The Fly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi The Fly (disambigua).
The Fly
ArtistaU2
Tipo albumSingolo
Pubblicazione21 ottobre 1991
Durata4:29
Album di provenienzaAchtung Baby
GenereRock elettronico
Dance rock
Industrial rock
EtichettaIsland
ProduttoreDaniel Lanois
Registrazione1990-1991
FormatiCD
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 200 000+)
Dischi d'oroAustralia Australia[2]
(vendite: 35 000+)
U2 - cronologia
Singolo precedente
(1989)
Singolo successivo
(1991)

The Fly è una canzone del gruppo rock irlandese degli U2, scelta come primo singolo dall'album del 1991 Achtung Baby.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

The Fly fu il singolo di lancio del nuovo album degli U2 Achtung Baby. Se quest'ultimo venne definito da Bono Il suono di quattro uomini che abbattono il Joshua Tree, The Fly è la motosega di cui si servono. Infatti, appena uscito, il brano lasciò spiazzati tutti i fan per le sue sonorità elettroniche e distorte.

Il testo della canzone, come spiegato da Bono, parla del Diavolo che fa una telefonata ad un bambino, in cui gli parla di tutti i segreti della vita (Un amico è qualcuno che si fa aiutare, la coscienza può essere qualche volta una peste, l'ambizione morde le unghie del successo ecc.) Il finale è molto ironico, in cui Satana dice di aver finito i centesimi per parlare e che se avesse avuto il tempo ci sarebbero state molte cose che avrebbe messo a posto.[3]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video prodotto per il brano è la prima apparizione del personaggio omonimo, che Bono interpreterà in alcuni video seguenti e durante lo ZooTV Tour, e mostra per la prima volta il nuovo look della band. Regista del video è Ritchie Smythe e Jon Klein. Nel video viene mostrato Bono che prima passeggia per strada e poi, mentre sta tornando a casa, si ferma davanti ad una parete piena di televisori, in cui ci sono gli U2 che cantano la loro canzone allo stesso frontman, il quale rimane ipnotizzato dal messaggio del brano.

Il 14 aprile 2021 viene pubblicato su youtube il video musicale rimasterizzato in 4K[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

The Fly, l'alter ego di Bono Vox rappresentante il prototipo di tutte le rockstar.


  1. The Fly – 4:36
  2. Alex Descends into Hell for a Bottle of Milk/Korova1 – 3:37
  3. The Lounge Fly Mix – 6:28


The Fly è scritta da Bono; Alex Descends into Hell for a Bottle of Milk/Korova1 è scritta da Bono e The Edge, palese omaggio all'opera Arancia Meccanica.

Altre edizioni[modifica | modifica wikitesto]

The Fly (Studio Version) (04:29) viene pubblicato in alcune edizioni della raccolta U2 -The Best of 1990-2000 & B-Sides.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1991) Posizione
massima
Australia[5] 1
Austria[5] 5
Belgio (Fiandre)[5] 9
Canada[6] 16
Finlandia[7] 2
Francia[5] 6
Germania[5] 5
Irlanda[8] 1
Italia[9] 1
Norvegia[5] 1
Nuova Zelanda[5] 1
Paesi Bassi[5] 5
Regno Unito[10] 1
Spagna[11] 1
Stati Uniti[12] 61
Stati Uniti (alternative)[12] 1
Stati Uniti (dance/electronic)[12] 44
Stati Uniti (mainstream rock)[12] 2
Svezia[5] 3
Svizzera[5] 3

Cover ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Artista Album
1999 Absolute Rock A Tribute to the Greatest Hits of U2[13]
2006 Peter Mulvey The Knuckleball Suite[14]
2011 Gavin Friday AHK-toong BAY-bi Covered

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Fly, su British Phonographic Industry. URL consultato il 13 maggio 2015.
  2. ^ (EN) Gavin Ryan, Australia's Music Charts 1988-2010, Mt. Martha, VIC, Australia, Moonlight Publishing, 2011.
  3. ^ Inserito da Jacopo D'Ipolito, The Fly: approfondimenti e curiosità | U2360GRADI.IT, su u2360gradi.it, 14 settembre 2011. URL consultato il 15 aprile 2021.
  4. ^ U2 - The Fly (Official Music Video). URL consultato il 15 aprile 2021.
  5. ^ a b c d e f g h i j (NL) U2 - The Fly, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 26 giugno 2014.
  6. ^ (EN) Top Singles - November 30, 1991, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 26 giugno 2014.
  7. ^ (FI) Timo Pennanen, Sisältää hitin - levyt ja esittäjät Suomen musiikkilistoilla vuodesta 1972, 1ª ed., Helsinki, Kustannusosakeyhtiö Otava, 2006, ISBN 978-951-1-21053-5.
  8. ^ (EN) Database, su irishcharts.ie, The Irish Charts. URL consultato il 26 giugno 2014.
  9. ^ I singoli più venduti del 1991, su hitparadeitalia.it, Hit Parade Italia. URL consultato il 26 giugno 2014.
  10. ^ (EN) Official Singles Chart Top 75: 27 October 1991 - 02 November 1991, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 26 giugno 2014.
  11. ^ (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Spagna, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  12. ^ a b c d (EN) U2 – Chart history, su Billboard. URL consultato il 26 giugno 2014. Cliccare sulla freccia all'interno della casella nera per visualizzare le varie classifiche.
  13. ^ Absolute Rock – A Tribute To The Greatest Hits Of U2 (1999, CD). URL consultato il 15 aprile 2021.
  14. ^ Peter Mulvey - The Knuckleball Suite, su Discogs. URL consultato il 15 aprile 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock