Tranvia Este-Sant'Elena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tranvia Este-Sant'Elena
Este - Cartolina d'epoca.jpg
InizioEste
FineSant'Elena
Inaugurazione1906
Chiusura1934
GestoreComune di Este
Lunghezza6,8 km
Tipotranvia
Scartamento1445 mm
Alimentazioneelettrica, 550 V cc
Tranvia Este-Sant'Elena.JPG
Trasporto pubblico

La tranvia Este-Sant'Elena nacque agli inizi del XX secolo con l'obiettivo principale di collegare la città di Este con la sua stazione, posta lungo la ferrovia Mantova-Monselice, e con quella di Sant'Elena, sita sulla ferrovia Padova-Bologna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La linea venne inaugurata il 15 luglio 1906.[1]

Realizzata a scartamento normale con rotaie tipo Vignoles e Phoenix[2], la tranvia elettrificata alla tensione continua di 550 V, fornita da una piccola centrale idroelettrica costruita nel 1895 a Battaglia Terme e che dal 1896 alimentava anche l'illuminazione pubblica di Este.

L'impianto svolse regolare servizio a cura del comune di Este, pur penalizzata da proventi non in grado di sostenere le spese: secondo una statistica del 1905-1906, per ogni 100 Lire "di prodotto" venivano spese 105,24 Lire[3].

Dopo neanche trent'anni di attività la linea cessò di funzionare, soppressa nel 1934.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Mappa con evidenziata l'ubicazione della tranvia

Il deposito venne stabilito ad Este nei pressi della chiesa di San Francesco in via Massimo d'Azeglio. Da qui proseguiva per via Vittorio Emanuele, piazza Vittorio Emanuele[4], via Principe Umberto e via Principe Amedeo.

La linea si diramava dunque in due tronchi: uno proseguiva fino al termine di via Principe Amedeo terminando di fronte alla stazione di Este, l'altro invece piegava per via Cesare Battisti, sottopassava la ferrovia ed imboccava le vie Deserto e stazione di Sant'Elena, impianto in prossimità del quale faceva capolinea.

La lunghezza da via Massimo d'Azeglio a Sant'Elena era di circa 6,5 km mentre la diramazione per la stazione di Este era lunga 300 m.

L'orario del 1911 prevedeva 17 corse, tutte transitanti per la stazione di Este, con tempo di percorrenza di 25 minuti; la prima corsa partiva da via Massimo d'Azeglio alle 5:09, l'ultima arrivava alle 1:00. Una coppia in tarda mattinata era limitata tra piazza Vittorio Emanuele e Sant'Elena.

Stazioni e fermate
Unknown route-map component "uexKBHFa"
0 Este Via Massimo d'Azeglio
Unknown route-map component "uexHST"
Via Vittorio Emanuele
Unknown route-map component "uexBHF"
0,4 Este Piazza Vittorio Emanuele
Unknown route-map component "uexHST"
Via Principe Umberto
Unknown route-map component "uexHST"
Via Principe Amedeo
Unknown route-map component "uexABZgl+l" Unknown route-map component "uexSTR+r"
1,1
Unused straight waterway Unknown route-map component "uexKBHFe"
1,4 Stazione
Unknown route-map component "CONTgq" Unused waterway under railway bridge Station on transverse track Unknown route-map component "CONTfq"
stazione di Este Linea Mantova - Monselice
Unused straight waterway
1,5 Sottopasso
Unused straight waterway
Unknown route-map component "uexKBHFe"
6,5 Sant'Elena
Unknown route-map component "CONTgq" Station on transverse track Transverse track Unknown route-map component "CONTfq"
Stazione di Sant'Elena-Este Linea Padova - Bologna

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Per il servizio vennero acquistate 2 elettromotrici tranviarie a 2 assi dal 26 kW e 2 da 53 kW con due rimorchi al traino[2].

Pochi i documenti fotografici che ritraggono i tram bidirezionali a due assi con cassa a sei moduli e dotati di asta e rotella.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Chiericato, Mario Santinello, La ferrovia di Camerini, Calosci, Cortona, 2008. ISBN 978-88-7785-243-4. p. 21.
  2. ^ a b Tranvia dimenticata, in I Treni, n. 210, dicembre 1999, p. 11.
  3. ^ Statistica pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia, n. 255 del 31 ottobre 1908.
  4. ^ Oggi la via e la piazza Vittorio Emanuele sono chiamate rispettivamente via Giacomo Matteotti e piazza Maggiore.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Andar per Acque, Padova, Editrice Il Prato, 2002. ISBN 88-87243-73-5.
  • Mario Santinello, La Ferrovia Padova - Piazzola - Carmignano, Calosci, Cortona, 1979.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mappa, su openstreetmap.org.