Sesto Campano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sesto Campano
comune
Sesto Campano – Stemma Sesto Campano – Bandiera
Sesto Campano – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Molise-Stemma.svg Molise
ProvinciaProvincia di Isernia-Stemma.png Isernia
Amministrazione
SindacoLuigi Paolone (lista civica "Progetto Comune") dal 31/05/2015
Territorio
Coordinate41°25′N 14°05′E / 41.416667°N 14.083333°E41.416667; 14.083333 (Sesto Campano)Coordinate: 41°25′N 14°05′E / 41.416667°N 14.083333°E41.416667; 14.083333 (Sesto Campano)
Altitudine323 m s.l.m.
Superficie35,32 km²
Abitanti2 387[1] (30-09-2016)
Densità67,58 ab./km²
FrazioniRoccapipirozzi
Comuni confinantiCiorlano (CE), Mignano Monte Lungo (CE), Pratella (CE), Presenzano (CE), Venafro
Altre informazioni
Cod. postale86078
Prefisso0865
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT094050
Cod. catastaleI682
TargaIS
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantisestolesi
Patronosant'Eustachio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sesto Campano
Sesto Campano
Sesto Campano – Mappa
Posizione del comune di Sesto Campano nella provincia di Isernia
Sito istituzionale

Sesto Campano (Siésctë in molisano[2]) è un comune italiano di 2.387 abitanti[1] della provincia di Isernia nel Molise.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1861 era parte della Terra di Lavoro, da cui l'aggettivo "campano", aggiunto nel 1863 nell'ambito della riforma sabauda che modificò gran parte degli omotoponimi italiani. Nel 1970 il comune passò alla neo-istituita provincia di Isernia.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Sant'Eustachio Placido[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa fu fondata nel XIII secolo. Mantenne la forma di chiesa medievale fino al 1802 quando i restauri la trasformarono in chiesa neoclassica. Ciò si evince nella facciata con colonne laterali a capitelli ionici e iscrizioni latine sull'architrave. Il campanile a torre ha un orologio; il resto della chiesa in ambito esterno è rimasto medievale con materiale in pietra sbozzata, e livello rialzato sul transetto.

L'interno è molto ricco: due altari per il patrono e san Domenico, realizzati in marmo policromo con rappresentazioni di fiori e cerchi di cornice, della scuola abruzzese e napoletana. Infatti un autore è Tommaso Brunetti di Alfedena (XVIII secolo).

L'altare di San Domenico è più ricco, con una rosa dei venti sulla pala di marmo, due fiori laterali e un angelo di cammeo nella cella dove si conservano calice e ostie.

Castello Spinola[modifica | modifica wikitesto]

Di origine longobarda, è citato per la prima volta in un documento nel 1064 in occasione della donazione del conte Paldone di Venafro all'abate Desiderio. Fu acquistato da Filippo Spinola nel 1582. Fu modificato nel XVII secolo. Si sviluppa su tre livelli con ampia corte interna. Vi sono ancora elementi dell'età longobarda per quanto riguarda le torri angolari quadrate e sobrie, e per il fossato colmato.[3].

Oggi il castello è usato come museo e teatro all'aperto.

Fortezza Angioina di Roccapipirozzi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Roccapipirozzi.

Fu costruita prima del 1320, e ancora oggi ha mantenuto il suo aspetto originale.

Castello rettangolare con beccatelli di coronamento e merlature varie, è di interesse la grande torre cilindrica con tracce di merlature sulla sommità. Sullo spigolo meridionale vi è una seconda torre a scarpa per protezione di riserva del castello. Fino all'epoca delle guerre del XV secolo il castello servì come roccaforte principale per difendere il Molise da invasioni dalla Campania o dal Lazio.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Roccapipirozzi.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Antonio Epifanio Lista Civica Sindaco
30 marzo 2010 31 maggio 2015 Renata Cicerone Lista Civica Sindaco
31 maggio 2015 "in carica" Luigi Paolone Lista Civica "Progetto Comune" Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è S.S.D. Sesto Campano che milita nell'Eccellenza Molise. È nata nel 1984. Esiste anche la Sestese Calcio a 5 che gioca in Serie C2.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2016.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 622.
  3. ^ Franco Valente, Sesto Campano, il nucleo antico
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Molise Portale Molise: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molise