Giuba II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuba II
(ⵢⵓⴱⴰ II)
Portrait Juba II Louvre Ma1886.jpg
Testa di Giuba II (Museo del Louvre, Parigi)
Re di Numidia
Predecessore Giuba I
Successore Tolomeo di Mauretania
Altri titoli Re di Mauretania
Nascita Numidia, 52 a.C.
Morte Mauretania, 23
Padre Giuba I
Coniugi Cleopatra VIII
Glafira
Figli Tolomeo di Mauretania e Drusilla di Mauretania (da Cleopatra)

Giuba (in berbero: Yuba; in latino: Iuba; in greco antico: Ἰóβας, Ἰóβα o Ἰούβας; 52 a.C.23), noto nella storiografia moderna come Giuba II, è stato un sovrano e scrittore berbero, re di Numidia e di Mauretania.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Giuba I, re di Numidia (85-46 a.C.), sconfitto da Cesare nel corso della guerra contro Pompeo e i suoi alleati. Alla morte di Giuba I la Numidia divenne provincia romana e Giuba II, ancora bambino, venne portato a Roma dove ricevette la stessa educazione dei figli dell'aristocrazia romana. Qui conobbe e sposò, nel 19 a.C., la greca Cleopatra Selene, figlia di Cleopatra e Marco Antonio[1].

Nel 25 a.C., Augusto restaurò il regno di Numidia (per la verità solo la parte più occidentale di essa) cui annesse i territori della Mauretania, rimasta senza re dopo la morte senza eredi di Bocco II. Giuba II e la consorte divennero i sovrani di questo regno sotto tutela romana, ponendo la propria capitale a Iol Caesarea, oggi Cherchell (Nord dell'Algeria)[2].

Suo figlio e successore fu Tolomeo di Mauretania, che associò al trono nel 19, circa quattro anni prima della sua morte, che dovrebbe cadere tra il 23 e il 24 d.C.[3].

Suo figlio continuò poi la sua politica[4]ː tuttavia, Tolomeo di Mauretania venne assassinato nel 40 a Lione per ordine di Caligola, e l'impero romano riprese il controllo diretto della Mauretania.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Assai conosciuto nell'antichità, fu un uomo dotto, un artista e un letterato, autore di numerosi trattati sulla letteratura, la pittura, il teatro, la storia e la medicina. Tutti gli autori che lo citano, in effetti, concordano sulla sua erudizioneː ad esempio, a lui si deve la scoperta dell'Euforbia (cui diede il nome del suo medico personale) e il suo trattato su questa pianta ispirò in seguito diversi medici greci.

Dotato di grande curiosità, inviò una spedizione di studiosi nelle isole Canarie ed altre a verificare sul campo la tesi, sostenuta da alcuni geografi, che il Nilo avesse le sue sorgenti nel sud del Marocco[5].

Delle sue numerose opere sopravvivono solo 91 frammenti da citazioni di autori posteriori[6].

Tra le sue opere più importanti vi furono una Storia di Roma in almeno due libri[7], un'altra opera sulla Storia degli Assiri, Arabica, dedicati al giovane Gaio Cesare, nipote di Augusto, Sulla pittura e i pittori, in almeno 8 libri, una Storia teatrale in almeno 17 libri[8], delle Comparazioni in almeno 15 libri, Libyca[9], I viaggi di Annone (per questi ultimi due lavori, dedicati in massima parte alla storia e alla geografia della madrepatria, dovette avvalersi di documenti assai antichi, i Libri Punici ereditati dal nonno Iempsale).

Un trattato Sulla corruzione del linguaggio, che testimonia suoi interessi grammaticali, è citato da Esichio, Erodiano, Servio e Prisciano.

Le sue opere servirono da fonte per autori come Tito Livio, Alessandro Poliistore, Plinio, che racconta come «era ancor più conosciuto per il suo sapere che per il suo regno». Per la sua cultura, gli fu eretta una statua presso la biblioteca del ginnasio di Tolomeo II ad Atene (come ricordato da Pausania[10]).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Strabone, XVII 3, 7 C 828.
  2. ^ J. S. Reid, The Municipalities of the Roman Empire, Cambridge, University Press, 2014, pp. 264-265.
  3. ^ Cassio Dione, LI 15, 6; LIII 26, 2; LV 28, 3.
  4. ^ J. S. Reid, The Municipalities of the Roman Empire, Cambridge, University Press, 2014, p. 265.
  5. ^ Plinio il Vecchio, V, 51-60.
  6. ^ Raccolti in FGrHist 275.
  7. ^ Restano 20 frammenti.
  8. ^ Citato da Fozio, Biblioteca, cod. 161.
  9. ^ Cfr. G. Ottone, Libyka. Testimonianze e frammenti, Milano, Tored, 2002, pp. 621 ss.
  10. ^ Pausania, I 17, 2.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • D. W. Roller, The World of Juba II and Kleopatra Selene: Royal Scholarship on Rome's African Frontier, London, Routledge, 2004.
  • J. S. Reid, The Municipalities of the Roman Empire, Cambridge, University Press, 2014, pp. 264-266.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN16544861 · ISNI (EN0000 0000 3754 5443 · LCCN (ENn98080275 · GND (DE102396493 · BNF (FRcb135071294 (data) · CERL cnp00284917 · WorldCat Identities (ENviaf-16544861