Dodgeball (sport)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dodgeball
Dodgeball.jpg
Un giocatore di dodgeball mentre schiva una palla
Federazione IDBF
Numero di praticanti 12 (2 squadre da 6 componenti ciascuna)
Componenti di una squadra 6
Contatto No
Genere Maschile, femminile
Indoor/outdoor Indoor
Campo di gioco 18 per 9
Olimpico No

Il dodgeball (letteralmente palla schivata) è uno sport di squadra nato come evoluzione agonistica della comune palla prigioniera.

Regolamento[modifica | modifica sorgente]

Il dodgeball è giocato in tutto il mondo e conosce numerose varianti di regolamento. Quelli che seguono sono i principi basilari del gioco.

Campo di gioco[modifica | modifica sorgente]

Campo da dodgeball dove sono evidenziati: le due metà campo contrapposte; la dead zone (o neutral zone) centrale; lo spazio riservato ai giocatori eliminati (queue).

Solitamente si gioca in sei contro sei, con tre o più palle di gomma butilica (fino ad un massimo di palle pari al numero dei giocatori). A inizio partita le palle sono situate sulla linea di metà campo, in una zona neutra della larghezza di 1 metro denominata Dead Zone, mentre i giocatori sono fermi dietro la propria linea di fondocampo, pronti a partire quando l'arbitro dà il via per accaparrarsi il maggior numero di palle prima degli avversari.

In genere il campo di gioco misura 9 x 18 metri (le stesse misure di quello da pallavolo). Durante la partita ogni squadra deve rimanere nella propria metà campo; la dead zone centrale è neutra e vi si può entrare solo all'inizio della partita, per prelevare i palloni; all'esterno del campo di gioco vi sono due aree destinate ai giocatori eliminati.

Obiettivo[modifica | modifica sorgente]

L'obiettivo del gioco è quello di eliminare tutti i giocatori della squadra avversaria, senza venire eliminati. .

Partita[modifica | modifica sorgente]

Ogni partita si compone di diversi game (3, 5 oppure 7, a seconda della categoria), della durata di alcuni minuti (ad esempio 3 oppure 4). Vince la partita la squadra che si aggiudica il maggior numero di game. Si aggiudica il game la squadra che elimina tutti i giocatori avversari, oppure la squadra che elimina il maggior numero di giocatori avversari.

L'eliminazione[modifica | modifica sorgente]

Inizio partita.

Un giocatore viene eliminato quando:

  1. viene colpito da un pallone lanciato da un avversario, senza che abbia prima rimbalzato sul suolo;
  2. il pallone da lui lanciato viene preso al volo da un avversario;
  3. entra nella dead zone, oppure esce dal proprio campo per schivare un lancio avversario.
  4. se si gioca con il pallone rosso la prende al volo

Il giocatore eliminato deve abbandonare immediatamente il campo di gioco e resta ad attendere a bordo campo fino a che uno dei propri compagni gli consenta di riprendere il gioco afferrando al volo un pallone lanciato da un avversario. I giocatori eliminati tornano in campo nello stesso ordine con cui sono stati eliminati.

Il giocatore può difendersi da un attacco respingendo la palla avversaria con una palla che ha in mano.

Divieti[modifica | modifica sorgente]

È consentito uscire dalle linee perimetrali per recuperare i palloni che sono esterni al terreno di gioco, purché nella propria metà campo (all'esterno del campo di gioco la propria metà campo è individuata dal prolungamento immaginario delle due linee della dead zone); non si può uscire al fine di schivare la palla, pena l'eliminazione. Una volta usciti dal campo, è vietato lanciare la palla ed è vietato rientrare da una linea laterale, ma solo da quella di fondo.

Vittoria[modifica | modifica sorgente]

Una squadra si aggiudica un game quando riesce ad eliminare tutti i giocatori della squadra avversaria, oppure quando, al termine dei 4 minuti di durata massima di un game ha in campo più giocatori rispetto all'altra. È consentito chiudere un game in parità. In caso in cui si giunga all'ultimo game in assoluta parità e al termine di questo vi sia parità anche tra i giocatori delle due squadre, si proseguirà con un tempo supplementare di altri due minuti. Alla prima eliminazione di un giocatore si chiude il match. Invece, al termine del tempo supplementare, in caso di ulteriore parità, si darà game perso ad entrambe le squadre e il risultato finale sarà il pareggio acquisito prima dell'ultimo game.

Durante ogni game, ogni squadra può usufruire di un time out di un minuto. Al termine del game le due squadre si scambiano i campi di gioco e si preparano per il successivo.

Beach dodgeball[modifica | modifica sorgente]

La variante da spiaggia, il beach dodgeball, si gioca invece in 4 contro 4 su di un campo costituito principalmente da sabbia con una grandezza di 8 x 16 metri (le stesse misure del campo da beach tennis).

In Italia[modifica | modifica sorgente]

Albori[modifica | modifica sorgente]

Nel 2007 il Centro Sportivo Italiano, per iniziativa del Comitato provinciale di Ravenna, ha importato in Italia il gioco del Dodgeball; la prima stesura del Regolamento ufficiale italiano del dodgeball fu redatta da un dirigente del CSI, Marco Guizzardi, attualmente componente della Presidenza Nazionale CSI, che ne ha curato anche gli aggiornamenti successivi. Sempre a Ravenna è stato strutturato nel 2007/08 il primo vero e proprio campionato a squadre per la categoria Promoter, che nell'anno successivo ha superato le 10 squadre e i 200 tesserati. Altri tornei CSI di dodgeball sono stati svolti in città come Torino, Napoli e Ancona.

Beach Dodgeball[modifica | modifica sorgente]

Nell'estate 2009 sulle spiagge della Riviera Romagnola ha anche esordito il CSI Beach Dodegball Tour che ha riscosso notevole successo di atleti e di pubblico, nonché l'attenzione delle reti televisive nazionali.

Il dodgeball ha poi iniziato a far parte ufficialmente della manifestazione nazionale dello sport su spiaggia Due Giorni Mare organizzata dal Comitato CSI di Ravenna.

Dodgeball a scuola[modifica | modifica sorgente]

Il Comitato CSI di Ravenna, assieme all'Ufficio Scolastico Provinciale, nel dicembre 2009 ha elaborato il progetto Dodgeball a scuola per la diffusione di questo gioco nella Scuola Primaria e nella Secondaria di 1º e 2º grado, sfociati poi nelle finali dei Giochi Sportivi Studenteschi dall'aprile 2010.

Altre manifestazioni[modifica | modifica sorgente]

Nell'aprile 2007 è stata creata a Como anche la Lega Dodgeball UISP, con un piccolo torneo notturno a Cadorago (CO). Dopo questa breve esperienza, la Lega è stata poi soppressa. L'ampliamento di questo sport ha portato nel 2009/10 ad avere a Ravenna due campionati paralleli, uno CSI e l'altro UISP. Altre esperienze estemporanee di tornei di Dodgeball, seppure con regolamenti differenti da quello ufficiale, si svolgono in occasione di feste cittadine a Urbania (PU), Acqualagna (PU), Francenigo (TV), Marmirolo (RE), Camerano (AN) e Codognè (TV).

Nel mondo[modifica | modifica sorgente]

In Giappone[modifica | modifica sorgente]

Il Dodgeball è uno sport molto diffuso nelle scuole giapponesi, ma il regolamento è differente:

  • ad inizio partita ciascuna squadra dispone uno dei propri giocatori nella parte centrale dell'area esterna della metà campo avversaria;
  • se un tiro viene afferrato al volo dal difensore non avviene alcuna eliminazione o rientro di giocatori;
  • i giocatori eliminati si posizionano sui lati esterni della metà campo avversaria e se durante il gioco eliminano degli avversari hanno la possibilità di rientrare in campo (quest'ultima regola non viene sempre applicata).

Il Dodgeball nei media[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport