Seconda guerra cecena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Seconda guerra cecena
Seppellimento di caduti in una fossa comune
Seppellimento di caduti in una fossa comune
Data 26 agosto 1999 - 16 aprile 2009
Luogo Cecenia, Caucaso settentrionale
Casus belli Episodi di terrorismo nel Caucaso settentrionale
Esito * Estensione del conflitto nel territorio del Caucaso
  • Conquista dei territori occupati dai separatisti ceceni
  • Insorgere dell'attività di guerriglia dei ribelli ceceni
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
(1999)
dai 50 000 ai 60 000
(1999)
22 000 (secondo stime russe)
Perdite
Militari:
5 000 morti
Civili: 600
durante gli attacchi in territorio russo
Militari:
Almeno 15 000 secondo l'esercito russo
Civili:
25 000–50 000 morti
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La Seconda guerra cecena, meglio nota nella sua fase a noi più recente nel tempo come Guerra nel Caucaso Settentrionale è una campagna lanciata dal 26 agosto 1999 in territorio ceceno dall'esercito della Federazione russa, per riconquistare il controllo dei territori conquistati dai separatisti ceceni.

Il conflitto ha avuto inizio con una invasione in territorio russo, in particolare nella repubblica del Caucaso settentrionale del Daghestan, da parte dei gruppi delle Brigate Internazionali Islamiche (miliziani non inquadrati nell'esercito nazionale ceceno), e come rappresaglia da parte russa degli attentati terroristici avvenuti nelle città russe di Bujnaksk, Mosca e Volgodonsk, dei quali il governo russo accusò i ribelli ceceni.

I risultati di questo conflitto ribaltarono completamente l'esito della Prima guerra cecena, nella quale la maggioranza del territorio ceceno divenne parte dell'autoproclamatasi Repubblica cecena di Ichkeria. Nonostante il conflitto sia considerato a livello internazionale come una lotta intestina all'interno della Federazione russa, esso ha attirato numerose bande di guerriglieri appartenenti alla Jihad islamica, che combattono al fianco dei separatisti ceceni.

All'inizio della campagna le forze militari russe ed i gruppi paramilitari dei lealisti ceceni hanno affrontato i separatisti ceceni e, dopo un lungo assedio durante l'inverno del 1999, sono riusciti a riconquistare la capitale Grozny. Nel maggio del 2000 le truppe della Federazione Russa hanno ristabilito il controllo sul territorio ceceno dopo un'imponente campagna su vasta scala, scatenando tuttavia l'insorgere di focolai di guerriglia nella regione del Caucaso settentrionale, provocando gravi perdite fra le truppe russe e sfidando il processo di ripristino dell'autorità russa sul territorio ceceno. Purtroppo l'acuirsi e l'inasprirsi di questo conflitto ha comportato il mancato rispetto dei diritti umani da entrambe le parti, con la conseguente condanna della comunità internazionale.

Nonostante l'esercito della Federazione Russa ed i suoi alleati lealisti ceceni abbiano notevolmente indebolito la presenza dei ribelli, tuttavia questi ultimi nella regione del Caucaso settentrionale hanno sostituito al conflitto aperto la tattica della guerriglia e del terrorismo, spingendosi anche nelle regioni circostanti. L'esatta stima delle perdite di questa guerra è tuttora sconosciuta, anche se fonti non ufficiali contano un numero di circa 25.000 - 50.000 vittime tra morti, feriti e dispersi, molti dei quali tra i civili.

Il 16 aprile 2009 le operazioni contro il terrorismo in Cecenia sono state dichiarate ufficialmente concluse.[1]

Le basi storiche del conflitto[modifica | modifica wikitesto]

Impero russo[modifica | modifica wikitesto]

La Cecenia è storicamente una regione che per tradizione si è sempre opposta al dominio straniero, compreso l'Impero ottomano nel XV secolo. Nel 1577 i Cosacchi liberi provenienti dal Volga e stabilitisi sulle rive del fiume Terek diedero vita allo Stato cosacco del Terek. Nel 1783 i regni di Russia e Georgia firmarono il trattato di Georgievsk con il quale i Kartli-Kakheti, ovvero i signori della regione, si sottomettevano all'autorità imperiale russa diventando un protettorato. Per assicurarsi una comunicazione diretta tra la Georgia e le altre regioni della Transcaucasia, l'Impero russo cercò di espandere il proprio controllo sulla Cecenia, provocando così lo scoppio della guerra del Caucaso nel 1817, scatenando la guerra di resistenza della popolazione soprattutto nelle zone degli altopiani contro le quali venne inviata un'armata al comando del generale Aleksandr Barjatinskij forte di 250.000, che riuscì a sedare la rivolta soltanto nel 1859.

Unione sovietica[modifica | modifica wikitesto]

Aslan Maskhadov leader storico dei ribelli ceceni

A seguito della Rivoluzione russa del 1917 la popolazione cecena ricostituì l'antico Imamato caucasico sorto nella regione agli inizi del XIX secolo, comprendente la Cecenia, e parti del Daghestan e dell'Inguscezia. Parallelamente a questa realtà politica nacque anche la Repubblica delle Montagne del Caucaso Settentrionale[2]; durante la guerra civile russa queste due nazioni si trovarono su fronti opposti, ma entrambe vennero destituite dall'occupazione delle truppe bolsceviche nel 1922. Nel 1936, Cecenia ed Inguscezia si unirono per dare vita alla Repubblica Socialista Sovietica Autonoma Ceceno-Inguscia. Nel 1941 scoppiò una nuova insurrezione guidata dal nazionalista Khasan Israilov che portò alla deportazione in massa del popolo ceceno nel 1944 nei territori della repubblica kazaka e nella repubblica kirghiza, nella cosiddetta Operazione Lentil. Nel 1957, dopo la morte di Stalin, che aveva ordinato la deportazione di massa, il nuovo presidente sovietico Nikita Khrushchev permise ai ceceni il ritorno alla loro terra d'origine.

Prima guerra cecena[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della dissoluzione dell'Unione Sovietica nel 1991 la popolazione cecena dichiarò la propria indipendenza e nel 1992 i leader politici di Cecenia ed Ingushezia firmarono un accordo in virtù del quale la Repubblica Socialista Sovietica Autonoma Ceceno-Inguscia si sarebbe divisa in due territori, quello dell'Inguscezia che venne incorporato nella neonata Federazione russa e la Cecenia dichiaratasi indipendente. Tuttavia sorse un acceso dibattito all'interno delle forze politiche cecene, divise tra lealisti e separatisti, guidati dal nazionalista Džokhar Dudaev, che portò ad una vera e propria guerra civile ed alla fuga in massa di migliaia di persone di origine etnica non-cecena. Nel 1994 scoppiò la Prima guerra cecena con l'occupazione da parte delle truppe russe del territorio ceceno per ristabilire l'ordine costituito. Seguirono due anni di combattimenti e di massacri che portarono alla morte di circa 100.000 persone, e che si conclusero con l'accordo per il cessate il fuoco a Khasavyurt nel 1996, che prevedeva il ritiro delle truppe russe dal territorio ceceno.

Preludio al secondo conflitto[modifica | modifica wikitesto]

Caos in Cecenia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine della Prima guerra cecena il controllo politico e militare dei separatisti ceceni sulla Cecenia era ancora molto debole, soprattutto fuori della capitale in rovina, Groznyj. Il resto della regione, infatti, tornò nelle mani dei capiclan rissosi che per secoli avevano governato queste terre, in coerenza alla struttura tribale dei popoli nord - caucasici[3]. A questi si aggiunsero (e in molti casi si sovrapposero) bande paramilitari di banditi o di estremisti islamici, che acuirono la situazione di estrema confusione ed anarchia[4]. Sorsero così diversi signori della guerra, come Arbi Barayev e Salman Raduyev che si opposero apertamente con i loro gruppi armati all'autorità del governo centrale. Durante i tre anni di governo degli autonomisti ceceni le bande armate fecero del rapimento e della razzia la loro attività principale, guadagnando una cifra stimabile intorno ai 200 milioni di dollari[5], con una stima di circa 1.300 persone rapite tra il 1996 e il 1999. Per fronteggiare questa situazione le autorità di Groznyj dichiararono lo stato di emergenza e cercarono di eliminare i focolai più virulenti tramite le incursioni della Guardia Nazionale Cecena.

Tensione nei rapporti tra Cecenia e Federazione Russa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 venne eletto Presidente della Cecenia indipendente il nazionalista Aslan Maskhadov, che riuscì a sopravvivere a ben due attentati nel 1998 e nel 1999, che il neo-presidente attribuì ai servizi segreti russi. Nel marzo del 1999, il generale Gennady Shpigun, rappresentante del Ministero dell'Interno russo in Cecenia, venne rapito all'aeroporto di Groznyj e trovato morto nel 2000 nel bel mezzo del conflitto ormai scoppiato.

Alla base della tensione fra la superpotenza russa e la piccola repubblica caucasica c'erano innanzitutto ragioni storiche: la Russia controllava il caucaso del nord dal Settecento, aveva costruito buona parte delle città (compresa Groznyj, nata come fortezza zarista) e della rete infrastrutturale, aveva colonizzato parte della regione ed aveva speso ingenti risorse economiche e umane nella sua stabilizzazione. Altro punto critico fondamentale era la rovinosa sconfitta subita dai russi pochi anni prima. Ultima causa (ma non meno importante) era la turbolenza della regione, presso la quale il fondamentalismo islamico reclutava non soltanto miliziani, ma anche valenti comandanti, come Shamil Basayev. Prova del radicamento di una forma particolarmente bellicosa di estremismo islamico era la presenza di esponenti dell'ala più oltranzista nelle file dello stesso governo Maskhadov, un compromesso politico che il Presidente aveva dovuto accettare per evitare ulteriori conflitti interni, ma che d'altra parte legittimavano la posizione di Basayev su un piano politico, permettendo ai fondamentalisti di "sfruttare" l'esteso sentimento nazionalista in funzione della Jihad islamica.

All'interno del governo russo, numerosi esponenti manifestarono la preoccupazione che la concessione di un'eccessiva autonomia alla Cecenia avrebbe scatenato un effetto domino, incoraggiando così altre repubbliche all'interno della Federazione russa alla secessione. La tensione politica crebbe ulteriormente a causa dei numerosi attentati terroristici pro o contro la Cecenia, ai quali si aggiunsero numerose schermaglie ai confini tra soldati russi e ceceni. Il Primo Ministro russo Sergej Stepašin, rilasciò un'intervista nel gennaio del 2000 nella quale affermò che l'invasione della Cecenia era stata programmata a partire dal marzo 1999[6].

Piani russi per la guerra[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 marzo 1999 il ministro dell'interno Sergej Stepašin, in risposta al rapimento del generale Gennadij Špigun chiese un'invasione della Cecenia. Il piano di Stepašin venne visionato da Primo Ministro Evgenij Primakov[7]; Stepašin più tardi disse:[8]

« La decisione di invadere la Cecenia venne presa nel marzo 1999...Venni preparato per un intervento attivo. Pianificammo di arrivare sul lato nord del Fiume Terek per agosto-settembre (del 1999). Questo (la guerra) sarebbe avvenuto a prescindere dagli attacchi in Russia...Putin non scoprì niente di nuovo. Su questo potete chiedere a lui. A quel tempo era direttore del FSB e aveva tutte le informazioni.[9][10] »

Secondo Robert Bruce Ware (professore alla Southern Illinois University Edwardsville esperto di questioni caucasiche) questi piani devono essere considerati come di riserva.[11]

Attentati terroristici e incidenti di confine[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 novembre 1996 nella cittadina daghestana di Kaspijsk, un attentato terroristico fece esplodere una palazzina che ospitava alcune guardie di confine russe e causò 68 vittime. Le origini e le cause dell'attentato non furono mai chiarite ma da parte russe le accuse si rivolsero ai separatisti ceceni[12]. Il 23 aprile 1997 morirono tre persone per un attentato dinamitardo presso la stazione ferroviaria di Armavir (nel territorio di Krasnodar), ed un secondo attentato causò due vittime il 28 maggio 1997 alla stazione di Pjatigorsk (nel territorio di Stavropol).

Il 22 dicembre 1997 un contingente di milizie daghestane, unite ad un gruppo di guerriglieri ceceni appartenenti al signore della guerra arabo Ibn Al-Khattab assalirono la base della 136ª Brigata Motorizzata dell'Esercito Russo a Buynaksk, nel Daghestan, provocando diversi morti e danni[13]. Il 16 aprile 1998 un convoglio militare russo subì un'imboscata nei pressi del confine tra Cecenia ed Inguscezia da parte dei guerriglieri ingusci, che provocò la morte di tre alti ufficiali e di altre diverse vittime. Il 7 aprile 1999 quattro poliziotti di confine russi vennero assassinati nei pressi di Stavropol. Alla fine di maggio di quello stesso anno le autorità russe annunciarono pubblicamente che, con lo scopo di combattere il terrorismo e il commercio illegale, le guardie di confine avrebbero ricevuto l'ordine di sparare a vista su qualsiasi individuo o movimento sospetto. Le prime vittime di questo ordine furono quattro miliziani ceceni uccisi durante l'assalto ad un posto di guardia russo il 18 giugno 1999.

Incursioni in Daghestan[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto e nel settembre del 1999, le milizie guidate da Shamil Basayev, congiunte a quelle di Al-Khattab, forti di un contingente di circa 1.400 uomini, fecero una incursione nel territorio russo del Daghestan, con lo scopo di dare manforte ai separatisti locali in lotta contro le truppe della Federazione Russa nei villaggi di Kadar, Karamakhi e Chabanmakhi. Il conflitto vide anche l'uso di bombe a vuoto, soprattutto nel villaggio di Tando, e comportò la sconfitta dei ribelli da parte dei soldati russi e l'uccisione (secondo fonti russe) di 278 miliziani e di circa 900 feriti.

Attentati in territorio russo[modifica | modifica wikitesto]

Contemporaneamente all'invasione in territorio daghestano, venne sferrata una serie di attentati dinamitardi in alcune abitazioni di Mosca e Volgodonsk e nella cittadina daghestana di Bujnaksk. Il 4 settembre 1999 uno di questi attentati contro una palazzina che ospitava le famiglie di poliziotti russi fece 62 vittime. Gli attentati, che durarono nelle successive due settimane, fecero complessivamente 300 morti. Le autorità russe, primo fra tutti l'allora Presidente Boris Yeltsin, accusarono degli attentati i separatisti ceceni.

Tuttavia alcuni uomini politici di alto profilo negli Stati Uniti, tra i quali l'affarista russo Boris Berezovsky e il senatore John McCain, sostennero invece che gli attentati erano stati preparati dai servizi segreti russi (in particolare l'FSB) con lo scopo di scatenare una campagna contro i separatisti ceceni per giustificare la successiva invasione della Cecenia[14]. Queste affermazioni vennero successivamente confermate dall'ex agente segreto russo Alexander Litvinenko nel libro Blowing Up Russia: Terror From Within. Il 29 settembre 1999 le autorità russe chiesero alla Cecenia l'estradizione dei responsabili materiali degli attentati, ed il giorno successivo le forze di terra russe iniziarono l'invasione della Cecenia[15][16][17][18].

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bombe nei palazzi in Russia del 1999.

L'offensiva russa (1999-2000)[modifica | modifica wikitesto]

Agosto 2000, Putin parla ad una cerimonia in ricordo della 76ª Divisione delle Truppe Aerotrasportate perita in Cecenia

Guerra aerea[modifica | modifica wikitesto]

Tra la fine di agosto e settembre del 1999 la Russia attuò una pesante campagna di bombardamenti aerei sulla Cecenia, con l'obiettivo di eliminare gran parte dei movimenti di guerriglieri che continuavano a minacciare i confini con il Daghestan. I raid aerei russi provocarono centinaia di vittime tra i civili, forzando almeno 100.000 a cercare rifugio nella vicina Ingushezia, che si appellò alle Nazioni Unite e alle organizzazioni umanitarie per far fronte a questo vasto esodo di profughi ceceni. Il 2 ottobre 1999 il Ministro per le Situazioni d'Emergenza russo dichiarò pubblicamente l'esodo di circa 78.000 civili ceceni a causa dei bombardamenti russi, molti dei quali cercavano rifugio in Inguscezia, con una media di 5.000-6.000 persone al giorno.

Il 22 settembre 1999 il viceministro degli Interni russo Igor' Zubov affermò che le truppe russe avevano ormai accerchiato le forze cecene ed erano pronte a riprendere il controllo del territorio ceceno, ma che tuttavia i vertici militari erano contrari ad una penetrazione in massa in Cecenia per l'ingente quantità di perdite che questa avrebbe comportato. Alla fine di settembre le forze militari russe attuarono numerose incursioni in territorio ceceno, conquistando diversi punti strategici.

L'offensiva via terra[modifica | modifica wikitesto]

Il conflitto ceceno entrò in una nuova fase il 1º ottobre 1999 quando il neo Primo Ministro russo Vladimir Putin dichiarò illegittima l'autorità del presidente ceceno Aslan Maskhadov così come quella del Parlamento ceceno. Al tempo stesso Putin annunciò che sarebbe stata avviata un'offensiva terrestre che si sarebbe limitata a raggiungere il fiume Terek, tagliando dal resto della Cecenia la parte settentrionale. Le intenzioni di Putin erano quelle di isolare la regione settentrionale della Cecenia e creare così un cordone sanitario che proteggessero il confine russo da ulteriori incursioni dei ribelli. Tuttavia nei mesi successivi si scoprì che una simile strategia sarebbe stata insufficiente per eliminare il problema dei ribelli ceceni e si optò per una campagna più massiccia.

L'esercito russo iniziò l'invasione che raggiunse con una certa facilità il fiume Terek il 5 ottobre 1999, durante le manovre un carro armato russo colpi un autobus pieno di civili uccidendone 11[19], e due giorni dopo un caccia-bombardiere Sukhoi Su-24 bombardò il villaggio di Elistanzhi, uccidendo 35 persone[20]. Il 10 ottobre 1999 Maskhadov presentò un piano di pace offrendo alle autorità russe la rottura con i signori della guerra responsabili delle incursioni e degli attentati[21]. Oltre a ciò il Presidente ceceno si appellò alla Nato affinché si opponesse al conflitto fra le sue armate e quelle russe, ma senza esito positivo[22].

Il 12 ottobre 1999 le forze armate russe attraversarono le rive del Terek e iniziarono una manovra di avanzamento su due linee dirette a sud verso la capitale cecena, Groznyj. Nella speranza di evitare le pesanti perdite subite con la prima guerra cecena, i russi avanzarono in forze e molto lentamente, facendo ampio uso dell'artiglieria e del supporto aereo, nel tentativo di indebolire le difese cecene. Di fronte a questa nuova avanzata la popolazione cecena fuggì in massa riversandosi negli stati vicini, la stima di questa nuova ondata di profughi si attesta tra le 200.000 e le 350.000 persone, a fronte di una popolazione complessiva di 800.000 abitanti. Con lo scopo di prevenire la formazione di una resistenza armata nelle retrovie, l'esercito russo organizzò dei campi di prigionia nella Cecenia settentrionale.

Il 15 ottobre 1999 l'esercito della Federazione Russa riuscì ad ottenere la conquista di un ponte strategicamente importante in quanto consentiva l'uso dell'artiglieria sulla capitale Groznyj. In tutta risposta il Presidente ceceno proclamò una guerra santa contro le truppe russe e dichiarò la legge marziale, richiamando nell'esercito tutti i riservisti. Il giorno successivo i russi ottennero la conquista di altri punti strategici per l'assalto alla capitale, come il campo militare nel villaggio di Goragorsky, a ovest della città e il controllo della cima del monte Tersky.

Il 21 ottobre 1999 un missile balistico a corto raggio lanciato dai russi nel centro di Groznyj causò la morte di 140 persone, tra le quali donne e bambini e centinaia di feriti. Un commentatore russo motivò il lancio del missile spiegando che il mercato della città era utilizzato dai ribelli come base clandestina per l'acquisto di armamenti e approvvigionamenti.[23]. Otto giorni dopo un aereo russo lanciò un attacco contro un convoglio di profughi ceceni, diretto in Inguscezia, uccidendo 25 persone tra le quali alcuni volontari della Croce rossa e alcuni giornalisti[24].

Il 12 dicembre 1999 i soldati russi innalzarono la bandiera della Federazione Russa sul municipio della seconda città più importante della Cecenia, Gudermes, anche grazie alla defezione in campo ceceno dei due comandanti locali, i fratelli Yamadayev. Due giorni dopo 30 soldati russi vennero uccisi durante un contrattacco dei ribelli ceceni nei pressi del villaggio di Kulary, i cui combattimenti perdurarono fino al gennaio del 2000.

L'assedio di Groznyj[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi di dicembre iniziò anche l'assedio di Groznyj. Esso venne preceduto da una strenua lotta per il controllo dei centri circostanti, che permise ai russi vittoriosi di porre la città sotto assedio a partire dal 2 febbraio 2000. Secondo alcuni portavoce russi nell'assedio alla città persero la vita 368 soldati e diversi militanti lealisti, infliggendo nel contempo gravi perdite ai ribelli ceceni, compresi numerosi comandanti. Il ministro della Difesa russo Igor' Sergeev annunciò che circa 1.500 ribelli ceceni vennero uccisi nel tentativo di lasciare la capitale.

L'assedio e la conquista di Groznyj lasciarono la città così devastata che nel 2003 le Nazioni Unite la proclamarono la città più devastata del mondo[25]. Dalla conquista della capitale, tuttavia, i russi iniziarono a soffrire di gravi perdite a causa dei numerosi contrattacchi ceceni e degli agguati ai convogli. Il 26 gennaio 2000 il governo russo sostenne di aver subito 1.173 perdite[26]. Come conseguenza di ciò si inasprirono le rappresaglie russe, la più grave delle quali fu un attacco contro un convoglio protetto da bandiera bianca nei pressi del villaggio di Katyr-Yurt, che portò alla morte di 170 civili.

uno dei distintivi indossati dai ribelli ceceni

La guerra sulle montagne[modifica | modifica wikitesto]

La fase successiva della campagna russa fu un intenso bombardamento della regione montagnosa nel sud della Cecenia, che durò per tutto l'inverno del 2000, soprattutto nei pressi di Argun, Vedeno e Shatoy, dove vennero impiegati in modo massiccio anche i reparti paracadutati. Il 18 febbraio 2000 un elicottero russo venne abbattuto ed i suoi 15 occupanti persero tutti la vita, per ammissione dello stesso Ministro dell'Interno russo Vladimir Rušajlo. Nonostante ciò, il 29 febbraio l'alto ufficiale russo Gennadij Nikolaevič Trošev sostenne pubblicamente che l'attacco al terrorismo ceceno era ormai completo, e che nell'arco di circa due settimane il resto delle forze ribelli ormai allo sbando sarebbero state annientate. Il Ministro della Difesa russo Igor' Sergeev stimò che il resto dell'esercito dei ribelli ceceni ammontasse a circa 2.000-2.500 uomini, sparsi per l'intero territorio ceceno. Il giorno stesso un gruppo di paracadutisti provenienti da Pskov vennero aggrediti in un agguato da un contingente di ribelli ceceni nel villaggio di Ulus-Kert, in Cecenia meridionale, con la perdita di 84 soldati russi.

Il ripristino del governo federale russo[modifica | modifica wikitesto]

Il Presidente russo Putin ottenne il controllo diretto del territorio ceceno nel maggio del 2000, ed il mese successivo nominò il leader ceceno Akhmad Kadyrov capo ad-interim del nuovo governo filo-russo. Questa iniziativa fu accolta con ampio consenso dal resto degli stati della Federazione Russa, ma il consenso popolare per la campagna cecena diminuì sensibilmente a causa dell'ingente perdita di uomini caduti sul campo. Il 23 marzo 2003 venne proclamata una nuova costituzione frutto di un referendum popolare molto controverso, nei confronti del quale gli osservatori internazionali nutrirono numerosi dubbi. Uno fra questi riguarda il criterio di ammissione al voto: il regolamento prevedeva infatti che anche i soldati russi che occupavano il territorio ceceno avessero diritto di voto. La nuova costituzione prevede per la Repubblica Cecena un certo grado di autonomia, mantenendo però un ferreo legame con la politica di Mosca e con le decisioni del Parlamento russo. A partire dal dicembre 2005, Ramzan Kadyrov, leader del gruppo paramilitare filo-russo noto come Kadyrovtsy è diventato di fatto il governatore della Repubblica Cecena, rimpiazzando nel 2007 alla Presidenza della Repubblica Cecena l'uscente Alu Alkhanov. Le milizie di Kadyrov sono accusate da più parti di essere responsabili della maggior parte degli atti criminosi e delle atrocità che sono avvenute in Cecenia negli ultimi anni.

L'insorgere della resistenza cecena[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei distintivi indossati dai ribelli ceceni

La campagna di guerriglia in Cecenia[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene i combattimenti su vasta scala in Cecenia siano terminati da tempo, nonostante tutto sono ormai frequenti gli attacchi dei ribelli ceceni in particolare nella regione settentrionale, aprendo così il cosiddetto fronte caucasico della guerra in Cecenia. Le incursioni dei ribelli hanno come obiettivi principali l'assassinio di ufficiali russi e filo-russi e l'attacco ai convogli militari e delle forze di polizia. I separatisti, durante questi assalti, fanno spesso uso di ordigni esplosivi improvvisati e di gruppi di bande armate per i raid più massicci. A questi attacchi le forze militari russe rispondono con l'artiglieria e con bombardamenti aerei, oltre che con numerose operazioni di incursione da parte delle forze speciali. La maggioranza dei soldati russi in Cecenia è ormai rappresentata da volontari, a differenza della prima guerra cecena, dove la maggioranza era composta da coscritti. A ciò occorre aggiungere che la maggior parte del contingente russo in Cecenia è composto da soldati russi, mentre l'apporto delle altre repubbliche della Federazione Russa è andato gradualmente a diminuire.

A partire dal 2004 le forze lealiste facenti capo a Ramzan Kadyrov, hanno preso il controllo sulle operazioni di polizia, nonostante gran parte dei componenti di questi gruppi siano appartenuti (così come lo stesso Kadyrov) alle milizie ribelli sconfitte nella prima guerra cecena. Questo corpo paramilitare è stato inglobato in due distinti corpi militari facenti capo al Ministero dell'Interno ceceno, denominati Sever e Yug (Nord e Sud), mentre altri due gruppi militari, rispettivamente Vostok e Zapad (Est e Ovest) sono composti dalle forze filo-russe facenti capo ai leader militari ceceni Sulim Yamadayev e Said-Magomed Kakiyev[27].

Con la morte di Aslan Maskhadov, avvenuta l'8 marzo 2005, è venuto a mancare l'ultimo esponente "storico" di rilievo dell'indipendentismo "laico" ceceno. Progressivamente in seno al fronte indipendentista si è fatta strada la fazione ultrareligiosa, che ad oggi monopolizza il movimento ed è fautrice di un'interpretazione confessionale del nazionalismo ceceno. Fonti di informazione provenienti dall'ambiente, infatti, dimostrano come il modo di esprimersi dei ribelli (i cui capi sono ormai usi a definirsi "imam" o "emiri") ed il loro continuo inneggiare all'Islam sia il prodotto di una lotta di potere intestina dalla quale il governo russo non è estraneo.

Attacchi suicidi e Assassini[modifica | modifica wikitesto]

Tra il giugno 2000 ed il settembre 2004 i ribelli ceceni hanno aggiunto alla loro strategia la tattica dell'attacco suicida. Dall'inizio di questa campagna ci sono stati circa 23 assalti ad altrettanti obiettivi militari sia all'interno sia oltre i confini della Cecenia. Numerosi sono poi stati gli omicidi politici perpetrati da entrambe le parti, tra i quali occorre annoverare l'assassinio dell'ex presidente separatista ceceno Zelimkhan Yandarbiyev, in esilio in Qatar del 13 febbraio 2004 e quello del presidente ceceno filo-russo Akhmad Kadyrov il 9 maggio 2004 durante una parata commemorativa a Groznyj.

Apertura del Fronte Caucasico[modifica | modifica wikitesto]

Mentre la guerriglia anti-russa si è manifestata nel Caucaso settentrionale ancora prima dello scoppio di questo conflitto, tuttavia a partire dal maggio 2005 le forze dei separatisti ceceni hanno annunciato pubblicamente di aprire un nuovo fronte caucasico all'interno della loro lotta al controllo territoriale di Mosca. All'interno di questo fronte, sussistono tuttavia altri movimenti ribelli tra i quali i ribelli daghestani ed inguschi ed altre rappresentanze delle regioni a sud della Russia. Tuttavia il movimento separatista ceceno è diventato il centro ideologico e logistico di questo nuovo fronte, nonostante siano sempre più frequenti i combattimenti tra le forze di sicurezza russe e filo-russe ed altri gruppi ribelli, il più degno di nota dei quali è quello scoppiato nella repubblica Cabardino-Balcaria il 13 ottobre 2005.

Diritti umani e terrorismo[modifica | modifica wikitesto]

Crimini di guerra[modifica | modifica wikitesto]

Gli ufficiali russi e i ribelli ceceni hanno regolarmente e ripetutemente accusato i propri avversari di aver commesso diversi crimini di guerra incluso: rapimento, omicidio, presa di ostaggi, saccheggio, stupro e varie altre violazioni delle leggi di guerra. Organizzazioni umanitarie e internazionali tra cui il Consiglio d'Europa e Amesty International hanno criticato entrambi gli schieramenti di "palesi e costanti" violazioni del Diritto internazionale umanitario.

I gruppi russi per i diritti umani hanno stimato che in Cecenia ci sono state 5.000 sparizioni forzate dal 1999.[28]

Il segretario di stato USA Madeleine Albright nel suo discorso del 24 marzo 2000 alla Commissione sui Diritti Umani delle Nazioni Unite ha ricordato che:

« Noi non potevano ignorare il fatto che migliaia di civili ceceni sono morti e che più di 200.000 sono stati spinti fuori dalle loro case. Insieme con altre delegazioni avevamo espresso il nostro allarme per le persistenti violazioni dei diritti umani da parte delle forze russe in Cecenia, incluse le uccisioni extragiudiziali. Ci sono anche altri resoconti per cui i separatisti ceceni hanno commesso abusi, tra cui l'uccisione di civili e prigionieri. ... La guerra in Cecenia ha notevolmente danneggiato la posizione internazionale della Russia e sta isolando la Russia dalla comunità internazionale. Il lavoro della Russia per riparare il danno sia in patria sia all'estero o la sua scelta di rischiare un ulteriore isolamento è la sfida più immediata e importante a cui la Russia si affaccia.[29] »

Secondo il rapporto annuale di Amnesty International del 2001:

C'erano frequenti resoconti in cui le forze russe hanno bombardato indiscriminatamente zone civili. Civili ceceni, incluso il personale medico, ha continuato a essere bersaglio da attacchi militari da parte delle forze russe. Centinaia di civili ceceni e di prigionieri di guerra furono giustiziati. A giornalisti e controllori indipendenti è continuamente rifiutato l'accesso alla Cecenia. Secondo i rapporti, i combattenti ceceni spesso minacciarono e talvolta uccisero membri russi dell'amministrazione civile e giustiziarono i soldati russi catturati.[30]

Nel 2001 il Museo Commemorativo dell'Olocausto degli Stati Uniti ha inserito la Cecenia nell'elenco dei genocidi:

La Cecenia è stata devastata, inclusa la quasi totale distruzione di Groznyj, la capitale cecena. L'artiglieria russa e l'aviazione ha indiscriminatemante martellato aree civili. Le organizzazioni per i diritti umani hanno anche documentato diversi massacri di civili ceceni da parte delle unità russe. Il Presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che la Cecenia è pacificata dalla primavera del 2000. Ma la pace per i civili ceceni è stata elusiva, vittime di una continua guerra di logoramento. Essi sono afflitti dagli abusi commessi dalle forze russe - arrestri arbitrari, estorsioni, torture, omicidi. I civili ceceni soffrono anche perché non sono stati sostenuti per ricostruire i servizi sociali di base come l'educazione.I ribelli ceceni hanno commesso anche loro abusi sui civili, ma mai con lo stesso peso o con la stessa intensità delle forze russe.[31]

Il governo russo ha omesso di perseguire ogni responsabilità nei processi per crimini contro l'umanità commessi durante il conflitto in Cecenia. Incapaci di ottenere giustizia a livello nazionale, centinaia di vittime di abusi hanno presentato domanda alla Corte europea dei diritti dell'uomo. Nel marzo 2005 la corte ha emesso le prime sentenze sulla Cecenia, il verdetto accusava il governo russo di violazioni di diritto alla vita e vietando la tortura.[32]

Terrorismo ceceno[modifica | modifica wikitesto]

Foto delle vittime della strage di Beslan sul muro della palestra della scuola

A partire dal 2002 terroristi paramilitari ceceni, guidati fino al 2006 da Shamil Basayev, hanno lanciato una serie di attacchi contro i civili in Russia per rivendicare le pretese separatiste. Centinaia di persone sono rimaste uccise in una serie di attentati, spesso suicidi come i seguenti:

  • 2004 Attentato ferroviario a Stavparol (46 vittime);
  • 2004 Attentato ferroviario a Mosca (40 vittime);
  • 2004 Attentato aereo a Tula Oblast (89 vittime);

I ceceni per due volte hanno anche preso dei civili in ostaggio con azioni eclatanti che si sono concluse in massacri:

  • 2002 Crisi del Teatro Dubrovka: 850 persone furono prese in ostaggio in un teatro a Mosca che fin quando le forze speciali russe OSNAZ fecero irruzione con agenti chimici; 129 ostaggi e 39 (dei 40) terroristi rimasero uccisi;
  • 2004 Strage di Beslan: nell'attacco a una scuola della città nord-osseta, i terroristi ceceni tennero in ostaggio 1127 persone fino all'irruzione delle forze speciali russe; tra le vittime 334 furono i civili, 11 i soldati russi e 31 i sequestratori (su 32).

Anche dopo la conclusione ufficiale del conflitto si sono ripetuti attacchi dei separatisti ceceni contro civili russi:

Altre tensioni[modifica | modifica wikitesto]

Crisi del Pankisi[modifica | modifica wikitesto]

Gli ufficiali russi hanno accusato la Georgia di aiutare i ribelli ceceni permettendo loro di operare in territorio georgiano e facendo attraversare il confine russo-georgiano materiali e ribelli. Secondo la Russia i ribelli avevano la loro sede nella Gola del Pankisi, zona impervia al confine con la Cecenia. Nel febbraio del 2002, gli Stati Uniti cominciarono ad offrire aiuti alla Georgia nel combattere "elementi criminali" come Mujahideen arabi, attivi nella Gola del Pankisi, come parte della "Guerra al terrorismo". Nell'agosto 2002 la Georgia accusò la Russia di aver effettuato una serie di attacchi aerei nella Gola del Pankisi contro presunte basi dei ribelli e di aver ucciso un civile georgiano. Nel settembre del 2002 le forze georgiane arrestarono sei persone e affermarono che la Gola del Pankisi era sotto controllo.[33]

L'8 ottobre 2001 un elicottero del UNOMIG venne abbattuto nella valle del Kodori, in Georgia, in mezzo ai combattimenti tra ceceni e abcasi, uccidendo 9 persone, tra cui 5 osservatori ONU.[34] La Georgia disse di non aver truppe nell'area e i sospetti caddero sul gruppo guidato da Ruslan Gelayev, ribelle ceceno secondo alcuni assoldato dal governo georgiano per combattere contro i separatisti dell'Abcasia.

Il 2 marzo 2004 in seguito ad una serie di raid dalla Georgia verso il confine con la Cecenia, Inguscezia, e Daghestan, Gelayev venne ucciso in uno scontro con le truppe di confine russe mentre cercava di rientrare in Georgia dal Daghestan.

Il cessate il fuoco unilaterale del 2005[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 febbraio 2005 Aslan Maskhadov, leader dei ribelli ceceni, lanciò un invito per un cessate il fuoco fino al successivo 22 febbraio (giorno precedente l'anniversario della deportazione staliniana dei ceceni). L'invito venne lanciato da un sito web dei separatisti ceceni, inviato al presidente Putin e descritto come un gesto di buona volontà. L'8 marzo 2005 Maskhadov venne ucciso durante un'operazione delle truppe speciali russe a nord-est di Groznyj.

Poco dopo la morte di Maskhadov, il consiglio dei ribelli ceceni annunciò che la guida era stata assunta da Abdul-Halim Sadulayev, una manovra approvata velocemente da Shamil Basayev. Il 2 febbraio 2006 Sadulayev apportò diversi cambiamenti all'interno del governo ordinando a tutti i suoi membri di muoversi solo all'interno del territorio ceceno; tra le altre cose rimosse il primo vice-premier Akhmed Zakayev. Sadulayev venne ucciso a sua volta nel giugno 2006, a capo della guerriglia venne eletto Dokku Umarov.

Aministie[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal novembre 2007 ci furono sette aministie, sia per i ribelli ceceni che per soldati delle forze russe che commisero crimini in Cecenia, dichiarati da Mosca, a partire dall'inizio della guerra. La prima amnistia venne dichiarata nel 1999 quando 400 ribelli ceceni decisero di passare dalla parte di Mosca. Tra le altre viene ricordata quella del settembre 2003 collegata all'adozione di una nuova costituzione da parte della repubblica e un'altra tra metà 2006 e gennaio 2007. Secondo Ramzan Kadyrov (lui stesso ex ribelle) più di 7000 ribelli nel 2005 disertarono in favore della Federazione Russa. Nel 2006 più di 600 ribelli della Cecenia e delle provincie adiacenti consegnarono le armi in favore di un'amnistia di sei mesi "per quelli che non commisero reati gravi".".[35] Nel 2007 la Federazione Internazionale per i Diritti Umani di Helsinki pubblicò un rapporto intitolato Amnestied People as Targets for Persecution in Chechnya in cui venina descritto il destino di diverse persone che vennero amnistiate ma successivamente rapite, torturate e uccise.

Censura del governo sui media[modifica | modifica wikitesto]

La forte censura operata durante la prima guerra cecena (nonostante la morte di diversi giornalisti) convinse il governo russo della necessità di mantenere un rigido controllo delle fonti di informazione. Allo scoppio della seconda guerra venne sviluppato e introdotto un sistema per limitare l'accesso ai giornalisti e modificare le loro informazioni.[36]

Il controllo del governo russo di tutti i canali televisivi, le molestie, le intimidazioni, le censure e gli attacchi ai giornalisti ha praticamente eliminato la possibilità per i russi di ottenere informazioni indipendenti sul conflitto. Le fonti di informazione cecene sono quasi totalmente sotto il controllo delle autorità cecene fedeli al governo russo; i giornalisti russi in Cecenia a causa di molestie e ostruzionismo praticano spesso autocensura, mentre i giornalisti stranieri sono pressati per censurare i propri resoconti sul conflitto. In certi casi i giornalisti russi sono stati incarcerati (Boris Stomachin) o rapiti dalle forze federali (Andrej Babicky), mentre alcuni mass-media stranieri sono stati banditi dalla Russia (American Broadcasting Company). Secondo un sondaggio del 2007 solo l'11% dei russi è felice della copertura mediatica riguardante la guerra in Cecenia.

Effetti[modifica | modifica wikitesto]

Perdite civili[modifica | modifica wikitesto]

Le stime sulle perdite civili sono molti diverse. Secondo il governo filo-russo 160.000 combattenti e non combattenti sono morti o scomparsi nelle due guerre, di questi 30.000 - 40.000 sono ceceni e 100.000 sono russi.[37][38] Il leader dei ribelli ceceni Aslan Maskhadov ha più volte sostenuto che 200.000 ceceni sono morti in seguito alle due guerre.[39] Come nel caso delle perdite militari, questi dati non possono essere verificati da organismi indipendenti. Secondo un conteggio del 2007 effettuato dal gruppo per i diritti umani russo denominato Memorial fino a 25.000 civili sono morti o scomparsi dal 1999.[40] Secondo Amnesty International nel 2007, la seconda guerra cecena ha ucciso più di 25.000 civili e altri 5.000 sono scomparsi.[41] La Società di Amicizia Russo-Cecena ha stimato che le due guerre hanno prodotto in tutto tra i 150.000 - 200.000 morti civili.

Danni ambientali[modifica | modifica wikitesto]

Le agenzie per l'ambiente hanno segnalato come la Cecenia in seguito alla guerra abbia subito un disastro ambientale. Un ex assistente di Boris El'cin crede che le bombe russe abbiano reso la Cecenia un "deserto ambientale".[42] Vi è particolare preoccupazione per il petrolio e gli inquinanti liberati dalle fogne danneggiante durante la guerra, per le radiazioni e gli inquinanti chimici diffusisi in seguito ai bombardamenti su deposti chimici. Gli animali selvaggi che vivevano nelle foreste della Cecenia si sono spostati in altre zone in seguito ai bombardamenti.[43] Nel 2004 il governo russo ha dichiarato un terzo della Cecenia come "zona di disastro ecologico" e un altro 40% come "zona di estremo pericolo ambientale".[44]

Mine terrestri[modifica | modifica wikitesto]

La Cecenia è la regione più contaminata da mine terrestri del globo.[45] Sin dal 1999 c'è stato un forte utilizzo di mine terrestri da parte di entrambi gli schieramenti (la Russia averva aderito alla Convenzione su certe armi convenzionali del 1980 ma non al protocollo del 1996 su mine terrestri e altri dispositivi). Le zone con il più alto numero di mine sono quelle dove i ribelli continuano la resistenza, ossia le regioni del sud e al confine con la Federazione Russa.[46] Nessuna operazione di sminamento è incominciata da quando la Halo Trust (NPO che si occupa di sminamento) è stata allontanata dalla Russia nel dicembre 1999. Nel giugno 2002 Olara Otunnu, funzionaria dell'ONU, ha valutato che nella regione vi sono 500.000 mine terrestri. L'UNICEF ha registrato 2340 incidenti verificatisi su civili a causa di mine e ordigni inesplosi tra il 1999 e la fine del 2003

Perdite militari[modifica | modifica wikitesto]

Le cifre riguardanti le perdite militari, di entrambe le parti, sono impossibili da verificare e solitamente sono ritenute più alte. Nel settembre del 2000 il National Endowment for Democracy ha compilato una lista delle Perdite annunciate ufficialmente dall'inizio del conflitto che fornisce un quadro minimo della guerra anche se incompleto e con poco valore di fatto. Secondo le cifre rilasciate dal Ministero della Difesa russo nell'agosto 2005 almeno 3450 soldati sono stati uccisi in azioni militari nel periodo 1999 - 2005.[47] Questa cifra non include i morti della Truppe Interne (il corpo di gendarmeria russo), del FSB, della polizia e dei paramilitari del posto, in tutto 4720 morti dall'ottobre 2003.[48] Le stime di russe indipendenti e del mondo occidentale parlano di cifre molto più alte; l'Unione dei Comitati delle Madri dei Soldati Russi indica 11.000 soldati uccisi in azione dal 1999 al 2003. Nel 2007 Memorial contò 15.000 soldati russi morti nelle due guerre, mentre altre cifre salgono fino a 40.000. Questi ultimi dati, tuttavia, sono alquanto improbabili ed immaginari.[49]

Politica di radicalizzazione del movimento separatista[modifica | modifica wikitesto]

Il movimento separatista ha subito nel corso del tempo una forte radicalizzaione. Due leader storici come Dzhokhar Dudayev e Aslan Maskhadov sono stati sostituiti da ribelli che hanno sfruttato più il sentimento religioso che il nazionalismo della popolazione.

La crescente radicalizzazione ha portato nel 2007 alla dichiarazione di indipendenza dell'Emirato Caucasico da parte di Dokka Umarov, sostituendo in parte la Repubblica cecena di Ichkeria. Umarov ha anche lanciato l'idea di una Jihad globale, idea non apprezzata da tutti i ribelli, tra questi Anzor Astemirov.[50]

Questa nuovo pensiero di lotta ha raccolto favori da parte del mondo islamico, tanto che alcuni simpatizzanti hanno dichiarato di essere disposti a prendere le armi per aiutare il movimento ceceno. Molti comentatori pensano che i ribelli ceceni abbiano contatti con gruppi islamici internazionali. La BBC ha affermato che molti volontari sono andati in Cecenia dopo l'addestramento in campi situati in Afghanistan e Pakistan.[51]

Impatto sulla popolazione cecena[modifica | modifica wikitesto]

ragazzini-soldato della resistenza caucasica

Secondo un rapporto di Medici Senza Frontiere del 2006, "la maggioranza dei ceceni attraversa ancora una vita oppressa da paura, insicurezza e povertà". Un'indagine del 2005 di MSF dimostrò come il 77% degli intervistati soffriva di "disagio psicologico riconoscibile dai sintomi".[52]

Nel 2008 il tasso di mortalità infantile era del 17 per mille, il più alto di tutta la Russia.[53] Ci sono resoconti del crescente numero di malattie genetiche nei bambini e di malattie sconosciute tra gli scolari.[54] Un bambino su 10 è nato con difetti che necessitano di cure. Alcuni bambini i cui familiari potevano permetterselo sono stati mandanti nella vicina Repubblica del Dagestan dove le cure sono migliori; la Cecenia manca di sufficienti strumenti nella maggior parte delle sue strutture mediche.[55] Secondo l'UNICEF, dal 1994 al 2008 circa 25.000 bambini hanno perso uno o entrambi i genitori.[56] Un'intera generazione di bambini ceceni sta mostrando sintomi da trauma psicologico. Nel 2006 il vice-ministro della salute ceceno filo-russo disse che i bambini ceceni erano diventati un "esempio vivente" di cosa significa crescere con la minaccia costante della violenza e una povertà cronica.[57] Nel 2007 il ministero degli interni ceceno aveva identificato 1000 bambini di strada e il numero è in aumento.[58][1]

Secondo le statistiche ufficiali il tasso di disoccupazione in Cecenia nell'agosto 2009 era del 32,9%. Nonostante rimanga il secondo tasso più alto della Russia è stato quasi dimezzato rispetto al 2007.[59][60] Molte persone sono senza casa perché distrutte dalla guerra e non hanno ricevuto i fondi per ricostruirle.[61] Le infrastrutture distrutte nel corso delle due guerre non furono soltanto di tipo sociale come ospedali e abitazioni ma anche di tipo educativo e culturale.[62] Tuttavia gli sforzi per la ricostruzione stanno procedendo più rapidamente rispetto agli anni passati, con la costruzione di nuove case, infrastrutture e strade nella gran parte della regione.[63] Governo, società e commercio sono ancora schiacciati dalla corruzione, sequestri di persona, estorsioni e altre attività criminali; le stime russe affermano che la criminalità organizzata è due volte più forte della media e il governo è percepito come corrotto e incapace di dare risposte.[64]

Centinaia di migliaia di ceceni sono stati sfollati durante il conflitto, la maggior parte all'interno della stessa Cecenia e nelle repubbliche confinanti, ma migliaia si sono spostati verso altri paesi, nel 2008 la maggioranza di questi risiedeva negli stati dell'Unione Europea.

Impatto sulla popolazione russa[modifica | modifica wikitesto]

Lo scoppio della guerra aumentò la popolarità di Vladimir Putin, diventato Primo Ministro da un mese. Con il passare del tempo la guerra divenne meno popolare: secondo un sondaggio del marzo 2007, il 70% dei russi riteneva che si sarebbe dovuto negoziare con i guerriglieri, mentre il 16% pensava che la guerra dovesse continuare.[65] La guerra ha comportato cambiamenti profondi nella politica e nella società russa.

Sin dallo scoppio della guerra nel 1994 si registrarono in tutta la Russia casi di giovani soldati che ritornarono traumatizzati dal conflitto. Psichiatri, giornalisti e ufficiali di polizia chiamarono questa situazione "sindrome cecena", trovando un parallelo con i Disturbi post traumantici sofferti dai soldati sovietici che combatterono in Afghanistan. Secondo Jurij Aleksandrovskij, vicedirettore dell'Istituto Serbskij di Mosca (un ospedale psichiatrico), nel 2003 almeno il 70% dei 1,5 milioni di veterani di guerra soffriva della "sindrome cecena". Molti di questi ritornarono all'alcolismo, o divennero inabili o soffrirono di Disturbo di personalità. Migliaia ebbero disabilità psicologiche permanenti e solo in piccola parte furono aiutati dallo stato.

Secondo degli studi del 2007 di Memorial e di Demos (organizzazioni umanitarie russe) i poliziotti russi persero competenze e qualifiche durante il periodo in cui erano in servizio.[66] Il conflitto era legato alla crescente brutalità e criminalizzazione delle forze di polizia. Secondo attivisti per i diritti umani e giornalisti decine di migliaia di uomini della polizia e delle forze di sicurezza che stettero in Cecenia impararono modelli di brutalità e impunità che esportarono nelle regioni di provenienza; spesso questi uomini tornarono mostrando problemi psicologici e di disciplina. In un sondaggio di livello nazionale del 2005 è risultato che il 71% non ha fiducia nelle forze di polizia mentre il 41% ha espresso paura della brutalità della polizia.[67][68]

Le guerre in Cecenia e gli atti di terrorismo che hanno colpito la Russia sono le principali cause dell'aumento dell'intolleranza, della xenofobia e del razzismo tra la popolazione russa, diretti soprattutto verso soggetti di origine caucasica. Gli omicidi commessi ufficialmente su base razzista sono più che raddoppiati tra il 2003 e il 2004. Tra gli atti di violenza commessi su base razzista ci fu anche un atto terroristico, nel 2006 un gruppo ultra-nazionalista fece esplodere una bomba a Mosca in un mercato frequentato soprattutto da stranieri di origine orientale uccidendo 13 persone.[69][70] Nel 2007 un diciottenne rivendicò la responsabilità di 37 omicidi commessi su base razziale affermando che fin dai tempi della scuola aveva sempre odiato le persone del caucaso.[71] Il 5 giugno 2007 a Stavropol nel sud-ovest della Russia si tenne una manifestazione anti-cecena che chiedeva l'espulsione dei ceceni in seguito all'uccisione di due giovani russi, reato che la gente credeva commesso da ceceni. L'evento riportò alla mente quando nel 2006 a Kondopoga nella Repubblica di Carelia dove per un conto non pagato due russi vennero uccisi in un locale gestito da ceceni e si ebbero momenti di grande tensione.[72]

Un altro settore dove la violenza razzista è diffusa è all'interno delle forze armate russe dove i caucasici sono discriminati, mentre un tempo erano considerati tra i migliori soldati.[73]

Situazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 le truppe presenti in Russia ammontavano a 60.000, ma il contingente è stato significativamente diminuito nel corso del tempo. Il giornalista Tony Wood, autore di molti scritti sulla Cecenia ha affermanto che nel 2007 il contingente di stanza nella regione caucasica era di 8.000 unità. Analisti indipendenti dicono che i ribelli separatisti non sono più di 2000, secondo le autorità russe sono poche centinaia. Vi sono ancora sporadici combattimenti sulle montagne e nel sud della repubblica ma il governo di Mosca ha ridotto notevolmente il contingente e ha passato al governo filo-moscovita ceceno il compito di stabilizzare ulteriormente la regione.[74] Nel febbraio 2008 Dokka Umarov, il "presidente" della Repubblica cecena di Ichkeria parlò di "migliaia di combattenti" in un discorso riguardante il numero di tutti i ribelli ancora presenti sulle montagne.[75]

febbraio 2008; Putin a colloquio con il presidente ceceno Ramzan Kadyrov

La maggior parte dei leader separatisti sono morti o sono stati uccisi, tra questi il comandante storico Aslan Maskhadov e Shamil Basayev mente di molti attacchi terroristici. Oltretutto il movimento ribelle ceceno è stato indebolitio anche da divisioni interne tra islamisti radicali e islamisti moderati, dal cambiamento del clima politico dopo l'11 settembre e dalla popolazione cecena generalmente stanca della guerra. I combattimenti su larga scala sono stati sostituiti da azioni di guerriglia e attentati contro le truppe federali e le forze del governo con la violenza che spesso si è allargata nelle regioni adiacenti. Dal 2005 la violenza si è estesa anche a Inguscezia e Dagestan; il governo russo da parte sua ha esteso l'operazione di stabilizzazione al caucaso del nord.

Nel corso degli anni le autorità politiche e militari russe annunciarono più volte che la guerra era finita. Nell'aprile 2002 il presidente Vladimir Putin annunciò che la guerra era terminata;[76] il governo russo ha mantenuto come data di fine guerra aprile 2002[77] e da allora ha predisposto una vasta operazione di pace. In un'intervista alla BBC del 10 aprile 2006 Sergej Ivanov disse che "la guerra era finita" e che "la campagna militare sarebbe durata solo due anni". Anche l'attuale presidente della Cecenia Ramzan Kadyrov ha affermato che il conflitto è terminato. Alcuni sostengono che il conflitto si sia concluso nel 2003 con l'elezione di Ramzan Kadyrov altri pensano che il conflitto sia ancora in corso. Certi osservatori indipendenti tra cui Álvaro Gil-Robles (osservatore per i diritti umani inviato dal Consiglio d'Europa) e Louise Arbour (Alto Commissario per i Diritti Umani dell'ONU) hanno affermato che il conflitto si è concluso nel 2006.

I separatisti negano comunque che la guerra sia finita e l'attività di guerriglia continua in tutto il caucaso del nord. Il colonnello Sulim Yamadayev, il secondo più importante signore della guerra ceceno alleato di Mosca dopo Kadyrov, ha detto che il conflitto non è terminato. Nel marzo 2007 Yamadayev ha affermato che ci sono ancora 1.000 ribelli separatisti e militanti islamici stranieri solo nelle montagne cecene, aggiungendo: "La guerra non è finita, la guerra è lungi dall'essere finita. Quella che stiamo fronteggiando oggi è una classica guerra partigiana e la mia previsione è che durerà due, tre forse anche cinque anni."[78] secondo il factbook della CIA la Russia ha colpito duramente il movimento separatista, nonostante si verifichino ancora episodi di violenza nel Caucaso del nord. La situazione generale della sicurezza rimane ancora estremamente difficile da accertare a causa del monopolio russo sui mezzi di informazione. Nel maggio del 2007 Amnesty International rifiutò le affermazioni russe che dichiaravano la fine del conflitto rispondendo: "le operazioni militari su larga scala sono state ridotte, il conflitto continua".[79] Per molti anni la forza dei ribelli è rimasta sconosciuta, nonostante la Russia ne abbia eliminati molti lungo tutto l'arco della guerra, molti giovani entravano nelle loro file.[80]

Una stima, basata su resoconti di guerra, mostra come il numero di vittime delle forze federali negli ultimi tre anni sia più alto di quello della coalizione che sta combattendo la Guerra in Afghanistan.[81][82][83] Con l'abolizione della Repubblica cecena di Ichkeria e la proclamazione dell'Emirato Caucasico da parte del leader dei ribelli di Dokka Umarov il conflitto in Cecenia e nel nord caucaso è stato spesso riportato come la "Guerra nel Caucaso del Nord". Il governo russo non ha dato nessun nome nuovo al conflitto mentre gli osservatori internazionali continuano a riferirsi ad esso come la continuazione della seconda guerra cecena.[84]

marzo 2009; Medvedev a colloquio con il capo del FSB Bortnikov

Verso la fine dell'aprile 2008 il Commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa Thomas Hammarberg ha visitato la repubblica caucasica. Dopo una settimana di visita disse di aver osservato sviluppi positivi, "evidenti progressi" e che il sistema giudiziale funzionava decentemente. Secondo Hammarberg le persone scomparse e l'identificazione dei corpi rimangono le questioni più importanti, mostrando il desiderio che siano fatti ulteriori sforzi per superararli. Il presidente Putin rispose che la visita ha avuto un "grande significato" e che la Russia terrà conto del pensiero del consiglio.[85][86][87]

Le operazioni anti-terrorismo in Cecenia sono state condotte dalle forze armate russe fin dal 1999. Il presidente della Cecenia ed ex ribelle Ramzan Kadyrov ha dichiarato nel marzo 2009 la fine delle operazioni. Il 27 marzo 2009 il presidente russo Dmitrij Medvedev ha incontrato Aleksander Bortnikov direttore del Servizio Federale per la Sicurezza (FSB) per discutere la fine ufficiale delle operazioni anti-terrorismo. Medvedev ha diretto la Commissione Nazionale Anti-Terrorismo, di cui anche Bortnikov è capo, per riferire della questione al governo russo, questione che verrà decisa dal parlamento russo. Comunque Medvedev ha affermato che la situazione in Cecenia rimane sotto diretto controllo del FSB.

Il 16 aprile 2009 le operazioni contro il terrorismo in Cecenia sono state dichiarate ufficialmente concluse;[1] gran parte dell'esercito è stato ritirato e le trattative con i ribelli di basso livello sono state affidate alla polizia della Cecenia. Dopo tre mesi l'ex leader Akhmed Zakayev ha lanciato un appello ai ribelli per fermare la resistenza armata contro la polizia cecena a partire dal 1º agosto aggiungendo: "Io spero che da questi giorni nessun ceceno si spari più a vicenda".[88]

Gli attacchi terroristici a Nazran in Inguscezia e al Nevsky Express nel 2009 e nel 2010 l'attentato nella metro di Mosca e quello a Kizlyar (Daghestan) sono stati attribuiti ai separatisti ceceni. La fine de facto del conflitto non è ancora conosciuta.[89][90][91][92]

Protagonisti della seconda guerra cecena[modifica | modifica wikitesto]

Leader politici russi e comandanti[modifica | modifica wikitesto]

President of Russia
(in ordine cronologico) Boris El'cin (morto 2007), Vladimir Putin (Primo Ministro dal 2008)
Capi del FSB, del GRU, e dello Stato Maggiore delle Forze Armate
Nikolaj Patrušëv - Valentin Korabelnikov - Anatolij Kvašnin, Jurij Baluevskij
Comandanti del Gruppo Interforze nel Caucaso del Nord
(in ordine cronologico) Vladimir Moltenskoj, Sergej Makarov, Valerij Baranov (ferito nel 2004), Jakov Nedobitko
Comandanti del Distretto Militare del Caucaso del Nord
(in ordine cronologico) Viktor Kazancev, Gennadij Trošev, Vladimir Boldyrev, Aleksander Baranov
Ministri della Difesa della Russia
(in ordine cronologico) Igor' Sergeev, Sergej Ivanov, Anatolij Serdjukov
Ministri dell'Interno della Russia
(in ordine cronologico) Vladimir Rušailo, Boris Gryzlov, Rašid Nurgaliev
Comandanti Militari in Cecenia
Evgenij Abrašin, Ivan Babičev, Grigorij Fomenko, Leonid Krivonos
Presidenti della Repubblica Cecena
(in ordine cronologico) Akhmad Kadyrov (assassinato nel 2004), Alu Alkhanov, Ramzan Kadyrov
Comandanti e politici ceceni filo-russi
Salman Abuyev (assassinato nel 2001), Artur Akhmadov, Ruslan Alkhanov, Abu Arsanukayev, Aslambek Aslakhanov, Movladi Baisarov (assassinato 2006), Shamil Burayev, Zina Batyzheva, Odes Baysultanov, Alimbek Delimkhanov, Adam Demilkhanov, Adam Deniyev (assassinato nel 2000), Rudnik Dudayev †, Taus Dzhabrailov, Bislan Gantamirov, Musa Gazimagomadov (morto nel 2003), Hussein Isayev (assassinato nel 2004), Idris Gaibov, Muslim Ilyasov, Zelimkhan Kadyrov (morto nel 2004), Said-Magomed Kakiyev, Nusreda Khabuseyeva †, Magomed Khambiyev, Ibragim Khultygov, Rezvan Kutsuyev, Supyan Makhchayev, Malik Saidullayev, Sultan Satuyev, Movsar Temirbayev, Raybek Tovzayev (ucciso nel 2001), Ruslan Tsakayev (morto nel 2003), Said-Selim Tsuyev, Dzhabrail Yamadayev (assassinato nel 2003), Khalid Yamadayev, Ruslan Yamadayev, Sulim Yamadayev, Alambek Yasayev, Aud Yusupov †, Akhmad Zavgayev (assassinato nel 2002), e altri.
Politici e comandanti russi
Sergei Abramov, Mukhu Aliyev, Aslambek Aslakhanov, Mikhail Babich, Viktor Barsukov, Aleksandr Bespalov, Yuri Budanov (incarcerato nel 2003), Boris Fadeyev, Gaidar Gadzhiyev (assassinato nel 2001), Magomed Gazimagomedov, Nikolai Goridov (assassinato nel 2002), Aleksandr Kayak (assassinato nel 2005), Oleg Khotin, Alexander Kolmakov, Dzhabrail Kostoyev (assassinato nel 2006), Abukar Kostoyev (ucciso nel 2004), Anatoly Kyarov (assassinato nel 2008), Alexander Lentsov, Adilgerei Magomedtagirov, Magomedali Magomedov, Ibragim Malsagov, Mikhail Malofayev (ucciso nel 2000), Valery Manilov, Mark Metsayev †, Magomed Omarov (assassinato nel 2005), Boris Podoprigora, Aleksandr Potapov, Anatoly Pozdnyakov (assassinato nel 2001), Mikhail Rudchenko (assassinato nel 2002), Yan Sergunin (assassinato nel 2004), Vladimir Shamanov, Igor Shifrin (assassinato nel 2002), Georgy Shpak, German Ugryumov (morto nel 2001), Pavel Varfolomeyev (assassinato nel 2001), Sergei Yastrzhembsky, Sergei Zveryev (assassinato nel 2000), Murat Zyazikov, e altri.

Leader politici separatisti e comandanti[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti dell'Ichkeria
(in ordine cronologico) Aslan Maskhadov (ucciso nel 2005), Sheikh Abdul Halim (ucciso nel 2006), Dokka Umarov
Politici e comandanti ceceni separatisti
Salman Abuyev (disertore), Aslambek Abdulkhadzhiev (ucciso nel 2002), Artur Akhmadov (disertore), Ilyas Akhmadov, Uvais Akhmadov, Ruslan Alikhadzhyev (scomparso nel 2000), Ruslan Alkhanov (disertore), Vakha Arsanov (ucciso o assassinato in carcere nel 2005), Turpal-Ali Atgeriev (ucciso o assassinato in carcere nel 2002), Akhmed Avtorkhanov (ucciso nel 2005), Arbi Barayev (ucciso nel 2001), Movsar Barayev (ucciso nel 2002), Shamil Basayev (ucciso nel 2006), Rizvan Chitigov (ucciso nel 2005), Lecha Dudayev (ucciso nel 2000), Suleiman Elmurzayev (ucciso nel 2007), Idris Gaibov (disertore), Ruslan Gelayev (ucciso nel 2004), Sultan Geliskhanov (catturato nel 2006), Lecha Islamov (ucciso o assassinato in carcere nel 2005), Aslambek Ismailov (ucciso nel 2000), Khunkarpasha Israpilov (ucciso nel 2000), Magomed Khambiyev (disertore), Umar Khambiyev, Ibragim Khultygov (disertore), Isa Munayev, Isa Muskiyev (ucciso nel 2006), Abu Movsayev (ucciso nel 2000), Khozh-Ahmed Noukhayev (destino sconosciuto), Salman Raduyev (ucciso o assassinato in carcere nel 2002), Salautdin Temirbulatov (incarcerato), Movladi Udugov, fratelli Yamadayev (disertori), Zelimkhan Yandarbiyev (assassinato nel 2004), Akhmed Zakayev e altri.
Nord-caucasici leader militari stranieri
Anzor Astemirov, Muslim Atayev (ucciso nel 2005), Alan Digorsky, Ilias Gorchkhanov (ucciso nel 2005), Rappani Khalilov (ucciso nel 2007), Ibn al-Khattab (assassinato nel 2002), Abdul Madzhid (ucciso nel settembre 2008), Rasul Makasharipov (ucciso nel 2005), Muhannad, Abu Hafs al-Urduni (ucciso nel 2006), Abu al-Walid (ucciso nel 2004), Akhmed Yevloyev e altri.

