Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Characene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Estensione geografica del Characene nel 51 a.C.

Il Characene, anche noto come Mesene (in giudeo-aramaico: חבל ימא, Ḥevel Yama, "Terra mare"[1]), fu un antico regno ellenistico indipendente o semi-indipendente della Mesopotamia, posto all'estremo sud della fertile regione, in corrispondenza delle foci del Tigri e dell'Eufrate. La sua capitale era Charax Spasinu (Antiochia in Susiana), punto d'incrocio fra India e Mesopotamia. È assai probabile che la lingua ufficiale del regno fosse la Koinè, il greco parlato nelle regioni ellenistiche o ellenizzate.

Con il crollo dell'Impero persiano archemenide, ad opera di Alessandro Magno, la Mesopotamia passò prima ai Seleucidi poi ai Parti. Il regno nacque all'epoca del re seleucide Antioco IV (175-164 a.C.) come una satrapia; nel 127 a.C. circa il satrapo Aspasine si proclamò re. Nel 51 a.C. il regno comprendeva tutti i territori mesopotamici attorno al Golfo Persico. Fu occupato da Traiano e poi passò ai Parti, all'inizio del regno di Vologase IV (anni 150), diventando un regno semi-autonomo; con la caduta dei Parti il regno si disciolse.

I sovrani del Characene erano ellenistici o ellenizzati ed usavano (secondo i costumi greci) farsi rappresentare su monete coniate conformemente agli standard della monetazione greca, principalmente tetradramme d'argento con legende greche e, successivamente, aramaiche; poiché le monete erano datate secondo il calendario seleucide, è possibile ricostruire con certezza la successione dei monarchi.

Sovrani di Characene[modifica | modifica wikitesto]

Aspasine (209-124 a.C.), fondatore del regno.
  • Aspasine c. 127-124 a.C.
  • Apodakos c. 110/09-104/03 a.C.
  • Tiraios I 95/94-90/89 a.C.
  • Tiraios II 79/78-49/48 a.C.
  • Artabazos 49/48-48/47 a.C.
  • Attambelos I 47/46-25/24 a.C.
  • Theonesios I c. 19/18 a.C.
  • Attambalos II c. 17/16 a.C. - d.C. 8/9
  • Abinergaos I 10/11; 22/23
  • Orabazes I c. 19
  • Attambalos III c. 37/38-44/45
  • Theonesios II c. 46/47
  • Theonesios III c. 52/53
  • Attambalos IV 54/55-64/65
  • Attambalos V 64/65-73/74
  • Orabazes II c. 73-80
  • Pacoro 80-101/02
  • Attambalos VI c. 101/02-105/06
  • Theonesios IV c. 110/11-112/113
  • Attambalos VII 113/14-117
  • Meredates c. 131-150/51
  • Orabazes II c. 150/51-165
  • Abinergaios II (?) c. 165-180
  • Attambalos VIII c. 180-195
  • Maga (?) c. 195-210
  • Abinergaos III c. 210-222

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Talmud babilonese, Kiddushin 72.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Schuol, Monika: Die Charakene. Ein mesopotamisches Königreich in hellenistisch-parthischer Zeit (= Oriens et occidens 1), Stuttgart 2000, ISBN 3-515-07709-X
  • Sheldon A. Nodelman, "A Preliminary History of Charakene", Berytus 13 (1959/60), 83-121, XXVII f.,

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4090329-1