Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Lisimaco (figlio di Tolomeo II)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lisimaco (in greco antico: Λυσίμαχος, Lysímachos; fl. III secolo a.C.; ... – 222 a.C. ca.) è stato un principe egizio appartenente al periodo tolemaico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lisimaco era il figlio secondogenito del re d'Egitto Tolomeo II e di Arsinoe I e fratello del futuro re Tolomeo III e di Berenice, futura moglie del sovrano seleucide Antioco II. Ebbe lo stesso nome del nonno materno Lisimaco, re di Macedonia e di Tracia.

Dopo il ripudio e l'esilio della madre in conseguenza del suo coinvolgimento in una congiura,[1] fu adottato, assieme ai fratelli, dalla seconda moglie del re, Arsinoe II.[2]

Sopravvisse al fratello Tolomeo III e venne fatto assassinare da Sosibio, ministro di suo nipote, Tolomeo IV, intorno al 222 a.C.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dübner, 17.128.
  2. ^ Donnelly Carney, p. 68.
  3. ^ Polibio, Storie, XV, 25; Hölbl 2001, p. 128.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie
Fonti secondarie