Tranvia elettrica di Offida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tranvia elettrica di Offida
Tram Offida - 1926.JPEG
11 giugno 1926, inaugurazione della linea
InizioOffida
FineCastel di Lama
Inaugurazione1926
Chiusura1952
GestoreAmministrazione provinciale di Ascoli Piceno
Vecchi gestoriSocietà Tranvia Elettrica di Offida (STEO)
Lunghezza11,523 km
Tipotranvia
Alimentazione800 V CC
Scartamento950 mm
Tranvia Offida-Città.JPG
Trasporto pubblico

La tranvia elettrica di Offida, attiva dal 1926 al 1952, fu realizzata per unire la cittadina di Offida con la propria stazione ferroviaria sulla ferrovia Ascoli Piceno-San Benedetto del Tronto che, costruita in località di Castel di Lama, risultava piuttosto decentrata.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tranvia di offida in una cartolina del 1932

Voluta dall'amministrazione provinciale di Ascoli Piceno e concessa nel 1915[1], la tranvia Offida Città-Offida Stazione fu inaugurata[2] il giorno 11 giugno 1926.

Un grave incidente avvenuto il 19 settembre 1927 portò all'interruzione del servizio da parte dell'azienda subconcessionaria, la Società Tranvia Elettrica di Offida (STEO) ed al conseguente riscatto da parte della stessa amministrazione, che da allora provvedette direttamente all'esercizio dell'impianto[2].

La linea fu profondamente rinnovata, sia nella sede che negli impianti, fra il 29 settembre 1940 ed il 20 settembre 1942, con lavori che comportarono per tutto il tempo una nuova sospensione anche a causa di una situazione economica poco favorevole per il traffico che si era fino ad allora riscontrato[2]. Alla nuova inaugurazione le elettromotrici risultavano significativamente modificate, con un frontale che da squadrato presentava una sagoma rastremata di foggia maggiormente "tranviaria".

La tranvia venne minata in più punti durante le vicende belliche del 1944 e, benché riattivata nel dopoguerra, fu chiusa e sostituita da un autoservizio nel 1952[2].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Percorso[3]
Unknown route-map component "uexKBHFa"
0 Offida Città
Unknown route-map component "uexHST"
3 Appignano
Unknown route-map component "uexHST"
5 Mercolini
Unknown route-map component "uexHST"
6 Castello
Unknown route-map component "uexHST"
9 Taliani
Unknown route-map component "uexHST"
10 Cantalamessa
Unknown route-map component "uexKBHFe"
12 Offida Stazione
Unknown route-map component "CONTgq" Station on transverse track Unknown route-map component "CONTfq"
Offida-Castel di Lama linea Ascoli Piceno-San Benedetto del Tronto
La seconda inaugurazione, con le vetture ricostruite

Armata con rotaie leggere da 21,4 kg/m e dotata dello scartamento di 950 mm, la tranvia misurava complessivamente 11,523 m. La pendenza massima raggiunta era del 50 per mille, con raggi minimi di curvatura di 25 m[2].

L'impianto era dotato di alimentazione aerea con filo di contatto da 80 mm alla tensione continua di 800 V; l'unica sottostazione elettrica di alimentazione aveva una potenza oraria di 50 kW[2].

Il percorso, che veniva effettuato in inizialmente in 40 minuti e seguiva l'attuale strada provinciale 43, presentava le fermate intermedie di Appignano, Mercolini, Castello, Taliani e Cantalamessa. Il deposito sociale era nell'attuale viale della Repubblica ad Offida, dov'è tuttora presente il doppio edificio che fungeva da rimessa.

Nel 1952, anno di chiusura della linea, le corse previste in orario erano 7, le prime tre effettuate "nei giorni di fiera e mercato in Offida"; il percorso comprensivo di fermate durava 25', la velocità max ammessa era di 25 km/h.

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Per l'esercizio passeggeri sulla linea la STEO acquisì due elettromotrici a 2 assi da 51 kW e due carrozze di foggia analoga, mentre ai merci erano dedicati una locomotiva elettrica da 53 kW e quattro carri, due dei quali aperti[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regio Decreto n° 665 dell'11 aprile 1915, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 130 del 25 maggio 1915
  2. ^ a b c d e f g Claudio Cerioli, Da Camerino al mondo, op. cit.
  3. ^ Orario generale Ferrovie dello Stato e secondarie - Tranvie - Servizi lacuali ed automobilistici - Navigazione marittima - Linee aeree, quadro 940, Fratelli Pozzo Editori, Torino, luglio 1939, p. 384

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Cerioli, Tranvia elettrica di Offida, in Da Camerino al Mondo, ETR, Salò (BS), 1985, pp. 42–43. ISBN 88-85068-20-0.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]