WrestleMania IX

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
WrestleMania IX
Promosso da World Wrestling Federation
Data 4 aprile 1993
Sede Caesars Palace
Città Las Vegas, Nevada
Spettatori 16.891
Cronologia pay-per-view
Royal Rumble 1993 WrestleMania IX King of the Ring 1993
Progetto Wrestling

WrestleMania IX è stata la nona edizione di WrestleMania, evento in pay-per-view di wrestling promosso dalla World Wrestling Federation (WWF). L'evento si è tenuto al Caesars Palace di Las Vegas il 4 aprile 1993 ed è stata la prima edizione di WrestleMania a tenersi all'aperto.

L'evento venne costruito attorno a due storyline principali. La prima vedeva coinvolti l'apparentemente inarrestabile Yokozuna e il campione del mondo Bret Hart per il titolo WWF Championship (Yokozuna si era guadagnato il diritto di sfidare Hart vincendo la Royal Rumble 1993). La seconda storyline di rilievo concerneva il ritorno di Hulk Hogan, che aveva temporaneamente lasciato la WWF dopo WrestleMania VIII, ma che tornò in coppia con Brutus Beefcake per sfidare i campioni WWF Tag Team Money Inc. (Ted DiBiase & Irwin R. Schyster). Hogan e Beefcake persero l'incontro, ma la sera stessa Hogan sconfisse Yokozuna vincendo il titolo del mondo in un match improvvisato dopo che Yokozuna aveva battuto il WWF Champion Bret Hart. In aggiunta, Shawn Michaels difese la cintura di campione intercontinentale, sebbene uscì perdente dal suo match con Tatanka.

Le recensioni a questa edizione di WrestleMania furono abbastanza negative. Le critiche maggiormente mosse all'evento riguardarono l'incontro tra Undertaker e Giant Gonzalez, la vittoria del titolo da parte di Hulk Hogan, e le toghe in stile antica Roma indossate dagli annunciatori e presentatori della manifestazione.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Una delle rivalità messe in scena coinvolgeva Tatanka e il WWF Intercontinental Champion Shawn Michaels. Tatanka era nel bel mezzo di una striscia vincente di imbattibilità quando affrontò Michaels per due volte nei mesi precedenti a WrestleMania IX.[1] Tatanka schienò Michaels in un match svoltosi il 13 febbraio 1993 durante una puntata di WWF Superstars of Wrestling e successivamente si alleò con i The Nasty Boys in un six-man tag team match contro Michaels e Beverly Brothers; Tatanka schienò ancora una volta Michaels per aggiudicarsi l'incontro.[2] Michaels era inoltre in rotta con la sua ex manager e valletta Sensational Sherri, che scelse di accompagnare Tatanka durante il match. Quando Marty Jannetty cercò di colpire Michaels con uno specchio, tuttavia, Michaels si fece scudo con Sherri che finì per prendersi il colpo al posto suo.[3] La rabbia di Sherri verso il vile gesto di Michaels la portò a tradirlo per diventare una "face" alla Royal Rumble 1993.[4]

Il match tra The Steiner Brothers (Rick & Scott) e The Headshrinkers (Samu & Fatu) ebbe poca costruzione, anche se Afa, manager degli Headshrinkers, asserì che il suo team avrebbe "staccato la testa ai fratelli [Steiner]".[2] Doink the Clown e Crush erano rivali fin dal gennaio '93. Nel corso di una puntata di WWF Superstars of Wrestling, Crush era intervenuto per difendere un bambino tra il pubblico infastidito dal malvagio clown. Crush afferrò Doink per un braccio intimandogli di non disturbare i bambini.[3] Doink si scusò e diede un fiore a Crush in segno di pace; quando però Crush fece per andarsene, Doink si tolse una protesi artificale che gli ricopriva il braccio e colpì alle spalle il wrestler con il finto arto, infortunandolo.[3]

Il feud tra Mega-Maniacs (Brutus Beefcake & Hulk Hogan) e i campioni mondiali di coppia Money Inc. (Ted DiBiase & Irwin R. Schyster) prese origine da un vero incidente del quale era stato vittima Beefcake nel 1990 che lo costrinse ad un delicato intervento di chirurgia plastica.[5] Brutus non fu in grado di combattere fino al febbraio 1993. Al suo ritorno dopo l'infortunio affrontò DiBiase in un match, finendo però per essere assalito da DiBiase e Schyster. DiBiase tenne fermo Beefcake mentre Schyster lo colpì in faccia con la sua valigetta, ma Jimmy Hart, manager dei Money Inc., inorridito dal gesto cercò di fermare i suoi assistiti prima di finire scaraventato fuori dal ring.[6] Hart divenne quindi un manager "face", amato dai fan.[7] Poco tempo dopo, Hulk Hogan ritornò in WWF e si unì a Beefcake e al manager Jimmy Hart, per formare i Mega-Maniacs e sfidare i Money Inc. per il titolo WWF Tag Team Championship.[5][8]

La rivalità tra Mr. Perfect e Bobby Heenan risaliva alle Survivor Series 1992. Perfect e Ric Flair erano entrambi clienti di Heenan, ma Mr. Perfect tradì Flair e Heenan diventando uno dei "buoni" nel bel mezzo del match ad eliminazione.[9] Flair ebbe allora un breve feud con Perfect ma lasciò subito dopo la compagnia per tornare nella World Championship Wrestling.[10] Lex Luger era entrato nella World Bodybuilding Federation di Vince McMahon, ma successivamente firmò anche un contratto come wrestler della WWF quando la federazione di bodybuilding fallì.[11] Debuttò alla Royal Rumble del 1993, dove venne presentato come il nuovo lottatore di Heenan, Narcissus (anche se il ring name venne cambiato quasi subito in "The Narcissist" Lex Luger).[12][13]

Il feud tra The Undertaker e Giant Gonzalez ebbe origine dall'odio verso Undertaker del manager Harvey Wippleman. Undertaker aveva sconfitto Kamala, cliente di Wippleman, a SummerSlam 1992.[14] Il rematch tra i due si tenne a Survivor Series 1992, dove Undertaker sconfisse Kamala rinchiudendolo dentro una bara nel corso di un Coffin Match.[15] Wippleman pretendeva vendetta, e allora introdusse il "mostruoso" Gonzalez alla Royal Rumble 1993 appositamente per attaccare The Undertaker. Il becchino venne eliminato dalla Royal Rumble proprio dall'interferenza del gigante, e un match venne fissato per WrestleMania IX.[16]

Sin dal suo debutto nella compagnia nel 1992, Yokozuna era stato promosso come un'inarrestabile forza heel nella WWF. Pesando più di 250 kg, faceva uso della sua mossa finale "Banzai Drop", finisher con la quale saltava dalla seconda corda per sedersi sul petto dell'avversario schiacciandolo con la sua enorme mole.[17][18] In un celebre match svoltosi il 6 febbraio 1993 nel corso di una puntata di WWF Superstars of Wrestling, Yokozuna attaccò "Hacksaw" Jim Duggan eseguendo su di lui quattro "Banzai Drop". A causa dell'infortunio (kayfabe) subito, Duggan rimase inattivo per due mesi.[2] Yokozuna si guadagnò la possibilità di sfidare il campione WWF Champion Bret Hart a WrestleMania vincendo la Royal Rumble del '93.[19] Durante la firma del contratto per il match, Yokozuna attaccò Hart eseguendo su di lui il Banzai Drop.[2]

Evento[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'inizio della diretta televisiva, Tito Santana sconfisse Papa Shango in un dark match.[20] Nel primo incontro ufficiale del pay-per-view, il campione Intercontinentale WWF Shawn Michaels arrivò sul ring accompagnato dalla sua nuova valletta, Luna Vachon. Sensational Sherri affiancava invece Tatanka. Durante il match, la Vachon cercò di colpire Tatanka fuori dal ring per ben due volte, ma Sherri riuscì sempre a fermarla. Tatanka spese gran parte del match cercando di infortunare Michaels a un braccio. Michaels si riprese e quasi schienò Tatanka con un roll up, ma l'indiano riuscì a sfuggire. Michaels gettò Tatanka furoi dal ring e cercò di saltargli addosso, ma Tatanka si spostò all'ultimo minuto. Non essendo in grado di tornare sul ring entro il conteggio di dieci, Michaels tirò l'arbitro giù dal ring. Quindi Tatanka vinse il match per squalifica ma non la cintura di campione Intercontinentale.[21]

Nel successivo match, gli Steiner Brothers (Rick & Scott) affrontarono gli Headshrinkers (Samu & Fatu). Le sorti dell'incontro cambiarono diverse volte nel corso del match, fino a quando Scott Steiner schienò Samu e vinse la contesa.

Crush assalì Doink the Clown fuori ring prima dell'inizio del match. Dopo averlo scaraventato sul ring, Crush usò la sua forza per avere ragione del clown. Doink ricorse però all'aiuto di un suo doppio, un altro Doink (interpretato da Steve Keirn) che sbucò da sotto il ring mentre l'arbitro era incosciente e colpì Crush con una protesi in plastica mettendolo KO. Infine Doink riuscì a schienare l'esanime Crush aggiudicandosi l'incontro.

In seguito Razor Ramon affrontò Bob Backlund. Ramon ricorse alla sua potenza per gran parte del match, ma Backlund ricorse alla sua esperienza e alla tecnica per contrastarlo. Ramon vinse comunque il match in meno di quattro minuti.

Nella successiva contesa, i Money Inc. (Ted DiBiase & Irwin R. Schyster) difesero le cinture di WWF Tag Team Championship contro Mega-Maniacs (Hulk Hogan & Brutus Beefcake). Beefcake indossò una maschera protettiva sul viso infortunato per proteggerlo dagli attacchi, e Hulk Hogan arrivò sul ring con un vistoso occhio nero, la cui causa ufficiale non venne mai resa nota. I Money Inc. decisero di abbandonare il match andandosene quando DiBiase si infortunò una mano colpendo la maschera in titanio di Beefcake, ma l'arbitro Earl Hebner li informò del fatto che avrebbero perso le cinture se si fossero fatti contare fuori dal ring. DiBiase tornò allora sul quadrato e rese incosciente Hogan con la sua presa di sottomissione Million Dollar Dream. Beefcake attaccò DiBiase imprigionandolo nella sua sleeper hold per poi dirigersi verso Schyster, ma DiBiase lo colpì alla schiena con la valigetta di Schyster. Poi i Money Inc. assalirono Beefcake togliendogli la maschera protettiva, ma Beefcake riuscì a liberarsi dei due. L'arbitro venne accidentalmente colpito e finì KO, allora Hogan attaccò entrambi i membri dei Money Inc. colpendoli con la maschera di Beefcake. Hulk cercò di schienare DiBiase, ma l'arbitro era ancora fuori gioco. Jimmy Hart si tolse la giacca rivelando di indossare una divisa da arbitro ed effettuò il conteggio vincente dichiarando i Mega-Maniacs trionfatori del match e nuovi campioni. L'arbitro Danny Davis arrivò quindi sul ring e squalificò Hogan per aver usato la maschera come arma. I Money Inc. furono perciò dichiarati vincitori e mantennero le cinture di campioni.[22]

Lex Luger si presentò sul ring accompagnato da quattro belle ragazze in costume che lo spogliarono prima del suo confronto con Mr. Perfect. Il match all'inizio fu molto tecnico, e Perfect cercò di infortunare il ginocchio di Luger mentre invece Lex lavorò alla schiena di Perfect. Mr. Perfect sembrò prendere controllo del match con una powerslam e cercò di schienare Luger. Luger si salvò mettendo un piede sulle corde. Anche Luger successivamente schienò Perfect; e anche mise un piede sulla corda ma, questa volta, l'arbitro non si accorse della cosa ed effettuò il conteggio di tre.

Nel successivo match, The Undertaker affrontò Giant Gonzalez. Circa a metà della contesa, Harvey Wippleman diede a Gonzalez un fazzoletto imbevuto di cloroformio, che Gonzalez utilizzò per far svenire il becchino. L'arbitro squalificò Gonzalez ed assegnò la vittoria a The Undertaker. Dopo il match, Undertaker si risvegliò ed attaccò Giant Gonzalez.

