Antonia Truppo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonia Truppo (Napoli, 14 febbraio 1977) è un'attrice italiana.

È vincitrice di due David di Donatello per la migliore attrice non protagonista per le sue interpretazioni nei film Lo chiamavano Jeeg Robot (2015) e Indivisibili (2016).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Napoletana classe 1977, cresciuta a Secondigliano, Antonia Truppo si è fatta conoscere per le sue interpretazioni sul palcoscenico a fianco di Carlo Cecchi, soprattutto grazie agli adattamenti di Sei personaggi in cerca d'autore di Pirandello e de Il Tartufo di Moliere.

Il suo esordio nel cinema risale al 2001, quando interpreta Orsola nel film Luna rossa di Antonio Capuano, seguito subito dopo da La volpe a tre zampe di Sandro Dionisio. Deve però attendere quattro anni per la notorietà. Merito del ruolo in La squadra, la serie televisiva poliziesca in onda su Rai Tre, in cui veste i panni dell'agente Paola Criscuolo.

Il 18 aprile 2016 vince il David di Donatello per la migliore attrice non protagonista per la sua interpretazione della camorrista Nunzia in Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti.

Il 27 marzo 2017 vince un altro David di Donatello per la migliore attrice non protagonista per il ruolo di Titti nel film Indivisibili di Edoardo De Angelis.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore David di Donatello per la migliore attrice non protagonista Successore
Giulia Lazzarini
per Mia madre
2016
Lo chiamavano Jeeg Robot
Antonia Truppo
per Indivisibili
I
Antonia Truppo
per Lo chiamavano Jeeg Robot
2017
Indivisibili
In carica II
Controllo di autoritàVIAF: (EN22460013 · ISNI: (EN0000 0000 0484 7373 · LCCN: (ENno2012039097 · BNF: (FRcb155932225 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie