Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Arsinoe IV

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arsinoe IV
Jacopo Tintoretto - The Liberation of Arsinoe - WGA22667.jpg
"Salvataggio di Arsinoe" (Tintoretto, 1555-1556, Gemäldegalerie Alte Meister, Dresda)
Regina d'Egitto
In carica settembre 48 – gennaio 47 a.C.
(con Tolomeo XIII e in opposizione a Cleopatra)
Predecessore Tolomeo XIII e Cleopatra
Successore Tolomeo XIV e Cleopatra
Nome completo Ἀρσινόη
Arsinóe
Nascita 68 a.C. ca.
Morte Efeso, 41 a.C.
Dinastia Tolemaica
Padre Tolomeo XII
Madre ignota

Arsinoe IV (in greco antico: Ἀρσινόη, Arsinóe; 68 a.C. circa – Efeso, 41 a.C.) è stata una regina egizia, regnante tra il 48 e il 47 a.C. in opposizione ai fratelli Tolomeo XIII e Cleopatra. È stata una delle ultime sovrane della dinastia tolemaica d'Egitto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte del padre, Tolomeo XIII e Cleopatra divennero correggenti d'Egitto, ma Tolomeo detronizzò la sorella maggiore e la costrinse ad abbandonare Alessandria d'Egitto.

Quando Giulio Cesare arrivò ad Alessandria nel 48 a.C. e si schierò dalla parte di Cleopatra, Arsinoe scappò dalla capitale, si rifugiò presso l'esercito e fu acclamata regina. Decise poi di allearsi con il fratello contro i romani, ma il loro esercito fu sconfitto nella guerra alessandrina (battaglia del Nilo) ed all'inizio del 47 a.C. fu catturata e condotta a Roma per il trionfo di Cesare del 46 a.C.

Risparmiata da Cesare per la giovane età, venne liberata ed esiliata nell'Artemision di Efeso, dove nel 41 a.C. fu fatta assassinare da Marco Antonio su istigazione della sorella Cleopatra.[1]

Tomba ad Efeso[modifica | modifica wikitesto]

Resti ricomposti (comprendenti una parte della trabeazione, della peristasi e della cella decorata a bucrani) della tomba ottagonale di Efeso, attribuita ad Arsinoe (Vienna, Kunsthistorisches Museum)

Negli anni novanta la studiosa Hilke Thür dell'Austrian Academy of Sciences propose di attribuire il mausoleo ottagonale posto alla fine della "via dei Cureti", nel centro di Efeso, ad Arsinoe, dopo che in un saggio del 1926 era stato rinvenuto al suo interno uno scheletro di ragazza di poco meno di 20 anni. Thür proponeva di attribuire il destinatario del monumento per vari decenni rimasto adespota alla regina della dinastia lagide Arsinoe IV, uccisa all'età di 17anni ca. nel suo esilio di Efeso per istigazione di Cleopatra.[2] L'identificazione, ottenuta sulla base di uno studio stilistico, si sposava apparentemente con la datazione offerta dal carbonio-14, che collocava il corpo tra il 200 e il 20 a.C.[3]

I critici sostenevano che se lo scheletro apparteneva a una giovane ragazza di 15-20 anni, difficilmente Arsinoe avrebbe potuto guidare la rivolta contro Cesare nel 48 a.C., avendo avuto ella tra gli 8 e i 14 anni, troppo piccola per poter guidare tale ribellione. Il suo atteggiamento politico in quell'occasione avrebbe supposto un'età certamente maggiore. In ragione del ruolo da lei assunto ai tempi della ribellione anti romana e della generale convinzione che fosse di un'età maggiore a quei tempi, si è presunta una data di nascita (che non è conosciuta tramite le fonti) collocabile tra il 62 e il 68 a.C. Esiste ad ogni modo la possibilità che Arsinoe possa essere stata più giovane di quanto si presume ai tempi della venuta di Cesare, e che il suo apporto alla guerra possa anche non essere stato così rilevante.

Il teschio del corpo rinvenuto ad Efeso risulta essere stato disperso durante la seconda guerra mondiale e non più rinvenuto. Ci rimangono tuttavia delle misurazioni e delle foto del cranio, dalle quali si è evinto che la persona alla quale apparteneva manifestava elementi tanto caucasici quanto negroidi (presentava naso leptorrino ma leggermente camuso, mentre il cranio era dolicocefalo).[4] Alcuni studiosi hanno però opposto a questa analisi la non rilevanza delle misure craniche a riprova dell'identificazione razziale.[5] Gli "afrocentristi" (sostenitori del carattere negride di Arsinoe) sostengono la loro posizione a dispetto di alcuni elementi:

  • il cranio non è provato essere quello di Arsinoe;
  • la forma del cranio non è sufficiente a identificare la razza della persona;
  • Arsinoe era sorellastra di Cleopatra, di madre diversa da quest'ultima;
  • gli antenati di Cleopatra e Arsinoe erano greco-macedoni (caucasici).

Se l'identificazione fosse confermata, si tratterebbe del primo membro della dinastia tolemaica di cui ci sia giunto il corpo. La tesi della Thür non ha trovato consenso unanime tra gli studiosi ma è da ritenersi la più convincente finora proposta.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • (DE) Günther Hölbl, Geschichte des Ptolemäerreichs, Darmstadt, 1994, pp. 204; 210-212; 216.
  • (DE) Werner Huß, Ägypten in hellenistischer Zeit, Monaco di Baviera, 2001, pp. 705; 714; 716-718; 723; 727; 730 s.
  • Marcello Spanu, Appunti sui monumenti funerari intra moenia a Efeso. Aspetti architettonici e urbanistici, in M. Valenti (a cura di), Atti del Convegno di studi "Monumenta. I mausolei romani, tra commemorazione funebre e propaganda celebrativa" (Monte Porzio Catone, 25 ottobre 2008), Roma, Exorama, 2010, pp. 53–66.
  • (EN) Hilke Thür, Thee Processional Way in Ephesos as a Place of Cult and Burial, in Harvard Theological Studies, vol. 41, Cambridge Massachusetts, 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Arsinoe IV, livius.org.
  • (EN) Arsinoe IV, geocities.com. (archiviato dall'url originale il ).
Predecessore Regina dell'Alto e del Basso Egitto Successore Double crown.svg
Tolomeo XIII e Cleopatra 48 a.C. - 47 a.C.
con Tolomeo XIII e Cleopatra
Tolomeo XIV e Cleopatra
Controllo di autorità VIAF: (EN15594220 · GND: (DE120177463 · CERL: cnp00559889