Il main event della serata vide affrontarsi prima il campione del mondo Bret "The Hitman" Hart contro il mastodontico Yokozuna. Yokozuna vinse il titolo grazie all'interferenza del suo manager Mr. Fuji che gettò un pugno di sale in faccia ad Hart. Successivamente, dietro istigazione dello stesso Fuji che dichiarava la superiorità assoluta del suo assistito, venne fatto un match improvvisato tra Hulk Hogan (arrivato a dare man forte ad Hart) e Yokozuna. Il gigante giapponese venne sconfitto in meno di un minuto da un Leg drop di Hulk che quindi divenne campione WWF per la quinta volta. In realtà Hogan ottenne il match per il titolo perché, avendo disputato quella sera solo un match di coppia, aveva minacciato di non partecipare allo show se non gli fosse stata data più rilevanza.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Risultati[23] Stipulazioni Durata
Dark Tito Santana sconfigge Papa Shango Single match 08:00
1 Tatanka (con Sensational Sherri) sconfigge Shawn Michaels (c) (con Luna Vachon) per countout Single match per il WWF Intercontinental Championship 18:13
2 Gli Steiner Brothers (Rick e Scott) sconfiggono gli Headshrinkers (Samu e Fatu) (con Afa) Tag team match 14:22
3 Doink the Clown sconfigge Crush Single match 08:28
4 Razor Ramon sconfigge Bob Backlund Single match 03:45
5 I Money Inc. (Ted DiBiase e Irwin R. Schyster) (c) sconfiggono The Mega-Maniacs (Hulk Hogan e Brutus Beefcake) (con Jimmy Hart) per squalifica Tag team match per il WWF Tag Team Championship 18:27
6 Lex Luger sconfisse Mr. Perfect Single match 10:56
7 The Undertaker (con Paul Bearer) sconfigge Giant Gonzalez (con Harvey Wippleman) per squalifica Single match 07:33
8 Yokozuna (con Mr. Fuji) sconfigge Bret Hart (c) Single match per il WWF Championship 08:55
9 Hulk Hogan sconfigge Yokozuna (c) (con Mr. Fuji) Single match per il WWF Championship (non in programma) 00:21

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paul Nemer, My Interview with the "Native American" Tatanka in WrestleView, 2001-09-14. URL consultato il 2008-09-04.
  2. ^ a b c d Graham Cawthon, Ring Results: 1993 in The History of WWE. URL consultato il 2009-09-19.
  3. ^ a b c Graham Cawthon, Ring Results: 1992 in The History of WWE. URL consultato il 2009-09-19.
  4. ^ Shawn Michaels in SLAM! Wrestling, Canadian Online Explorer. URL consultato il 2008-09-04.
  5. ^ a b Wrestler Profiles: Brutus Beefcake in Online World of Wrestling. URL consultato il 2008-09-04.
  6. ^ WWF Raw: February 15, 1993 in The Other Arena. URL consultato il 2009-09-19 (archiviato dall'url originale il 2003-06-10).
  7. ^ Jimmy Hart, The Mouth of the South: The Jimmy Hart Story, ECW Press, 2004, p. 152, ISBN 1-55022-595-2.
  8. ^ Manager Profiles: Jimmy Hart in Online World of Wrestling. URL consultato il 2008-09-04.
  9. ^ WWF Prime Time: November 16, 1992 in The Other Arena. URL consultato il 2009-09-19 (archiviato dall'url originale il 2003-06-10).
  10. ^ John Milner, Richard Kamchen, Ric Flair in SLAM! Wrestling, Canadian Online Explorer. URL consultato il 2008-09-04.
  11. ^ Randy Baer, R.D. Reynolds, Wrestlecrap: The Very Worst of Pro Wrestling, ECW Press, 2003, p. 161, ISBN 1-55022-584-7.
  12. ^ Royal Rumble 1993 in Online World of Wrestling. URL consultato il 2008-09-04.
  13. ^ When Vince McMahon Wasn't a Genius in Wrestling Digest. URL consultato il 2009-09-19 (archiviato dall'url originale il March 28, 2010).
  14. ^ SummerSlam 1992: Results, World Wrestling Entertainment. URL consultato il 2008-09-04.
  15. ^ Survivor Series 1992, World Wrestling Entertainment. URL consultato il 2008-09-04.
  16. ^ Wrestler Profiles: Giant Gonzales in Online World of Wrestling. URL consultato il 2008-09-04.
  17. ^ WWE Alumni: Yokozuna, World Wrestling Entertainment. URL consultato il 2008-09-04.
  18. ^ Sharon Mazer, Professional Wrestling: Sport and Spectacle, University Press of Mississippi, 1998, p. 98, ISBN 1-57806-021-4.
  19. ^ Louie Dee, "Little men" prove triumphant, World Wrestling Entertainment, 2006-06-23. URL consultato il 2008-09-04.
  20. ^ WrestleMania IX in Pro Wrestling History. URL consultato il 2008-09-05.
  21. ^ Frank Zicarelli, WrestleMania Rewind: Hulkamania lives again (WM9) in SLAM! Wrestling, Canadian Online Explorer, 2004-02-28. URL consultato il 2008-09-05.
  22. ^ Jimmy Hart, The Mouth of the South: The Jimmy Hart Story, ECW Press, 2004, p. 153, ISBN 1-55022-595-2.
  23. ^ WrestleMania IX Results, World Wrestling Entertainment.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling