Tranvia Raddusa-Sant'Agostino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tranvia Raddusa-Assoro-Sant'Agostino
InizioStazione di Raddusa-Agira
FineMiniere di Sant'Agostino
Inaugurazione1883
Vecchi gestoriRobert Trehwella
Lunghezza10 km
Tipoa scartamento ridotto 850 mm
Mezzi utilizzatiLocomotive a vapore a due assi.
trazione a vapore;
Trasporto pubblico

La tranvia Raddusa-Sant'Agostino era una piccola tranvia a vapore per il trasporto dei minerali e dei minatori tra le miniere di zolfo di Sant'Agostino e la stazione di Raddusa, nell'area della Valle del Dittaino, in provincia di Enna[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 giugno del 1883 l'imprenditore inglese Robert Trewhella presentava un'istanza al prefetto di Catania allo scopo di poter costruire una tranvia privata a vapore che partendo dai "magazzini Coticchi", posti in adiacenza alla stazione ferroviaria di Raddusa, della ferrovia Palermo-Catania, arrivasse alla stazione di Assoro (oggi Stazione di Dittaino) ed infine nelle "zolfare" di Sant'Agostino, in territorio di Assoro, che erano di sua proprietà[2]. Il prefetto di Catania, il 21 agosto 1884, inviava al Ministero dei lavori pubblici, una nota in cui si diceva meravigliato della notizia che l'Impresa senza alcuna autorizzazione erasi permessa di far costruire il ponte sul torrente Dittaino. L'anno dopo però, visto il verbale di collaudo fatto dal Genio Civile di Catania, rilasciava al Trewhella l'autorizzazione all'esercizio provvisorio della ferrovia[3]. Il primo di agosto del 1885 Il Ministro Segretario di Stato pei lavori pubblici approvava il progetto presentato dal Trewhella il 15 febbraio dello stesso anno per la costruzione di una ferrovia privata di 2ª categoria dalle sue "Miniere di zolfo di S. Agostino ed altre proprietà" fino alla stazione di Raddusa della linea ferroviaria Palermo-Catania[4].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Percorso
Unknown route-map component "uexKBHFa" Non-passenger station/depot on track
Magazzini Cuticchi Raddusa Scalo
Unknown route-map component "uexHST" Station on track
Stazione di Assoro
Unknown route-map component "uexHST" One way leftward
Mandre Bianche
Unknown route-map component "uexHST"
Cavalcatore
Unknown route-map component "uexKBHFe"
Sant'Agostino zolfare

La linea, a scartamento ridotto di 850 mm, aveva un percorso di quasi dieci chilometri: il tracciato si svolgeva attraverso la valle del Dittaino e la valle del torrente Salito, puntava poi verso la contrada Mandre Bianche e raggiuntala girava nuovamente verso il torrente Salito giungendo infine alla prima delle miniere di Sant'Agostino.

Lo scalo di Sant'Agostino funzionava da collettore dei vagoni provenienti dalle miniere di Panche, Pozzo ed altre che facevano parte del gruppo di zolfare di Agira[3].

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Locomotiva a due assi Catania

Per la trazione dei piccoli convogli erano utilizzate delle piccole locotender a vapore di rodiggio 0-2-0 di costruzione inglese[5] R.& W. Hawthorn ciascuna denominata, secondo l'uso del tempo, con i nomi di località o di persone; una di esse, la "Catania" nel 1905 venne ceduta alla Ferrovia Alifana e da questa nel 1939 ad una società che la trasportò in Eritrea per il servizio portuale di Assab.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nico Molino, Linee Ferroviarie:La rete FS a scartamento ridotto della Sicilia, Edizioni Elledi, 1985, ISBN 88-7649-037-X.
  • Gaetano Calabrese (a cura di), Imprese e capitali stranieri a Catania tra '800 e '900, Le ferrovie, pp. 33-34, Archivio di Stato di Catania, 1998.
  • Gaetano Calabrese (a cura di), Imprese e capitali stranieri a Catania tra '800 e '900 Il tram a vapore Raddusa - Agira pp. 53-55, Archivio di Stato di Catania, 1998.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]