The Best of 1990-2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Best of 1990-2000
Artista U2
Tipo album Raccolta
Pubblicazione 12 novembre 2002
Durata 72 min : 46 s
Dischi 2
Tracce 30
Genere Alternative rock[1]
Etichetta Island Records
Certificazioni
Dischi d'oro Finlandia Finlandia[2]
(vendite: 15 430[3])
Francia Francia (2)[4]
(vendite: 200 000+)
Germania Germania[5]
(vendite: 150 000+)
Messico Messico[6]
(vendite: 75 000+)
Polonia Polonia[7]
(vendite: 35 000+)
Svezia Svezia[8]
(vendite: 40 000+)
Ungheria Ungheria[9]
(vendite: 10 000+)
Dischi di platino Argentina Argentina (2)[10]
(vendite: 120 000+)
Australia Australia (2)[11]
(vendite: 140 000+)
Austria Austria[12]
(vendite: 30 000+)
Belgio Belgio (2)[13]
(vendite: 100 000+)
Brasile Brasile[14]
(vendite: 125 000+)
Canada Canada (3)[15]
(vendite: 300 000+)
Danimarca Danimarca[16]
(vendite: 30 000+)
Europa Europa (3)[17]
(vendite: 3 000 000+)
Grecia Grecia[18]
(vendite: 30 000+)
Italia Italia (4)[19]
(vendite: 400 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (4)[20]
(vendite: 60 000+)
Regno Unito Regno Unito (2)[21]
(vendite: 600 000+)
Spagna Spagna[22]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[23]
(vendite: 1 000 000+)
Svizzera Svizzera (2)[24]
(vendite: 80 000+)
U2 - cronologia
Singoli
  1. Electrical Storm
    Pubblicato: 21 ottobre 2002
  2. The Hands That Built America
    Pubblicato: 17 dicembre 2002

The Best of 1990-2000 è il secondo greatest hits del gruppo rock irlandese degli U2, uscito nei negozi nel novembre del 2002. Contiene 16 tracce, tra cui alcuni dei più celebri che la band ha prodotto negli anni novanta più l'inedito Electrical Storm. Due di questi sono inediti, Eletrical Storm e The Hands That Built America, mentre Numb e le canzoni dell'album Pop sono state remixate. Esiste anche una versione a tiratura limitata che contiene un ulteriore cd con all'interno le B-sides del periodo. Il celebre tenore italiano Luciano Pavarotti interpreta insieme agli U2 il singolo Miss Sarajevo.

Nello stesso anno, come è accaduto alla precedente raccolta (The Best of 1980-1990), è uscita una VHS omonima formata anche in DVD contenente gli stessi video dei singoli nella raccolta tranne The First Time.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Even Better Than the Real Thing – (3:39) (Achtung Baby, 1991)
  2. Mysterious Ways – (4:02) (Achtung Baby, 1991)
  3. Beautiful Day – (4:05) (All That You Can't Leave Behind, 2000)
  4. Electrical Storm (William Orbit Mix) – (4:37) (inedito)
  5. One – (4:35) (Achtung Baby, 1991)
  6. Miss Sarajevo (Radio edit) – (4:30) (Original Soundtracks 1, 1995)
  7. Stay (Faraway, So Close!) – (4:58) (Zooropa, 1993)
  8. Stuck in a Moment You Can't Get Out Of – (4:31) (All That You Can't Leave Behind, 2000)
  9. Gone (New Mix) – (4:32) (Pop, 1997)
  10. Until the End of the World – (4:38) (Achtung Baby, 1991)
  11. The Hands That Built America – (4:57) (colonna sonora di Gangs of New York, 2002)
  12. Discothèque (New Mix) – (4:40) (Pop, 1997)
  13. Hold Me, Thrill Me, Kiss Me, Kill Me – (4:44) (colonna sonora di Batman Forever, 1995)
  14. Staring at the Sun (New Mix) – (4:48) (Pop, 1997)
  15. Numb (New Mix) – (4:21) (Zooropa, 1993)
  16. The First Time – (3:44) (Zooropa, 1993)

B-sides[modifica | modifica wikitesto]

  1. Lady with the Spinning Head (Extended Dance Mix) – (6:06)
  2. Dirty Day (Junk Day Mix) – (4:40)
  3. Summer Rain – (4:07)
  4. Electrical Storm – (4:26)
  5. North and South of the River – (4:36)
  6. Your Blue Room – (5:26)
  7. Happiness Is a Warm Gun (The Gun Mix) – (4:45)
  8. Salomé (Zooromancer Remix Edit) – (5:51)
  9. Even Better Than the Real Thing (The Perfecto Mix) – (6:38)
  10. Numb (Gimme Some More Dignity Edit) – (5:50)
  11. Mysterious Ways (Solar Plexus Club Mix) – (4:08)
  12. If God Will Send His Angels (Big Yam Mix) – (5:42)
  13. Lemon (Jeep Mix) – (5:29)
  14. Discothèque (Hexidecimal) – (5:45)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Best of 1990-2000, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) Kultalevyjen myöntämisrajat, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato l'11 luglio 2015.
  3. ^ (EN) U2, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato l'11 luglio 2015.
  4. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, Infodisc.fr. URL consultato il 16 gennaio 2016. Selezionare "UTWO" e premere "OK"
  5. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  6. ^ (ES) Certificaciones - U2, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 5 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2011).
  7. ^ (PL) Przyznane w 2003 roku, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 19 maggio 2015.
  8. ^ (SV) Guld- och Platinacertifikat − År 2002 (PDF), su IFPI Sweden. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  9. ^ (HU) Adatbázis – Arany- és platinalemezek – 2003, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  10. ^ (ES) Discos de Oro y Platino - U2, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 5 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2011).
  11. ^ (EN) Accreditations - 2002 Albums, ARIA. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  12. ^ (DE) Verband der Österreichischen Musikwirtschaft, IFPI Austria. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  13. ^ (NL) Ultratop − Goud en Platina – 2007, su ultratop.br. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  14. ^ (PT) Certificados, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 22 novembre 2015.
  15. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  16. ^ (DA) Album Top-40 - Uge 02 - 2003, Hit Listerne. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  17. ^ IFPI Platinum Europe Awards – 2008, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 14 febbraio 2016.
  18. ^ (EL) Top 50 Ξένων Άλμπουμ: Εβδομάδα 24/01 - 30/01, IFPI Greece. URL consultato il 20 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2003).
  19. ^ U2 Charts Classifiche, U2 place.com. URL consultato il 19 febbraio 2016.
  20. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 21 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2016).
  21. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 16 gennaio 2016. Digitare "Best of U2" in "Keywords", dunque premere "Search".
  22. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  23. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  24. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 16 gennaio 2016.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock