Carduus nutans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cardo rosso
Musk thistle.jpg
Carduus nutans
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Cichorioideae
Tribù Cardueae
Sottotribù Carduinae
Genere Carduus
Specie C. nutans
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi II
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Carduoideae
Tribù Cardueae
Sottotribù Carduinae
Nomenclatura binomiale
Carduus nutans
L., 1753
Nomi comuni

Cardo pendente

Il Cardo rosso (nome scientifico Carduus nutans L. 1753) è una pianta bienne, erbacea, dai grandi capolini solitari e molto spinosa, appartenente alla famiglia delle Asteraceae.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome del genere (Carduus) deriva dal latino (= “cardo” in italiano) che a sua volta potrebbe derivare da una parola greca il cui significato si avvicina al nostro vocabolo “rapare”; ma altre ricerche farebbero derivare da un'altra radice, sempre greca, “ardis” (= “punta dello strale”), alludendo ovviamente alla spinosità delle piante di questo genere.
Il nome specifico (nutans) fa riferimento al particolare portamento un po' reclinato del capolino alla fine della fioritura: sembra che oscilli al vento.
Anticamente i primi botanici denominarono questa pianta “Carduus moschatus“ perché i vari insetti pronubi erano attirati dal suo profumo.
In inglese questa pianta si chiama: Musk Thistle; mentre in tedesco si chiama: Nickende Distel.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Descrizione delle parti della pianta

(La seguente descrizione è relativa alla specie Carduus nutans s.l.; per i dettagli delle varie sottospecie vedere più avanti.)
È una pianta eretta che può raggiungere i 100 cm e oltre (altezza minima 30 cm – negli Stati Uniti sono stati trovati esemplari di oltre 5 metri). La forma biologica della specie è emicriptofita bienne (H bienn); sono piante perennanti per mezzo di gemme poste al suolo con un ciclo di crescita biennale: significa che il primo anno produce al più una bassa rosetta basale di foglie (mediamente da 30 a 60 cm di lunghezza – in certi siti favorevoli, negli Stati Uniti, sono stati trovate rosette di 4 metri di diametro), mentre il secondo anno fiorisce completamente. Tuttavia se il clima è sufficientemente caldo può fiorire già durante il primo anno di vita. Il numero dei capolini per ogni pianta varia dalle caratteristiche del sito in cui si trova la pianta e può andare da 1 a 20 per siti poveri fino a oltre 50 per buoni siti.

Radici[modifica | modifica sorgente]

Possiede una grossa radice di ancoraggio.

Fusto[modifica | modifica sorgente]

Il fusto appare eretto e bianco – feltroso soprattutto nella parte alta, non molto ramificato ma foglioso e molto spinoso (lunghezza delle spine 3 – 6 mm) ad eccezione del tratto precedente il capolino. Il fusto è inoltre alato in modo irregolare (ali larghe 2 – 4 mm) e solcato, mentre è cilindrico in alto.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

Le foglie lungo il fusto sono disposte in modo alterno; hanno la lamina sinuato – dentata oppure lobato – pennatifida (sono profondamente divise in 6 – 8 parti) e sono sessili, mentre quelle basali formano una rosetta. I segmenti laterali delle foglie sono increspati e acutamente spinosi (terminano con una spina giallastra). La base delle foglie è inoltre decorrente lungo il fusto in basso, mentre la superficie è glabra o appena pubescente e cerosa nella parte superiore, e coperte di filamenti simili a ragnatele nella pagina inferiore. Il colore delle foglie è generalmente verde scuro. Dimensioni delle foglie: larghezza 2 – 8 cm, lunghezza 8 – 30 cm; dimensione dei lobi laterali: larghezza 5 cm, lunghezza 8 cm; l'area centrale indivisa è larga 5 – 6 mm.

Infiorescenza[modifica | modifica sorgente]

L'infiorescenza è formata da grandi capolini, portanti un centinaio è più di fiori tubulosi, circondato da squame involucrali piuttosto evidenti (brattee acuminate e spinose). Qualche volta l'infiorescenza si presenta corimbosa e raramente ascellare. La forma del capolino è ovoidale o globosa e sono portati da peduncoli lievemente reclinati verso il basso (penduli e nutanti) alla fine della fioritura. Le squame, di forma lanceolata o ovale, hanno una larga base ed una strozzatura evidente nella parte mediana e alla fine sono ripiegate verso il basso; sono verdi quelle esterne e rosse quelle più interne. Dimensione del capolino: 3 – 8 cm; lunghezza dei peduncoli: da 2 a 30 cm. Dimensioni medie dell'involucro a forma emisferica: larghezza 20 – 60 mm, lunghezza 20 – 70 mm.

Fiori[modifica | modifica sorgente]

I fiori tubulosi

I fiori del capolino sono tutti tubulosi (il tipo ligulato, presente nella maggioranza delle Asteraceae, qui è assente), sono inoltre ermafroditi, tetraciclici (calicecorollaandroceogineceo) e pentameri. I fiori sono profumati (forte odore muschiato).

  • Calice: il calice è ridotto al minimo.
  • Corolla: la corolla di colore rosso purpureo è tubulosa inizialmente, ma poi acquista una struttura imbutiforme e termina con 5 lobi. Lunghezza della corolla: 18 – 22 mm. A maturazione il pappo avvolge quasi completamente la corolla (per 4/5 della sua lunghezza).
  • Androceo: gli stami sono 5 ed hanno dei filamenti liberi e pelosi che possiedono la particolarità di compiere dei movimenti. Le antere sono caudate alla base (hanno una coda).
  • Gineceo: l'ovario è infero; gli stimmi sono glabri (hanno un ciuffo di peli solo all'apice dello stilo che sporge rispetto alla corolla).
  • Fioritura: da giugno a agosto.
  • Impollinazione: tramite farfalle (anche notturne) e api; la pianta è ricca di nettare.

Frutti[modifica | modifica sorgente]

I semi, di colore giallo - marrone, sono dispersi al vento grazie al pappo: insieme di semplici setole ispide (non piumose) e biancastre disposte su più file che compare quando il frutto (un achenio di forma ovoidale) è maturo. Ogni pianta può produrre migliaia di semi (possono arrivare a oltre 100.000 semi in totale – 1.200 per capolino) e vengono dispersi circa un mese dopo la fioritura. Sembra che un singolo seme rimanga attivo nel suolo fino a 10 anni. Questo naturalmente non facilita il controllo di queste piante che in varie parti del mondo sono considerate infestanti. I cardellini (Carduelis carduelis) ed altri simili uccelli sono ghiotti dei piccoli semi di queste piante e ovviamente ne favoriscono la dispersione. Dimensione dei semi: 4 – 5 mm; lunghezza delle setole del pappo: 13 – 25 mm.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

  • Impollinazione: l'impollinazione avviene tramite insetti (impollinazione entomogama) quali api e lepidotteri.
  • Riproduzione: la fecondazione avviene fondamentalmente tramite l'impollinazione dei fiori (vedi sopra).
  • Dispersione: i semi cadendo a terra (dopo essere stati trasportati per alcuni metri dal vento per merito del pappo – disseminazione anemocora) sono successivamente dispersi soprattutto da insetti tipo formiche (disseminazione mirmecoria).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

  • Geoelemento: si tratta di una specie propria dell'Europa occidentale. Il tipo corologico è Europeo.
  • Distribuzione: si trova in gran parte dell'Europa, Asia minore, Caucaso, Africa settentrionale, Asia occidentale. In Italia è comune su quasi tutto il territorio.
  • Habitat: è considerata pianta infestante e si trova facilmente in estate in posti assolati ed in zone aride e sassose ma anche in tutti gli ambienti rurali e perfino alle periferie cittadine lungo sentieri e strade. Preferisce terreni calcarei sassosi ma anche sabbiosi. Questa pianta si diffonde rapidamente in aree soggette a frequenti perturbazioni naturali come inondazioni e smottamenti dove altre specie hanno difficoltà ad insediarsi.
  • Distribuzione altitudinale: dal piano fino a circa 1700 m s.l.m..

Fitosociologia[modifica | modifica sorgente]

Dal punto di vista fitosociologico la specie di questa voce appartiene alla seguente comunità vegetale:[1]

Formazione: delle comunità perenni nitrofile
Classe: Artemisietea vulgaris
Ordine: Onopordetalia acanthii

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Le famiglia delle Asteraceae è la famiglia vegetale più numerosa, organizzata in quasi 1000 generi per un totale di circa 20.000 specie. Al genere Carduus sono assegnate numerose specie (circa 90), due dozzine delle quali appartengono alla nostra flora spontanea.
Nelle classificazioni più vecchie la famiglia delle Asteraceae viene chiamata anche Compositae.
Il genere Carduus spesso viene botanicamente “confuso” con altri generi come quello del Cirsium o Cnicus (in effetti un tempo diverse specie di quest'ultimo genere appartenevano al genere Carduus). Un modo per distinguere il genere Carduus dagli altri è esaminare le setole del pappo: nel genere in esame le setole sono delle pagliette denticolate e ispide e non piumose come ad esempio nel genere Cirsium.
La specie “nutans” fa parte di un gruppo di piante molto variabili e complesse dal punto di vista morfologico. Può essere vista come una specie diversa (insieme ad altre specie molto simili) oppure come una specie unica con diverse sottospecie (è il caso più usuale tra i vari botanici). Frequente è la presenza di individui intermedi di difficile determinazione, presenza dovuta a scambi di caratteristiche tra le varie sottospecie o per ibridazione con altre specie (anche di generi diversi). Le varie sottospecie si possono distinguere per la dimensione (e forma) delle squame dell'involucro o per la pubescenza più o meno marcata delle foglie o per la profondità delle incisioni delle foglie; in altri casi si possono fare delle distinzioni sulla dimensione del capolino (esistono sottospecie con capolini più piccoli da 1,5 a 3,5 cm di diametro).

Sottospecie[modifica | modifica sorgente]

In Italia sono riconosciute 9 sottospecie di Carduus nutans; qui di seguito descritte:[2][3][1][4]

subsp. alpicola[modifica | modifica sorgente]

Distribuzione della sottospecie alpicola (Distribuzione regionale[5] – Distribuzione alpina[6])
  • nome scientifico: Carduus nutans L. subsp. alpicola (Gillot) Chass. & Arènes, 1936;
  • basionimo: Carduus nutans prol. alpicola Gillot in Bull., 1902;
  • nome comune: Cardo alpicolo;
  • distribuzione: in Italia si trova nella provincia di Cuneo; è presente anche in Francia (dipartimenti di Alpes-de-Haute-Provence, Hautes-Alpes, Alpes-Maritimes e Isère) e anche nella parte continentale dell’Europa centrale;[1]
  • distribuzione altitudinale: da un punto di vista altitudinale questa sottospecie frequenta il piano vegetazionale subalpino e in parte il quello alpino;
  • habitat: l’habitat tipico per questa sottospecie sono gli ambienti ruderali, le scarpate, i riposi del bestiame e le balme; il substrato preferito è calcareo ma anche calcareo/siliceo con pH basico, alti valori nutrizionali del terreno che deve essere secco.

subsp. leiophyllus[modifica | modifica sorgente]

  • nome scientifico: Carduus nutans L. subsp. leiophyllus (Petrovič) Stoj. & Stef.; alcune checklist della flora spontanea italiana riconoscono per questa sottospecie un altro nome scientifico: C. nutans subsp. macrolepis (Rchb. & Saut.) Nyman
  • nome comune: Cardo rosso a squame grandi;
  • foglie: le foglie sono più lunghe e più incise (lunghezza delle foglie: 10 – 40 cm; profondità delle incisioni: da 1/3 a 4/5 della lamina fogliare);
  • squame dell’involucro: le squame nella parte basale sono oblanceolate, mentre all'apice sono progressivamente più ristrette con la spina apicale rigida (dimensione delle squame: larghezza 2,5 – 8 mm; lunghezza 15 – 50 mm);
  • capolini: il diametro dei capolini è relativamente grande (da 4 a 8 cm); i capolini sono inoltre solitari e lungamente peduncolati;
  • distribuzione: in Italia è presente dal nord al centro; è presente anche nell’Europa centro-orientale (fino all’Anatolia);

subsp. macrocephalus[modifica | modifica sorgente]