Altre persone legate al conflitto[modifica | modifica wikitesto]

Giornalisti
Andrej Babickij, Supian Ependiyev (ucciso nel 1999), Adlan Chasanov (ucciso nel 2004), Ramzan Mežidov (ucciso nel 1999), Anna Politkovskaja (assassinata nel 2006), Roddy Scott (ucciso nel 2002), Fatima Tlisova, e altri
Vittime di abusi
Ruslan Alikhadzhyev (rapito nel 2000, morte presunta), Shakhid Baysayev (rapito nel 2000, morte presunta), Zura Bitiyeva (uccisa con la sua famiglia nel 2003), Elza Kungayeva (rapita, stuprata e uccisa nel 2000), Nura Luluyeva (rapita e uccisa nel 2000), Zelimkhan Murdalov (scomparso nel 2001, morte presunta), Malika Umazheva (uccisa nel 2002), Khadzhi-Murat Yandiyev (scomparso nel 2000, morte presunta) e altri.
Altre persone
Ruslan Aushev, Shamil Beno, Aleksej Galkin, Nur-Pashi Kulayev (imprigionato nel 2006, destino sconosciuto), Sergej Lapin (imprigionato nel 2005), Timur Mucuraev, Lidia Jusupova e altri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Russia'ends Chechnya operation
  2. ^ Armstrong, Patrick. "Conflict in Chechnya: A Background Perspective." Journal of Conflict Studies. November 1999; Evangelista, Matthew. The Chechen Wars: Will Russia Go the Way of the Soviet Union? Washington, D.C.: Brookings Institution Press, 2003. ISBN 0-8157-2498-5; Dunlop, John B. Russia Confronts Chechnya: Roots of a Separatist Conflict. Cambridge, Mass.: Cambridge University Press, 1998. ISBN 0-521-63184-X; Seely, Robert. Russo-Chechen Conflict, 1800-2000: A Deadly Embrace. Florence, Ky.: Routledge, 2000. ISBN 0-7146-4992-9.
  3. ^ Aldo Ferrari, Breve storia del Caucaso, 2006,
  4. ^ Second Chechnya War
  5. ^ Valery Tishkov, Chechnya: Life in a War-Torn Society, Berkeley, University of California Press, 2004, p. 114.
  6. ^ Sergey Pravosudov. Interview with Sergei Stepashin Nezavisimaya Gazeta, 14 gennaio 2000
  7. ^ John Russell, Chechnya, 11 September and the War Against Terrorism in Richard Sakwa (a cura di), Chechnya: From Past to Future, 1st, Londra, Anthem Press, 2005, pp. 239–265, ISBN 978-1-84331-164-5.
  8. ^ Dall'intervista originale in russo: В отношении Чечни могу сказать следующее. План активных действий в этой республике разрабатывался начиная с марта. И мы планировали выйти к Тереку в августе-сентябре. Так что это произошло бы, даже если бы не было взрывов в Москве. Я активно вел работу по укреплению границ с Чечней, готовясь к активному наступлению. Так что Владимир Путин здесь ничего нового не открыл. Об этом вы можете спросить его самого. Он был в то время директором ФСБ и владел всей информацией.
  9. ^ Jurij Felštinskij e Vladimir Pribylovskij The Age of Assassins. The Rise and Rise of Vladimir Putin, Gibson Square Books, London, 2008, ISBN 1-906142-07-6, page 105. The interview was given on 14 January 2000
  10. ^ Sergey Pravosudov. Interview with Sergei Stepashin. Nezavisimaya Gazeta, January 14, 2000(in Russian)
  11. ^ Richard Sakwa (a cura di), Robert Bruce Ware: Mythology and Political Failure in Chechnya in Chechnya: From Past to Future, Anthem Press, 2005, pp. 79–115, ISBN 978-1-84331-164-5.
  12. ^ BBC News | Deadly blast hits Russian parade
  13. ^ The Jamestown Foundation; CHECHEN GUNMEN ATTACK RUSSIAN ARMY UNIT IN DAGESTAN.
  14. ^ Peace Reporter - Attentati di Mosca, l'ombra dei servizi
  15. ^ (RU) Volgodonsk (Rostov region) apartment bombing; criminal investigation of Moscow and Buynaksk apartment bombings, an interview with FSB public relations director Alexander Zdanovich and MVD head of information Oleg Aksyonov by Vladimir Varfolomeyev, Echo of Moscow, September 16, 1999. computer translation
  16. ^ Ответ Генпрокуратуры на депутатский запрос о взрывах в Москве(RU) , machine translation.
  17. ^ Take care Tony, that man has blood on his hands
  18. ^ Britain's Observer newspaper suggests Russian secret service involvement in Moscow bombings, Julie Hyland, World Socialist Web Site, 15 March 2000
  19. ^ Refugee bus reportedly shelled by Russian tank CNN, 7 ottobre 1999
  20. ^ Russian warplanes kill dozens of villagers The Independent, l'11 ottobre 1999
  21. ^ David Hoffman Miscalculations Paved Path to Chechen War Washington Post, 20 marzo 2000
  22. ^ Russia to 'display' truth on Chechnya, Reuters, 9 ottobre 1999
  23. ^ Phase Two - The Ground Campaign - October-November 1999 Globalsecurity.org
  24. ^ Crimes Of War Project > Expert Analysis
  25. ^ Scars remain amid Chechen revival BBC News, 3 marzo 2007
  26. ^ Russia admits heavy casualties
  27. ^ Land of the warlords | World news | guardian.co.uk
  28. ^ BCC News:Russia censured over Chechen man
  29. ^ U.S Response to Human Rights Commission Resolution on Chechnya
  30. ^ Russian Federation 2001 Report Amnesty International
  31. ^ Chechnya Overview Holocaust Memorial Museum
  32. ^ European Court Rules Against Moscow Institute for War and Peace Reporting, March 2, 2005M
  33. ^ BBC Georgia says gorge 'under control'
  34. ^ UN helicopter shot down in Georgia
  35. ^ Law enforcers killed 72 militants in Chechnya in 2007, RIA Novosti, 16/ 01/ 2008
  36. ^ Smokescreen Around Chechnya The Moscow Times, March 18, 2005
  37. ^ Chechen official puts death toll for 2 wars at up to 160 000 International Herald Tribune, August 16, 2005
  38. ^ Russia: Chechen Official Puts War Death Toll At 160 000 RFE/RL, August 16, 2005
  39. ^ Death Toll Put at 160 000 in Chechnya The Moscow Times, August 16, 2005
  40. ^ Chechnya war, Reuters AlertNet, 11-04-2007
  41. ^ Amnesty International Issues Reports on Disappearances Jamestown Foundation, May 24, 2007
  42. ^ Chechnya Conflict and Environmental Implications
  43. ^ Military operations greatly alter Chechen mountain life, Prague Watchdog, May 4, 2003
  44. ^ 'In the Caucasus, you can buy anything', Al-Ahram Weekly, 2004.
  45. ^ Chechnya: Land Mines Seen As Continuing Scourge RFE/RL, October 19, 2004
  46. ^ Chechnya, LM Report 2004, 8 Feb 2005
  47. ^ May 2001: Summary of main news related to the conflict in Chechnya.
  48. ^ Civil and military casualties of the wars in Chechnya Russian-Chechen Friendship Society
  49. ^ alertnet.org Two wars fought since 1994
  50. ^ The battle for the soul of Chechnya
  51. ^ Chechnya Weekly from the Jamestown Foundation
  52. ^ [MSF Activity Reports on The Russian Federation: 2006 http://www.doctorswithoutborders.org/news/russianfederation.cfm], Doctors Without Borders
  53. ^ Russian demographic statistics 2008 Rosstat Retrieved on Oct-05-2009
  54. ^ BBC:Chechnya habitat 'ravaged by war'
  55. ^ A determined spirit guides Grozny, The Boston Globe, November 14, 2007
  56. ^ Grozny's lost boys, Sydney Morning Herald, March 22, 2008
  57. ^ A Mystery Malady in Chechnya, Los Angeles Times, March 10, 2006
  58. ^ Large numbers of street children discovered in Chechnya, Prague Watchdog, March 23, 2007
  59. ^ Employment and unemployment in Russia August 2009 Rosstat, Retrieved on Oct-05-2009
  60. ^ Чечня — лидер по уровню безработицы среди регионов России, 5.12.2007
  61. ^ Amnesty International Urgent Action, Amnesty International, 25 January 2008
  62. ^ The Consequences of War for Education and Culture in Chechnya
  63. ^ Spring rebuilding in Chechnya
  64. ^ The Crisis in Chechnya and the Northern Caucasus at a Glance, IRC, 31 Jan 2006
  65. ^ POLL FINDS A PLURALITY OF RUSSIANS DISTRUST RAMZAN The Jamestown Foundation, March 27, 2007
  66. ^ The Geography of OMON Deployments in the North Caucasus, The Jamestown Foundation, April 3, 2008
  67. ^ For Russians, Police Rampage Fuels Fear Washington Post, March 27, 2005
  68. ^ Russia: Police Brutality Shows Traces Of Chechnya RFE/RL, June 20, 2005
  69. ^ Political turmoil erupts again in deadly protests IHT, November 2, 2005
  70. ^ Migrants flee town after racial violence People's Daily, September 14, 2006
  71. ^ Teenager Admits to Over 30 Murders The Moscow Times, May 29, 2007
  72. ^ Nationalists rally in Russian town near Chechnya Reuters, Jun 5, 2007
  73. ^ Racist Violence Plagues Russian Army
  74. ^ Chechnya and the North Caucasus
  75. ^ Dokka Umarov speech
  76. ^ Putin says war is over
  77. ^ CNN:Chechen peace amid gunfire
  78. ^ In the front line of Putin's secret war
  79. ^ Russian Federation What justice for Chechnya's disappeared?
  80. ^ The Alkhazurovo Operation: Are Chechnya's Rebels on the Rebound?
  81. ^ iCasualties | Operation Enduring Freedom
  82. ^ Ингушетия: хроника терактов, обстрелов, похищений
  83. ^ Дагестан: хроника террора (1996-2007 гг.)
  84. ^ RealClearPolitics - Articles - Containing Russia
  85. ^ Commissioner Hammarberg meets Putin and Medvedev Retrieved: 8-26-08
  86. ^ Russian Caucasus 'stabilising': EU Commissioner Retrieved: 8-26-08
  87. ^ Thousands still missing in Chechnya Retrieved: 8-26-08
  88. ^ Chechen self-proclaimed government-in-exile lays down weapons
  89. ^ Inguscezia, attentato contro il presidente
  90. ^ Treno deraglia in Russia, frammenti di bomba
  91. ^ Attacco suicida in Daghestan dodici morti, ucciso capo della polizia
  92. ^ Attacco metro Mosca, identificati organizzatori

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]