Montenero Val Cocchiara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montenero Val Cocchiara
comune
Montenero Val Cocchiara – Stemma Montenero Val Cocchiara – Bandiera
Montenero Val Cocchiara – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Molise-Stemma.svg Molise
Provincia Provincia di Isernia-Stemma.png Isernia
Amministrazione
Sindaco Filippo Zuchegna (lista civica "Svolta Civica") dal 31/05/2015
Territorio
Coordinate 41°43′N 14°04′E / 41.716667°N 14.066667°E41.716667; 14.066667 (Montenero Val Cocchiara)Coordinate: 41°43′N 14°04′E / 41.716667°N 14.066667°E41.716667; 14.066667 (Montenero Val Cocchiara)
Altitudine 893 m s.l.m.
Superficie 22,02 km²
Abitanti 533[1] (30-09-2016)
Densità 24,21 ab./km²
Comuni confinanti Acquaviva d'Isernia, Alfedena (AQ), Castel di Sangro (AQ), Castel San Vincenzo, Cerro al Volturno, Pizzone, Rionero Sannitico, Scontrone (AQ)
Altre informazioni
Cod. postale 86080
Prefisso 0865
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 094029
Cod. catastale F580
Targa IS
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Cl. climatica zona E, 2 538 GG[2]
Nome abitanti monteneresi
Patrono san Clemente
Giorno festivo seconda domenica di agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Montenero Val Cocchiara
Montenero Val Cocchiara
Montenero Val Cocchiara – Mappa
Posizione del comune di Montenero Val Cocchiara nella provincia di Isernia
Sito istituzionale

Montenero Val Cocchiara è un comune italiano di 533 abitanti della provincia di Isernia in Molise. Fino al XV secolo è stato parte integrante del Giustizierato d'Abruzzo e dell'Abruzzo Citeriore.[3] È un centro agricolo dell'alto bacino del Volturno, confinante con l'Abruzzo, situato in un paesaggio arido, quasi carsico, su un importante colle che si affaccia sulla vallata detta il Pantano.

Montenero Val Cocchiara è citato, per la prima volta, in documenti del secolo XI, epoca in cui risulta feudo dell'abbazia di San Vincenzo al Volturno. Fu successivamente del Borrello (secolo XII-XIII), poi dei Collalto, dei Contelmo (sec XV) e, nel periodo aragonese, dei di Sangro. Attraverso varie infeudazioni pervenne ai Doria. Finalmente il paese ha assunto l'attuale nome nel 1880.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il paese in origine si chiamava Mons Niger e viene citato nel Chronicon Volturnense nel 975 come appartenenza dell'abbazia di San Vincenzo al Volturno. Successivamente nel 1039 fu sottratto all'abbazia dai feroci conti Borrello insieme a Malacocchiara che era nelle sue vicinanze a circa 3 miglia,oggi di difficile individuazione , comunque doveva trovarsi nella valle del Pantano sulle pendici del monte Corvale. Sono in corso ricerche per la sua individuazione. Nel 1045 fu restituito ai monaci e nessuna notizia se ne ha fino al 12 marzo 1166, quando un certo Jonathas de Mala Cuclaria è presente a Belmonte del Sannio per la sottoscrizione di una donazione fatta con il consenso di Oderisius filius Borrelli. La prima notizia concreta sulla esistenza di una chiesa e della relativa parrocchia (che una volta si chiamava plebs) si ricava da una pergamena che Papa Lucio III inviò nel 1182 a Rainaldo, vescovo di Isernia, dove per la prima volta appare il nome attuale del paese: in Monte Nigro plebem S. Mariae. Si tratta certamente dell'attuale S. Maria di Loreto, trasformata ripetutamente nel tempo. Ci si arriva facilmente se si entra nel paese dalla parte di sopra, come probabilmente si faceva una volta seguendo la strada che passa davanti alla cappella rurale della Madonna Incoronata. Superato un arco che era una delle porte del nucleo più antico, si ha l'impressione di essere il protagonista di una scenografica apparizione per ipotetici spettatori che aspettano in basso in un accogliente sagrato tutto in pietra. Una serie di articolati piani inclinati, parapetti e gradonate che recano segni decorativi del XVIII secolo, con sedili in pietra e volute barocche, fanno da contorno alla facciata della chiesa di S. Maria di Loreto. Oltre ad un bel portale del 1782, ha un poderoso campanile che sembra fatto apposta per controllare l'ingresso al suggestivo loggiato che volge a mezzogiorno, sovrastando tutto il paese. Di una incomprensibile epigrafe, ormai completamente abrasa, si legge solo la data, 1570, che potrebbe far riferimento a qualche trasformazione apportata alla chiesa in quel periodo. Assolutamente chiaro, invece, un piccolo stemma italo-sabaudo con la sottostante epigrafe. Ricorda che dopo l'unità d'Italia il campanile fu ricostruito sui ruderi di uno più antico: Questa torre / redimita di sacri bronzi / più solida ed elegante / su le rovine di vecchia e rozza mole / il Municipio edificava / quando / su i rottami di troni infranti / innalzava imperiture / la sua libertà, unità ed indipendenza / la gran Patria italiana / MDCCCLXIII. I troni infranti sono evidentemente quelli borbonici, ma proprio durante tale dominazione in questa chiesa furono realizzate le opere più belle. L'interno ha perso, alla fine del XIX secolo, l'originario soffitto. Forse la chiesa era in cattivo stato già dal 1805 per effetto di quel terremoto che non risparmiò questa parte del territorio molisano. Gli altari sono molto belli e conservano pregevoli lavori di intarsio marmoreo che attestano uno sforzo economico della comunità locale per avvalersi di buoni marmorari di Napoli e, forse, di Pescocostanzo. Il parroco della chiesa ha avuto la cura di sistemare a lato di ognuno di essi sintetiche notizie storico-artistiche, che aiutano anche il più sprovveduto dei visitatori a capire qualcosa di più sulle singole iconografie. Notevolissimo l'altare maggiore del 1754, tra i più belli della provincia, non solo per le ricche decorazioni del paliotto, le plastiche volute capo-altare e le testine di angelo che sovrastano il tabernacolo con la porta dorata realizzata nel laboratorio del napoletano Scipione, ma anche per la notevole balaustra che conserva intatto il piano inclinato del davanzale ricco di intarsi floreali dai colori fantastici.

Sul pilastro del presbiterio vi è un quadro seicentesco con Maria, S. Giovanni ed una pia donna davanti alla Croce, dalla quale il Cristo è stato già deposto. Vi sono rappresentati tutti i simboli della passione: i dadi, la borsa con le 30 monete, la scala, la lancia che servì a forare il costato di Cristo, la canna con la spugna di aceto, i chiodi, la colonna della flagellazione, la tenaglia, la lanterna della cattura, la corona di spine ed il gallo del tradimento di S. Pietro. Una volta questo quadro era sistemato nell'altare di fondo della navata di sinistra che, realizzato nel 1620 in marmi intarsiati che ricordano i paliotti napoletani di Pescocostanzo, ora ospita un bel crocifisso del XVIII secolo. Gli altri altari di questa navata sono della fine del XVII secolo. Il più originale per il disegno è il primo da sinistra, che ha due belle colonne di pietra intarsiate. Ben lavorati sono i capitelli che reggono un timpano spezzato, all'interno del quale si apre la solita Janua Coeli. Particolare è il quadro, più o meno coevo, in cui S. Domenico (con il giglio ed il libro della Regola del suo Ordine) è rappresentato in una icona che viene tenuta dalla Madonna Regina, S. Caterina d'Alessandria e S. Maria Maddalena. Più avanti è l'altare della Madonna di Loreto (con i santi Giuseppe, Bernardino da Siena, Carlo e Camillo) che è rappresentata per mano di un artista locale vissuto ugualmente a cavallo del XVII-XVIII secolo. Segue l'altare con la Madonna delle Grazie, che dona il latte dal suo seno, con i santi Giuseppe, Giovanni Battista e Donato. L'altra navata accoglie l'altare del 1758 dedicato all'Addolorata con ai lati S. Giovanni Evangelista che regge il calice con il vino avvelenato che si trasforma in serpentello ed un raro S. Francesco Caracciolo. Appresso vi è l'altare seicentesco di S. Nicola ed in fondo i busti del domenicano S. Vincenzo Ferreri, rappresentato come al solito con le ali, e di S. Rocco che mostra le sue ferite. Scendendo per via Marracino, superato un bel palazzo dal portale barocco difeso da una saettera sottostante la finestra laterale, si arriva alla curiosa piccola casa dello scalpellino-muratore. E', ovviamente, tutta in pietra, ricca di decorazioni e scritte di ogni genere. Una rappresentazione caricaturale a rilievo dovrebbe essere una sorta di autoritratto che Vincenzo Mannarelli si fece nel 1735, come dice la sottostante scritta: AD MDCCXXXV M. VINCENZO MANNARELLI MURATORE SCARPELLINO. Cinque volte, qua e là, è ripetuta l'immagine dell'aquila bicipide. Singolare il portale decorato con motivi floreali ed una strana figurazione di un paggio in abiti settecenteschi da una parte ed una dama che sembra tenere in mano una conocchia dall'altra.

La parte alta di Montenero Val Cocchiara sembra saper resistere alle violenze urbanistiche che caratterizzano molti paesi circostanti. Anzi, girando per i vari borghi come quello pittoresco del Colle (dove forse era l'antico castello), dai portali, loggette e balconi settecenteschi, si ha l'impressione che una gran quantità di persone, anche straniere, abbiano deciso di fare di Montenero una specie di rifugio tranquillo, conservando ed esaltando le sue caratteristiche ambientali.

Andando via da Montenero non si può fare a meno di vedere il Pantano della Zittola, famoso per le centinaia di cavalli che vi sono allevati allo stato brado e per gli allegri raduni equestri che spesso si tengono nel periodo estivo.[5]

Casa bombardata

Le guerre del XX secolo[modifica | modifica wikitesto]

Nella Piazza Municipio si trova l'omaggio ai caduti monteneresi della prima guerra mondiale.[6]

Nel mese di novembre del 1943, durante la seconda guerra mondiale, fu occupata dai Tedeschi che con i collegamenti da Monte Curvale e da Monte Marrone ne fecero un ponte di comunicazione tra Montecassino e l'alto Sangro. Durante tutto il periodo di occupazione la maggior parte degli abitanti del paese dovettero abbandonare le proprie case e rifugiarsi sulle montagne limitrofe per non essere deportate in Germania.[7]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Santa Maria di Loreto[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa fu costruita in epoca medievale e rimodellata in epoca rinascimentale. Esempio è la facciata e il portale con cornice classicheggiante. Il campanile è una torre singolare con due archi sulla facciata principale e posteriore per le campane. Il tetto è abbellito da cuspide.

Anche l'interno è rinascimentale con stucchi bianchi.

Palazzo ducale[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo passò nelle mani aragonesi (XV secolo) dopo l'abbandono degli Angioini costruttori. Fino al XVIII secolo fu dei Carafa, dei Sangro e dei Caracciolo.

Si tratta di una struttura a forma rettangolare, residenza signorile oggi, con tracce medievali nell'arco che sovrasta la via di accesso, e nelle piccole logge poste sopra l'arco stesso.

Un secondo loggiato è visibile con arcate a tutto sesto.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Monteneresi emigrati à Erie

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il 1900 cominciò il calo della popolazione del paese. Molti monteneresi sono emigrati negli Stati Uniti e una minoranza ha scelto altri paesi dell'America, ad esempio l'Argentina, dove già c'era una comunità di molisani.[8]

Abitanti censiti[9]

Stazione ferroviaria[modifica | modifica wikitesto]

La Stazione di Montenero Valcocchiara apparteneva alla linea Sulmona - Isernia. È stata aperta dal 1897 fino al 2002. Aveva un binario e veniva gestita dalle Ferrovie dello Stato.

Il Pantano[modifica | modifica wikitesto]

Il Pantano della Zittola fa parte di un sistema di aree umide dell'alto Molise importante per la sosta e lo svernamento dell'avifauna.[10] Viene formato dalle grandi piogge e sorgenti sotterranee che inondano 440 ettari di palude a partire dal mese di ottobre fino a maggio[11], ed è destinato dai cittadini monteneresi alla produzione di foraggio, al pascolo bovino ed equino. Il Cavallo Pentro è una razza equina originaria di questa zona.[12]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Arte[modifica | modifica wikitesto]

La capsula del tempo di Montenero[modifica | modifica wikitesto]

È un progetto di arte concettuale durato due anni, dal 2004 al 2005. La capsula del tempo è una cassaforte dove vengono collezionati documenti (come fotografie, fatti, certificati di nascita, articoli ecc) ed oggetti (come utensili, chiavi, libri ed opere d'arte) che messi insieme daranno alle prossime generazioni l'idea di come era la vita quando questa capsula fu messa in opera.

Dialetto montenerese[modifica | modifica wikitesto]

Il patrimonio linguistico montenerese è stato raccolto dal prof. Giovanni Mannarelli nel libro Come parlavamo, come parliamo, dove stiamo andando, finito nell'anno 1996. Il libro include un piccolo dizionario del dialetto, proverbi, massime, detti e poesie. Una caratteristica del dialetto montenerese è la "Metafonési", che consiste nel mutamento del timbro di una vocale per assimilazione a distanza a un'altra in una stessa parola.[13]

Proverbi, massime, detti[modifica | modifica wikitesto]

Proverbi in montenerese Significato in italiano
Nge sa tenaé traé cice 'ngurpe Dicesi a chi non sa tenere un segreto
Acqua passata ne màcena chieù melìne Un'occasione persa non tornerà più
Chi che la fatìa n'en abbénda che la fame 'nge apparénda Chi lavora sempre non può temere la fame
Fa le bbéne e scordate, se fiéa 'l male 'rcordate Fa bene e dimentica, se fai del male ricordalo
Febbrare curte e amare Febbraio corto e rigido
Home de vine, ciende a carline L'uomo ubriacone vale ben poco
Male n'en fa, paura n'avaé Chi non fa del male non deve aver paura di niente
Saopra al cûtte l'uglie vulùte Su un guaio accaduto ne arriva un altro ancora più grosso
Ur cuane maòcceca a ru straccieate I guai capitano al poveraccio
Ur vove dice curnute a gliu àsene Criticare altri per quei difetti che noi stessi abbiamo

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Alessio Zuchegna Lista civica Sindaco
30 marzo 2010 31 maggio 2015 Roberta Orlando Lista civica Sindaco
31 maggio 2015 "in carica" Filippo Zuchegna Lista civica Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.C. Montenero Calcio che milita nel girone A molisano di Seconda Categoria.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1] - Popolazione residente al 30 settembre 2016.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ http://asciatopo.xoom.it/ammi_angio.jpg
  4. ^ Anonimo, Montenero Val Cocchiara, promolise.it. URL consultato il 13 agosto 2012.
  5. ^ Franco Valente, Luoghi antichi del Molise: Montenero Val Cocchiara, molise.francovalente.it, 8 ottobre 2011. URL consultato l'11 agosto 2012.
  6. ^ v, Caduti Prima Guerra, chieracostui.com, 8 ottobre 2011. URL consultato il 12 agosto 2012.
  7. ^ Anonimo, Brevi cenni storici, altovolturnoedintorni.it. URL consultato il 12 agosto 2012.
  8. ^ Emilia Sarno, L'Associazionismo molisano e la valorizzazione dell'identità regionale, aiig.it, settembre 2006. URL consultato il 12 agosto 2012.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Lorenzo de Lisio, Magica Zittola, cesnam.blogspot.com.ar, 16 febbraio 2011. URL consultato il 12 agosto 2012.
  11. ^ Anonimo, Il Pantano, comune.montenerovalcocchiara.is.it. URL consultato il 12 agosto 2012.
  12. ^ Stefano Landi, Nella valle dove Spirit esiste davvero, archiviostorico.corriere.it, 31 ottobre 2011. URL consultato il 13 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il ).
  13. ^ Mannarelli, Giovanni & Del Sangro, Erminio; Come parlavamo, come parliamo, dove stiamo andando. Isernia, agosto 1996

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN241094855
Molise Portale Molise: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Molise