Ramzan Kadyrov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ramzan Akhmadovič (a destra) con il presidente russo Vladimir Putin

Ramzan Achmadovič Kadyrov (in russo: Рамзан Ахмадович Кадыров?; Tsentoroy, 5 ottobre 1976) è un leader paramilitare della Cecenia, attuale Primo Ministro reggente e presidente della squadra di calcio del Terek Grozny.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Politica[modifica | modifica sorgente]

Dopo che suo padre, il Presidente ceceno Akhmad Kadyrov, fu assassinato il 9 maggio 2004, è stato nominato Vice Primo Ministro della Repubblica Cecena. Nel dicembre 2005, dopo che il Primo Ministro Sergei Abramov è stato coinvolto in un grave incidente stradale a Mosca (incidente che non sarebbe stato provocato da un atto terroristico), Ramzan Kadyrov è divenuto il Primo Ministro ceceno reggente.

Come capo del Servizio di Sicurezza Presidenziale Ceceno, Kadyrov è stato spesso accusato di essere brutale, spietato e antidemocratico; per la stampa, è implicato in numerosi casi di tortura e omicidio. L'associazione tedesca per i diritti umani Associazione per i Popoli Minacciati (GfbV) ha affermato che fino al 70% di tutti gli assassinii, stupri, rapimenti e casi di tortura in Cecenia sono stati commessi dall'esercito privato agli ordini di Kadyrov, la forza di sicurezza interna conosciuta come Kadyrovtsy (Kadyroviti), composta da 3000 uomini.

Nel 2004 si diffuse la falsa voce secondo cui Ramzan Kadyrov era deceduto a causa di una ferita d'arma da fuoco il 28 aprile.

Egli gode dell'appoggio del Presidente russo Vladimir Putin, sebbene si vociferi che recenti manovre militari non autorizzate condotte da Kadyrov abbiano suscitato l'irritazione del Cremlino. In particolare, dopo la morte nel marzo del 2009 di Sulim Yamadayev, non vi è nessuna figura autorevole in Cecenia che possa contrastare il potere di Kadyrov. La dichiarazione della fine della seconda guerra cecena nell'aprile dello stesso anno ha ridotto la presenza di forze militari federali russe in Cecenia e aumentato ulteriormente la libertà d'azione del presidente ceceno.

Calcio[modifica | modifica sorgente]

È anche l'attuale presidente della squadra cecena del Terek Grozny, allenata in passato da Ruud Gullit. Ha inoltre organizzato delle amichevoli promotrici: celeberrima quella dell'8 marzo 2011 contro una selezione di ex calciatori brasiliani, tra cui Romario, Bebeto, Cafu, Dunga, Denilson, Zé Maria, André Cruz e Raí (che in seguito si è detto profondamente pentito di aver partecipato ad "un evento di carattere politico e populista"[1]), mentre in squadra con lui giocavano tra gli altri Gullit e Lothar Matthaus.
Il nuovo Terek Stadium, fatto costruite da Kadyrov con una capienza da 30.000 posti, in sostituzione del vecchio Stadio Sultan Bilimkhanov, è stato inaugurato l'11 maggio 2011 con un'amichevole tra una selezione del Caucaso del Nord, capitanata dallo stesso Kadyrov, ed una formazione di ex-stelle del calcio mondiale come Diego Armando Maradona, Jean-Pierre Papin, Alessandro Costacurta, Christian Vieri, Ivan Zamorano, Fabien Barthez, Franco Baresi, Luis Figo, Roberto Ayala, Alain Boghossian, Manuel Amoros, Robbie Fowler e Enzo Francescoli[2]. Per la cronaca, la partita è stata vinta per 5-2 dalla formazione del Caucaso del Nord, con il presidente ceceno autore di due assist. Per gli avversari sono andati a segno Maradona e Zamorano[3][4].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Medaglia per il decimo anniversario di Astana capitale (Kazakistan) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il decimo anniversario di Astana capitale (Kazakistan)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ CALCIO: RAI' SI PENTE PER AMICHEVOLE FARSA A GROZNY CON KADYROV,, repubblica.it, 25 marzo 2011.
  2. ^ Russia 2018, anche Figo inaugura lo stadio di Grozny, TMW.com, 12 maggio 2011.
  3. ^ PREMIER CECENO SFIDA MARADONA LO DRIBBLA E FA GOL, AGI.it, 12 maggio 2011.
  4. ^ Calcio, Cecenia: il presidente Kadyrov batte Maradona 5-2. In campo anche Baresi, Costacurta e Vieri, blitzquotidiano.it, 12 maggio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 80272640 LCCN: no2009082472

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie