Damiano Caruso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Damiano Caruso
Damiano Caruso.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179[1] cm
Peso 65[1] kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Squadra Cannondale Cannondale
Carriera
Squadre di club
2006 Unidelta
2007-2009 Mastromarco
2009 LPR LPR
2010 De Rosa De Rosa
2011-2012 Liquigas Liquigas
2013-2014 Cannondale Cannondale
2015- BMC BMC
Nazionale
2008-2009 Italia Italia Under-23
Statistiche aggiornate al agosto 2014

Damiano Caruso (Ragusa, 12 ottobre 1987) è un ciclista su strada italiano che corre per il team Cannondale. Ha caratteristiche di passista-scalatore, ed è professionista dal 2009[1].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi e i primi anni da professionista[modifica | modifica sorgente]

Dal 2006 al 2009 gareggia nella categoria Dilettanti Elite/Under-23, vestendo prima la divisa del team bresciano Unidelta-GLS, diretto dall'ex pro Bruno Leali, e poi, dal 2007 al giugno 2009, quella della formazione pistoiese Mastromarco. Con questa seconda squadra vince il titolo italiano in linea Under-23 nel 2008 a Palazzago, il Giro Ciclistico Pesche Nettarine di Romagna nel 2009 e la tappa di Lonato del Garda al Girobio nello stesso anno. In queste due stagioni rappresenta anche l'Italia nelle gare in linea Under-23 dei campionati del mondo di Varese e Mendrisio, piazzandosi decimo in entrambe le occasioni.

Nel luglio 2009 viene messo sotto contratto da professionista con la LPR Brakes-Farnese Vini di Fabio Bordonali;[2] l'anno dopo segue quindi il suo direttore sportivo alla nuova De Rosa-Stac Plastic.

2011-2014: Liquigas/Cannondale[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011 si trasferisce alla Liquigas-Cannondale. Durante la stagione si piazza sesto al Gran Premio Città di Camaiore; prende inoltre parte alla Vuelta a España, classificandosi terzo nella tappa di Vitoria, la penultima. L'anno dopo partecipa al Giro d'Italia come gregario in salita per Ivan Basso. In quella corsa indossa la maglia bianca di leader della classifica giovani per sei giorni – la perderà, a favore di Sergio Henao, nella tappa con arrivo a Cervinia – e conclude al ventiquattresimo posto nella graduatoria generale. Nello stesso anno si classifica terzo al Tour of Britain.[3]

Nel 2013, in maglia Cannondale, coglie il primo successo da professionista, aggiudicandosi la quinta e ultima tappa della Settimana Internazionale di Coppi e Bartali. Nella stessa stagione chiude diciannovesimo al Giro d'Italia, nono ai campionati nazionali Elite e terzo al Tour of Alberta, e vince la classifica scalatori al Tour of Beijing.[3] Nel 2014 non ottiene successi, si classifica però quinto alla Settimana Internazionale di Coppi e Bartali, terzo al Giro d'Austria e nono alla Vuelta a España, ottenendo il suo primo piazzamento nei dieci in un Grande Giro.

Il 5 agosto 2014 viene annunciato il suo trasferimento ufficiale al team BMC a partire dalla stagione 2015.[3]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Campionati italiani, Gara in linea Under-23 (Palazzago)
  • 2009 (Dilettanti Elite/Under-23, Mastromarco-Chianti-Mapooro, quattro vittorie)
Gran Premio Termica Marietta
5ª tappa Giro Ciclistico Pesche Nettarine di Romagna (Bagnacavallo > Faenza)
Classifica generale Giro Ciclistico Pesche Nettarine di Romagna
2ª tappa Girobio (Modena > Lonato del Garda)
  • 2013 (Cannondale Pro Cycling, una vittoria)
5ª tappa Settimana Internazionale di Coppi e Bartali (Monticelli Terme > Fiorano Modenese)

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

Classifica giovani Settimana Internazionale di Coppi e Bartali
Classifica scalatori Tour of Beijing

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2012: 24º
2013: 19º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

2011: 63º
2013: 49º
2011: 93º
2012: 55º
2013: 59º
2011: ritirato
2012: ritirato
2013: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Varese 2008 - In linea Under-23: 10º
Mendrisio 2009 - In linea Under-23: 10º

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Damiano Caruso in www.cannondaleprocycling.com. URL consultato il 12 agosto 2014.
  2. ^ (EN) Gregor Brown, LPR Brakes welcomes Caruso in www.cyclingnews.com, 1 luglio 2009. URL consultato il 12 agosto 2014.
  3. ^ a b c (EN) BMC Racing Team Signs Damiano Caruso in www.bmc-racing.com, 5 agosto 2014. URL consultato il 12 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]