Tranvia Pavia-Sant'Angelo Lodigiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tranvia Pavia-Sant'Angelo Lodigiano
InizioPavia
FineSant'Angelo Lodigiano
Inaugurazione1884
Chiusura1934
GestoreMMC (1933-1936)
Vecchi gestoriHoute Italie (1884-???)
SFT (???-1933)
Lunghezza23 km
Tipotranvia interurbana
Mezzi utilizzatitram a vapore
Scartamento1 445 mm
Tranvia Pavia-Sant’Angelo Lodigiano.jpg
Trasporto pubblico

La tranvia Pavia-Sant'Angelo Lodigiano era una linea interurbana a vapore, parte dell'itinerario Pavia-Lodi-Crema-Brescia, che fu in esercizio dal 1884 al 1934.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pavia, tram in viale Undici Febbraio

Sin dai primi anni del Regno d'Italia furono presentati progetti per congiungere Pavia a Brescia con una ferrovia passante per Lodi e Crema.

Tali progetti non si concretizzarono mai, perché l'itinerario ferroviario venne realizzato dalla SFM passando per Cremona. L'itinerario fu infine realizzato sotto forma di tranvia a vapore, corrente su sede stradale (quella che in seguito sarebbe diventata la SS 235).

La tratta Pavia-Sant'Angelo Lodigiano, inaugurata il 30 luglio 1884, fu concessa alla Société des Tramways et Chemins de fer economiques de la Haute Italie, che già gestiva la Milano-Pavia. Dopo pochi anni, la compagnia belga cedette l'esercizio delle due linee alla Società Anonima Ferrovie del Ticino (SFT).

L'importanza della Pavia-Sant'Angelo iniziò a scemare nel 1918, quando per lo scarso traffico venne chiusa la Sant'Angelo-Lodi, troncando così l'itinerario da Pavia a Lodi e oltre. Nel 1931 chiuse anche la linea per Melegnano, e la linea da Pavia rimase l'unica a raggiungere Sant'Angelo.

Negli stessi anni, anche la SFT stava dismettendo gradualmente la propria rete tranviaria, che si estendeva nelle province di Novara e Vercelli. Così, la Pavia-Sant'Angelo e la Milano-Pavia, uniche rimaste in esercizio, vennero cedute nel 1933 alla MMC, che già gestiva la linea Milano-Magenta con diramazione per Castano Primo.

Solo un anno dopo la nuova società soppresse la linea.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Principali stazioni[1]
Unused urban continuation backward
Linea TIP per Lodi
Unknown route-map component "uexKBHFe"
Unknown route-map component "uexCONTgq" Unknown route-map component "uexKBHFeq"
Linea TIP per Melegnano
Unknown route-map component "uexKBHFa"
23 Sant'Angelo Lodigiano
Unknown route-map component "uexBHF"
18 Villanterio
Unknown route-map component "uexBHF"
14 Copiano
Unknown route-map component "uexHST"
12 Buttirago
Unknown route-map component "uexBHF"
11 Vigalfo
Unknown route-map component "uexBHF"
8 Albuzzano
Unknown route-map component "uexBHF"
6 Trovamala
Unknown route-map component "uexHST"
3 Villa Flavia
Unknown route-map component "uexBHF"
1 Pavia Porta Cairoli
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "uexCONTgq" Unknown route-map component "uexABZg+r" Unknown route-map component "d"
per Milano
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "CONTgq" Unknown route-map component "uxmKRZo" Unknown route-map component "CONTfq" Unknown route-map component "d"
ferrovia Pavia-Cremona
Unknown route-map component "uexBHF"
Pavia Porta Milano
Unknown route-map component "uexKBHFe"
0 Pavia Piazza Petrarca

Esercita con trazione a vapore, la linea era armata con rotaie a scartamento 1.445 mm come le altre infrastrutture analoghe nella zona.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

La linea aveva inizio nella stazione pavese posta in piazza Petrarca, comune alla linea per Milano.

Dopo aver costeggiato per un breve tratto il Naviglio Pavese, percorreva la strada provinciale per Lodi, per giungere infine a Sant'Angelo Lodigiano, dove era possibile l'interscambio con le linee per Lodi e Melegnano. La stazione terminale era posta in quella che venne poi denominata via Mazzini, a sud del centro abitato, e non era raccordata con i capolinea delle altre linee[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Cornolò, Fuori porta in tram. Le Tranvie extraurbane milanesi 1876-1980, Parma, Ermanno Albertelli Editore, 1980. ISBN non esistente

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]