Sant'Elena Sannita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Elena Sannita
comune
Sant'Elena Sannita – Stemma
Sant'Elena Sannita – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Molise-Stemma.svg Molise
ProvinciaProvincia di Isernia-Stemma.png Isernia
Amministrazione
SindacoGiuseppe Terriaca (Uniti per Sant'Elena Sannita) dal 07-05-2012
Territorio
Coordinate41°35′N 14°28′E / 41.583333°N 14.466667°E41.583333; 14.466667 (Sant'Elena Sannita)Coordinate: 41°35′N 14°28′E / 41.583333°N 14.466667°E41.583333; 14.466667 (Sant'Elena Sannita)
Altitudine780 m s.l.m.
Superficie14,08 km²
Abitanti268[1] (30-09-2016)
Densità19,03 ab./km²
Comuni confinantiBojano (CB), Casalciprano (CB), Frosolone, Macchiagodena, Spinete (CB)
Altre informazioni
Cod. postale86099
Prefisso0874
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT094047
Cod. catastaleB466
TargaIS
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantisantelenesi
Patronosan Michele Arcangelo
Giorno festivo29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Elena Sannita
Sant'Elena Sannita
Sant'Elena Sannita – Mappa
Posizione del comune di Sant'Elena Sannita nella provincia di Isernia
Sito istituzionale

Sant'Elena Sannita (già Cameli) è un comune italiano di 268 abitanti della provincia di Isernia in Molise.

Dal 17 agosto 2014 ospita il Museo del Profumo, collezione di pezzi rari e unici della profumeria moderna e contemporanea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di Sant'Elena Sannita, benché incerte, sono di epoca medievale: risulta infatti fondata dopo il Mille ed è citata in documenti del Duecento con il nome di Cameni; nell'età moderna la località è chiamata Castello delli Camilli, evolutosi poi in Li Cameli[2]. Questo nome sarebbe dunque da mettere in relazione con la presenza di un'omonima famiglia nobile, proprietaria di uno dei palazzi del centro storico.

Con riferimento al motivo per cui il paesino fosse chiamato Cameli fino al 1896, Giambattista Masciotta così si esprimeva:

«Alcuni volevano attribuire tal nome all’eccessiva dabbenaggine dei primevi abitatori:motteggiati e presi a beffe dai vicini, indicati per "cameli" — cioè cammelli o uomini sciocchi — ma crediamo si tratta di una stupida malignità, poiché in vero in Sant’Elena il cervello degli uomini è affinato non meno di quanto i suoi arrotini girovaghi sanno affinare gli arnesi da taglio»[3].

In realtà, la derivazione dal cammello del nome Cameli è da ritenere una paretimologia: la sua presenza nello stemma comunale (di cui se ne conserva una versione scolpita sulla balaustra del pulpito della chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo) dipende, infatti, o dalla ripresa di un eventuale stemma nobiliare della famiglia Camilli oppure dalla convinzione, errata, che il nome del paese fosse legato a questo animale. In entrambi i casi, dunque, si tratterebbe di una semplice assonanza fra i due nomi.

Il nome odierno, invece, fu scelto in onore della principessa Elena di Montenegro, moglie del futuro sovrano Vittorio Emanuele: a partire dal primo dicembre 1896 il re Umberto I autorizzò il cambiamento con Regio Decreto del 7 novembre dello stesso anno.

Ad esercitare la signoria feudale su queste terre furono prima i Santangelo e i conti di Montagano, poi i conti Orsini di Manoppello che le acquisirono nel 1442. Tornate ai Montagano, risultano di proprietà dei de Bastariis nel 1524; a cavallo tra il XVI ed il XVII secolo furono dei Santomango, dei Marchesano e dei Paolella finché, nel 1627, furono aggiudicate all'asta alla famiglia Tamburri di Agnone, che vi esercitò i diritti fino alla fine del feudalesimo. Nel 1799 il comune fu assegnato al dipartimento del Sangro, cantone di Baranello; nel 1807 passò al distretto di Isernia, governo di Frosolone.

Negli anni trenta del ‘900 Sant’Elena presentava caratteristiche comuni a tanti piccoli centri dell’Italia meridionale: le strade dissestate e difficilmente percorribili rendevano difficili i collegamenti con altri centri, causando un notevole ostacolo allo sviluppo socio-economico di questa area geografica.

L’isolamento territoriale di Sant’Elena Sannita era particolarmente acuito dal fatto che la stazione ferroviaria più vicina era a circa 15 km di distanza, alcuni uffici pubblici di riferimento erano a decine di km e mancava la stazione dei carabinieri. Gli spostamenti, anche considerevoli, avvenivano quasi sempre a piedi o, per i più fortunati, con biciclette o con carrette a trazione animale. Ancora oggi, i più anziani raccontano di trasferimenti avventurosi per poter esercitare il loro mestiere: la maggioranza degli originari di Sant'Elena Sannita era composta da arrotini ambulanti. Motivo da ricercarsi anche nel fatto che i santelenesi avevano la possibilità di procurarsi le attrezzature necessarie per l’esercizio di tale mestiere nel limitrofo comune di Frosolone, da oltre due secoli centro di produzione di arnesi da taglio.

Come tanti altri paesi dell'Italia meridionale anche il Comune di Sant’Elena Sannita è stato toccato in maniera rilevante dal fenomeno dell’emigrazione, che si può definire “ambiziosa”, in quanto è scaturita non solo dalla ricerca di migliori condizioni di vita, ma anche dalla ferma volontà di affermazione sociale duratura e collettiva. Nel periodo del secondo dopoguerra, emigrando (soprattutto a Roma e a Napoli), lavorando duramente e investendo saggiamente i loro guadagni, i santelenesi, infatti, hanno modificato il loro status socio-economico in pochi decenni.

Il mestiere tradizionalmente svolto dagli emigrati provenienti da Sant'Elena riguardava la vendita, al dettaglio e all'ingrosso, di articoli da taglio e prodotti da barbiere. Ancora oggi un buon numero dei negozi di profumeria a Roma appartengono a proprietari provenienti da questo comune, o da loro discendenti. Da non dimenticare è inoltre l'attività, ormai pressoché scomparsa, dell'arrotino ambulante: talmente caratteristica per gli abitanti di questo centro da aver meritato un monumento in una delle piazze principali del paese.

A Roma, in particolare, gli arrotini santelenesi si suddividevano in maniera spontanea le varie delle zone di lavoro, si muovevano utilizzando biciclette trasformate in laboratori ambulanti grazie ad una piccola mola sistemata sul telaio. Affilavano gli strumenti del chirurgo, i coltelli dei macellai e dei salumieri, le forbici e i rasoi dei barbieri. Ed è proprio per esaudire le richieste dei barbieri che i santelenesi sono diventati anche piccoli commercianti: per procacciarsi un guadagno maggiore e per acquisire nuovi clienti vendevano, tra l’altro, i talchi e le schiume da barba e cominciavano a fiutare la possibilità di incrementare le entrate investendo il piccolo gruzzolo raccolto con tanto sacrificio.

Durante il ventennio che ha preceduto la II guerra mondiale, le piccole aziende si sono sviluppate quasi sempre nel campo della vendita di forbici e coltelli. Intanto si sviluppava il primo germe che avrebbe fatto sbocciare la nuova attività: nelle vetrinette, tra i coltelli e le forbici, cominciavano ad apparire vasetti di brillantina, le scatolette di sapone da barba, i pennelli da barba, le lozioni per capelli.

A Roma, infatti, i santelenesi sono conosciuti come creatori di un impero dei profumi: oltre duecento profumerie capitoline appartengono ad originari di Sant'Elena Sannita.

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Michele Arcangelo[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale di San Michele Arcangelo venne costruita nel 1600 come chiesa secondaria intitolata in onore di Sant'Angelo, come testimoniano i nomi delle strade limitrofe. Essa è collocata sulla collina più alta del paese e vi si accede tramite un'imponente scalinata in pietra.

Nel corso degli anni ha subito diverse lavori di ricostruzione e di restauro. Fu ricostruita nel 1805, anno in cui ci fu un terribile sisma e nel 1886 poiché l'edificio fu danneggiato da un fulmine. Con i lavori di ricostruzione effettuati nel 1805 furono apportate delle modifiche alla facciata esterna con l'aggiunta di un campanile mentre con i lavori effettauti nel 1937 furono ridisegnati il coro, il campanile, il tosello, i cappelloni interni e la facciata.

All'interno della chiesa sono conservati registri battesimali e funerari a partire dal 1453.

Attualmente la chiesa di S. Michele Arcangelo è la chiesa più grande del Paese dove vengono celebrate le Messe più importanti.

La struttura della chiesa è articolata in una sola navata con tre cappelloni su ciascun lato, ognuno dedicato al culto di un santo.

Davanti all'ingresso principale si innalza il baldacchino dedicato al santo patrono S. Michele Arcangelo, il cui culto risale al 1628, anno in cui venne commissionata una statua lignea raffigurante il Santo realizzata da G. Colombo mentre nella zona absidale sono conservati gli otto gruppi scultorei dedicati al culto di Santa Filomena. Tra queste, vi è una realizzata dal Citarella nel 1840.

Nella volta centrale, al di sopra dell'altare maggiore, troviamo degli affreschi realizzati dal pittore Mario De Tollis (1902-1971), raffigurante l'ascensione della Vergine in cielo.

Santa Maria delle Grazie[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Santa Maria delle Grazie è considerata la chiesa più ricca e suggestiva del paese. Essa fu costruita utilizzando materiali di antiche cappelle e fu abbellita dall'artista Mario De Tollis che vi ha dedicato gli ultimi anni della sua vita.

Si pensa che l'origine di questa chiesa risalga alla nascita del paese stesso; la sua costruzione fu voluta dai signori feudali. Infatti, la chiesa è situata in prossimità del palazzo baronale ed in origine era denominata Santa Maria in Castellana ma, in seguito all'abolizione del feudalesimo e ai conseguenti cambiamenti sociali, ha cambiato la propria denominazione in quella di Santa Maria delle Grazie.

Vi sono dei documenti che testimoniano nel '700 la presenza di un Arciconfraternita che si occupava della gestione del patrimonio ecclesiastico e dell'istruzione degli adepti. A questa confraternita erano associati la maggior parte degli abitanti.

Anche questa chiesa, cosi come quella parrocchiale, fu abbattuta dal sisma del 1805. Nel 1826 fu ricostruita e successivamente fu ampliata a spese dell’omonima Confraternita. Badia SS. Cosma e Damiano.

La chiesa è divisa in tre navate che terminano con tre absidi che presentano delle decorazioni dedicati alla Vergine e ai suoi genitori Gioachino ed Anna.

Lungo le navate laterali vi sono delle cappelle affrescate da Mario de Tollis nelle quali sono rappresentate la vita e le opere di vari santi.

Nella cripta al di sotto dell'altare maggiore sono conservate le reliquie di San Francesco.

Chiesa dei SS Cosma e Damiano[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di SS. Cosmo e Damiano è situata a circa un chilometro e mezzo dal centro abitato. Essa fu edificata da Domenico Verdile e successivamente ampliata dal figlio, avv. Raffaele Verdile.

Rimase abbandonata dal 1870 al 1895, e nel 1895 i sigg. Verdile la fecero restaurare e riaprire al culto.

Nel 1987 è stata inaugurata una nuova chiesa accanto alla precedente lesionata.

All'interno della chiesa è possibile ammirare la tela realizzata dall'artista Mario De Tollis raffigurante i Santi Cosma e Damiano che ricevono lo Spirito Santo e illuminano con la loro fede il paese e l'eremo ad essi dedicato.

Il Palazzo Baronale[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo baronale di Sant'Elena Sannita sorge nella parte più antica del paese ed è stato il luogo di residenza dei Conti e dei Signori del paese. Esso fu edificato nel XV secolo.

La comunità Santelenese è stata assoggettata a varie famiglie. Tra le più importanti si ricordano gli Orsini e, durante la dominazione Spagnola e Borbonica del Regno di Napoli, i Giovan Francesco Santomago.

Purtroppo al momento non è possibile visitare il palazzo, in quanto di proprietà privata e, pertanto, non aperto al pubblico.

Monumento ai caduti delle guerre mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Il monumento ai caduti è situato all'ingresso del paese in piazza Trento e Trieste.

Fu costruito alla fine della Prima Guerra Mondiale in onore dei caduti e restaurato successivamente poiché manomesso dalle truppe occupanti durante il secondo conflitto mondiale.

La fontana dell'Ortapiana[modifica | modifica wikitesto]

La fontana dell'Ortapiana costituiva, in passato, il principale punto di incontro della comunità.

Le ragazze vi si recavano, con la tina sulla testa, per attingere l'acqua che serviva per preparare da mangiare o per svolgere le faccende domestiche.

La fontana prende il nome della zona presso la quale è stata edificata, la zona Ortapiana.

Il Calvario[modifica | modifica wikitesto]

In occasione del centenerio del cambio del nome da Cameli in Sant'Elena Sannita la comunità ha voluto contribuire al restauro di un piccola e preziosa opera collocata in un appezzamento di terra all'estremità del paese.

Avendo subito la struttura ingenti danni a causa dell'acqua e delle intemperie, i cittadini hanno deciso di sostituire le tele antiche, realizzate da don Domenico Prezioso, con delle tele realizzate da un artista santelenese.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel borgo di Sant'Elena Sannita ha sede l'Associazione I Love Molise. Tale associazione non è a fine di lucro ed ha la finalità di promuovere iniziative volte a valorizzare il territorio molisano e ad incrementare il turismo oltre alla riscoperta delle tradizioni culturali e gastronomiche della regione e dei singoli borghi del Molise.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 2016 esisteva il Sant'Elena Sannita Calcio a 5 che disputava il campionato di Serie C1. La squadra non si è poi riscritta al Campionato successivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2016.
  2. ^ Nomi delle prouintie, città, terre, e castella, del regno di Napoli. De vescouadi, e principi, duchi, marchesi, conti, baroni, è signori, che vi sono. Delle famiglie nobili della città di Napoli, ... posti nuouamente in luce, appresso Gio. Maria Scotto, 1° gennaio 1563. URL consultato il 04 novembre 2016.
  3. ^ Giambattista Masciotta, Il Molise dalle origini ai giorni nostri – Il circondario di Isernia, vol. III, pag. 503.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

La Fondazione "IL CAMMINO DEL PROFUMO"[modifica | modifica wikitesto]

La fondazione “Il Cammino del Profumo” nasce a Sant’Elena Sannita il 14 ottobre 2004 con l’obiettivo di promuovere, coordinare e sviluppare iniziative , attività di ricerca scientifica, istruzione, arte, valorizzazione del territorio, delle attività culturali e conservazione delle tradizioni, nonché dei beni ambientali. Tutto ciò con particolare riguardo ai settori della profumeria, delle essenze e dei prodotti cosmetici.

La Fondazione e l’Amministrazione comunale sono impegnate da alcuni anni nella realizzazione del Museo del Profumo con annesso Polo Tecnologico e Orto Botanico, al fine di valorizzare l’identità e la storia dei profumieri del territorio comunale.

A seguito della III edizione della Giornata Nazionale tenutosi il 17 agosto 2006, è stato redatto il libro “Il Cammino dei profumi” contenente tutti gli atti del Convegno e gli interventi dei relatori presenti.

Non appena sarà completata la realizzazione del complesso museale e avviatane la gestione, la Fondazione intende promuovere un secondo progetto “Cresci Sant’Elena” per la realizzazione di un insediamento produttivo destinato alla realizzazione di prodotti destinati alla distribuzione attraverso profumerie locali.

Il desiderio di dare a Sant’Elena la connotazione di Città del Profumo non sarà solo un sogno ma una realtà concreta di cui andare fieri.

Controllo di autoritàVIAF: (EN236603434
Molise Portale Molise: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di molise