Apollosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Apollosa
comune
Apollosa – Stemma Apollosa – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Campania-Stemma.svg Campania
Provincia Provincia di Benevento-Stemma2.png Benevento
Amministrazione
Sindaco Marino Corda (lista civica) dal 07/05/2012
Territorio
Coordinate 41°06′00″N 14°42′00″E / 41.1°N 14.7°E41.1; 14.7 (Apollosa)Coordinate: 41°06′00″N 14°42′00″E / 41.1°N 14.7°E41.1; 14.7 (Apollosa)
Altitudine 430 m s.l.m.
Superficie 21 km²
Abitanti 2 697[1] (31.12.2011)
Densità 128,43 ab./km²
Frazioni San Giovanni
Comuni confinanti Benevento, Campoli del Monte Taburno, Castelpoto, Ceppaloni, Montesarchio, Roccabascerana (AV), San Leucio del Sannio
Altre informazioni
Cod. postale 82030
Prefisso 0824
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 062004
Cod. catastale A330
Targa BN
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Cl. climatica zona D, 1 853 GG[2]
Nome abitanti apollosani
Patrono Sant'Anna
Giorno festivo 26 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Apollosa
Posizione del comune di Apollosa nella provincia di Benevento
Posizione del comune di Apollosa nella provincia di Benevento
Sito istituzionale

Apollosa (Apullosë in campano[3]) è un comune italiano di 2.716 abitanti della provincia di Benevento in Campania.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

La città si trova sulla destra della vecchia via Consolare, che da Benevento va nella valle Caudina.

Il suo territorio risulta compreso fra i 136 ed i 656 m s.l.m., con un'escursione altimetrica di 520 m.

Nel territorio comunale si producono: ulivo, vite, frumento, legumi, foraggi, frutta, legname. Dista dal capoluogo di provincia circa 10 km. Il comune ha una superficie agricola utilizzata in ettari (ha) di 477,45[4].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nacque forse in epoca romana lungo la via Appia. Secondo lo storico Alfonso Meomartini [5] la forma originale del nome fu "La pelosa", "Lapillosa", "Pellosa", "Pelusia", "Lapelusa", "Apellosa" ed infine "Apollosa".

L'abitato sorse sulla cima di una piccola collina che dominava la via Appia (in località "Terravecchia"). Presso la Appia al confine con il comune di Ceppaloni si trovava la "Taverna del Passo" detta così in quanto vi era la dogana feudale [6] e un mulino che era attivo innanzi la prima guerra mondiale. In adiacenza si trova la piccola chiesa dedicata a San Domenico che attualmente versa in precarie condizioni (vedi foto).

L'iscrizione di Turpilio del VI secolo la cita come urbs ("città")[7].

Sotto i Normanni fu in possesso dei baroni di Fenucchio, della chiesa di Santa Sofia di Benevento e dei Frangipane. Successivamente entrò nel possesso dei Della Leonessa.

Nel 1460 Ferdinando I distrusse l'abitato in quanto i Della Leonessa avevano parteggiato per Giovanni d'Angiò. In seguito l'abitato fu delocalizzato nella sede attuale.

In seguito il feudo fu in possesso dei Caracciolo, dei Ricca, dei Piscicelli, dei Guindazzo Caracciolo e infine degli Spinelli principi di S. Giorgio e di Apollosa. Estinti gli Spinelli il titolo passò ai Lancellotti [8].

Luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Chiesa di S. Domenico in località Taverna

Presso il ponte sulla via Appia furono ritrovate due colonne miliari riguardanti il rifacimento dello stesso ponte, di cui una riferibile al 198 circa, sotto l'imperatore Settimio Severo [9].

Si conservano i ruderi dell'antico castello e un palazzo baronale.

Le chiese di interesse sono:

- Santa Maria Assunta

- San Giuseppe

- San Giovanni Battista

- S. Domenico in località Taverna (via Appia).

Persone legate al comune[modifica | modifica sorgente]

Turpilio. Si dice che di questa località sia stato il grammatico Turpilìo vissuto nel VI secolo. Nel territorio del Comune fu trovato scolpito il noto distico satirico, composto contro di lui, e che mirabilmente si presta ad un doppio senso: Hic situs est nostrao splendor Turpilius urbis Grammaticus prisci víctor, et ultor ani. Il giuoco del doppio senso sta nelle parole "prisci" ed "ani", che, riunite, danno la parola Prisciani.[non chiaro]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[10]


Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ISTAT data warehouse
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 32.
  4. ^ (Aggiornamento al 2000) Camera di Commercio di Benevento, dati e cifre, maggio 2007
  5. ^ "I Comuni della provincia di Benevento, storia, cronaca ed illustrazione", Benevento, 1970, pag.61
  6. ^ posto ove si esigeva il diritto di passo
  7. ^ Antonio Iamalio, La regina del Sannio, P.Federico & G.Ardia, Napoli 1918, pag.194
  8. ^ Ricca Erasmo, Istoria de' feudi del regno delle Due Sicilie di qua dal faro ..., v. IV, Napoli, 1869, p. 25 e 131
  9. ^ Ferdinando Grassi, Il comune di Apollosa dalle origini sulla via Appia sino alla presente sua sede: ab antiquo et in saecula, S. Giorgio del Sannio (ed. dopo 1983). Cfr.: Corpus Inscriptionum Latinarum: 09, 02122 = CIL 09, 05995 = CIL 10, 06923 e CIL 09, 02121 = CIL 01, 03194
  10. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]