  • nome scientifico: Carduus nutans L. subsp. macrocephalus (Desf.) Nyman;
  • nome comune: Cardo a capolini grossi;
  • foglie: le foglie sono completamente pennato-divise; i nervi sono inoltre rilevati per tutta la loro lunghezza;
  • infiorescenza: i capolini sono solitari all’apice di peduncoli allungati e non alati;
  • capolini: la dimensione dei capolini è maggiore rispetto alle altre sottospecie (fino a 8 cm; dimensioni medie: 4 - 5 cm);
  • squame: le squame sono ricurve e scanalate nella metà inferiore; all’apice è presente una spina breve ma superante i fiori; dimensione delle squame medie: larghezza 2 – 4 mm; lunghezza 20 – 35 mm;
  • corolla: lunghezza della corolla dei fiori tubulosi: 27 – 30 mm;
  • pappo: lunghezza delle setole del pappo: 10 – 12 mm;
  • geoelemento: il tipo corologico (area di origine) è Steno - Mediterraneo;
  • distribuzione: in Italia è presente al sud e nelle isole; oltre all’Europa (con distribuzione discontinua) si trova nell’Africa mediterranea occidentale;
  • habitat: l’habitat tipico per questa sottospecie sono gli incolti aridi, i pascoli, e i margini delle vie;

subsp. micropterus[modifica | modifica sorgente]

  • nome scientifico: Carduus nutans L. subsp. micropterus (Borbás) Hayek, 1931;
  • basionimo: Carduus nutans var. micropterus Borbás;
  • nome comune: Cardo ad ali strette;
  • fusto: le ali sono meno sviluppate;
  • foglie: le foglie sono più piccole, ma completamente pennato-divise;
  • infiorescenze: i capolini sono isolati su lunghi peduncoli;
  • involucro: l’involucro è un po’ arrotondato (quasi appiattito);
  • squame: le squame sono sempre appressate ed erette; dimensione delle squame: larghezza 1,5 – 4 mm; lunghezza 20 – 30 mm.
  • geoelemento: il tipo corologico (area di origine) è Nord Mediterraneo / Anfiadriatico;
  • distribuzione: in Italia è presente al centro e al sud e non nelle isole; risulta presente anche nella parte nord-occidentale della Penisola Balcanica (quella parte che si affaccia sul mare Adriatico);
  • habitat: l’habitat tipico per questa sottospecie sono gli incolti aridi;

subsp. nutans[modifica | modifica sorgente]

Distribuzione della sottospecie nutans (Distribuzione regionale[7] – Distribuzione alpina[8])

subsp. perspinosus[modifica | modifica sorgente]

  • nome scientifico: Carduus nutans L. subsp. perspinosus (Fiori) Arènes, 1949;
  • basionimo: Carduus nutans f. perspinosus Fiori;
  • nome comune: Cardo ad ali strette;
  • fusto: le ali sono meno sviluppate;
  • foglie: le foglie sono più piccole, ma completamente pennato-divise;
  • infiorescenze: i capolini sono isolati su lunghi peduncoli;
  • involucro: l’involucro è decisamente troncato alla base;
  • squame: le squame sono più o meno patenti all’apice; larghezza delle squame: 1,5 – 2 mm;
  • geoelemento: il tipo corologico (area di origine) è Endemico;
  • distribuzione: soprattutto nell’Italia meridionale;
  • habitat: l’habitat tipico per questa sottospecie sono gli incolti aridi;

subsp. platylepis[modifica | modifica sorgente]

Distribuzione della sottospecie platylepis (Distribuzione regionale[9] – Distribuzione alpina[10])
  • nome scientifico: Carduus nutans L. subsp. platylepis (Rchb. & Saut.) Nyman, 1879 ;
  • basionimo: Carduus platylepis Rchb. & Saut., 1830;
  • nome comune: Cardo a brattee larghe;
  • foglie: le foglie hanno delle profonde incisioni da 1/3 a ½ della lamina; lunghezza delle foglie: 5 – 10 cm;
  • infiorescenza: i capolini sono solitari e brevemente peduncolati;
  • capolini: il diametro dei capolini è 3 – 4 cm;
  • squame: le squame sono bruscamente ristrette in punta con spina apicale debole e metà basale ovata (larga quanto la parte apicale); i nervi sono indistinti; dimensione delle squame: larghezza 2 – 4 mm; lunghezza 5 – 15 mm;
  • geoelemento: il tipo corologico (area di origine) è Alpico;
  • distribuzione: è una sottospecie alpina (dal Cadore al Piemonte); oltreconfine, sempre nelle Alpi, si trova in Svizzera (cantoni Vallese, Ticino e Grigioni), in Austria (Länder del Tirolo Settentrionale, Tirolo Orientale e Salisburgo); è inoltre presente nella parte centrale dell’Europa;
  • habitat: l’habitat tipico per questa sottospecie sono gli incolti e le scarpate;

subsp. siculus[modifica | modifica sorgente]

  • nome scientifico: Carduus nutans L. subsp. siculus (Franco) Greuter, 2003 ;
  • basionimo: Carduus macrocephalus subsp. siculus Franco;
  • nome comune: Cardo siculo;
  • fusto: il fusto è privo d’ali nella parte superiore;
  • foglie: le foglie hanno i nervi rilevanti per tutta la loro lunghezza;
  • infiorescenza: i capolini sono sorretti da peduncoli lisci;
  • capolini: il diametro dei capolini è di 3 – 4,5 cm;
  • squame: le squame sono eretto-patenti a forma piana; sono larghe 3 – 4 mm e all’apice è presente una spina breve che non supera i fiori;
  • geoelemento: il tipo corologico (area di origine) è Steno - Mediterraneo;
  • distribuzione: Sicilia;

subsp. taygeteus[modifica | modifica sorgente]

  • nome scientifico: Carduus nutans L. subsp. taygeteus (Boiss. & Heldr.) Hayek, 1931; alcune checklist della flora spontanea italiana riconoscono per questa sottospecie un altro nome scientifico: C. nutans subsp. inconstrictus O. Schwarz;
  • basionimo: Carduus taygeteus Boiss. & Heldr.
  • nome comune: Cardo rosso;
  • fusti: i fusti sono alati fin quasi ai capolini e l’indumento è bianco- tomentoso;
  • foglie: le foglie sono completamente pennato-divise; i nervi sono rilevati solo nella metà basale;
  • infiorescenza: i capolini sono solitari e sorretti da peduncoli allungati;
  • capolini: la dimensione dei capolini è maggiore (fino a 8 cm; normalmente 4 – 5 mm);
  • squame: la spina apicale delle squame è robusta e lunga 2 – 4 mm; dimensione delle squame: larghezza 2 – 3 mm; lunghezza 20 - 35 mm;
  • corolla: la corolla è lunga 27 – 30 mm;
  • pappo: le setole del pappo sono lunghe 10 – 12 mm;
  • geoelemento: il tipo corologico (area di origine) è Steno - Mediterraneo;
  • distribuzione: in Italia è presente al sud e nelle isole (solo Sardegna); è presente inoltre nella parte occidentale della Penisola Balcanica e in Anatolia;
  • habitat: l’habitat tipico per questa sottospecie sono gli incolti aridi, i pascoli, e i margini delle vie;


Nel corso del tempo le varie sottospecie del Carduus nutans della flora spontanea italiana hanno subito più di qualche modifica nomenclaturale. La tabella seguente mette in relazione questi nomi dalla “Flora d’Italia” di Sandro Pignatti fino ad oggi:

Nome attuale[3] ”Flora d’Italia”[4] ”Checklist Italian Vascular Flora”[2]
C. nutans subsp. alpicola C. nutans subsp. alpicola
C. nutans subsp. leiophyllus C. nutans subsp. macrolepis C. nutans subsp. macrolepis
C. nutans subsp.macrocephalus C. macrocephalus subsp. macrocephalus C. nutans subsp. macrocephalus
C. nutans subsp.micropterus C. micropterus subsp. micropterus C. nutans subsp. micropterus
C. nutans subsp.nutans C. nutans subsp.nutans C. nutans subsp.nutans
C. nutans subsp.perspinosus C. micropterus subsp.perspinosus C. nutans subsp.perspinosus
C. nutans subsp.platylepis C. nutans subsp.platylepis C. nutans subsp.platylepis
C. nutans subsp.siculus C. macrocephalus subsp. siculus C. nutans subsp. siculus
C. nutans subsp. taygeteus C. macrocephalus subsp. inconstrictus C. nutans subsp. inconstrictus


Per il Carduus nutans sono riconosciute inoltre altre sottospecie non presenti in Italia:[3]

  • Carduus nutans subsp. falcato-incurvus P.H.Davis, 1975 - Distribuzione: Anatolia
  • Carduus nutans subsp. granatensis (Willk.) O.Bolòs & Vigo, 1988 - Distribuzione: Spagna
  • Carduus nutans subsp. maurus (Emb. & Maire) Greuter, 2005 - Distribuzione: Marocco
  • Carduus nutans subsp. numidicus (Coss. & Durieu) Arènes, 1949 - Distribuzione: Algeria e Francia
  • Carduus nutans subsp. platypus (Lange) Greuter, 2003 - Distribuzione: Penisola Iberica
  • Carduus nutans subsp. subacaulis Arènes, 1949 - Distribuzione: Marocco
  • Carduus nutans subsp. trojanus P.H.Davis, 1975 - Distribuzione: Anatolia

Ibridi[modifica | modifica sorgente]

Nell'elenco che segue sono indicati alcuni ibridi intraspecifici:[11]


Ibridi fra generi diversi:

  • x Carduocirsium borderei (Rouy) P. Fourn. (1940) – Ibrido fra : C. nutans e Cirsium monspessulanum
  • x Carduocirsium parisiense (P. Fourn.) P. Fourn. (1940) – Ibrido fra : C. nutans e Cirsium vulgare

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

La specie nutans, in altri testi, può essere chiamata con nomi diversi. La tabella seguente indica alcuni tra i sinonimi più frequenti:[3][12]

  • Carduus amansii Boreau ex Debeaux (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus atlanticus Pomel (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus attenuatus Klokov (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus engadinensis Rouy ex Gillot (sinonimo della sottospecie platylepis)
  • Carduus kahenae Pomel (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus lecophyllus Bornm. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus leiophyllus var. leiophyllus (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus leiophyllus var. vestitus Halácsy (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus leptophyllus Gaudin (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus longispinus (Moris) Arcang. (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus macrocephalus subsp. brachycentros (Hausskn.) Kazmi (sinonimo della sottospecie taygeteus)
  • Carduus macrocephalus subsp. inconstrictus (O. Schwarz) Kazmi (sinonimo della sottospecie taygeteus)
  • Carduus macrocephalus subsp. siculus Franco (sinonimo della sottospecie siculus)
  • Carduus macrocephalus subsp. sporadum (Halácsy) Franco (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus macrocephalus var. kabylicus Maire (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus macrocephalus var. macrocephalus (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus macrolepis Peterm. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus micropterus (Borbás) Teyber (sinonimo della sottospecie micropterus)
  • Carduus micropterus subsp. micropterus (sinonimo della sottospecie micropterus)
  • Carduus micropterus subsp. perspinosus (Fiori) Kazmi (sinonimo della sottospecie perspinosus)
  • Carduus numidicus var. porpinquus Batt. (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus nutans f. alpicola (Gillot) Gillot (sinonimo della sottospecie alpicola)
  • Carduus nutans f. perspinosus Fiori (sinonimo della sottospecie perspinosus)
  • Carduus nutans subsp. alpinus (sinonimo della sottospecie alpicola)
  • Carduus nutans subsp. inconstrictus O.Schwarz (sinonimo della sottospecie taygeteus)
  • Carduus nutans subsp. leiophyllus (Petrovič) Nyár. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans subsp. macrocephalus (Desf.) Gugler (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus nutans subsp. macrocephalus (Desf.) K.Richt. (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus nutans subsp. macrolepis (Peterm.) Kazmi (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans subsp. scabrisquamus Arènes (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus nutans subsp. sporadum (Halácsy) Rech.f. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. armenus Boiss. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. atlanticus (Pomel) Batt. (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus nutans var. brachycentros Hausskn. (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus nutans var. heldreichii Arènes (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. kirghisensis Arènes (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. latisquamus Belli (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. longipedunculatus Kauffm. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. longipes Kauffm. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. longispinus Moris (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus nutans var. macrolepis (Peterm.) Rouy (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. micropterus Borbás (sinonimo della sottospecie micropterus)
  • Carduus nutans var. petroviccii Arènes (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. platylepis (Rchb. & Saut.) Unger (sinonimo della sottospecie platylepis)
  • Carduus nutans var. sporadum Halácsy (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. stribrnyi Arènes (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. strictus Kauffm. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus nutans var. taygeteus (Boiss. & Heldr.) Heldr. (sinonimo della sottospecie taygeteus)
  • Carduus pindicolus Hausskn. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus platylepis Rchb. & Saut. (sinonimo della sottospecie platylepis)
  • Carduus propinquus Pomel ex Batt. & Trab. (sinonimo della sottospecie macrocephalus)
  • Carduus taygeteus Boiss. & Heldr.
  • Carduus taygeteus subsp. insularis Franco (sinonimo della sottospecie taygeteus)
  • Carduus taygeteus subsp. taygeteus (sinonimo della sottospecie taygeteus)
  • Carduus thoermeri Weinm. (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus thoermeri subsp. armenus (Boiss.) Kazmi (sinonimo della sottospecie leiophyllus)
  • Carduus thoermeri subsp. thoermeri (sinonimo della sottospecie leiophyllus)

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

Tutti i cardi sono molto simili tra di loro. Nell’elenco sottostante sono indicate alcune specie principalmente abitatrici dell’arco alpino con le caratteristiche più differenti rispetto alla specie di questa voce:

  • Carduus acanthoides L. - Cardo branca-orsina: il fusto è poco ramoso con pochi capolini terminali; le foglie superiori hanno la lamina ristretta e pennatosetta; la pagina inferiore delle foglie è cosparsa di peli pluricellulari crespi; tutta la pianta è molto spinosa con spine rigide.
  • Carduus crispus L. - Cardo crespo: la pagina inferiore delle foglie è cosparsa di peli unicellulari lisci; le spine in genere sono più deboli.
  • Carduus personata (L.) Jacq. - Cardo bardana: il fusto è ampiamente ramoso con diversi capolini terminali; le foglie superiori hanno la lamina ben sviluppata.
  • Carduus defloratus L. - Cardo decapitato: il fusto non è alato e il capolino è solitario e incurvato appena sotto l’infiorescenza; le foglie sono glabre a lamina lanceolata e bordi interi percorsi da deboli spine.
  • Carduus tenuiflorus Curtis - Cardo a capolini gracili: il fusto ha delle spine robuste; i capolini hanno un involucro cilindrico e sono riuniti in un numero maggiore (da 3 a 8, fino a 12); le squame mediane sono glabre.
  • Carduus pycnocephalus L. - Cardo a capolini densi: il fusto ha delle spine robuste; i capolini hanno un involucro cilindrico allungato e sono riuniti in un numero maggiore; le squame mediane sono cigliate sui bordi.

Usi[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Farmacia[modifica | modifica sorgente]

  • Proprietà curative: secondo la medicina popolare è una pianta febbrifuga e purificante del sangue.
  • Parti usate: quelle aeree.

Cucina[modifica | modifica sorgente]

Dal punto di vista alimentare in alcune zone viene utilizzato il fusto quando è ancora giovane (se cucinato bene ricorda il sapore del carciofo).

Industria[modifica | modifica sorgente]

Dalla pianta si può ricavare dell'olio e carta.

Notizie varie[modifica | modifica sorgente]

Per l'America del Nord questa specie non è nativa, infatti sembra che sia stata introdotta nel 1800 nella parte orientale degli Stati Uniti e subito si è dimostrata “specie invasiva”. In molti stati degli Stati Uniti (ma anche in alcune province del Canada) è stata dichiarata “erbaccia nociva”. Buona parte delle risorse energetiche dell'agricoltura sono impiegate per liberare i terreni delle aziende agricole e dei pascoli da questa specie. Le foglie sono sgradevoli sia per il bestiame che per la fauna selvatica. Inoltre la presenza di queste piante nei prati e nei pascoli porta ad un rapido degrado del terreno: il bestiame infatti evita queste piante dando alle stesse un notevole vantaggio competitivo rispetto ad altre più appetitose. Per controllare i danni provocati da queste piante le autorità locali consigliano il taglio preventivo dei capi fiorali e lo smaltimento degli stessi in sacchi di plastica ben sigillati per ridurre al minimo la dispersione dei semi. In altri casi sono stati usati dei diserbanti specifici con sgradevoli effetti collaterali. Sono stati fatti anche degli esperimenti introducendo nelle zone infestate da questa pianta alcuni insetti le cui larve si cibano di queste piante (Rhinocyllus conicus e Trichosirocalus horridus, insetti entrambi della superfamiglia delle Curculionoidea), ma con risultati controversi in quanto vengono attaccate anche alcune specie rare e protette del genere Carduus.

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Flora Alpina, op. cit., Vol. 2 - p. 570
  2. ^ a b Checklist della flora vascolare d'Italia. URL consultato il 31 dicembre 2011.
  3. ^ a b c d Global Compositae Checklist. URL consultato il 31 dicembre 2011.
  4. ^ a b Pignatti 1982, op. cit., Vol. 3 - pag. 144
  5. ^ Checklist of the Italian Vascular Flora, op. cit., p. 69 e agg.
  6. ^ Flora Alpina, op. cit., Vol. 2 - p. 572
  7. ^ Checklist of the Italian Vascular Flora, op. cit., p. 69 e agg.
  8. ^ Flora Alpina, op. cit., Vol. 2 - p. 570
  9. ^ Checklist of the Italian Vascular Flora, op. cit., p. 69 e agg.
  10. ^ Flora Alpina, op. cit., Vol. 2 - p. 572
  11. ^ Index synonymique de la flore de France. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  12. ^ EURO MED - PlantBase. URL consultato il 2 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Funk V.A., Susanna A., Stuessy T.F. and Robinson H., Classification of Compositae in Systematics, Evolution, and Biogeography of Compositae, Vienna, International Association for Plant Taxonomy (IAPT), 2009.
  • Joachim W. Kadereit, Charles Jeffrey, Flowering plants: Eudicots ; Asterales, New York, Springer, 2007, p. 129, ISBN 3-540-31050-9.
  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta., Milano, Federico Motta Editore. Volume 1, 1960, p. 457.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume 3, Bologna, Edagricole, 1982, p. 144, ISBN 88-506-2449-2.
  • D.Aeschimann, K.Lauber, D.M.Moser, J-P. Theurillat, Flora Alpina. Volume 2, Bologna, Zanichelli, 2004, p. 570.
  • 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.
  • Strasburger E, Trattato di Botanica. Volume secondo, Roma, Antonio Delfino Editore, 2007, ISBN 88-7287-344-4.
  • Judd S.W. et al, Botanica Sistematica - Un approccio filogenetico, Padova, Piccin Nuova Libraria, 2007, ISBN 978-88-299-1824-9.
  • F.Conti, G. Abbate, A.Alessandrini, C.Blasi, An annotated checklist of the Italian Vascular Flora, Roma, Palombi Editore, 2005, p. 68, ISBN 88-7621-458-5.
  • Maria Teresa della Beffa, Fiori di montagna, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 2001.
  • Wolfgang Lippert Dieter Podlech, Fiori, TN Tuttonatura, 1980.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica