Tranvia di Valenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tranvia di Valenza
Valenza - Piazza del teatro.JPG
CittàValenza
InizioStazione di Valenza
FineValenza (Italia)|Valenza
Inaugurazione1914
Chiusura1947
GestoreTRAVA (1944-1947)
Vecchi gestoriSTV (1914-1944)
Lunghezza2,324 km
TipoLinea tranviaria urbana
Scartamentoordinario
Alimentazioneelettrica, 600 V cc
Valenza tram.png
Trasporto pubblico

La tranvia di Valenza era una linea tranviaria a trazione elettrica che collegava il centro della città piemontese alla sua stazione ferroviaria, posta fuori l'abitato, in esercizio dal 1914 al 1947.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il tram lungo corso Garibaldi

Con l'attivazione della linea ferroviaria Alessandria–Novara–Arona (1854) la città di Valenza ebbe la sua stazione ferroviaria, posta però ad alcuni chilometri di distanza dal centro urbano.

Nei decenni successivi si avanzarono così diverse proposte per un collegamento della stazione con la città, che però non si concretizzarono.

Finalmente, nel 1906 fu costituita la Società Tramviaria Valenzana (STV), presieduta da Pietro Caniggia, uno dei suoi fondatori[1], che redasse il progetto per una linea tranviaria a trazione elettrica, e con regio decreto n. 1262 del 12 ottobre 1913 veniva approvata e resa esecutiva la convenzione 30 giugno stesso anno per "la concessione alla Società Tramviaria Valenzana della costruzione ed esercizio della tramvia a trazione elettrica Valenza città-Valenza stazione ferroviaria"[2]

La linea fu costruita rapidamente ed attivata il 3 giugno 1914.

Per tutti gli anni venti e trenta la linea fu interessata da buoni livelli di traffico, tanto da rendersi necessario l'acquisto di una vettura dall'ATM di Milano in aggiunta alle due già esistenti; dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale, la linea cominciò a soffrire per l'obsolescenza degli impianti, aggravata dalla scarsa manutenzione.

Un altro regio decreto, il n. 2100 del 21 novembre 1935, sancì la decadenza della Societa Tramviaria Valenzana dalla concessione della linea[3] che nel 1944 la STV fu posta in liquidazione; l'esercizio della linea fu assunto dalla Società Tramvia Elettrica di Valenza (TRAVA), che tuttavia non possedeva le risorse necessarie all'ammodernamento della linea.

Finita la guerra, la società decise di dismettere l'esercizio tranviario, in favore di un'autolinea. L'ultima corsa del tram fu effettuata il 20 giugno 1947.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Tranvia di Valenza
BSicon uexKBHFa.svg 0+000 Piazza Vittorio Emanuele
BSicon uexHST.svg Via Garibaldi (facoltativa)
BSicon uexHST.svg Via della Lega Lombarda (facoltativa)
BSicon uexHST.svg Porta Casale
BSicon uexBHF.svg 1+450 Cantinone
BSicon uexKBHFe.svg 2+324 Stazione ferroviaria
Unknown route-map component "CONTgq" Station on transverse track Unknown route-map component "CONTfq"
Stazione FS

Lasciato il piazzale antistante la stazione, il binario tranviario intersecava la strada statale 494, per poi impegnare la salita che conduce al centro cittadino.

Oltrepassato il cosiddetto "cantinone", ov'era presente un binario d'incrocio, il centro storico veniva raggiunto in corrispondenza della Porta Casale, superata la quale la tranvia compiva una curva nelle vie cittadine servendo, con altrettante fermate a richiesta, via della Lega Lombarda e via Garibaldi, per giungere infine al capolinea centrale di piazza Vittorio Emanuele (poi piazza XXXI martiri).

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

All'apertura, sulla linea erano in servizio due elettromotrici a due assi costruite dalla Carminati & Toselli di Milano, più una rimorchiata con bagagliaio.

All'inizio degli anni trenta venne acquistata dall'ATM di Milano un'ulteriore vettura a due assi, di dimensioni maggiori delle precedenti, con ogni probabilità appartenente alla serie 600.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pier Giorgio Maggiora, La storia di Valenza, luglio 2012, p. 148. Liberamente scaricabile in rete. URL visitato nel novembre 2013.
  2. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia del 17 novembre 1913.
  3. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia 17 dicembre 1935, parte prima

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Castiglioni, In tram nella città dell'oro, in "I Treni" n. 241 (ottobre 2002), pp. 30–32.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]