Tolomeo Menfite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rilievo raffigurante Tolomeo VIII, padre di Tolomeo Menfite, tra le dee Uadjet (l'alto Egitto) e Nekhbet (il basso Egitto) (Tempio di Horus, Edfu)

Tolomeo Menfite (in greco antico: Πτολεμαῖος Μεμφίτης, Ptolemaĩos Menphítes; Menfi [1], 144 a.C.Cipro, 130 a.C.) è stato un principe egizio appartenente al periodo tolemaico.

Origini familiari[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dinastia tolemaica.

Tolomeo Menfite era figlio di Tolomeo VIII Evergete Fiscone, faraone d'Egitto, e di Cleopatra II.[2] Era quindi fratellastro di Tolomeo Eupatore, Cleopatra Tea, Cleopatra III e Tolomeo Neo Filopatore (figli della madre e di Tolomeo VI Filometore), di Cleopatra IV, Tolomeo IX, Cleopatra Selene, Tolomeo X e Cleopatra VI (figli del padre e di Cleopatra III) e di Tolomeo Apione (figlio naturale del padre).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tolomeo Menfite nacque nello stesso anno dell'autoproclamazione del padre a Re d'Egitto e venne presentato alla classe sacerdotale egizia di Menfi.[3] Tolomeo VIII fece così in modo da guadagnarsi anche l'appoggio dei sacerdoti della religione egizia presentando la triade divina di padre, figlio e sorella-moglie-madre.[4] Poiché Cleopatra II non aveva ancora dimenticato l'assassinio del figlio Tolomeo VII, compiuto dall'attuale marito, la grande importanza del neonato oltre a favorire Tolomeo VIII davanti agli occhi dei nativi egizi, lo sfavoriva offrendo a Cleopatra un nuovo ragazzo da usare contro di lui.[5] Nel frattempo Tolomeo VIII ebbe altri cinque figli da Cleopatra III, la figlia di primo letto di Cleopatra II, una situazione preoccupante per la regina più anziana.[6] Tra il 132 e il 131 a.C. Cleopatra II riuscì a portare a termine i suoi piani: una rivolta assaltò il palazzo di Tolomeo VIII e il faraone, Cleopatra III e i loro figli vennero esiliati a Cipro.[7] Allo stesso tempo Tolomeo Menfite era stato mandato per sicurezza dalla madre in Cirenaica; Tolomeo VIII convinse però il giovane a raggiungerlo sull'isola di Cipro e li si fece riconoscere dal figlio come unico sovrano legittimo insieme a Cleopatra III.[8] Cleopatra II per risposta si proclamò unica sovrana del regno e l'unico modo che ebbe Tolomeo VIII per far decadere ogni sua pretesa fu di ordinare l'assassinio di Tolomeo Menfite: il giovane venne quindi ucciso nel 130 a.C.[9] Si dice che Tolomeo VIII abbia fatto smembrare il corpo del figlio e lo abbia mandato in una cesta ad Alessandria dalla madre; questo episodio viene citato da molti storiografi antichi come massimo esempio della crudeltà di Tolomeo VIII.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diodoro Siculo, XXXIII, 13.
  2. ^ Tyldesley 2011, pag. 232.
  3. ^ Tyldesley 2011, pag. 232; Whitehorne 2002, pag. 109-110.
  4. ^ Whitehorne 2002, pag. 109.
  5. ^ Whitehorne 2002, pag. 110-113.
  6. ^ Whitehorne 2002, pag. 117.
  7. ^ Bierbrier 2008, pag. 48; Whitehorne 2002, pag. 117.
  8. ^ Giustino, XXXVIII, 8.12; Whitehorne 2002, pag. 117-118.
  9. ^ Diodoro Siculo, XXXIV, 14; Bierbrier 2008, pag. 188; Tyldesley 2011, pag. 232; Whitehorne 2002, pag. 118.
  10. ^ Diodoro Siculo, XXXIV, 14; Giustino, XXXVIII, 8.13; Livio, LIX, 14; Orosio, V, 10.7; Valerio Massimo, II, ext.5; Tyldesley 2011, pag. 232.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti storiografiche moderne
  • Morris L. Bierbrier, Historical Dictionary of Ancient Egypt, Scarecrow Press, 2008, ISBN 9780810862500.
  • Joyce Tyldesley, Cleopatra: Last Queen of Egypt, Profile Books, 2011, ISBN 9781847650443.
  • John Whitehorne, Cleopatras, Routledge, 2002, ISBN 9781134932160.