militari verso ovest, che finirono per condurlo nell'Arabia settentrionale (primavera del 553). Stando al cosiddetto Racconto in versi di Nabonedo (un pamphlet che ritrae assai negativamente il re babilonese), Nabonedo si diresse verso l'oasi di Tayma (Teima), vi sconfisse un re locale e stabilì lì la propria residenza (per almeno cinque anni, ma non più di dieci[250]).[249]

Si è provato in molti modi a spiegare la spedizione araba di Nabonedo: ragioni commerciali, religiose, strategiche. Tanto la stele H2A di Harran quanto la letteratura sfavorevole al re babilonese e successiva alla sua caduta riferiscono di difficili rapporti con diversi gruppi di potere nella capitale, dove Nabonedo aveva lasciato il figlio Bel-sharru-usur come reggente. La Cronaca 26, la Profezia dinastica e il Racconto in versi insistono sull'impossibilità di festeggiare l'Akītu in assenza del re.[251]

Nel sesto anno di regno di Nabonedo (550-549), stando alla Cronaca 26, accadde un fatto di estrema importanza per tutta la futura storia del Vicino Oriente antico: il re di Anshan, Ciro, discendente di Achemene (il fondatore della dinastia degli Achemenidi), si liberò dalla tutela del re medo Astiage (figlio di Ciassare) e conquistò Ecbatana.[251] Può darsi che dietro questa ribellione stesse lo stesso Nabonedo, il quale desiderava la liberazione di Harran dai Medi, che la occupavano fin da quando (610) l'ultimo imperatore assiro Assur-uballit II vi si era rifugiato. Questo desiderio è espresso dal re babilonese nel Cilindro di Sippar, in cui Nabonedo racconta di essere stato visitato in sogno dagli dèi Marduk e Sin, affinché si adoperasse per il restauro dell'Ehulhul, tempio di Sin a Harran distrutto dai Medi. Di fronte ai tentennamenti di Nabonedo, conscio della capacità meda di resistere ad un eventuale attacco, i due dèi preannunciano la loro sconfitta.[252][253]

«Con reverenza parlai all'Enlil degli dèi, Marduk: "Quel tempio che [mi] hai ordinato di costruire, il Medo lo circonda e la sua potenza è eccessiva". Marduk parlò con me: "Il Medo che hai menzionato: lui, il suo paese e i re che marciano al suo fianco non saranno più". All'inizio del terzo anno lo risvegliarono: Ciro, re di Anshan, suo sottoposto, disperse le vaste orde mede con il suo piccolo esercito. Egli catturò Astiage, il re dei Medi, e lo portò prigioniero nel proprio paese.[254]»

Può insomma essere che fosse lo stesso Nabonedo a spingere Ciro alla ribellione. Il re babilonese, al suo ritorno in Babilonia dall'Arabia, provvide effettivamente al restauro dell'Ehulhul. Ciro, però, non si accontentò di aver unificato l'Anshan, i Persiani e i Medi: attaccò Creso in Lidia e conquistò la sua capitale, Sardis. Stando alla Cronaca 26, siamo nel nono anno di Nabonedo (marzo-maggio 547). Un confronto tra il re babilonese e Ciro, padrone di un regno che abbracciava l'Asia minore e il Golfo Persico, sembrava ormai inevitabile.[255]

Secondo altre interpretazioni, il trasferimento di Nabonedo in Arabia sarebbe avvenuto l'anno dopo la presa di Ecbatana da parte di Ciro e a questa sarebbe da mettere in connessione. A tal proposito, è stato ipotizzato il tentativo da parte di Nabonedo di coinvolgere la parte occidentale (aramaica e assira) del regno, nonché le tribù arabe, per diffidenza verso le componenti più propriamente babilonesi, assai critiche verso le propensioni eterodosse di culto del re. È stato anche ipotizzato che il trasferimento significasse la ricerca di una seconda linea di difesa, più protetta dal confine con le popolazioni iraniche di quanto non fosse Babilonia.[250]

Fu probabilmente alla metà del suo tredicesimo anno di regno (o del diciassettesimo[256]) che Nabonedo fece ritorno a Babilonia (autunno del 534). Negli ultimi anni di regno, le iscrizioni di Nabonedo esprimono il suo ormai completo fanatismo verso il dio lunare Sin e l'abbandono di Marduk. Il suo ultimo anno di regno è narrato dalla Cronaca 26. I Babilonesi ormai si attendevano una invasione in massa delle forze persiane. Nabonedo ordinò che le statue degli dèi fossero raccolte nella capitale per evitarne la cattura. Truppe persiane, comandate da Ugbaru (il Γοβρύας, Gobria, delle fonti greche[257]), invasero la Babilonia da nord-est, incontrando resistenza solo ad Opis, sul Tigri. Il 10 ottobre del 539, Sippar fu conquistata dai Persiani senza dar battaglia. Il 12 ottobre, i Persiani entrarono a Babilonia. Ciro, presentatosi come restauratore del corretto culto di Marduk, fu accolto come liberatore e Nabonedo catturato. La Profezia dinastica riferisce che il re babilonese fu esiliato. Berosso corrobora questa ipotesi, affermando che fu deportato in Carmania.[258][256]

Babilonia non fu distrutta né saccheggiata. Divenne anzi una delle capitali del nuovo Impero achemenide. Come scrive Mario Liverani, "La fine di un mondo avviene nel segno della continuità, con la massima attenzione a non rendere penoso e neanche avvertito un declassamento che si rivelerà solo nei decenni successivi".[256]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Babylonian Empire su livius.org.
  2. ^ a b c d Babilonia, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ a b c Liverani 2009, pp. 406-407.
  4. ^ (EN) Babylonia, in Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc. URL consultato il 21 febbraio 2022.
  5. ^ a b c d e f g h Grande Enciclopedia De Agostini, vol. III, Novara, 1985, p. 199.
  6. ^ Bibellexikon, p. 124.
  7. ^ a b c Beaulieu, p. 46.
  8. ^ a b c d Van De Mieroop, p. 184.
  9. ^ Liverani 2009, p. 25.
  10. ^ a b Jursa, p. 19.
  11. ^ a b Liverani 2009, pp. 403-404.
  12. ^ Beaulieu, p. 34.
  13. ^ Beaulieu, pp. 34-35.
  14. ^ Beaulieu, p. 35.
  15. ^ Liverani 2009, p. 194.
  16. ^ Van De Mieroop, p. 54.
  17. ^ Liverani 2009, pp. 194-196.
  18. ^ a b Beaulieu, p. 41.
  19. ^ Liverani 2009, p. 197.
  20. ^ a b Beaulieu, pp. 40-41.
  21. ^ Liverani 2009, p. 232.
  22. ^ a b Caselli e Della Fina 1999, p. 10.
  23. ^ Accadi, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  24. ^ Giorgio Levi Della Vida, Semiti, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1936.
  25. ^ Pettinato, p. 259.
  26. ^ a b Beaulieu, p. 42.
  27. ^ Liverani 2009, pp. 256-257.
  28. ^ Beaulieu, p. 49.
  29. ^ Beaulieu, p. 47.
  30. ^ a b c Lambert, p. 71.
  31. ^ a b c Beaulieu, p. 50.
  32. ^ Lambert, pp. 72-73.
  33. ^ Beaulieu, pp. 50-51.
  34. ^ Beaulieu, p. 51.
  35. ^ Liverani 2009, p. 265.
  36. ^ Liverani 2009, p. 267.
  37. ^ Beaulieu, p. 54.
  38. ^ Liverani 2009, p. 270.
  39. ^ a b Liverani 2009, p. 272.
  40. ^ Beaulieu, pp. 54-55.
  41. ^ Beaulieu, p. 11.
  42. ^ Liverani 2009, p. 273.
  43. ^ Beaulieu, p. 57.
  44. ^ Beaulieu, p. 57.
  45. ^ Beaulieu, p. 58.
  46. ^ Beaulieu, p. 60.
  47. ^ a b Liverani 2009, p. 317.
  48. ^ a b c Van De Mieroop, p. 92.
  49. ^ Van De Mieroop, p. 90.
  50. ^ Liverani 2009, p. 318.
  51. ^ Liverani 2009, pp. 322-324.
  52. ^ Jursa, pp. 22-23.
  53. ^ Beaulieu, p. 62.
  54. ^ a b Beaulieu, p. 68.
  55. ^ Le date sono quelle indicate in Liverani 2009, pp. 326 e 421 e Beaulieu, p. 69.
  56. ^ Beaulieu, p. 69.
  57. ^ a b c d e f g h i j Chen, p. 202.
  58. ^ Liverani 2009, pp. 328-329.
  59. ^ Liverani 2009, p. 329.
  60. ^ Charpin, pp. 29-30.
  61. ^ Charpin, p. 30.
  62. ^ Van De Mieroop, p. 118.
  63. ^ a b Van De Mieroop, p. 119.
  64. ^ Jursa, pp. 24-25.
  65. ^ Liverani 2009, pp. 405-406.
  66. ^ a b c d Van De Mieroop, p. 121.
  67. ^ Citato in Charpin, p. 27.
  68. ^ Charpin, pp. 27-28.
  69. ^ Liverani 2009, p. 406.
  70. ^ a b Jursa, p. 26.
  71. ^ a b c Van De Mieroop, p. 123.
  72. ^ a b Jursa, p. 25.
  73. ^ Liverani 2009, p. 421.
  74. ^ Jursa, pp. 26-27.
  75. ^ Oppenheim, p. 158.
  76. ^ a b c Van De Mieroop, p. 131.
  77. ^ a b c Liverani 2009, p. 602.
  78. ^ Van De Mieroop, p. 132.
  79. ^ Van De Mieroop, pp. 132-133.
  80. ^ a b Van De Mieroop, p. 185.
  81. ^ Jursa, p. 27.
  82. ^ Van De Mieroop, pp. 184-185.
  83. ^ (EN) Kassite, in Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc. URL consultato il 21 febbraio 2022.
  84. ^ a b Liverani 2009, p. 603.
  85. ^ a b Devecchi.
  86. ^ a b c d Van De Mieroop, p. 186.
  87. ^ Van De Mieroop, p. 187.
  88. ^ Saggs, p. 116.
  89. ^ Saggs, pp. 116-117.
  90. ^ a b c d e f Liverani 2009, p. 604.
  91. ^ a b c d e Liverani 2009, p. 605.
  92. ^ Jursa, p. 29.
  93. ^ a b Jursa, p. 30.
  94. ^ Jursa, pp. 29-30.
  95. ^ a b c Beaulieu, p. 150.
  96. ^ a b c Liverani 2009, p. 753.
  97. ^ Van De Mieroop, p. 198.
  98. ^ Liverani 2009, p. 756.
  99. ^ Van De Mieroop, p. 199.
  100. ^ Brinkman 1976, pp. 30-31.
  101. ^ a b c d e f g h i j k l m n Liverani 2009, p. 598.
  102. ^ Beaulieu, p. 125.
  103. ^ a b Saggs, p. 116.
  104. ^ Chen, p. 47.
  105. ^ a b c Chen, p. 202.
  106. ^ Bertman, p. 90.
  107. ^ La Lista reale A inserisce un re tra Kashtiliash I e Abi-Rattash, ma il nome è perduto. La Lista sincronica omette questa figura (cfr. Beaulieu, p. 128).
  108. ^ Chen, p. 48.
  109. ^ Questa parentela è suggerita da una possibile lettura dell'iscrizione di Agum-Kakrime, figlio di Urzigurumash (cfr. Brinkman 1976, p. 85).
  110. ^ Agum II nelle proprie iscrizioni si riferisce esplicitamente a Urzigurumash come al proprio padre, per cui è possibile ipotizzare che gli sia succeduto direttamente (cfr. Beaulieu, p. 128).
  111. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Chen, p. 203.
  112. ^ Chen, p. 49.
  113. ^ Tanto la Lista reale A quanto la Lista sincronica indicano la presenza di un re tra Shipta'ulzi e Burnaburiash I, ma essendo entrambi i testi danneggiati il nome non è noto. Dai frammenti residui si è tradizionalmente pensato che il nome fosse Agum, ma questa ipotesi è stata poi abbandonata dagli studiosi (cfr. Beaulieu, p. 128).
  114. ^ a b c Brinkman 1976, p. 12.
  115. ^ Beaulieu, p. 131.
  116. ^ Beaulieu, p. 132.
  117. ^ a b c Saggs, p. 117.
  118. ^ Liverani 2009, p. 603.
  119. ^ a b Brinkman 1976, p. 15.
  120. ^ a b Vacca-D'Andrea, pp. 39-40.
  121. ^ Vacca-D'Andrea, p. 40.
  122. ^ a b Liverani, p. 580.
  123. ^ a b Brinkman 1976, p. 166.
  124. ^ Sul conflitto tra le fonti (la Cronaca P e la assira Storia sincronica), vedi Brinkman 1976, pp. 418sgg.
  125. ^ Il nipote (A) di Ashur-uballit I deposto è indicato come Kadashman-Harbe dalla Cronaca P e Kara-HARdash o [Kar]a-indash dalla Storia sincronica assira; il padre di (A) è indicato come Kara-indash dalla Cronaca P, mentre la Storia sincronica non ne dà il nome; l'usurpatore è indicato come Shuzigash dalla Cronaca P e come Nazi-Bugash dalla Storia sincronica; il padre del nuovo re installato da Ashur-uballit è indicato come [Kadash]man-Harbe dalla Cronaca P e come Burna-Buriash dalla Storia sincronica (cfr. Brinkman 1976, pp. 418sgg.).
  126. ^ a b c d e f Brinkman 1976, p. 203.
  127. ^ Liverani 2009, p. 751.
  128. ^ Jursa, p. 82.
  129. ^ Jursa, pp. 30-31.
  130. ^ Van De Mieroop, p. 188.
  131. ^ Liverani 2009, pp. 756-757.
  132. ^ Liverani 2009, p. 759.
  133. ^ a b Jursa, p. 31.
  134. ^ Jursa, p. 32.
  135. ^ Brinkman 1968, p. 40.
  136. ^ a b c d Chen, p. 204.
  137. ^ a b Brinkman 1968, p. 41.
  138. ^ a b c d e Brinkman 1968, p. 69.
  139. ^ a b c Liverani 2009, p. 752.
  140. ^ a b Leick, p. 102.
  141. ^ Brinkman 1968, p. 42.
  142. ^ Brinkman 1968, p. 43.
  143. ^ a b Brinkman 1968, p. 44.
  144. ^ Brinkman 1968, p. 45.
  145. ^ Beaulieu, pp. 12 e 178.
  146. ^ a b c d Jursa, p. 33.
  147. ^ Jursa, p. 34.
  148. ^ a b c Van De Mieroop, p. 224.
  149. ^ Beaulieu, p. 171.
  150. ^ a b c d e Jursa, pp. 32-33.
  151. ^ Beaulieu, p. 180.
  152. ^ Beaulieu, p. 175.
  153. ^ Liverani 2009, p. 886.
  154. ^ Beaulieu, p. 172.
  155. ^ a b Beaulieu, p. 173.
  156. ^ Jursa, pp. 33-34.
  157. ^ a b Beaulieu, p. 178.
  158. ^ Liverani 2009, p. 752.
  159. ^ Questa ed altre Cronache babilonesi sono qui indicate secondo la numerazione di Jean-Jacques Glassner (Chroniques Mésopotamiennes, 1993).
  160. ^ Beaulieu, p. 179.
  161. ^ a b c d Beaulieu, p. 180.
  162. ^ Beaulieu, p. 182.
  163. ^ a b c Beaulieu, p. 183.
  164. ^ a b Liverani 2009, p. 788.
  165. ^ a b c Beaulieu, p. 184.
  166. ^ Van de Mieroop, p. 261.
  167. ^ a b c Beaulieu, p. 185.
  168. ^ Beaulieu, p. 186.
  169. ^ Beaulieu, pp. 186-187.
  170. ^ Liverani 2009, p. 796.
  171. ^ a b c Beaulieu, p. 188.
  172. ^ a b Beaulieu, p. 189.
  173. ^ Beaulieu, pp. 190.
  174. ^ Van de Mieroop, p. 257.
  175. ^ a b Van de Mieroop, p. 270.
  176. ^ Beaulieu, p. 193.
  177. ^ Beaulieu, p. 194.
  178. ^ a b Beaulieu, p. 196.
  179. ^ a b Liverani 2009, p. 795.
  180. ^ a b Beaulieu, p. 197.
  181. ^ 2Re 15.19, su laparola.net.
  182. ^ a b c Beaulieu, p. 198.
  183. ^ Liverani, pp. 800 e 865.
  184. ^ Beaulieu, pp. 198-199.
  185. ^ Isaia 39.1, su laparola.net.
  186. ^ 2Re 20.12, su laparola.net.
  187. ^ Beaulieu, p. 199.
  188. ^ a b Beaulieu, p. 200.
  189. ^ a b c Beaulieu, p. 201.
  190. ^ a b Beaulieu, p. 203.
  191. ^ a b Beaulieu, p. 204.
  192. ^ a b c Liverani 2009, p. 804.
  193. ^ Beaulieu, p. 205.
  194. ^ Beaulieu, p. 206.
  195. ^ Beaulieu, p. 207.
  196. ^ Beaulieu, p. 208.
  197. ^ Beaulieu, pp. 208-209.
  198. ^ Liverani 2009, p. 805.
  199. ^ a b Beaulieu, p. 210.
  200. ^ a b Beaulieu, p. 211.
  201. ^ Liverani 2009, p. 806.
  202. ^ Beaulieu, p. 209.
  203. ^ a b Beaulieu, p. 213.
  204. ^ Beaulieu, pp. 211-212.
  205. ^ a b c d e f g Liverani 2009, p. 809.
  206. ^ a b Beaulieu, p. 215.
  207. ^ a b Beaulieu, p. 214.
  208. ^ La battaglia di Hiritu è registrata nei più antichi Diari astronomici pervenutici (cfr. Beaulieu, p. 214).
  209. ^ Beaulieu, pp. 215-216.
  210. ^ Il motivo della morte tra le fiamme verrà poi riportato dallo storico greco Ctesia allo stesso Assurbanipal (Sardanapalo), suicida durante l'assedio di Ninive (cfr. Beaulieu, p. 216).
  211. ^ Beaulieu, p. 216.
  212. ^ Van de Mieroop, p. 274.
  213. ^ a b Liverani 2009, pp. 809-810.
  214. ^ a b Van de Mieroop, p. 292.
  215. ^ a b Beaulieu, p. 217.
  216. ^ Liverani 2009, p. 810.
  217. ^ Van de Mieroop, p. 289.
  218. ^ a b c d Bibellexikon, pp. 641-642.
  219. ^ Van de Mieroop, pp. 290-291.
  220. ^ a b Medi, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  221. ^ Van de Mieroop, p. 291.
  222. ^ Van de Mieroop, pp. 294-295.
  223. ^ a b Liverani 2009, pp. 880-881.
  224. ^ a b c Beaulieu, p. 225.
  225. ^ Beaulieu, pp. 225-226.
  226. ^ Testo in inglese su livius.org.
  227. ^ a b Citato in Liverani 2009, p. 882.
  228. ^ Cfr. Liverani 2009, p. 883.
  229. ^ Nahum 3.7, su laparola.net.
  230. ^ a b Beaulieu, p. 226.
  231. ^ Nahum 3.18-19, su laparola.net.
  232. ^ Beaulieu, p. 227.
  233. ^ Liverani 2009, p. 860.
  234. ^ a b Liverani 2009, p. 918.
  235. ^ Francesco Gabrieli, MEDI e MEDIA, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1934. URL consultato il 7 gennaio 2022.
  236. ^ Liverani 2009, p. 874.
  237. ^ Van de Mieroop, p. 295.
  238. ^ a b c Beaulieu, p. 228.
  239. ^ a b c d Michael Jursa, Il crollo dell’Impero assiro e i suoi eredi: Babilonesi, Medi e Persiani, in Storia della civiltà europea a cura di Umberto Eco, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2014.
  240. ^ 2Re 25.1-2, su laparola.net.
  241. ^ a b c Beaulieu, p. 229.
  242. ^ Ez 29.18, su laparola.net.
  243. ^ Beaulieu, pp. 229-230.
  244. ^ Beaulieu, p. 230.
  245. ^ 2Re 25.27-30, su laparola.net. Nel testo biblico è scritto che nell'anno dell'intronizzazione il re babilonese graziò Ioiachin e che questi "mangiò sempre a tavola con lui [Evil-Merodach] per tutto il tempo che egli visse".
  246. ^ Gr 39.3, su laparola.net.
  247. ^ Beaulieu, p. 237.
  248. ^ a b c Beaulieu, p. 238.
  249. ^ a b Beaulieu, p. 239.
  250. ^ a b Liverani 2009, p. 892.
  251. ^ a b Beaulieu, p. 240.
  252. ^ Beaulieu, pp. 240-241.
  253. ^ Liverani 2009, p. 888.
  254. ^ Dal Cilindro di Sippar (cfr. Beaulieu, pp. 240-241).
  255. ^ Beaulieu, p. 242.
  256. ^ a b c Liverani 2009, p. 893.
  257. ^ Con termine arcaizzante, la cronaca babilonese lo indica come "governatore di Gutium" (cfr. Liverani 2009, p. 893).
  258. ^ Beaulieu, p. 243.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN245399798 · GND (DE4004102-5 · NDL (ENJA00560453
  Portale Vicino Oriente antico: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Vicino Oriente antico